E-R | BUR

n.170 del 23.11.2011 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Ordinanza P.C.M. n. 3879/2010 - Piano per gli interventi di adeguamento o di nuova edificazione di edifici scolastici, ai sensi dell'art. 1, comma 3. Assegnazione contributi ai soggetti beneficiari. Approvazione indicazioni tecniche e procedurali per la presentazione dei progetti, la concessione e la liquidazione dei contributi

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

– l’Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri (OPCM) n. 3728 del 29 dicembre 2008 concernente “Modalità di attivazione del Fondo per interventi straordinari della Presidenza del Consiglio dei Ministri, istituito ai sensi dell’art. 32-bis del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326 ed incrementato con la legge 24 dicembre 2007, n. 244” (pubblicata sulla G.U. n. 11 del 15 gennaio 2009) che disciplina, tra l’altro, le modalità che le Regioni devono seguire per la redazione di un piano per l’adeguamento strutturale ed antisismico degli edifici del sistema scolastico, nonché la costruzione di nuovi immobili sostitutivi degli edifici esistenti, laddove indispensabili a sostituire quelli a rischio sismico; nonché le procedure e le modalità che gli Enti beneficiari devono rispettare, per gli interventi su edifici scolastici compresi in tale piano, e ripartendo tra le Regioni le risorse finanziarie relative all’anno 2008, con destinazione alla Regione Emilia-Romagna di un finanziamento complessivo di Euro 1.621.312,66;

– l’OPCM n. 3864 del 31 marzo 2010 relativa all’anno 2009, concernente “Modalità di attivazione del Fondo per interventi straordinari della Presidenza del Consiglio dei Ministri, istituito ai sensi dell’articolo 32-bis del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, ed incrementato con la legge 24 dicembre 2007, n. 244.” (pubblicata nella G.U. n. 91 del 20 aprile 2010) che ripartisce tra le Regioni le risorse finanziarie di detto Fondo, con destinazione alla Regione Emilia-Romagna di un finanziamento complessivo di Euro 1.632.780,02 e che disciplina, tra l’altro, le modalità di utilizzazione di tali quote;

– l’OPCM n.3879 del 19 maggio 2010 relativa all’anno 2010, concernente “Modalità di attivazione del Fondo per interventi straordinari della Presidenza del Consiglio dei Ministri, istituito ai sensi dell’art. 32-bis del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, ed incrementato con la legge 24 dicembre 2007, n. 244” (pubblicata sulla G.U. n. 133 del 10 giugno 2011) con la quale vengono stabiliti i criteri di utilizzo delle somme destinate dall’art. 2, comma 276, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, ad interventi di adeguamento sismico, o di nuova costruzione, di edifici scolastici, per l’annualità 2010;

- la medesima OPCM n. 3879/2010 che riporta nell’allegato 1 la ripartizione tra le Regioni delle risorse finanziarie del sopracitato Fondo, con destinazione alla Regione Emilia-Romagna di un finanziamento complessivo di Euro 1.621.312,66, disciplinando, tra l’altro, le modalità di utilizzazione di tali quote;

Richiamate le seguenti note, trattenute agli atti d’ufficio del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli:

-

la nota prot. PG/2010/237211 del 29 settembre 2010, indirizzata al Dipartimento della Protezione Civile, con la quale la Regione Emilia-Romagna ha trasmesso la proposta di piano di interventi di cui all’art. 1, comma 3 dell’OPCM 3879/2010;

- la nota prot. n. 0012342 del 14 ottobre 2010, con la quale l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna esprime parere favorevole rispetto a tale proposta di piano;

- la nota del Dipartimento della Protezione Civile prot. DPC/SISM/0000150 del 3 gennaio 2011, che comunica l’approvazione del piano degli interventi della Regione Emilia-Romagna;

Visto, altresì, il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 2 marzo 2011 “Assegnazione alle Regioni Abruzzo, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria, Veneto, di risorse finanziarie ai sensi dell’art. 32-bis del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326” (pubblicato sulla G.U. n. 90 del 19 aprile 2011), che assegna alla Regione Emilia-Romagna i finanziamenti da destinare alla effettuazione di interventi di adeguamento o di nuova edificazione di edifici scolastici per un importo complessivo di Euro 1.621.312,66 articolati secondo il seguente schema:

  • n. prog. 1 - Prov. RN - Comune Riccione - Denominazione edificio: Scuola Media F.lli Cervi - Soggetto beneficiario: Comune di Riccione - Tipo di intervento adeguamento - Importo finanziamento: 1.161.272,58
  • n. prog. 2 - Prov. BO - Comune Formigine - Denominazione edificio: Polo educativo Barbolini - Soggetto beneficiario: Comune di Formigine - Tipo di intervento adeguamento - Importo finanziamento: 460.040,08

