E-R | BUR

n.6 del 12.01.2015 (Parte Prima)

XHTML preview

Nomina dei componenti della Giunta regionale e specificazione delle relative competenze

IL PRESIDENTE

Visti:

- l’art. 122, ultimo comma, della Costituzione;

- l’art. 42 dello Statuto della Regione Emilia-Romagna che prevede l’elezione a suffragio universale e diretto del Presidente della Giunta contestualmente all’elezione dell’Assemblea legislativa regionale;

- la L.R. 23 luglio 2014, n.21 “Norme per l’elezione dell’Assemblea Legislativa e del Presidente della Giunta regionale”

- il verbale in data 4 dicembre 2014 relativo alle operazioni dell’Ufficio centrale regionale, costituito a norma dell’articolo 8 della Legge 17 febbraio 1968, n. 108, e visto in particolare il paragrafo 8 di proclamazione dell’elezione alla carica di Presidente della Giunta regionale dell’Emilia-Romagna, in occasione della consultazione elettorale del 23 novembre 2014;

- l'art. 44, comma 1, dello Statuto regionale che prevede l'assunzione dei poteri da parte del Presidente della Giunta all'atto di insediamento dell'Assemblea legislativa e la nomina del Vicepresidente e degli Assessori entro sette giorni da tale data;

Considerato che in data 29 dicembre 2014 si è formalmente insediata l'Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna;

Visti gli articoli dello Statuto della Regione Emilia-Romagna:

- art. 43, comma 1, lett. b, che prevede che il Presidente nomina e revoca gli Assessori, tra i quali il Vicepresidente della Giunta che lo sostituisce in caso di assenza o temporaneo impedimento e ne determina gli incarichi;

- art. 45, comma 2, modificato dall’art.1 della LR 16 dicembre 2013, n.25 che fissa il numero degli Assessori in misura non inferiore ad otto e non superiore a 10;

Vista, inoltre, la legge regionale 24 marzo 2000, n. 17 che detta norme in materia di trattamento dei soggetti nominati Assessori regionali che non rivestano la carica di Consiglieri regionali;

Acquisita agli atti di ufficio la documentazione presentata dagli Assessori non Consiglieri regionali, nominati col presente atto circa l’insussistenza delle situazioni di ineleggibilità e incompatibilità di cui all’articolo 1 della richiamata legge regionale n. 17/2000;

Acquisita agli atti d’’ufficio altresì copia della comunicazione con la quale un Assessore non Consigliere regionale, membro della Camera dei Deputati, ha rassegnato le dimissioni dal mandato parlamentare in relazione alla volontà di far cessare l’incompatibilità tra le due cariche a norma dell’art. 122 comma 2 della Costituzione;

Considerato pertanto che a norma dell’art. 17 bis del Regolamento della Camera dei Deputati non sussiste la causa di incompatibilità tra il mandato parlamentare e la carica regionale anche nelle more degli adempimenti previsti dal citato articolo 17 bis;

Ritenuto quindi di procedere alla nomina dei componenti della Giunta regionale e all’assegnazione dei relativi incarichi;

Dato atto del parere allegato

decreta

- ai sensi degli artt. 43, comma 1, lett. b, 44, comma 1, e 45, comma 2, dello Statuto della Regione Emilia-Romagna, i componenti della Giunta regionale dell’Emilia-Romagna sono nominati nelle persone degli Assessori:

1) Elisabetta Gualmini - Vicepresidente - Assessore a “Politiche di Welfare e Politiche abitative”

2) Patrizio Bianchi - Assessore a “ Coordinamento delle politiche europee allo sviluppo, Scuola, Formazione professionale, Università, Ricerca e Lavoro

3) Simona Caselli - Assessore a “ Agricoltura, Caccia e Pesca

4) Andrea Corsini - Assessore a “Turismo e Commercio”

5) Palma Costi - Assessore a “Attività produttive, Piano energetico, Economia verde e Ricostruzione post-sisma”

