REGIONE EMILIA-ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 luglio 1998, n. 1207

Costituzione Gruppo tecnico ai sensi dell'art. 2 del "Protocollo d'intesa" del 13 giugno 1997 ed attribuzione dell'incarico di coordinamento del Gruppo al dott. Giorgio Franchi

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA                                          
Premesso che la Regione Emilia-Romagna ritiene indispensabile,                  
nell'ambito delle proprie attuali competenze ed in vista delle                  
previste attribuzioni a seguito dell'emanazione dei decreti                     
legislativi applicativi della Legge 59/97, favorire il processo di              
integrazione fra i sistemi dell'istruzione, della formazione e del              
lavoro attraverso la messa a punto sperimentale di un sistema di                
governo a livello regionale dell'offerta formativa nel suo complesso;           
vista la L.R. 24 luglio 1979, n. 19 "Riordino, programmazione e                 
deleghe della formazione professionale" e successive modifiche;                 
vista la Legge 15 marzo 1997, n. 59 "Delega al Governo per il                   
conferimento di funzioni e compiti alle Regioni ed agli Enti locali             
per la riforma della pubblica Amministrazione e per la                          
semplificazione amministrativa";                                                
visto il DLgs del 31 marzo 1998, n. 112 "Conferimento di funzioni e             
compiti amministrativi dello Stato alle Regioni ed agli Enti locali,            
in attuazione del capo I della Legge 15 marzo 1997, n. 59";                     
considerato il Protocollo d'intesa del 13 giugno 1997, fra la Regione           
Emilia-Romagna, Ministero della pubblica Istruzione Ministero del               
Lavoro, Province, Confederazione delle Autonomie locali                         
dell'Emilia-Romagna, per la sperimentazione di un sistema di governo            
a livello regionale e locale per il coordinamento delle politiche per           
l'istruzione e la formazione, nonche' di un nuovo sistema integrato             
di istruzione scolastica, post-secondario, di formazione                        
professionale al lavoro, fondato sull'autonomia degli istituti                  
scolastici e su uno stretto rapporto con il territorio ed il lavoro;            
vista la risoluzione del Consiglio regionale del 26 giugno 1997, n.             
2484/2 che valuta positivamente la portata innovativa del Protocollo            
per l'avvio di un sistema educativo e formativo integrato e legato              
alla specificita' del territorio ed invita la Giunta a darne piena              
attuazione e quindi a proseguire nel sostegno agli Enti locali per la           
crescita di un sistema scolastico regionale integrato;                          
considerato in particolare l'art. 2, comma 5 del succitato                      
Protocollo, che prevede che gli Organismi (Comitato e Conferenza)               
istituiti per la gestione dello stesso si avvalgano di un Gruppo                
tecnico composto di esperti in materia di scuola, formazione                    
professionale, mercato del lavoro, metodologie della valutazione, i             
cui principali compiti sono:                                                    
a) predisporre su richiesta analisi, valutazioni e pareri;                      
b) fornire assistenza tecnica e consulenza alle strutture scolastiche           
e formative per la predisposizione delle convenzioni e per                      
l'attuazione degli interventi;                                                  
considerato che i suddetti Organismi hanno di concerto indicato,                
nella seduta del 21 novembre 1997 per la Conferenza e nella seduta              
dell'11 novembre 1997 per il Comitato, i nominativi degli esperti               
che, per gli ambiti definiti dall'art. 2, comma 5 del Protocollo,               
facciano parte del Gruppo tecnico, e hanno valutato inoltre                     
opportuno, come si evince dal verbale del Comitato della seduta del             
