REGIONE EMILIA-ROMAGNA - DIRETTORE GENERALE TRASPORTI E SISTEMI DI MOBILITA'

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE TRASPORTI E SISTEMI DI MOBILITA' 18 giugno 1998, n. 5904

Legge 122/89. Delibera di Giunta regionale 2999/96. Parcheggio Via Graziola in Faenza (RA). Concessione, impegno e liquidazione al Comune di Faenza del contributo regionale

IL DIRETTORE GENERALE                                                           
Visto il secondo comma dell'art. 60 della L.R. 6 luglio 1977, n. 31,            
cosi come sostituito dall'art. 13 della L.R. 5 settembre 1994, n. 40;           
visto il secondo comma dell'art. 61 della L.R. 6 luglio 1997, n. 31,            
cosi come sostituito dall'art. 14 della L.R. 5 settembre 1994, n. 40;           
vista la deliberazione della Giunta regionale n. 2541 del 4 luglio              
1995, esecutiva ai sensi di legge avente ad oggetto "Direttive della            
Giunta regionale per l'esercizio delle funzioni dirigenziali";                  
vista la deliberazione della Giunta regionale n. 1481 del 26 giugno             
1996, esecutiva ai sensi di legge, avente ad oggetto "Specificazione            
dei compiti dei dirigenti della Direzione generale Trasporti e                  
Sistemi di mobilita'";                                                          
visti:                                                                          
- la Legge 24 marzo 1989, n. 122, recante disposizioni in materia di            
parcheggi;                                                                      
- gli articoli 3 e 4 della Legge 122/89 recanti disposizioni per                
l'ammissione ai contributi dei Comuni, individuati dalle Regioni                
competenti, che attuano programmi urbani dei parcheggi, nonche' per             
la corresponsione dei contributi stessi;                                        
- il decreto del Ministro per i problemi delle aree urbane n. 41, in            
data 14 febbraio 1990, avente ad oggetto "Regolamento recante                   
disposizioni in ordine ai criteri di priorita' tra gli interventi               
proposti nella realizzazione di parcheggi pubblici ai fini                      
dell'ammissione ai contributi previsti dalla Legge 24 marzo 1989, n.            
122";                                                                           
- in particolare gli artt. 6 e 7 del suddetto decreto 4l/90, che                
fissa i criteri e le modalita' per la concessione ed erogazione dei             
contributi di cui alla Legge 122/89;                                            
- la deliberazione del Consiglio regionale n. 365 del 13 febbraio               
1991 di ratifica della deliberazione della Giunta regionale n. 6365             
del 18 dicembre 1990 - esecutive a norma di legge - con le quali la             
Regione Emilia-Romagna ha approvato, nell'ambito dei Comuni tenuti              
alla realizzazione del Programma urbano dei parcheggi, i relativi               
programmi stabilendo tra l'altro degli interventi, secondo i criteri            
fissati dagli artt. 1, 2 e 3 del DM 41/90;                                      
- la deliberazione della Giunta regionale n. 620 del 2 aprile 1996 -            
esecutiva a norma di legge - avente ad oggetto "Procedure e criteri             
per la ripresentazione delle richieste di contributo relative alla              
realizzazione di parcheggi ai sensi della Legge 122/89", ratificata             
dal Consiglio regionale con delibera n. 304 in data 2 maggio 1996;              
- la deliberazione della Giunta regionale n. 2999 in data 3 dicembre            
1996 avente ad oggetto "Ammissione a contributo per interventi di cui           
alla delibera di Giunta regionale 620/96 relativa ai parcheggi                  
pubblici da realizzare direttamente dai Comuni ai sensi dell'art. 3,            
Legge 122/89";                                                                  
(omissis)  determina:                                                           
1) di autorizzare, per le motivazioni esposte in premessa, il Comune            
di Faenza (RA) alla riduzione dei posti auto del parcheggio Via                 
Graziola da 200 a 191 a raso, e di ridefinire in Lire 477.500.000 il            
relativo costo standard ammissibile a finanziamento da parte della              
Regione Emilia-Romagna e da attuarsi tramite accensione di mutuo con            
la Cassa depositi e prestiti;                                                   
2) di concedere al Comune di Faenza (RA) il contributo regionale                
costante semestrale di Lire 33.218.498 pari ad un contributo annuo di           
Lire 66.436.996 per 10 anni dal 1998 al 2008 incluso, per                       
l'esecuzione del parcheggio denominato Via Graziola con un onere                
complessivo di Lire 664.369.960;                                                
3) di dare atto che detto contributo semestrale di Lire 33.218.498,             
pari ad una annualita' di Lire 66.436.996 sara' corrisposto, secondo            
le motivazioni espresse in premessa, a favore del Comune di Faenza              
alle scadenze del 30 giugno e del 31 dicembre di ciascun anno a far             
tempo dal 31 dicembre 1998 al 30 giugno 2008;                                   
4) che l'onere relativo grava come appresso:                                    
a) quanto a Lire 33.218.498, registrata al n. 167 di impegno sul                
Capitolo 45545 "Interventi urgenti per gli investimenti di cui agli             
artt. 3 e 6 della Legge 24 1989, n.122 in materia di parcheggi (art.            
12, Legge 21 dicembre 1981, n. 151 e L.R. 7 gennaio 1984, n. 2)" del            
Bilancio per l'esercizio finanziario 1998 che presenta la necessaria            
disponibilita';                                                                 
b) quanto a Lire 66.436.996 annue sul capitolo del Bilancio per                 
l'esercizio finanziario 1999, corrisponde al Capitolo 45545 del                 
Bilancio  per l'esercizio finanziario 1998 e sui corrispondenti                 
capitoli di spesa per gli esercizi futuri fino al 2008, che saranno             
dotati della necessaria disponibilita';                                         
5) di liquidare, sulla base della documentazione richiamata in                  
premessa, a favore del Comune di Faenza (RA) le somme di cui ai                 
precedenti punti ai sensi dell'art. 61 della L.R. 31/77 cosi' come              
sostituito dall'art. 14 della L.R. 40/94 e dal punto 5.2 della                  
deliberazione della Giunta regionale 2541/95;                                   
6) di dare atto inoltre che ad avvenuta esecutivita' del presente               
atto il Responsabile del Servizio competente provvedera' ai sensi               
degli artt. 62 e 63 della L.R. 31/77 cosi' come sostituiti dagli                
artt. 15 e 16 della L.R. 40/94 e dal punto 5.3 della deliberazione              
della Giunta regionale 2541/95, alla richiesta  di emissione del                
ruolo di spesa fissa;                                                           
7) che l'Ente beneficiario, entro 3 mesi dall'avvenuto collaudo                 
dovra' trasmettere con cadenza semestrale, certificazione                       
progressivamente attestante il regolare avvio e la prosecuzione della           
gestione del servizio, ai sensi del citato art. 7, quinto comma, del            
DPR 41/90;                                                                      
8) che l'Ente beneficiario, dovra' trasmettere,  alla Regione gli               
atti di collaudo finale delle opere nonche' il decreto della Cassa              
depositi e prestiti relativo all'erogazione dell'ultima rata di mutuo           
che, rilasciato solo dopo il collaudo e la certificazione di                    
agibilita' dell'opera, a cura dell'Istituto mutuante, attestera'                
anche l'effettiva spesa sostenuta per l'esecuzione dell'opera, a                
carico del mutuo ammesso a contributo.                                          
Il presente atto sara' pubblicato per estratto nel Bollettino                   
Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.                                         
IL DIRETTORE GENERALE                                                           
Renzo Gorini                                                                    

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it