Considerato che con propria deliberazione n. 701 del 23 maggio 2011 “Assegnazione dello Stato per interventi di adeguamento sismico o di nuova costruzione di edifici scolastici – variazione di bilancio”, questa Giunta ha preso atto dell’assegnazione a codesta Amministrazione regionale del sopracitato importo di Euro 1.621.312,66, apportando una variazione in aumento dell’importo medesimo al Capitolo 48282 “Contributi a Comuni, Province e USL per le verifiche tecniche e gli interventi di miglioramento o adeguamento sismico sugli edifici (D.L. 30 settembre 2003, n. 269 convertito con modificazioni, dalla L. 24 novembre 2003, n. 326; O.P.C.M. 8 luglio 2004, n. 3362; D.P.C.M. 6 giugno 2005 e D.P.C.M. 3 agosto 2007, O.P.C.M. 29 dicembre 2008, n. 3728 e D.P.C.M. 13 gennaio 2010, O.P.C.M. 31 marzo 2010, n. 3864; D.P.C.M. 4 dicembre 2010; O.P.C.M. 19 maggio 2010, n. 3879; D.P.C.M. 2 marzo 2011) - Mezzi statali” afferente all’U.P.B. 1.4.4.3.17570 del Bilancio di previsione regionale per l’esercizio finanziario 2011;

Atteso che, ai fini dell’utilizzo delle quote assegnate a codesta Amministrazione regionale per la realizzazione degli interventi di adeguamento o di nuova edificazione negli edifici scolastici sopra citati, sono state rispettate le modalità e le tempistiche previste nell’O.P.C.M. 3879/2010;

Considerato che, sulla base delle valutazioni giuridiche eseguite dal Servizio regionale Geologico, Sismico e dei Suoli, i soggetti richiedenti dei progetti finanziati con il presente provvedimento hanno provveduto ai sensi della L. 3/03, a richiedere alla competente struttura ministeriale i Codici Unici di Progetto (CUP) con riferimento agli interventi del piano, come risulta dall’Allegato 1, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

Ritenuto pertanto:

- che ricorrono le condizioni per poter provvedere con la presente deliberazione all’assegnazione dei contributi a favore dei Comuni di Riccione (RN) per Euro 1.161.272,58, e Formigine (MO) per Euro 460.040,08, per l’importo complessivo di Euro 1.621.312,66 a valere sulle risorse allocate al sopracitato capitolo 48282 del bilancio di previsione per l’esercizio finanziario in corso;

- che al fine della realizzazione dei suddetti interventi si rende necessario definire le modalità di attuazione e verifica che si approvano con il presente provvedimento nell’Allegato 2 “Indicazioni tecniche e procedurali per la presentazione dei progetti, la concessione e la liquidazione del contributo per interventi su edifici compresi nel piano per gli interventi di adeguamento o di nuova edificazione di edifici scolastici, ai sensi dell’art. 1, comma 3 dell’OPCM n. 3879/2010”;

Richiamate le seguenti leggi regionali:

- 15 novembre 2001, n. 40 recante “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4”;

- 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna”;

- 23 dicembre 2010, n. 14, recante “Legge Finanziaria regionale adottata a norma dell’articolo 40 della Legge regionale 15 novembre 2001, n. 14 in coincidenza con l’approvazione del bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2011 e del bilancio pluriennale 2011-2013;

- 23 dicembre 2010, n. 15, recante “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2011 e bilancio pluriennale 2011-2013;

- 26 luglio 2011, n. 10, recante “Legge Finanziaria regionale adottata a norma dell’articolo 40 della Legge regionale 15 novembre 2001, n. 40 in coincidenza con l’approvazione della legge di assestamento del bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2011 e del bilancio pluriennale 2011-2013. Primo provvedimento generale di variazione”;

- 26 luglio 2011, n. 11, recante “Assestamento del bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2011 e del bilancio pluriennale 2011-2013 a norma dell’articolo 30 della Legge regionale 15 novembre 2001, n.40. Primo provvedimento generale di variazione”;

Viste:

- la Legge 16 gennaio 2003, n. 3 “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione”, ed in particolare l’art. 11 “Codice unico di progetto degli investimenti pubblici”;

- la Legge 13 agosto 2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e successive modifiche;

- la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011, n. 4 recante “Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell’art. 3 della legge 13 agosto 2010, n. 136”;

Richiamate le proprie deliberazioni:

- n. 1057 del 24 luglio 2006 e s.m. concernente “Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali”;