6) Raffaele Donini - Assessore a “ Trasporti, Reti infrastrutture materiali e immateriali, Programmazione territoriale e Agenda digitale

7) Paola Gazzolo - Assessore a “Difesa del suolo e della costa, Protezione civile, politiche ambientali e della montagna”

8) Massimo Mezzetti - Assessore a “Cultura, Politiche giovanili e Politiche per la legalità”

9) Emma Petitti - Assessore a “Bilancio, Riordino istituzionale, Risorse umane e Pari opportunità

10) Sergio Venturi - Assessore a “Politiche per la Salute”

- La nomina decorre ad ogni effetto dalla data del presente decreto;

- Agli Assessori regionali sopraelencati che non rivestono la carica di Consigliere regionale si applica, dalla data di nomina e per tutto il periodo in cui fanno parte della Giunta regionale, il trattamento stabilito dall’articolo 2 della legge regionale 24 marzo 2000, n. 17;

- Le attribuzioni dedotte nell’incarico attribuito a ciascun componente della Giunta regionale sono determinate come da seguente specifica:

Il Vice Presidente ed Assessore Elisabetta Gualmini a “Politiche di Welfare e Politiche abitative” Sovrintende all’ordinaria amministrazione ed esercita attività propulsiva e propositiva in materia di straordinaria amministrazione nei seguenti ambiti:

La cooperazione internazionale allo sviluppo, aiuti umanitari.

Promozioni delle politiche sociali e di opportunità per le persone e le famiglie in coordinamento con le politiche per la non autosufficienza.

Le politiche per l’immigrazione con particolare riferimento all’accoglienza e all’integrazione sociale degli immigrati. Prevenzione e riduzione delle condizioni di bisogno e contrasto delle povertà.

Le politiche per l’adolescenza e le politiche educative per l’infanzia.

La promozione di politiche per lo sviluppo del volontariato, dell'associazionismo e del terzo settore.

La programmazione e la gestione delle politiche abitative.

Il sostegno all’accesso in locazione.

L’Assessore Patrizio Bianchi a “Coordinamento delle Politiche europee allo sviluppo, Scuola, Formazione professionale, Università, Ricerca e Lavoro” Sovrintende all’ordinaria amministrazione ed esercita attività propulsiva e propositiva in materia di straordinaria amministrazione nei seguenti ambiti:

Il diritto allo studio scolastico ed universitario. Le politiche educative per l’adolescenza.

L’edilizia scolastica.

L’organizzazione della rete scolastica. La valorizzazione delle autonomie scolastiche. Il coordinamento degli interventi a favore delle scuole.

Il sistema d’istruzione e formazione professionale. L’organizzazione dell’offerta formativa.

Funzionamento della Conferenza Regione Università. Coordinamento e sviluppo delle attività delle Università nelle materie previste dal comma 3 dell’art. 53 della Lr 6/2004 (cultura, ricerca e innovazione tecnologica, sistema formativo e della sanità, fatta salva la disciplina di cui al D.Lgs.517/99); lo sviluppo degli accordi fra Università e Regione.

Sviluppo dell’attrattività scientifica del territorio attraverso la ricerca e l’alta formazione. Sviluppo di accordi di collaborazione di livello nazionale e internazionale promossi da Regione e Università.

La formazione per l’occupabilità e l’adattabilità delle persone e per la competitività delle imprese. Le politiche attive e passive del lavoro.

Coordinamento delle politiche integrate d’area, con particolare riferimento al coordinamento dei fondi strutturali dell’Unione Europea e alla promozione ed attuazione dei “programmi speciali d’area” previsti dalla Lr. n. 30/96, e alle intese istituzionali.

La valutazione e la verifica degli investimenti pubblici. Programmazione negoziata.

La promozione e lo sviluppo dei rapporti istituzionali con gli organi dell’Unione Europea e relazioni internazionali e promozione delle attività di cooperazione territoriale europea, diffusione della conoscenza dell’attività della UE. Legge comunitaria.

