REGIONE EMILIA-ROMAGNA - SERVIZIO PROMOZIONE, INDIRIZZO E CONTROLLO AMBIENTALE

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PROMOZIONE, INDIRIZZO E CONTROLLO AMBIENTALE 16 luglio 1998, n. 7067

DPR 915/82 - Ditta GM - con sede in Parma, loc. Alberi di Vigatto, Via Monte Prinzera n. 3/A - Attivita' di raccolta e trasporto di rifiuti tossici e nocivi prodotti da terzi - Delibera Giunta regione n. 1404 del 20 aprile 1993 e successive modifiche e proroghe. Decadenza autorizzazione

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO                                                    
Premesso:                                                                       
- che il DPR 10 settembre 1982, n. 915, recante norme sullo                     
smaltimento dei rifiuti, all'art. 6, lett. d) attribuisce alla                  
competenza della Regione il rilascio dell'autorizzazione ad Enti o              
imprese ad effettuare lo smaltimento dei riftuti urbani e speciali              
prodotti da terzi, delle autorizzazioni ad effettuare le operazioni             
di smaltimento dei rifiuti tossici e nocivi, delle autorizzazioni               
alla installazione e gestione delle discariche e degli impianti di              
innocuizzazione e di eliminazione dei rifiuti speciali approvati ai             
sensi dell'art. 6, lett. c);                                                    
- che l'art. 16 del medesimo DPR prevede che ogni fase dello                    
smaltimento dei rifiuti tossici e nocivi deve essere autorizzata ed             
in particolare sono previste le autorizzazioni per la raccolta ed il            
trasporto, lo stoccaggio provvisorio, il trattamento e lo stoccaggio            
definitivo in discarica controllata;                                            
- che la deliberazione del 27 luglio 1984 del Comitato                          
Interministeriale di cui all'art.5 del DPR 10 settembre 1982, n. 915            
(pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale supplemento ordinario  n.253 del           
13 settembre 1984) e successive modificazioni ed integrazioni detta             
le disposizioni per la prima applicazione delle norme in tema  di               
smaltimento dei rifiuti ed in particolare ai punti 2, 3, 5.1.1 e                
5.3.4 reca disposizioni riguardanti il trasporto di rifiuti tossici e           
nocivi;                                                                         
vista la deliberazione n. 1404 del 20 aprile 1993 e successiva                  
modifica e proroga con la quale la Giunta regionale ha autorizzato la           
ditta GM Srl, con sede in Parma loc. Alberi di Vigatto, Via Monte               
Prinzera 3/A, ad esercitare l'attivita' di raccolta e trasporto di              
rifiuti tossici e nocivi prodotti da terzi con scadenza l'1 luglio              
1999;                                                                           
rilevato che con decreto 21 giugno 1991, n. 324 del Ministro                    
dell'Ambiente di concerto con i Ministri dell'Industria, del                    
Commercio e dell'Artigianato, dei Trasporti, della Sanita',                     
dell'Interno, sono state regolamentate le modalita' organizzative e             
di funzionamento dell'Albo nazionale delle imprese esercenti servizi            
di smaltimento dei rifiuti, cosi' come modificato ed integrato con              
decreto 26 luglio 1993, n. 392;                                                 
considerato che per le imprese esercenti l'attivita' di raccolta e              
trasporto di rifiuti l'iscrizione all'Albo stesso e' sostitutiva                
dell'autorizzazione;                                                            
dato atto che la ditta GM Srl titolare dell'autorizzazione n. 1404              
del 20 aprile 1993 e successiva modifica e proroga ha comunicato con            
lettera prot. n. 15158/AMB del 3 luglio 1998 di aver conseguito                 
l'iscrizione (di cui allega copia) all'Albo degli smaltitori;                   
dato atto altresi' che la stessa ditta ha richiesto lo svincolo della           
garanzia finanziaria prestata a questa Amministrazione di cui al                
documento n. 670-66678 del 15 novembre 1993 rilasciato dalla Banca              
Popolare di Novara;rilevato:                                                    
- che la direttiva regionale di cui alla delibera n. 6193 del 9                 
dicembre 1986 "Modalita' di presentazione e determinazione                      