18 settembre 1997, individuare un coordinatore del Gruppo al fine di            
facilitare le relazioni all'interno del Gruppo stesso e fra il Gruppo           
e gli Organismi, oltreche' per affidargli la responsabilita' inerente           
le attivita' da svolgere;                                                       
valutata pertanto la necessita' di formalizzare la previsione del               
Protocollo, prendendo atto della costituzione del Gruppo tecnico che            
risulta cosi' composto:                                                         
- dott.ssa Gabriella De Francesco, esperta di temi di valutazione,              
crediti formativi e certificazioni ISFOL;                                       
- prof. Franco Frabboni e prof. Giancarlo Sacchi esperti sistema                
scolastico IRRSAER;                                                             
- prof. Gilberto Serravalli esperto Mercato del Lavoro;                         
- prof. Oriano Pirazzini esperto di integrazione fra i sistemi della            
scuola e della formazione professionale;                                        
- prof. Lucio Guasti esperto del Sistema Universitario;                         
ritenuto pertanto di stabilire per gli esperti sopracitati un                   
compenso di Lire 250.000 al lordo delle ritenute di legge (piu'                 
eventuali IVA al 20%, 4% rivalsa contributo 10% INPS ed oneri                   
previdenziali a carico della Regione) per ogni giornata di                      
partecipazione ai lavori del Gruppo, quantificando un massimo di 8              
giornate e per un totale massimo di Lire 17.520.000, che si dovranno            
concludere entro giugno 1999;                                                   
valutato altresi' opportuno individuare, concordemente al Ministero             
della pubblica Istruzione, nella persona del dr. Giorgio Franchi,               
l'esperto a cui affidare il coordinamento tecnico scientifico delle             
attivita' del Gruppo, in quanto in possesso delle particolari e                 
qualificate competenze professionali necessarie all'espletamento di             
tale compito, come risulta altresi' dal curriculum trattenuto agli              
atti del Servizio Universita' e Integrazione dei sistemi formativi;             
ritenuto pertanto di attribuire al predetto dr. Giorgio Franchi un              
incarico per le funzioni di cui sopra, le cui specifiche sono                   
dettagliate nel disciplinare allegato al presente atto - di cui                 
costituisce parte integrante e sostanziale, ai sensi dell'art. 19               
della L.R. 27/85;                                                               
ritenuto quindi di stabilire in Lire 174.720.000 (comprensivo di IVA            
al 20% e di maggiorazione della rivalsa del 4% a titolo di rivalsa              
sul contributo previdenziale INPS di cui alla Legge 335/95 e                    
successive modifiche e integrazioni come specificato nel disciplinare           
d'incarico, parte integrante del presente atto), il compenso                    
spettante al dr. Giorgio Franchi;                                               
viste le disposizioni che regolano l'affidamento di incarichi di                
prestazione d'opera intellettuale ed accertata l'insussistenza delle            
cause di incompatibilita' previste dalla legge, come risulta dalla              
documentazione depositata presso il Servizio Universita' e                      
Integrazione dei sistemi formativi;                                             
ritenuto che ricorrano gli elementi di cui all'art. 57, comma 2,                
della L.R. 31/77 e successive modificazioni, e che pertanto l'impegno           
della presunta spesa complessiva di Lire 192.240.000 possa essere               
assunto con il presente atto;                                                   
acquisito il parere favorevole della competente Commissione                     
consiliare, espressa nella seduta del 24 giugno 1998 con prot. n.               
