E-R | BUR

n.295 del 05.10.2016 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Procedura in materia di Valutazione di impatto ambientale L.R. 18 maggio 1999, n. 9 Titolo II - Procedura di verifica (screening) relativa all'incremento dei quantitativi di rifiuti speciali non pericolosi da sottoporre alle attività di recupero R3 e messa in riserva R13 ed installazione di un nuovo granulatore presso l’impianto sito nel Comune di Sarmato (PC) in Via C. Colombo, 8

L'autorità competente Regione Emilia-Romagna – Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale avvisa che, ai sensi del Titolo II della L.R. 18 maggio 1999, n. 9, sono stati depositati, per la libera consultazione da parte dei soggetti interessati, gli elaborati progettuali per l'effettuazione della procedura di verifica (screening), relativa al progetto di seguito indicato.

  • Denominazione progetto: incremento dei quantitativi di rifiuti speciali non pericolosi da sottoporre alle attività di recupero R3 e messa in riserva R13 ed installazione di un nuovo granulatore.
  • Proponente: ditta Braghieri Plastic S.r.l.;
  • Localizzato: in provincia di Piacenza;
  • Localizzato: nel comune di Sarmato – via C. Colombo n. 8.

Il progetto appartiene alla categoria B.2.57) dell'allegato B.2 alla L.R. n. 9/1999 e s.m.i..

Il progetto, relativo ad un'esistente attività di recupero rifiuti (svolta ai sensi degli artt. 214 e 216 del D. Lgs. n. 152/2006 e D.M. 05.02.1998), prevede l'installazione di un nuovo granulatore per la macinazione di rifiuti plastici ( modello CMG N 55-90) e l'incremento a 10.000 t/anno dei quantitativi da sottoporre all'attività di recupero R3 e messa in riserva R13, a fronte delle attuali potenziali pari, rispettivamente, a 2.000 e 3.000 t/anno; per la messa in riserva viene anche richiesto di innalzare il limite di stoccaggio istantaneo a 100 t, rispetto a quello in essere di 30 t. L'attività di recupero R3 permette di ottenere, tramite operazioni di controllo visivo (selezione), premacinazione (opzionale), deferizzazione e macinazione, materiali plastici conformi alle norme UniPLAST-Uni 10667 e prodotti in plastica nelle forme usualmente commercializzate.

Lo studio ambientale preliminare e il relativo progetto preliminare, prescritti per l’effettuazione della procedura di verifica (screening), sono depositati per 45 giorni naturali consecutivi dalla data di pubblicazione del presente avviso nel BURERT.

Tali elaborati sono inoltre disponibili nel Portale web Ambiente della Regione Emilia-Romagna ( https://serviziambiente.regione.emilia-romagna.it/viavas).

I soggetti interessati possono prendere visione degli elaborati presso le seguenti sedi:

  • Regione Emilia-Romagna - Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale - Viale della Fiera n. 8, Bologna;
  • Comune di Sarmato – Via Resistenza n. 2, Sarmato (PC).

Entro lo stesso termine di 45 giorni chiunque, ai sensi dell’art. 9, comma 4 della L.R. 9/1999 può presentare osservazioni all’Autorità competente Regione Emilia-Romagna al seguente indirizzo di posta elettronica certificata: vipsa@postacert.regione.emilia-romagna.it.

Le osservazioni devono essere presentate anche alla competente Struttura Autorizzazioni e Concessioni dell’ARPAE al seguente indirizzo di posta elettronica certificata: “aoopc@cert.arpa.emr.it”.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it