E-R | BUR

n.198 del 19.06.2019 periodico (Parte Terza)

XHTML preview

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di n. 17 posti di “Collaboratore Amministrativo Professionale cat. D - Area Giuridico-Amministrativa” gestito in forma aggregata tra l’Azienda USL Reggio Emilia, l’Azienda USL di Piacenza, l’Azienda USL di Modena, l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena, l’Azienda USL di Parma e l’ Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

In esecuzione di Deliberazione del Direttore Generale è bandito pubblico concorso per titoli ed esami, per la copertura di n. 17 posti di Collaboratore amministrativo professionale - Settore Amministrativo, Area giuridico/amministrativa, Cat. D - Ruolo: Amministrativo  

Da assegnarsi:

- n. 3 posti presso l’Azienda USL di Reggio Emilia;

- n. 2 posti presso l’Azienda USL di Piacenza;

- n. 3 posti presso l’Azienda USL di Parma;

- n. 3 posti presso l’Azienda Ospedaliera-Universitaria di Parma;

- n. 3 posti presso l’Azienda USL di Modena;

- n. 3 posti presso l’Azienda Ospedaliera-Universitaria di Modena.

La presente procedura concorsuale permetterà la formulazione di sei distinte graduatorie (una per l’Azienda USL di Reggio Emilia, una per l’Azienda USL di Piacenza, una per l’Azienda USL di Parma, una per l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, una per l’Azienda USL di Modena ed una per l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena) che verranno utilizzate dalle Aziende per procedere alla copertura a tempo indeterminato di posti di Collaboratore Amministrativo Professionale cat. D - Area Giuridico - Amministrativa.

Il candidato, pertanto, all’atto dell’iscrizione al presente concorso dovrà indicare nella domanda di partecipazione per quale Azienda intenda concorrere.

Deve essere indicata una sola opzione, pena esclusione dalla selezione.

Si specifica che è stato individuato come Ente capofila della gestione del presente concorso l’Azienda USL di Reggio Emilia.

Per tutto quanto non previsto dal presente bando si fa riferimento alla vigente normativa in materia ed in particolare al D.P.R. 27/3/2001, n. 220.

Lo stato giuridico ed economico inerente ai posti di cui alla presente selezione è regolato e stabilito dalle norme legislative e contrattuali vigenti.

In applicazione del D.Lgs. 198/2006 e degli artt. 7 e 57 del d.lgs 165/2001 è garantita parità e pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro ed il trattamento sul lavoro.

Il candidato dovrà essere in possesso di incondizionata idoneità fisica specifica alle mansioni del profilo professionale e della categoria a selezione. Il relativo accertamento sarà effettuato prima dell’immissione in servizio, in sede di visita preventiva ex art. 41 d.lgs. 81/2008.

Si precisa che, ai sensi dell’art. 35 co. 5-bis del D.Lgs. 165/01, le Aziende potranno prevedere in sede di contratto individuale di assunzione che nei primi cinque anni successivi alla stipulazione del Contratto Individuale di Lavoro, non saranno concessi assensi alla mobilità o al comando, né aspettative non retribuite per svolgere incarichi a tempo determinato in altri enti del Servizio Sanitario Nazionale o in altre Pubbliche Amministrazioni.

1. Precedenze e preferenze

In attuazione dell’art. 11 del D.Lgs. 8/2014 e degli artt. 678 e 1014 del D.Lgs. 66/2010, essendosi determinato un cumulo di frazioni di riserva pari/superiore all’unità, si applica la riserva di un posto in ogni graduatoria, ad eccezione di quella dell’Azienda USL di Piacenza, a favore dei militari volontari delle Forze Armate (VFP1, VFP4, VFB) congedati senza demerito dalle ferme contratte, nonché agli ufficiali di complemento in ferma biennale e agli Ufficiali in ferma prefissata che hanno completato senza demerito la ferma contratta.

