E-R | BUR

n.36 del 21.02.2018 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

RISOLUZIONE - Oggetto n. 4899 - Risoluzione per impegnare la Giunta, in materia di libera circolazione delle persone all'interno dell'Unione Europea, ad agire in tutte le sedi opportune affinché la proposta del "Global Pass" di accesso all'"Interrail" per i neo diciottenni di ogni paese europeo divenga una realtà, dando un forte segnale di integrazione e rafforzando così la cittadinanza europea, partendo dai giovani e dal viaggiare in un'Europa aperta e libera. A firma dei Consiglieri: Montalti, Marchetti Francesca, Calvano, Rontini, Zoffoli, Tarasconi, Pruccoli, Caliandro, Rossi Nadia

L’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna

Premesso che

nel 1990 è stata siglata, inizialmente da 5 paesi ma successivamente sottoscritta da ben 26 paesi, la "Convenzione di Schengen", ossia il trattato internazionale che regola l'apertura delle frontiere tra i paesi firmatari, con l'obiettivo di favorire la libera circolazione dei cittadini all'interno dell'Unione Europea mediante l'abbattimento delle frontiere interne tra gli Stati partecipanti e la costituzione di un sistema comune di controllo alle frontiere esterne dell'UE.

I Trattati di Roma del 1957, di cui quest'anno si celebra il 60esimo anniversario, hanno sancito la costituzione della CEE, la quale aveva nei suoi obiettivi l'unione economica dei suoi membri, fino a portare ad un'eventuale unione politica. La CEE lavorò infatti per favorire il libero movimento dei beni, dei servizi, dei lavoratori e dei capitali. Nata quindi per abbattere muri, per far sì che gli europei si possano sentire sempre a proprio agio nella loro casa: l'Europa.

Il programma "Interrail" rappresenta il miglior esempio di apertura e di libera circolazione delle persone all'interno dell'Unione Europea. Si tratta infatti di un biglietto ferroviario che consente la libera circolazione all'interno dei Paesi europei e su tutte le compagnie ferroviarie aderenti all'offerta.

II programma prende il via nel 1972 in occasione del cinquantesimo anniversario dell’”lnternational Railway Union”, con l'obiettivo di offrire ai giovani europei la possibilità, del tutto innovativa e senza precedenti, di scoprire il proprio continente attraverso la rete ferroviaria e a prezzi molto vantaggiosi. Inizialmente destinato ai viaggiatori al di sotto dei 21 anni, oggi può essere acquistato e utilizzato senza limiti di età, anche se per gli under 27 risulti molto più conveniente.

Dato che

l'Unione Europea ci ha dato l'opportunità di viaggiare in un continente senza frontiere.

Uno degli elementi fondanti della cittadinanza europea sta proprio nella possibilità di viaggiare e muoversi senza dover varcare alcuna frontiera.

Il modo migliore per capire cosa significa "libertà di circolazione" è viaggiare.

Ed i cittadini europei grazie all'opportunità offerta dall'Interrail hanno iniziato a comprenderlo, infatti nel 2005 si sono venduti 100 mila biglietti, mentre nel 2015 oltre 250 mila cittadini europei hanno viaggiato con Interrail. Vi è quindi un trend in continua crescita. In media, ogni anno circa 300 mila persone acquistano Interrail. Il costo medio di un biglietto varia da 200 a 480 euro, un prezzo eccessivo per un giovane che studia e non lavora.

Visto che

l'Unione Europea ha iniziato a considerare l'idea di un ticket che permetta a tutti i diciottenni europei di muoversi tra gli Stati membri.

Ciò è stato infatti proposto in un'interrogazione alla Commissione, dal titolo “Pass per l'inter-rail europeo per il diciottesimo compleanno" con la finalità di cercare "finanziamenti adeguati" per l'iniziativa. Infatti, l'iniziativa dovrebbe interessare ogni anno 5 milioni di giovani europei diciottenni.

L'idea portata sarebbe quella di inviare a tutti i neo maggiorenni europei il Global Pass, per visitare a bordo dei treni e traghetti tutti i Paesi europei per un periodo di trenta giorni. Una opportunità per viaggiare alla scoperta dei 28 Paesi dell'UE.

Considerato che

tale Global Pass potrebbe concretizzarsi in un biglietto Interrail sovvenzionato dall'UE o a prezzo agevolato, della durata di 30 giorni, da potersi utilizzare durante i 12 mesi dal compimento dei 18 anni.

Valutato che

“Interrail” è una valida opportunità per far toccare con mano il progetto di integrazione europea poiché non si tratta di un semplice viaggio bensì di un'occasione unica per visitare il continente europeo con un unico mezzo e ad un prezzo accessibile.

E che la proposta di Interrail Global Pass rivolta ai diciottenni europei ha come obiettivo quello di trasmettere alle nuove generazioni europee un segnale ben preciso ovvero che il viaggio attraverso l'Europa può diventare sinonimo di una società aperta che supera confini.

Un messaggio, che rappresenta uno dei valori fondanti del progetto di integrazione europea, ma che oggi risulta in assoluta controtendenza rispetto all'esigenza sempre più diffusa di chiudersi e di ricostruire i muri.

Impegna la Giunta regionale

ad agire in tutte le sedi più opportune affinché questa opportunità di accesso all'”Interrail” possa divenire realtà per tutti i ragazzi neo maggiorenni di ogni paese dell'Unione Europea, dando un forte segnale di integrazione e rafforzando così la cittadinanza europea, partendo dai giovani e dal viaggiare in un’Europa aperta e libera.

Approvata all’unanimità dei presenti nella seduta antimeridiana del 31 gennaio 2018

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it