8525/II;                                                                        
dato atto che e' in via di acquisizione la documentazione di cui alla           
Legge 19 marzo 1990, n. 55 "Nuove disposizioni per la prevenzione               
della delinquenza di tipo mafioso e di altre gravi forme di                     
manifestazione di pericolosita' sociale" e successive modificazioni,            
e che se ne dara' atto al momento della liquidazione, e vista per               
quanto concerne gli esperti, l'art. 5 della Legge 47/94;                        
dato atto dei pareri favorevoli espressi in ordine al presente atto,            
ai sensi dell'art. 4, comma 6, L.R. 41/92 e della deliberazione della           
Giunta regionale 2541/95:                                                       
- dalla Responsabile del Servizio Universita' e Integrazione dei                
sistemi formativi, dott.ssa Cristina Bertelli, in merito alla                   
regolarita' tecnica;                                                            
- dal Direttore generale alla Formazione professionale e Lavoro,                
dott. Roberto Balduini, in merito alla legittimita';                            
- dal Responsabile del Servizio Ragioneria e Credito dott. Gianni               
Mantovani, in merito alla regolarita' contabile;                                
su proposta dell'Assessore competente per materia                               
a voti unanimi e palesi, delibera:                                              
per le motivazioni citate in premessa e che qui si intendono                    
integralmente riportate:                                                        
 1) di prendere atto della costituzione del Gruppo tecnico come                 
previsto dal Protocollo d'intesa del 13 giugno 1997 che risulta cosi'           
composto: - dott.ssa Gabriella De Francesco ISFOL, esperta di temi di           
valutazione, crediti formativi e certificazioni; - prof.  Franco                
Frabboni  e  prof.  Giancarlo  Sacchi IRRSAER; - prof. Gilberto                 
Serravalli Presidente dell'Osservatorio regionale Mercato del Lavoro;           
- prof. Oriano Pirazzini, esperto di integrazione fra i sistemi della           
scuola e della formazione professionale, a livello regionale e                  
provinciale; - prof. Lucio Guasti, esperto del Sistema Universitario;           
 2) di stabilire che ai predetti esperti venga riconosciuto un                  
compenso di Lire 250.000 al lordo delle ritenute di legge (piu'                 
eventuali IVA al 20%, 4% rivalsa contributo 10% INPS ed oneri                   
previdenziali a carico della Regione) per ogni giornata di                      
partecipazione ai lavori del Gruppo, quantificando un massimo di 8              
giornate e per un totale massimo di Lire 17.520.000, che si dovranno            
concludere entro giugno 1999;                                                   
 3) di conferire al dott. Giorgio Franchi l'incarico di prestazione             
d'opera per il coordinamento del Gruppo tecnico, cosi' come                     
costituito al precedente punto 1, nonche' per la elaborazione e                 
presentazione di prodotti afferenti l'attivita' del Gruppo tecnico,             
nei termini specificati dal disciplinare allegato quale parte                   
integrante e sostanziale al presente atto;                                      
 4) di stabilire che detto incarico sia regolato in base alle                   
clausole riportate nell'allegato disciplinare che costituisce parte             
integrante e sostanziale della presente deliberazione;                          
 5) di stabilire che l'incarico abbia durata di 12 mesi a decorrere             
dalla data di sottoscrizione, per accettazione, del disciplinare che            
regola le modalita' di svolgimento dell'incarico;                               
 6) di fissare in Lire 174.720.000, comprensivo di IVA al 20% e di              
maggiorazione della rivalsa del 4% a titolo di rivalsa sul contributo           
previdenziale INPS di cui alla Legge 335/95 e successive modifiche e            
integrazioni come specificato nel disciplinare d'incarico, parte                
integrante del presente atto, il compenso da riconoscere al dr.                 
Giorgio Franchi a corrispettivo delle prestazioni dedotte                       
dall'incarico;                                                                  
 7) di dare atto che, ai sensi dell'articolo 61 della L.R. 31/77 come           
modificato dall'articolo 14 della L.R. 40/94, alla liquidazione del             
compenso spettante al dr. Giorgio Franchi provvedera', dietro                   
presentazione di apposite fatture, il Responsabile del Servizio                 
Universita' e Integrazione dei sistemi formativi nei modi e nelle               
scadenze previste nell'allegato disciplinare d'incarico, che                    
costituisce parte integrante e sostanziale del presente atto;                   
 8) di dare atto che, ai sensi dell'articolo 61 della L.R. 31/77 come           
modificato dall'articolo 14 della L.R. 40/94, alla liquidazione dei             
compensi spettanti gli esperti nominati al precedente punto 1,                  
provvedera', dietro presentazione di apposite note o fatture, il                
Responsabile del Servizio Universita' e Integrazione dei sistemi                
formativi secondo la periodicita' che valutera' piu' adeguata ed                
opportuna;                                                                      
 9) di impegnare la predetta spesa complessiva di Lire 192.240.000              
registrata al n. 3556 di impegno, al Cap. 75161 "Spese per                      
l'attivazione delle iniziative di formazione professionale                      
autorizzate direttamente dalla Regione ed attuate dalla stessa e da             
Enti, associazioni e fondazioni, convenzionati, comprese le spese               
connesse agli interventi di diritto alla formazione professionale               
(art. 30, L.R. n. 19 del 24 luglio 1979)" del Bilancio regionale per            
l'esercizio 1998, che presenta la necessaria disponibilita';                    
10) di subordinare l'esecutivita' della presente deliberazione alla             
verifica del rispetto dei vincoli posti dalla Legge 55/90 e                     
successive modificazioni, citate in premessa;                                   
11) di disporre la pubblicazione del presente atto deliberativo nel             
Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.                              