Le riserve di posti di cui alla L. 68/99 saranno applicate direttamente dalle singole Aziende in sede di approvazione e scorrimento della graduatoria degli idonei, sulla base della specifica situazione in essere in ciascuna Azienda, nonché sulla base degli obblighi di legge.

Si precisa che, ai sensi di quanto previsto dall’art. 52 c. 1 bis del D.Lgs. 165/2001 e s.m.i., al fine di favorire i processi di sviluppo professionale del personale dipendente, per ciascuna delle sei graduatorie sopra citate il 30% dei posti è riservato in favore del personale interno già dipendente a tempo indeterminato dell’Azienda per la quale si concorre, in possesso dei requisiti richiesti.

Coloro che intendano avvalersi delle suddette riserve ovvero abbiano titoli di preferenza e/o di precedenza dovranno farne espressa dichiarazione nella domanda di partecipazione al concorso, presentando idonea documentazione, pena l’esclusione dal relativo beneficio.

Nel caso di parità di punteggio, sono applicate nella graduatoria le preferenze previste dall'art. 5 del D.P.R. n. 487/94 e s.m.i., purché documentate.

2. Requisiti generali di ammissione

Tutti i requisiti generali devono essere posseduti alla data di scadenza del termine perentorio stabilito nel presente bando per la presentazione delle domande di ammissione.

Cittadinanza

Cittadinanza italiana, fatte salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti, o di uno Stato membro dell’Unione Europea; ai sensi dell’art. 38 D.Lgs. 165/01 e s.m.i. possono altresì partecipare:

- i cittadini degli Stati membri dell'Unione europea e i loro familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;

- i cittadini di Paesi terzi che siano titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria;

Limiti d’età

Ai sensi dell’art. 3, comma 6, della legge 15/5/1997, n. 127, la partecipazione ai concorsi indetti da pubbliche amministrazioni non è soggetta a limiti di età, salvo il limite previsto dalle vigenti norme per il collocamento a riposo d’ufficio.

Cause ostative all’assunzione

Non possono accedere al pubblico impiego:

  • coloro che siano stati esclusi dall’elettorato attivo;
  • coloro che siano sottoposti a misure di prevenzione e sicurezza;
  • coloro ai quali sia stata inflitta l’interdizione perpetua o temporanea – per il tempo della stessa – dai pubblici uffici;
  • coloro che siano stati destituiti o dispensato dall’impiego presso una pubblica amministrazione;
  • coloro che siano stati licenziati da una Pubblica Amministrazione a decorrere dalla data di entrata in vigore del primo contratto collettivo del comparto sanità.

3. Requisiti specifici di ammissione

Il requisito specifico di ammissione al concorso è il seguente:

Diploma di Laurea di primo livello, conseguito ai sensi del vigente ordinamento universitario, appartenente ad una delle seguenti classi (ex D.M. n. 509/99 e ex DM n. 270/2004) equiparato ai sensi del Decreto in data 9.7.2009 del Ministero dell’Istruzione e dell’Università e della Ricerca, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 233 del 7/10/2009 ovvero relativi Diplomi di scuole dirette a fini speciali di durata triennale e diplomi universitari equiparati ai sensi del Decreto interministeriale 11/11/2011, pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 44 del 22/2/2012: 

  • Scienze dei servizi giuridici classi: L. 14 (DM 270704) n. 02 (DM 509/99)
  • Scienze dell’amministrazione classe: n. 19 (DM 509/99)
  • Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione classe: L. 16 (DM 270704)
  • Scienze giuridiche classe: n. 31 (DM 509/99)

oppure

Diploma di Laurea Magistrale conseguito ai sensi del vigente ordinamento universitario, (ex D.M. n. 270/2004) / Diploma di Laurea Specialistica (ex DM 509/99) equiparato ai sensi del Decreto in data 9/7/2009 del Ministero dell’Istruzione e dell’Università e della Ricerca, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 233 del 7/10/2009, appartenente ad una delle seguenti classi: 

  • Giurisprudenza classe LMG/01 22/S - 102/S
  • Scienze della politica classe LM 62 70/S
  • Scienze delle pubbliche amministrazioni classe LM 63 71/S

ovvero

Relativo Diploma di Laurea conseguito ai sensi del previgente ordinamento universitario equiparato ai sensi del Decreto in data 9/7/2009 del Ministero dell’Istruzione e dell’Università e della Ricerca, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 233 del 7/10/2009 ed equipollenti. 

