E-R | BUR

n.164 del 09.11.2011 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

L.R. 12/03: criteri di riparto, assegnazione e impegno delle risorse alle Province per la promozione delle Università della terza età - Anno finanziario 2011 - Variazione di bilancio

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Richiamate:

- la L.R. 30 giugno 2003, n. 12 “Norme per l’uguaglianza delle opportunità di accesso al sapere, per ognuno e per tutto l’arco della vita, attraverso il rafforzamento dell’istruzione e della formazione professionale, anche in integrazione tra loro” e s. m., ed in particolare la sezione V, artt. 40 e 43;

la deliberazione dell’Assemblea legislativa n. 38 del 29 marzo 2011 “Linee di programmazione e indirizzi per il sistema formativo e per il lavoro 2011/2013. (Proposta della Giunta regionale in data 7 marzo 2011, n. 296)”, nella quale in particolare l’offerta formativa viene caratterizzata dalla forte integrazione fra azioni di educazione degli adulti, formazione permanente e formazione continua per perseguire l’obiettivo dello sviluppo di un’economia e di una società inclusive, basate sulla conoscenza e sull’innovazione;

la propria delibera n. 532 del 18 aprile 2011 “Accordo fra Regione e Province dell’Emilia-Romagna per il coordinamento della programmazione 2011/2013 per il sistema formativo e per il lavoro (L.R. 12/03 e s.m. - L.R. 17/05)” che individua gli obiettivi generali e le risorse regionali, nazionali e comunitarie per l’attuazione delle politiche di istruzione, formazione e lavoro;

Dato atto che, al fine di promuovere l’apprendimento delle persone per tutta la vita, attraverso offerte flessibili, differenziate e diffuse sul territorio:

- vanno valorizzate le attività delle Università della terza età, comunque denominate, soggetti che nel quadro del sistema formativo regionale svolgono azioni esclusivamente finalizzate ad elevare il livello delle competenze culturali degli adulti;

- competono alle Province le funzioni di promozione e sostegno di tali attività, ai sensi della citata L.R. 12/03 e s.m.;

Considerato opportuno, in considerazione della rilevanza che detti soggetti rivestono nell’ambito dell’educazione non formale degli adulti, intervenire a favore delle Università della terza età, comunque denominate, attraverso l’assegnazione alle Province di risorse regionali per lo svolgimento delle citate funzioni, secondo criteri di riparto che tengono conto degli iscritti alle attività delle Università stesse nell’annualità precedente, come risulta dall’Allegato 1, parte integrante del presente atto;

Valutato necessario, in considerazione della rilevanza degli ambiti di intervento indicati nel presente atto ed al fine di corrispondere all’esigenza di monitorare l’impatto delle risorse regionali assegnate, prevedere che le Province trasmettano alla Regione una relazione annuale, illustrativa dei risultati conseguiti a livello territoriale e comprensiva dei dati quantitativi riferiti agli studenti per i quali sono state impiegate le risorse, a consuntivo di quanto realizzato nell’annualità precedente;

Dato atto che l’ammontare delle risorse finanziarie da destinare all’attuazione degli interventi in questione è di Euro 156.000,00;

Richiamato l’art. 31, comma 4, lett. b) della L.R. 40/01 che autorizza la Giunta regionale a provvedere, con proprio atto alle variazioni compensative - al bilancio di competenza e di cassa - fra i capitoli appartenenti alla medesima unità previsionale di base;

Considerato che:

- i Capitoli 75212 “Assegnazione agli enti delle amministrazioni locali per interventi relativi ad azioni di valorizzazione dell’autonomia delle istituzioni scolastiche e di innovazione per la qualificazione del sistema formativo e dell’istruzione per esperienze di continuità scolastica, compresi progetti per l’integrazione di persone in stato di disagio e in situazione di handicap (L.R. 30 giugno 2003, n. 12)” e 75204 “Assegnazione agli Enti locali delle risorse in materia di istruzione, formazione professionale, orientamento e di educazione per gli adulti (artt. 11, 41, 42, 43, 44, L.R. 30 giugno 2003, n. 12)” appartengono alla medesima Unità previsionale di base 1.6.4.2.25245 “Accesso al sapere, istruzione e formazione professionale”;

- il Cap. 75212, presenta attualmente una disponibilità ancora da impegnare di 9.000.000,00 Euro mentre il Capitolo 75204 non presenta disponibilità;

- si rende pertanto necessario destinare risorse pari a 156.000,00 Euro al Capitolo 75204 reperendole dal Capitolo 75212, ai sensi del citato art. 31, comma 4, lett. b della L.R. 40/01, per adeguare la sua dotazione al finanziamento delle citate attività;