Il coordinamento dei programmi per la realizzazione delle attività regionali all’estero e le iniziative a favore degli emigrati.

L’Assessore Simona Caselli a “Agricoltura, Caccia e Pesca” Sovrintende all’ordinaria amministrazione ed esercita attività propulsiva e propositiva in materia di straordinaria amministrazione nei seguenti ambiti:

La politica agricola comune, lo sviluppo rurale, la sostenibilità ambientale delle produzioni agricole, la tutela del territorio e dell’ambiente rurale, le infrastrutture rurali, gli investimenti per le strutture aziendali e interaziendali, gli aiuti alle imprese agricole ed agroindustriali, i pagamenti in agricoltura.

L’assetto fondiario, la bonifica e l’irrigazione.

Lo sviluppo dei servizi alle imprese, i sistemi di qualità, la tutela fitosanitaria, lo sviluppo delle agro energie, la ricerca e la sperimentazione in agricoltura.

La valorizzazione dei prodotti agricoli ed alimentari.

La promozione e lo sviluppo dell’associazionismo agricolo e degli organismi interprofessionali.

La valorizzazione economica, turistica ed enogastronomica dei prodotti agricoli ed alimentari.

Lo sviluppo della multifunzionalità delle aziende agricole. L’educazione alimentare.

Protezione della fauna, disciplina delle attività faunistico-venatorie.

Sviluppo dell’economia ittica, attuazione dei programmi comunitari, la pesca sportiva e l’acquicoltura.

L’Assessore Andrea Corsini a “Turismo e Commercio” Sovrintende all’ordinaria amministrazione ed esercita attività propulsiva e propositiva in materia di straordinaria amministrazione nei seguenti ambiti:

Le politiche per la qualificazione e lo sviluppo del sistema turistico, anche attraverso l’adeguamento delle strutture ricettive.

La promozione dell’offerta turistica.

Lo sviluppo della portualità a finalità turistica.

Le politiche per lo sviluppo del termalismo.

La qualificazione e lo sviluppo delle attività commerciali.

La programmazione delle politiche regionali in materia di centri agro-alimentari.

La tutela dei consumatori/utenti, consumo sostenibile.

Demanio Marittimo

L’Assessore Palma Costi a “Attività produttive, Piano energetico, Economia verde e Ricostruzione post-sisma” Sovrintende all’ordinaria amministrazione ed esercita attività propulsiva e propositiva in materia di straordinaria amministrazione nei seguenti ambiti:

La programmazione delle politiche regionali in materia di promozione e sviluppo delle attività produttive.

L’accesso al credito.

Lo sviluppo e la promozione delle attività di innovazione, ricerca industriale e trasferimento tecnologico per le imprese, d’intesa con l’Assessore a “Coordinamento delle politiche europee allo sviluppo, Scuola, Formazione professionale. Università. Ricerca e Lavoro” per le attività che coinvolgono l’Università.

Politiche di integrazione e di coordinamento delle reti della ricerca industriale.

Lo sviluppo dell’occupazione e la qualificazione del lavoro autonomo e delle professioni.

Lo sviluppo dell’artigianato, della cooperazione, dell’industria e dei servizi.

Rapporti con le Camere di Commercio.

La promozione e lo sviluppo dello sportello unico e dei servizi al sistema produttivo.

Rapporti con il sistema fieristico regionale.

Il sostegno allo sviluppo della esportazione e alla internazionalizzazione delle imprese.

Interventi nei processi e procedure di crisi e ristrutturazioni industriali.

Promozione dei contratti di programma, dei contratti di sviluppo e della programmazione negoziata per le imprese.

Il coordinamento e la gestione delle attività del Programma POR-FESR.

La politica energetica regionale.

Lo sviluppo dell’economia verde a bassa emissione di carbonio, rete regionale distribuzione carburanti.

Raccordo, per tutta la durata dello stato d’emergenza, con il Commissario delegato alla ricostruzione per le attività di ricostruzione post-sisma e ritorno alle normali condizioni di vita.

