COMUNE DI MODENA

AVVISI DI GARE D'APPALTO

Bando di licitazione privata - Programma triennale per la tutela ambientale 1994/1996 - Secondo stralcio attuativo del progetto di recupero paesaggistico ambientale dell'area delle discariche RSU di Via Caruso - Interventi a verde

Il Comune di Modena - con sede in Via Scudari n. 20 - tel. 206111 -             
telefax 222425, destinatario di un finanziamento ai sensi del PTTA              
1994/1996 per l'attuazione del progetto di recupero paesaggistico               
ambientale dell'area AMIU di Via Caruso sede delle discariche RSU di            
Modena, nell'ambito del quale si prevede l'esecuzione di opere                  
idrauliche, intende procedere all'aggiudicazione dei lavori relativi            
mediante licitazione privata (deliberazione Giunta comunale n. 2175             
del 30/12/1997) - Importo a base d'appalto Lire 1.363.068.712.                  
Le ditte interessate con domanda in carta bollata da Lire 20.000                
indirizzata al Sindaco del Comune di Modena all'indirizzo                       
sopraspecificato possono chiedere di essere invitate alla gara                  
facendo pervenire le richieste entro il 25 febbraio 1998.                       
Alla domanda di partecipazione dovra' essere allegato il certificato            
di iscrizione all'Albo nazionale costruttori dal quale risulti                  
l'iscrizione alla categoria 11 (lavori di sistemazione agraria,                 
forestale e di verde pubblico) classifica per Lire 1.500.000.000; di            
tale certificato, purche' rilasciato in data non anteriore ad un                
anno, potra' essere prodotta anche la fotocopia o la dichiarazione              
sostitutiva ai sensi della Legge 15/68, o, in alternativa, a norma              
dell'art. 15 del vigente "Regolamento comunale per la disciplina dei            
contratti" dichiarazione scritta redatta in carta bollata, resa anche           
in calce alla domanda stessa, sottoscritta dal legale rappresentante            
della ditta riportante il contenuto del certificato. In tale ultima             
ipotesi l'impresa stessa e' tenuta a presentare il certificato in               
questione a convalida della dichiarazione resa dietro semplice                  
richiesta della Stazione appaltante ed entro il termine dalla stessa            
previsto, trattandosi di documentazione propedeutica                            
all'aggiudicazione.                                                             
Criterio di aggiudicazione: l'aggiudicazione dei lavori, parte a                
corpo e parte a misura, verra' effettuata mediante licitazione                  
privata, con il criterio del massimo ribasso sull'elenco prezzi che             
comprende anche parti a corpo, ai sensi del disposto dell'art. 21               
della Legge 109/94, come modificato dal DL 101/95 e sua Legge di                
conversione 216/95.                                                             
L'offerta avra' la forma di forfait chiuso, secondo la formula                  
"chiavi in mano".                                                               
Ai sensi dell'art. 21, comma 1 bis della Legge 109/94 e successive              
modificazioni e integrazioni, e del decreto del Ministro dei Lavori             
pubblici in data 18/12/1997, l'Amministrazione procedera'                       
all'esclusione automatica dalla gara delle offerte che presentino una           
percentuale di ribasso superiore alla media aritmetica dei ribassi              
percentuali di tutte le offerte ammesse incrementata dello scarto               
medio aritmetico dei ribassi percentuali che superano la predetta               
media, purche' il numero delle offerte valide risulti in numero non             
inferiore a cinque.                                                             
Resta comunque ferma la facolta' dell'Amministrazione appaltante di             
sottoporre a verifica mediante istruttoria le offerte di ribasso non            
escluse e l'offerta di ribasso aggiudicataria, in particolare nel               
caso in cui quest'ultima offerta sia pari alla soglia di esclusione             
automatica.                                                                     
Non sono ammesse offerte in aumento.                                            
Luogo di esecuzione: area circostante le discariche AMIU di Via                 
Caruso.                                                                         
Importo a base d'appalto: Lire 1.363.068.712.                                   
Caratteristiche tecniche: sistemazione a verde.                                 
Termine di esecuzione: il termine utile per l'ultimazione di tutti i            
lavori relativi all'esecuzione della messa a dimora di alberi e                 
cespugli e' fissato in 365 giorni continui e naturali a decorrere               
dalla data del verbale di consegna lavori. A questa prima fase dei              
lavori segue il verbale di avvenuta piantumazione, a partire dalla              
data di quest'ultimo decorrono i tre anni di manutenzione                       
dell'impianto e la garanzia di attecchimento.                                   
Finanziamento: mutuo Cassa depositi e prestiti.                                 
Consegna dei lavori: si provvedera' alla consegna dei lavori anche in           
pendenza della stipulazione del contratto; considerati termini                  
previsti dalla delibera CIPE, le ditte partecipanti dovranno                    
impegnarsi in sede di offerta ad accettare, in caso di                          
aggiudicazione, la consegna lavori immediatamente e comunque entro 30           
giorni dall'aggiudicazione.                                                     
Pagamenti: l'impresa aggiudicataria avra' diritto a pagamenti in                
acconto ogni qualvolta il suo credito liquido, al netto del ribasso             
d'asta e di ogni altra ritenuta prevista dalla normativa vigente,               
raggiunga la somma di Lire 250.000.000. In caso di appalto a                    
cooperative e consorzi gli acconti in corso d'opera verranno pagati             
ogni qualvolta il credito, al netto del ribasso d'asta e delle                  