Ritenuto che in seguito alla suesposta variazione di bilancio le risorse vadano così articolate sui seguenti capitoli del Bilancio regionale per l’esercizio finanziario 2011:

- quanto a Euro 8.844.000,00 sul Cap. 75212, afferente l’UPB 1.6.4.2. 25245,

- quanto a Euro 156.000,00 sul Cap. 75204, afferente la medesima UPB 1.6.4.2. 25245;

Ritenuto di ripartire fra le Province, sulla base dei criteri e delle precisazioni sopra definiti come indicato nell’ Allegato A quale parte integrante e sostanziale, le risorse finanziarie destinate all’attuazione degli interventi di cui all’art. 43 della L.R. 12/03;

Viste:

- la Legge 13 agosto 2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e successive modifiche;

- la determinaziona dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011, n. 4 recante “Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell’art. 3 della Legge 13 agosto 201, n. 136”;

- la Legge 16 gennaio 2003, n. 3;

Viste altresì:

- la L.R. n. 40 del 15 novembre 2001 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazioni della L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4”;

- la L.R. n. 43 del 26 novembre 2001 “Testo Unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e succ. mod.;

- l’art. 1 del DPR 3 giugno 1998, n. 252;

- la L.R. n. 15 del 23 dicembre 2010 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2011 e Bilancio pluriennale 2011-2013”;

- la L.R. n. 11, del 26 luglio 2011 “Assestamento del Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2011 e del Bilancio pluriennale 2011-2013 a norma dell’art. 30 della L.R. 15 novembre 2001, n. 40. Primo provvedimento generale di variazione”;

Dato atto che ricorrono gli elementi di cui all’art. 47 - comma 2 - della L.R. 40/01 per provvedere all’assunzione dell’impegno di spesa della somma di Euro 156.000,00 a favore delle Province secondo il piano di riparto di cui alla tabella Allegato 1 del presente atto quale parte integrante e sostanziale;

Richiamate le proprie deliberazioni:

- n. 1057 del 24 luglio 2006, n. 1663 del 27 novembre 2006, n. 2060 del 20 dicembre 2010, n. 1377 del 20 settembre 2010, così come rettificata con deliberazione 1950/10, e n. 1222 del 4 agosto 2011;

- n. 2416 del 29 dicembre 2008, recante “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/08. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/07” e succ. mod.;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore competente per materia;

A voti unanimi e palesi

delibera:

per le ragioni espresse in premessa, che si intendono integralmente riportate:

1) (omissis)

2) di approvare quale criterio per il riparto alle Province di risorse regionali per lo svolgimento delle funzioni di promozione e di sostegno delle attività delle Università della terza età, comunque denominate, il numero degli iscritti a dette Università nell’annualità precedente;

3) di assegnare alle Province le risorse complessive di Euro 156.000,00 sulla base del criterio sopra citato, per le singole quote indicate nell’Allegato 1, parte integrante e sostanziale del presente atto;

4) di richiedere che le Province, in considerazione della rilevanza degli ambiti di intervento indicati nel presente atto ed al fine di corrispondere all’esigenza di monitorare l’impatto delle risorse regionali assegnate, trasmettano alla Regione una relazione annuale illustrativa dei risultati conseguiti a livello territoriale e provvedano alla restituzione alla Regione delle eventuali risorse non utilizzate;

5) di impegnare la somma di Euro 156.000,00 registrata al n. 3313 di impegno sul Capitolo 75204 “Assegnazione agli Enti locali delle risorse in materia di istruzione, formazione professionale, orientamento e di educazione per gli adulti (artt. 11, 41, 42, 43, 44, L.R. 30 giugno 2003, n. 12)” - UPB 1.6.4.2.25245, del Bilancio regionale per l’esercizio finanziario 2011, che è stato dotato della necessaria disponibilità a seguito della variazione di cui al punto 1) che precede;

6) di dare atto che ad esecutività della presente deliberazione il Dirigente regionale competente per materia provvederà con propri atti formali ai sensi degli artt. 51 e 52 della L.R. 40/01 e della deliberazione 2416/08 e successive modificazioni, alla liquidazione e alla richiesta di emissione dei titoli di pagamento a favore delle Province, della somma di Euro 156.000,00 come specificato nell’Allegato 1;

7) di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico per garantirne la più ampia diffusione e ai sensi dell’art. 31 - comma 8 - della L.R. 40/01.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it