dell'entita' della garanzia finanziaria prevista per il rilascio                
dell'autorizzazione  alle attivita' di smaltimento dei rifiuti                  
tossici e nocivi (art. 19, L.R. 27 gennaio 1986, n. 6)" all'Allegato            
A, punti, 7a) e 7b) prevede che la durata della garanzia finanziaria            
deve essere pari alla durata dell'autorizzazione e che decorso tale             
periodo la garanzia rimane valida per i successivi due anni e                   
pertanto lo svincolo, previo accertamento dell'Autorita' di controllo           
preposto, potra' avvenire dopo due anni dalla data della revoca                 
dell'autorizzazione regionale n. 1404 del 20 aprile 1993 e successiva           
modifica e proroga;                                                             
- che si sono venute a verificare le condizioni per la pronuncia                
della decadenza dell'autorizzazione;                                            
visto il DLgs 5 febbraio 1997, n. 22 pubblicato nella Gazzetta                  
Ufficiale supplemento ordinario n. 38 del 15 febbraio 1997 e                    
successiva integrazione;                                                        
visto il DPR 10 settembre 1982, n. 915;                                         
vista la deliberazione del Comitato Interministeriale pubblicata                
nella Gazzetta Ufficiale supplemento ordinario n. 253 del 13                    
settembre 1984 e successive modificazioni ed integrazioni;                      
vista la deliberazione della Giunta regionale n. 2541 del 4 luglio              
1995, esecutiva ai sensi di legge, con la quale sono state fissate le           
direttive dell'esercizio delle funzioni dirigenziali;                           
vista la deliberazione della Giunta regionale n. 861 del 30 aprile              
1996, esecutiva ai sensi di legge, di individuazione degli atti di              
gestione di competenza dei dirigenti nell'ambito della Direzione                
generale Ambiente;                                                              
dato atto del parere favorevole espresso dal Responsabile                       
dell'Ufficio Disciplina e Controllo  dello smaltimento dei rifiuti,             
ing. Claudio Marchesini, per quanto riguarda la regolarita' tecnica             
del presente provvedimento, ai sensi dell'art. 4, sesto comma, della            
L.R. 19 novembre 1992, n. 41;                                                   
dato atto della legittimita' del presente provvedimento, ai sensi               
dell'art. 4 - sesto comma, della L.R. 19 novembre 1992, n. 41;                  
determina:                                                                      
a) di dichiarare decaduta con effetto immediato la ditta GM Srl con             
sede in Parma, Loc. Alberi di Vigatto, Via Monte Prinzera n. 3/A,               
dall'autorizzazione all'attivita' di raccolta e trasporto di rifiuti            
tossici e nocivi prodotti da terzi concessa con delibera di Giunta              
regionale n. 1404 del 20 aprile 1993 e successiva modifica e proroga            
e che pertanto dalla data del presente atto decorrono i due anni di             
cui in premessa per procedere allo svincolo della garanzia                      
finanziaria;                                                                    
b) di comunicare tempestivamente alla ditta interessata, le decisioni           
assunte con la presente determinazione;                                         
c) di comunicare tempestivamente all'Amministrazione provinciale di             
Parma, le decisioni assunte con la presente determinazione;                     
d) di dare incarico all'Amministrazione provinciale di Parma, in                
qualita' di autorita' preposta al controllo, di segnalare entro la              
data fissata al punto a) eventuali trasgressioni alle prescrizioni              
contenute nell'autorizzazione ed alle norme vigenti, ostative allo              
svincolo della garanzia finanziaria di cui alla precedente lettera              
a).                                                                             
La presente determinazione verra' pubblicata integralmente nel                  
Bollettino Ufficiale della Regione.                                             
IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO                                                    
Sergio Garagnani                                                                

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it