ritenute, raggiunga un ammontare pari al decimo dell'importo totale             
dell'appalto. In caso di sospensione dei lavori superiore a 30                  
giorni, il pagamento dell'acconto verra' eseguito senza tener conto             
degl importi minimi sopraindicati. Il calcolo del tempo contrattuale            
per la decorrenza degli interessi di ritardato pagamento di cui agli            
artt. 35 e 36 del DPR 10/6/1962, n. 1063, non terra' conto dei giorni           
intercorrenti tra la spedizione della domanda di somministrazione dei           
fondi e la ricezione del mandato di pagamento presso la Tesoreria               
comunale.                                                                       
Sono ammesse a partecipare imprese singole, associazioni temporanee,            
cooperative e consorzi, nonche' imprese non italiane e quindi non               
iscritte all'Albo nazionale costruttori aventi sede in uno Stato                
della CEE alle condizioni previste dalla Legge 19/12/1991, n. 406.              
Ai sensi dell'art. 8, comma 7, della Legge 109/94, sono escluse dalla           
partecipazione alla presente gara le imprese che si trovino nei casi            
di esclusione di cui all'art. 24 della Direttiva CEE 93/37.                     
Ai sensi dell'art. 13, comma 4, della Legge 109/94, e' fatto divieto            
ai concorrenti di partecipare alla gara in piu' di una associazione             
temporanea o consorzio, ovvero di partecipare alla gara anche in                
forma individuale qualora partecipi alla medesima in associazione o             
consorzio.                                                                      
Con riferimento quindi a tale divieto qualunque tipo di consorzio               
partecipante (consorzio ex art. 2602 Codice civile, consorzio ex Lege           
422/1909, consorzio ex Lege 433/85, consorzio stabile, ecc.) deve               
allegare alla documentazione di offerta, a pena di esclusione,                  
l'elenco aggiornato delle imprese consorziate e dei consorzi di cui             
fa parte, debitamente sottoscritto.                                             
Per quanto sopra si stabilisce che, in caso di rilevata                         
partecipazione contemporanea di consorzi ed imprese loro consorziate,           
si procedera' all'esclusione dalla gara delle sole imprese                      
consorziate.                                                                    
Sempre ai sensi del divieto di cui al citato art. 13 della Legge                
109/94, in caso di rilevata partecipazione alla gara di una impresa             
in piu' di una associazione temporanea o di contemporanea                       
partecipazione alla gara di un'impresa sia in forma individuale che             
in associazione temporanea, si procedera' all'esclusione sia di tale            
impresa che della o delle associazioni temporanee a cui tale impresa            
partecipa.                                                                      
Il periodo decorso il quale gli offerenti hanno facolta' di                     
svincolarsi dalla propria offerta viene fissato in 120 giorni.                  
Subappalti: in sede di offerta i partecipanti alla gara dovranno                
dichiarare di essere in grado di eseguire in proprio mediante                   
maestranze dipendenti tutte le opere e i lavori compresi nell'appalto           
o in alternativa la specificazione delle opere che intendono                    
subappaltare o concedere in cottimo, indicando da uno a sei                     
subappaltatori candidati ad eseguire detti lavori. Nel caso di                  
indicazione di un solo soggetto, all'atto dell'offerta dovra' essere            
depositata la certificazione attestante il possesso da parte del                
medesimo dei requisiti di cui al n. 4 del comma 3 dell'art. 34 della            
Legge 109/94 (iscrizione all'Albo nazionale costruttori o alla Camera           
di Commercio, in base all'importo del subappalto, se superiore o                
inferiore ai 75 milioni).                                                       
In materia di subappalto o cottimo si richiama comunque il disposto             
dell'art. 34 della Legge 109/94 e successiva Legge 216/95.                      
A tal fine si precisa che non puo' essere subappaltato piu' del 30%             
della categoria prevalente. Si ricorda infine che l'art. 34 della               
suddetta Legge 109/94 si applica anche alle attivita' che richiedono            
l'impiego di mano d'opera, quali le forniture con posa in opera e               
noli a caldo, se singolarmente superiori al 2% dell'importo dei                 
lavori affidati.                                                                
Tutte le categorie relative alle lavorazioni previste in progetto               
sono indicate nel capitolato speciale d'appalto.                                
E' fatto obbligo ai soggetti aggiudicatari di trasmettere entro 20              
giorni dalla data di ciascun pagamento compiuto nei confronti del               
subappaltatore o cottimista, copia delle fatture quietanzate relative           
ai pagamenti via via corrisposti al subappaltatore o cottimista con             
l'indicazione delle ritenute di garanzia effettuate.                            
Termine massimo per la spedizione degli inviti: 120 giorni dalla data           
di scadenza del presente bando.                                                 
Ai sensi dell'art. 7 della Legge 17/2/1987, n. 80 la richiesta                  
d'invito non vincola l'Amministrazione.                                         
Per informazioni tecniche rivolgersi al Comune di Modena - Settore              
Risorse e Tutela ambientale - dott. Giuseppe Amorelli - tel.                    
059/206153.                                                                     
IL DIRIGENTE                                                                    
Alberto Muratori                                                                
Scadenza: 25 febbraio 1998                                                      

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it