I titoli di studio conseguiti all’estero devono essere sottoposti ad una procedura di riconoscimento da parte del Ministero della Salute in base a quanto stabilito dal D.Lgs. 9 novembre 2007, n. 206.

4. Domanda di ammissione al concorso pubblico

La domanda di ammissione al pubblico concorso, redatta esclusivamente in forma telematica, deve contenere le seguenti dichiarazioni:

  1. l’Azienda per il quale il candidato intende concorrere tra i seguenti: Azienda USL di Reggio Emilia, Azienda USL di Piacenza, Azienda USL di Parma, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, Azienda USL di Modena, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena. Si ricorda che il candidato deve esprimere una sola scelta, pena l’impossibilità di procedere con la compilazione della domanda;
  2. cognome e nome, la data ed il luogo di nascita, la residenza;
  3. il possesso della cittadinanza italiana o di uno dei Paesi dell’Unione Europea, o appartenenza ad una delle categorie individuate dall’art. 7 della L. 97/2013, integrativo dell’art. 38, co. 1, D.Lgs. 165/2001 e s.m.i.;
  4. il Comune di iscrizione nelle liste elettorali, ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;
  5. le eventuali condanne penali riportate, oppure di non aver riportato condanne penali, oppure di essere sottoposto a procedimento penale. La sussistenza di una pregressa condanna penale impedisce l’assunzione qualora si tratti di una condanna per un reato da cui derivi l’interdizione dai pubblici uffici o l’estinzione del rapporto di impiego (artt. 28, 29, 32-ter, 32-quater, 32-quinquies Cod. Pen., artt. 3, 4, 5, L. 27 marzo 2001, n. 97;
  6. posizione nei confronti degli obblighi militari (solo per i candidati di sesso maschile nati entro il 31/12/1985);
  7. eventuali servizi prestati come dipendente presso Pubbliche Amministrazioni e le eventuali cause di risoluzione degli stessi, oppure di non aver mai prestato servizio presso Pubbliche Amministrazioni;
  8. possesso dei requisiti generali e specifici di ammissione. Per quanto attiene ai titoli di studio posseduti, è necessario indicare la data, la sede e la denominazione completa dell’Istituto presso il quale sono stati conseguiti nonché, nel caso di conseguimento all’estero, gli estremi del provvedimento ministeriale con il quale è stato disposto il riconoscimento in Italia e del quale è obbligatoria l’allegazione;
  9. l’eventuale diritto a precedenza nella nomina ex artt. 1014 commi 3 e 4 e art. 678 comma 9 del D.Lgs. 66/2010. Coloro che intendono avvalersi di suddetta riserva di posti dovranno farne espressa dichiarazione nella domanda di partecipazione al concorso, pena esclusione dal relativo beneficio, allegando all’uopo idonea documentazione rilasciata dalla competente autorità militare;
  10. l’eventuale diritto a precedenza nella nomina ex art. 7 e art. 8 commi 1 e 2 della L. 68/99 allegando all’uopo idonea documentazione (certificato rilasciato dalla Commissione Sanitaria Regionale o Provinciale attestante il grado di invalidità);
  11. l’eventuale diritto alla riserva del 30% dei posti di cui all’art. 52 c. 1 bis D.Lgs. n. 165/2001 e s.m.i.;
  12. l’eventuale diritto a preferenza nella nomina a parità di punteggio ai sensi dell’art. 5 D.P.R. 9/5/1994, n. 487. Chi ha titolo a preferenza deve dichiarare dettagliatamente nella domanda i requisiti e le condizioni utili di cui sia in possesso, allegando alla domanda stessa i relativi documenti probatori, pena esclusione dal relativo beneficio. Chi ha titolo di preferenza per numero di figli a carico dovrà indicare nome, cognome, data e luogo di nascita dei figli;
  13. gli ausili eventualmente necessari per l’espletamento delle prove di esame in relazione ad un’eventuale situazione di handicap, nonché la possibile necessità di tempi aggiuntivi ai sensi dell’art. 20 della Legge n. 104 del 5/2/1992 (è necessario allegare certificazione medica rilasciata da struttura sanitaria abilitata dalla quale si evinca il tipo di ausilio e/o la tempistica aggiuntiva);
  14. il diritto all’esenzione dalla prova preselettiva in quanto persona con invalidità uguale o superiore all’80% allegando una certificazione attestante la percentuale di invalidità posseduta.
  15. l’indirizzo al quale deve essere fatta ogni comunicazione relativa al concorso. In caso di mancata comunicazione, vale ad ogni effetto la residenza di cui al punto 2.