Coordinamento, a scadenza dello stato d’emergenza, e supervisione delle attività di ricostruzione post sisma e di ritorno alle normali condizioni di vita.

L’Assessore Raffaele Donini a “Trasporti, Reti infrastrutture materiali e immateriali, Programmazione territoriale e Agenda digitale” Sovrintende all’ordinaria amministrazione ed esercita attività propulsiva e propositiva in materia di straordinaria amministrazione nei seguenti ambiti:

La programmazione e pianificazione territoriale. La tutela paesaggistica. La programmazione e pianificazione urbanistica. L’edilizia.

La programmazione delle reti di infrastrutture e del sistema delle comunicazioni stradali, ferroviarie, portuali, idroviarie, marittime, aeree, interportuali e autofilotranviarie.

La programmazione dei servizi per lo sviluppo della mobilità delle persone e delle merci.

La programmazione dei sistemi di mobilità a livello regionale e locale.

La promozione degli interventi e delle iniziative per il miglioramento della mobilità urbana.

Le politiche in materia di riqualificazione urbana e per il miglioramento della qualità urbana ed edilizia.

L’osservatorio regionale per l’educazione e la sicurezza stradale.

Lo sviluppo e l’innovazione dei sistemi informativi in riferimento alla rete dei servizi telematici per il sistema delle Autonomie locali.

La cartografia regionale e i sistemi informativi geografici.

Lo sviluppo dei sistemi informatici di supporto all’amministrazione.

La promozione, il coordinamento e lo sviluppo dei sistemi informativi di qualità, nell’acquisizione e gestione delle risorse strumentali, in quello contabile, catastale e statistico.

L’Assessore Paola Gazzolo a “Difesa del suolo e della costa, Protezione civile, politiche ambientali e della montagna”: Sovrintende all’ordinaria amministrazione ed esercita attività propulsiva e propositiva in materia di straordinaria amministrazione nei seguenti ambiti:

Pianificazione e attuazione delle misure per la sicurezza territoriale, difesa del suolo, assetto idraulico, geologico e idrogeologico, per la difesa della costa dalla erosione. Interventi per la difesa dei versanti e il consolidamento degli abitati.

Valorizzazione dei territori montani.

Norme, indirizzi per gli interventi di riduzione del rischio sismico.

Pianificazione, programmazione e attuazione interventi in materia di protezione civile.

Gestione delle aree del demanio idrico.

Regolazione dei servizi pubblici locali.

Regolazione dell’attuazione dell’autorizzazione unica ambientale e integrata ambientale, e delle procedure di valutazione ambientale di piani, programmi e progetti.

Piano di azione ambientale per lo sviluppo sostenibile.

Politiche di prevenzione e adattamento ai cambiamenti climatici.

Relazione per lo stato dell’ambiente.

Politiche di prevenzione e tutela dell’ambiente, ivi compresa la redazione dei piani, delle norme e degli indirizzi in materia di: inquinamento atmosferico, elettromagnetico, luminoso, acustico, impianti a rischio di incidenti rilevanti.

Pianificazione, programmazione e gestione del sistema regionale delle aree protette e dei siti delle aree rete natura 2000.

Demanio forestale e forestazione.

Politiche di prevenzione, risparmio, conservazione e pianificazione della gestione della risorsa idrica.

Gestione del demanio idrico delle acque.

Norme e indirizzi per la gestione degli scarichi idrici.

Indirizzi per la gestione integrata delle zone costiere e la strategia del mare.

Pianificazione e indirizzi per la prevenzione della produzione e la gestione dei rifiuti. Bonifiche dei siti inquinati. Promozione del riciclo e recupero di materia dai rifiuti.

Certificazione della qualità ambientale e pianificazione degli acquisti verdi, politica integrata di produzione sostenibile.

Promozione e regolazione del controllo ambientale.

Rapporti con l’Agenzia per il fiume Po (AIPO).