ALLEGATO                                                                        
DISCIPLINARE D'INCARICO REGOLANTE L'INCARICO DI PRESTAZIONE D'OPERA             
INTELLETTUALE CONFERITO AL DR. GIORGIO FRANCHI                                  
L'incarico conferito col presente atto, al dr. Giorgio Franchi si               
configura quale prestazione d'opera intellettuale regolata dagli                
articoli 2230 e successivi del Codice civile.                                   
L'incarico, che non instaura in alcun modo un rapporto di pubblico              
impiego e non comporta quindi vincolo alcuno di subordinazione ne'              
obbligo di osservanza di orari d'ufficio, e' regolato come segue:               
Art. 1                                                                          
Oggetto dell'incarico                                                           
Il dott. Giorgio Franchi assume dalla Regione Emilia-Romagna un                 
incarico professionale avente per oggetto:                                      
1) il coordinamento delle attivita' del Gruppo tecnico istituito ai             
sensi dell'art. 2 del Protocollo d'intesa del 13 giugno 1997;                   
2) l'avvio della simulazione sul territorio regionale del processo di           
dimensionamento degli istituti scolastici, in applicazione dei                  
criteri approvati dagli Organismi del Protocollo, al fine di                    
pervenire alla predisposizione del piano regionale della rete                   
scolastica, sulla base dei piani provinciali, nel quadro della                  
programmazione regionale dell'offerta formativa integrata tra                   
istruzione e formazione professionale;                                          
3) la sperimentazione di forme e modalita' che consentano di porre in           
sintonia l'offerta degli istituti scolastici con le linee regionali             
di programmazione dell'offerta professionale, sviluppando cosi' una             
cultura e una programmazione integrate dell'istruzione e della                  
formazione professionale, nonche' di integrare l'offerta degli                  
istituti professionali di Stato con le linee regionali di                       
programmazione della formazione professionale;                                  
4) la sperimentazione di nuove e significative forme e modalita' di             
integrazione tra istruzione e formazione professionale che superino             
le attuali modalita' in favore di forme maggiormente flessibili,                
dimensionate sul piano quantitativo e qualitativo secondo le concrete           
necessita', e di percorsi di durata variabile con relativo                      
riconoscimento di crediti per il successivo proseguimento                       
nell'istruzione professionale ovvero per il passaggio ad altro                  
indirizzo di studio secondario;                                                 
5) la diffusione delle analisi sui fabbisogni formativi esistenti e             
la promozione ed il coordinamento di quelle che si rendessero                   
necessarie ad integrazione di quanto realizzato dagli enti bilaterali           
nazionali e dalla rete delle Camere di Commercio;                               
6) la programmazione di iniziative pubbliche di diffusione degli                
avanzamenti e dei risultati delle attivita' approvate dagli Organismi           
del Protocollo d'intesa.                                                        
Art. 2                                                                          
Durata dell'incarico                                                            
L'incarico verra' espletato in stretto raccordo con la Direzione                
generale Formazione professionale e Lavoro ed in particolare con il             
Servizio Universita' e Integrazione dei sistemi formativi. La sua               
durata e' fissata in 12 mesi dalla firma per accettazione del                   
presente disciplinare salvo rinnovo alla scadenza.                              