L’Amministrazione non si assume responsabilità per disguidi di notifiche determinati da mancata, errata o tardiva comunicazione di cambiamento di domicilio.

L’omessa indicazione anche di un solo requisito, generale o specifico, o di una delle dichiarazioni aggiuntive richieste dal bando, determina l’esclusione dalla procedura di che trattasi.

Ai sensi dell’articolo 13 GDPR 2016/679, i dati personali forniti dai candidati o acquisiti d’ufficio saranno raccolti presso gli Uffici Concorsi delle Aziende partecipanti alla presente procedura, anche in banca dati automatizzata, per le finalità inerenti la gestione della procedura e saranno trattati dai medesimi Servizi anche successivamente, a seguito di eventuale instaurazione di rapporto di lavoro, per la gestione dello stesso. Tali dati potranno essere sottoposti ad accesso da parte di coloro che sono portatori di un concreto interesse ai sensi dell’art. 22 della L. 241/90 e successive modificazioni ed integrazioni nonché per i successivi adempimenti previsti dalla normativa vigente, ivi compreso il D.Lgs 33/13.

L’indicazione dei dati richiesti è obbligatoria ai fini della valutazione dei requisiti di partecipazione, pena l’esclusione dalla procedura.

Ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. 196/03 e degli artt. 15 e seguenti del GDPR 2016/679, i candidati hanno diritto di accedere ai dati che li riguardano e di chiederne l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione, nonché la cancellazione di dati non pertinenti o raccolti in modo non conforme alle norme. L’interessato può, altresì, opporsi al trattamento per motivi legittimi.

I titolari del trattamento sono le Aziende che accedono alla presente procedura.

Per la raccolta delle domande per via telematica e per il trattamento dei dati ivi contenuti è stato individuato quale Responsabile esterno “Ditta SELEXI s.r.l.” - con sede legale in Via Vida Gerolamo n.11 – 20127 Milano (MI).

5. Modalità e termini per la presentazione delle domande

La domanda dovrà essere presentata in forma telematica connettendosi al seguente indirizzo:

https://aven-giuridico.ilmiotest.it e compilando lo specifico modulo  on-line seguendo le istruzioni per la compilazione ivi contenute, in applicazione dell’art. 1 comma 1, nonché degli artt. 64 e 65 del D. Lgs. 82/05.

La domanda si considererà presentata nel momento in cui il candidato, concludendo correttamente la procedura, riceverà dal sistema il messaggio di avvenuto inoltro della domanda. La firma autografa a regolarizzazione della domanda e delle dichiarazioni nella stessa inserite verrà acquisita in sede di identificazione dei candidati alla prima prova.

È esclusa ogni altra forma di presentazione o trasmissione.

Pertanto, eventuali domande pervenute con altre modalità, pur entro i termini di scadenza del bando, non verranno prese in considerazione.