L'Assessore Massimo Mezzetti a “Cultura, Politiche giovanili e Politiche per la legalità” Sovrintende all’ordinaria amministrazione ed esercita attività propulsiva e propositiva in materia di straordinaria amministrazione nei seguenti ambiti:

Le politiche e gli interventi per la conservazione e valorizzazione dei beni e del patrimonio culturale regionale. Il coordinamento e la promozione dello spettacolo e delle attività culturali.

Diffusione della cultura della pace.

Le politiche di intervento rivolto al mondo giovanile, il loro coordinamento e la loro integrazione.

Promozione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile e coordinamento delle politiche regionali a favore della prevenzione del crimine organizzato.

Disciplina generale dei lavori pubblici e osservatorio sugli appalti,la sicurezza dei cantieri.

L’Assessore Emma Petitti a “Bilancio, Riordino istituzionale, Risorse umane e Pari opportunità” Sovrintende all’ordinaria amministrazione ed esercita attività propulsiva e propositiva in materia di straordinaria amministrazione nei seguenti ambiti:

Le politiche finanziarie e fiscali, la programmazione finanziaria e la predisposizione del Bilancio regionale e del Consuntivo, la loro gestione nonché l’analisi finanziaria e i controlli sulla gestione finanziaria.

Controllo strategico.

Controllo delle partecipazioni.

Innovazione e coordinamento dei procedimenti legislativi ed amministrativi per raccordare l'azione di governo della Regione con il sistema locale.

Affari legali.

Le politiche di valorizzazione e l’impiego del patrimonio mobiliare e immobiliare della Regione.

Sviluppo di politiche di cooperazione con il sistema istituzionale delle Autonomie Locali e Funzionali.

La pianificazione, gestione e formazione delle risorse umane. Il modello organizzativo e le strutture.

I sistemi di organizzazione del lavoro e delle procedure.

Le relazioni sindacali.

Il controllo e gli indirizzi per l'amministrazione del personale e i sistemi di valutazione.

La comunicazione interna, le relazioni con il pubblico e le procedure di trasparenza.

La promozione delle politiche e le iniziative per le pari opportunità.

L’Assessore Sergio Venturi a “Politiche per la salute” Sovrintende all’ordinaria amministrazione ed esercita attività propulsiva e propositiva in materia di straordinaria amministrazione nei seguenti ambiti:

La tutela della salute.

La programmazione, qualificazione ed indirizzi del sistema sanitario regionale.

La programmazione e gestione delle politiche e del fondo per la non autosufficienza ed il coordinamento dei servizi socio-sanitari.

La pianificazione e controllo delle risorse.

La tutela della salute nei luoghi di lavoro.

La sanità veterinaria.

L’igiene e sicurezza degli alimenti.

Al Presidente della Giunta regionale, oltre all’esercizio delle funzioni che gli sono proprie in forza dell’art. 121 della Costituzione come modificato dall’art. 1 della Legge Costituzionale 22/11/1999, n. 1, e dell’art. 43 dello Statuto Regionale, competono le seguenti materie:

Rapporti fra Regione e Stato, coordinamento delle politiche relative alle riforme costituzionali.

Relazioni internazionali e rapporti con i Parlamenti, con gli organismi internazionali e con le altre regioni europee ed extraeuropee.

Coordinamento delle attività e delle politiche per la realizzazione di un adeguato sistema di Governance regionale.

Coordinamento delle politiche di programmazione regionale.

Politiche per la promozione di un sistema integrato di sicurezza delle città e del territorio regionale.

Direzione strategica delle politiche regionali a favore della prevenzione del crimine organizzato.

Promozione della collaborazione con le Autorità provinciali di pubblica sicurezza e con le Forze di polizia anche per il tramite delle intese previste dalla L.R. 24/2003.

Direzione strategica, coordinamento delle partecipazioni societarie.

Le politiche, correlate con quelle turistiche e culturali in materia di promozione delle attività sportive con particolare riferimento allo sport non professionistico ed al tempo libero.

Comunicazione e Marketing regionale.

Iniziative per la semplificazione delle procedure e delle attività regionali.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it