Art. 3                                                                          
Compenso                                                                        
1. A corrispettivo delle prestazioni descritte all'art. 1 la Regione            
Emilia-Romagna liquidera' al dott. Giorgio Franchi la somma                     
complessiva di Lire 174.720.000 comprensiva di IVA al 20%, e di                 
maggiorazione della rivalsa del 4% ai sensi del comma 3 del DL                  
295/96, a seguito della firma per accettazione del presente                     
disciplinare d'incarico e su presentazione di regolari fatture, a               
corrispettivo delle seguenti prestazioni:                                       
(Lire)                                                                          
1a) giornate di presenza presso l'Assessorato al Lavoro, Formazione,            
Universita' e Immigrazione, ivi comprese la partecipazione a tutte le           
riunioni degli Organismi del Protocollo d'intesa, quantificabili in             
80.   (80 gg. X Lire 1.000.000)  80.000.000 1b) produzione di un                
repertorio di possibili soluzioni istituzionali, tecniche e                     
procedurali in merito al processo di attribuzione dell'autonomia                
scolastica; (punto 2., art. 1 del "Disciplinare d'incarico")                    
20.000.000 1c) un progetto quadro per la realizzazione di percorsi              
formativi integrati, con particolare riguardo all'area della                    
formazione di base in rapporto agli Istituti professionali di Stato             
ed all'area della formazione tecnico professionale superiore,                   
prevedendo il ricorso alle Unita' Formative Capitalizzabili (UFC) ed            
ai crediti formativi, nonche' misure di sostegno agli operatori                 
(docenti e formatori) dei vari sistemi interessati; (punti 3 e 4.,              
art. 1 del "Disciplinare d'incarico")  30.000.000 1d) uno strumento             
per la lettura comparata delle analisi sui fabbisogni professionali e           
formativi esistenti in grado di tradurle in indicazioni operative;              
(punto 5., art. 1 del "Disciplinare d'incarico")  10.000.000 Totale             
140.000.000 Maggiorazione rivalsa del 4%   5.600.000 Totale                     
145.600.000 IVA al 20%  29.120.000 Totale 174.720.000                           
da corrispondere in 4 tranche a corrispettivo delle prestazioni poste           
in essere cosi' scandite:                                                       
- la somma di Lire 37.440.000 alla consegna di un rapporto iniziale             
di programmazione e pianificazione dei lavori da svolgere e dopo la             
firma del disciplinare di incarico;                                             
- la somma di Lire 37.440.000 a due mesi dalla firma del disciplinare           
d'incarico e a seguito di un primo report per quanto riguarda i punti           
1b), 1c) e 1d) del presente articolo;                                           
- la somma di Lire 49.920.000 a sei mesi dalla firma del disciplinare           
di incarico e a seguito di un report intermedio per quanto riguarda i           
punti 1b), 1c) e 1d) del presente articolo;                                     
- la somma di Lire 49.920.000 a un anno dalla firma del disciplinare            
di incarico e quindi a conclusione dell'attivita' posta in essere a             
seguito di un report finale per quanto riguarda i punti 1b), 1c) e              
1d) del presente articolo;                                                      
e su attestazione della Responsabile del Servizio competente circa il           
regolare svolgimento delle attivita' previste all'art. 1 del presente           
disciplinare, ivi compresa la produzione e la consegna dei materiali            
di ricerca prodotti che rimarranno proprieta' della Regione                     
Emilia-Romagna.                                                                 
La sottoscrizione del presente disciplinare costituisce accettazione            
delle condizioni e modalita' in esso contenute o richiamate.                    
Bologna,                                                                        
Firma per accettazione                                                          

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it