6. Documentazione da allegare alla domanda

I candidati attraverso la procedura on-line dovranno allegare alla domanda, esclusivamente tramite file formato.pdf, la copia digitale di:

  • un documento di riconoscimento legalmente valido;
  • eventuali pubblicazioni edite a stampa su riviste indicizzate;
  • tutte le certificazioni relative a condizioni che consentono l’ammissione al concorso dei cittadini extra UE (titolo di studio, permesso di soggiorno...);
  • documentazione comprovante preferenze, precedenze e riserve di posti, previste dalle vigenti disposizioni;
  • per i titolari della Legge n. 104 del 5/2/1992, certificazione medica rilasciata da struttura sanitaria abilitata dalla quale si evinca il tipo di ausilio e/o la tempistica aggiuntiva richiesta.

Non è richiesto l’invio di altra documentazione.

Non è richiesto l’invio di un Curriculum Vitae – che, in ogni caso, non verrà considerato – in quanto le informazioni necessarie ai fini dell’ammissione e della valutazione dei titoli sono già contenute nella domanda di partecipazione al concorso compilata on-line.

La domanda dovrà pervenire al sistema, a pena di esclusione, entro le ore 12.00 del trentesimo giorno successivo alla data di pubblicazione dell'estratto del presente bando nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – 4^ serie speciale “Concorsi ed esami”.

Il termine fissato per la presentazione delle domande e dei documenti è perentorio; l’eventuale riserva di invio successivo di documenti è priva di effetto.

Non sarà valutata documentazione prodotta in forma cartacea.

Le Amministrazioni effettueranno idonei controlli sulla veridicità del contenuto delle dichiarazioni sostitutive. In caso di accertate difformità tra quanto dichiarato e quanto accertato dalle Amministrazioni, queste ultime procederanno comunque alla segnalazione all’Autorità Giudiziaria per le sanzioni penali previste ai sensi dell’art. 76 D.P.R. 445/00. In caso di sopravvenuta assunzione, le Amministrazioni applicheranno l’art. 55-quater del D. Lgs. 165/01. L’interessato decadrà comunque, ai sensi dell’art. 75 D.P.R. 445/00, da tutti i benefici conseguiti sulla base della dichiarazione non veritiera.

Le Aziende non assumono responsabilità per disguidi di notifiche determinati da mancata, errata o tardiva comunicazione di cambiamento di domicilio, né per eventuali disguidi tecnici o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore. Si consiglia, pertanto, di inoltrare la domanda con congruo anticipo e di non attendere l’ultimo giorno in cui il sistema potrebbe essere sovraffollato.

L’omessa indicazione anche di un solo requisito richiesto per l’ammissione comporta l’esclusione dalla procedura concorsuale.

Per quanto non è particolarmente contemplato nel presente bando, si intendono qui richiamate, a tutti gli effetti, le norme regolamentari e di legge previste in materia e, in particolare, dal D.P.R. 27/3/2001, n. 220.

7. Motivi di esclusione dal concorso   

  • Il mancato rispetto delle modalità di inoltro della domanda;
  • il mancato rispetto dei termini perentori per l’invio della domanda di partecipazione indicati nel presente bando;
  • il mancato possesso dei requisiti generali e specifici per la partecipazione al concorso indicati nel presente bando;
  • la mancata allegazione di documenti espressamenti richiesti nella domanda;
  • l’esclusione dall’elettorato attivo;
  • la sottoposizione a misure di prevenzione e sicurezza;
  • l’interdizione perpetua o temporanea – per il tempo della stessa – dai pubblici uffici;
  • la destituzione o la dispensa dall’impiego presso una pubblica amministrazione;
  • licenziamento da una Pubblica Amministrazione a decorrere dalla data di entrata in vigore del primo contratto collettivo del comparto sanità

8. Commissione esaminatrice

La Commissione esaminatrice sarà nominata dal Direttore Generale dell’Azienda Capofila, con modalità che garantiscano il rispetto dei principi del DPR 220/2001, tenuto conto dell’espletamento in forma aggregata della presente procedura concorsuale.