- n. 1663 del 27 novembre 2006 concernente “Modifiche all’assetto delle Direzioni Generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente”;

- n. 1720 del 4 dicembre 2006 recante “Conferimento degli incarichi di responsabilità delle Direzioni generali della Giunta regionale”;

- n. 2416 del 29 dicembre 2008 recante “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/07.” e s.m.;

- n. 1222 del 4 agosto 2011 concernente “Approvazione degli atti di conferimento degli incarichi di livello dirigenziale (decorrenza 1/8/2011)”;

Verificato che, i soggetti beneficiari dei contributi statali oggetto del presente provvedimento hanno comunicato al Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli, l’affidamento dell’incarico di progettazione entro i termini previsti dall’art. 3, comma 3 dell’O.P.C.M. n. 3728/2009, richiamata e modificata all’art. 3, comma 2, dell’O.P.C.M. n. 3879/2010 ai fini del rispetto delle procedure per l’erogazione dei fondi;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore alla “Sicurezza territoriale. Difesa del suolo e della costa. Protezione civile” e dell’Assessore alla “Scuola. Formazione professionale. Università e ricerca. Lavoro”;

a voti unanimi e palesi

delibera:

Per le motivazioni espresse in premessa e che si intendono qui richiamate:

1) di prendere atto dell’approvazione da parte del Dipartimento della Protezione Civile del piano per gli interventi di adeguamento o di nuova edificazione di edifici scolastici, ai sensi dell’art. 1, comma 3 dell’OPCM n. 3879/2010 per un finanziamento complessivo di Euro 1.621.312,66;

2) di assegnare i contributi agli Enti beneficiari di cui all’elenco riportato nell’Allegato 1, corredati dei Codici unici di Progetto richiesti ai sensi dell’art. 11 della L. 3/03, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

3) di dare atto che le relative risorse finanziarie risultano allocate al Cap. 48282 “Contributi a Comuni, Province e USL per le verifiche tecniche e gli interventi di miglioramento o adeguamento sismico sugli edifici (D.L. 30 settembre 2003, n. 269 convertito con modificazioni, dalla L. 24 novembre 2003, n. 326; O.P.C.M. 8 luglio 2004, n. 3362; D.P.C.M. 6 giugno 2005 e D.P.C.M. 3 agosto 2007, O.P.C.M. 29 dicembre 2008, n. 3728 e D.P.C.M. 13 gennaio 2010, O.P.C.M. 31 marzo 2010, n. 3864; D.P.C.M. 4 dicembre 2010; O.P.C.M. 19 maggio 2010, n. 3879; D.P.C.M. 2 marzo 2011) - Mezzi statali” afferente all’U.P.B. 1.4.4.3.17570 del Bilancio di previsione regionale per l’esercizio finanziario 2011;

4) di approvare, quale ulteriore parte integrante e sostanziale del presente atto, l’Allegato 2 “Indicazioni tecniche e procedurali per la presentazione dei progetti, la concessione e la liquidazione del contributo per interventi su edifici compresi nel piano per gli interventi di adeguamento o di nuova edificazione di edifici scolastici, ai sensi dell’art. 1, comma 3 dell’OPCM n. 3879/2010”;

5) di confermare che, per lo svolgimento di tutte le attività finalizzate alla realizzazione degli interventi di adeguamento o di nuova edificazione negli edifici scolastici di cui al piano sopra richiamato, devono essere rispettate le modalità e le tempistiche di cui al sopracitato Allegato 2;

6) di dare atto che:

  • i soggetti beneficiari dei contributi statali oggetto del presente provvedimento hanno comunicato al Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli, l’affidamento dell’incarico di progettazione entro i termini previsti dall’art. 3, comma 3, dell’O.P.C.M. 3728/09, richiamata e modificata all’art. 1, comma 3, dell’O.P.C.M. n. 3879/2010;
  • alla concessione e liquidazione dei contributi oggetto della presente delibera, provvederà il Dirigente regionale competente con propri atti formali ai sensi della L.R. 40/01 e della propria deliberazione 2416/08 e ss.mm., nel rispetto delle modalità di concessione e di liquidazione di cui all’Allegato 2, punti 4 e 5, al presente provvedimento;
  • la liquidazione dei contributi avverrà al netto delle eventuali economie derivanti dai ribassi d’asta a seguito dell’avvenuta aggiudicazione della gara di affidamento dei lavori che, in caso di cofinanziamento da parte del soggetto beneficiario, saranno accertate in misura proporzionale alle rispettive fonti di finanziamento;
  • le suddette economie saranno comunicate al Dipartimento della Protezione Civile, da parte della competente struttura regionale;

7) provvedere alla pubblicazione della presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it