La Commissione Esaminatrice sarà composta da un Dirigente Amministrativo in veste di presidente e da due dipendenti esperti delle materie oggetto del concorso, appartenenti al ruolo amministrativo inquadrati nella dirigenza o nel comparto in categoria non inferiore a quella messa a concorso in veste di componenti effettivi oltre a tre componenti supplenti, individuati di concerto tra le Aziende partecipanti alla presente procedura concorsuale. Segretario: un dipendente amministrativo dell'Azienda capofila, di categoria non inferiore alla C.

Per lo svolgimento della prova orale, saranno costituite – nel rispetto dei principi di cui al DPR 220/2001 – più sottocommissioni composte ciascuna da tre membri: un Dirigente Amministrativo e due dipendenti esperti delle materie oggetto del concorso, appartenenti al ruolo amministrativo inquadrati nella dirigenza o nel comparto in categoria non inferiore a quella messa a concorso. Segretario: un dipendente amministrativo delle Aziende interessate a quell’ambito provinciale, di categoria non inferiore alla C.

9. Prove  

PROVA PRESELETTIVA   

In caso di numero elevato di domande, le Aziende si riservano la facoltà di far precedere le prove d’esame da una prova preselettiva. In tal caso l’Azienda capofila nominerà una Commissione di Esperti per l’espletamento della prova preselettiva.

A tal proposito si precisa che

  • Tutti i candidati che fanno domanda di partecipazione al presente concorso, compresi gli interni aventi diritto alla riserva di cui all’art. 52 c. 1 bis D.Lgs 165/2001 e s.m.i., sono convocati all’eventuale prova preselettiva. La verifica dei requisiti generali e specifici di ammissione al concorso avverrà solo per i candidati che avranno superato la prova preselettiva, precedentemente allo svolgimento della prova scritta;
  • l’assenza del candidato nel luogo e nell’ora stabilite per lo svolgimento della prova preselettiva determina l’esclusione dal concorso;
  • la prova preselettiva sarà scritta e consisterà nella risoluzione, in un tempo predeterminato, di appositi quiz a risposta multipla vertenti sulle materie oggetto del presente concorso e indicate nel bando;
  • Il punteggio conseguito nella prova preselettiva non concorre alla formazione del voto finale di merito;

Qualora si renda necessario lo svolgimento di tale prova preselettiva, l’elenco dei convocati ed il calendario della prova, comprendente gli orari di presentazione, saranno pubblicati sui siti web delle aziende partecipanti con un preavviso di almeno di 15 giorni prima della data fissata per la prova e comunque non prima del 15/9/2019. Non vi sarà altra forma di comunicazione.

I candidati dovranno presentarsi alla prova muniti di un valido documento d’identità o di riconoscimento ritenuto equivalente ai sensi della normativa vigente. 

Per i candidati che avranno superato la prova preselettiva, si procederà alla verifica dei requisiti generali e specifici di ammissione al concorso. I candidati che risulteranno privi dei requisiti prescritti saranno pertanto esclusi dal concorso e non saranno convocati per le prove concorsuali.  

L’ammissione o l’esclusione (per carenza di requisiti) dei candidati che hanno superato la prova preselettiva è disposta con provvedimento dirigenziale dell’Azienda capofila. L’esclusione dal concorso verrà notificata agli interessati entro 30 giorni dall’esecutività del relativo provvedimento.

In caso di mancata effettuazione della prova preselettiva, si procederà all’ammissione o all’esclusione dei candidati in base alle domande pervenute.

I candidati che avranno documentato adeguatamente nella domanda lo stato di invalidità pari o superiore all’80% non saranno tenuti a sostenere la prova preselettiva e saranno convocati direttamente alla prova scritta. 

Prove d'esame   

Le prove di esame consisteranno in:

Prova scritta (punti 30): svolgimento di un tema o soluzione di quesiti a risposta sintetica o questionario a risposta multipla su: Diritto Costituzionale, Amministrativo, Civile e Penale (con particolare riferimento alle correlazioni di tali materie con il SSN); legislazione sanitaria nazionale e regionale; organizzazione delle Aziende sanitarie della regione Emilia-Romagna e contesto regionale di riferimento; ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni e normativa contrattuale, con particolare riferimento agli aspetti di carattere giuridico; disposizioni e strumenti in materia di reclutamento risorse umane nelle aziende sanitarie pubbliche; disposizioni in materia di: procedimento amministrativo e diritto di accesso; protezione dei dati personali; anticorruzione, trasparenza; codice dell’amministrazione digitale; responsabilità del pubblico dipendente, con particolare riferimento alla responsabilità civile professionale e al sistema di autoassicurazione aziendale; procedure di gara per l’acquisto di beni, servizi e lavori.

Prova pratica (punti 20): consistente nella predisposizione di atti/documenti, soluzione di problemi, risposte a casi concreti

Prova orale (punti 20) : colloquio sulle materie oggetto della prova scritta e pratica. La prova comprenderà, oltre ad elementi di informatica, anche la verifica della conoscenza, almeno a livello iniziale, della lingua inglese.

La prova scritta e la prova pratica potranno consistere anche nella soluzione di quesiti a risposta sintetica o multipla.

Il superamento della prova scritta è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza espressa in termini numerici di almeno 21/30.

Il superamento della prova pratica e della prova orale è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza espressa in termini numerici di almeno 14/20.

Il mancato raggiungimento della valutazione di sufficienza in una prova comporta l’esclusione dalle prove successive e quindi dalla procedura concorsuale.

10. Valutazione dei titoli e delle prove d'esame

La Commissione dispone complessivamente di 100 punti così ripartiti:

  • 30 punti per i titoli;
  • 70 punti per le prove d’esame.

I punti per la valutazione dei titoli sono così ripartiti:

  • titoli di carriera: 15;
  • titoli accademici e di studio: 6;
  • pubblicazioni e titoli scientifici: 3;
  • curriculum formativo e professionale: 6

I punti per le prove d’esame sono così ripartiti:

  • 30 punti per la prova scritta;
  • 20 punti per la prova pratica;
  • 20 punti per la prova orale.

11. Convocazione dei candidati ammessi al concorso e alle prove d'esame

L’ammissione o l’esclusione dei candidati è disposta con provvedimento dirigenziale dell’Azienda capofila. L’esclusione dal concorso verrà notificata agli interessati entro trenta giorni dall’esecutività del relativo provvedimento.

La data e il luogo di svolgimento della prova scritta e della prova pratica, ai sensi dell’art. 7, comma 1 del DPR 220/2001, saranno pubblicate nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana - 4^ Serie Speciale “Concorsi ed esami” ( www.gazzettaufficiale.it) non meno di 20 giorni prima dell’inizio della prova e comunque non prima del 1/10/2019.

L’elenco dei candidati ammessi, nonché la data di svolgimento delle prove, saranno pubblicati altresì:

  • sul Sito Internet dell’Azienda USL di Piacenza www.ausl.pc.it, nella sezione “Bandi e Concorsi - Assunzioni e Collaborazioni”;
  • sul Sito Internet dell’Azienda USL di Reggio Emilia www.ausl.re.it, nella sezione Bandi, concorsi, incarichi - Informazioni/esiti prove;
  • sul Sito Internet dell’Azienda USL di Modena www.ausl.mo.it, nella sezione Concorsi e Avvisi;
  • sul Sito Internet dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena www.aou.mo.it, nella sezione Bandi di concorso;
  • sul Sito Internet dell’Azienda USL di Parma www.ausl.pr.it nella sezione concorsi/avvisi attivi
  • sul Sito Internet dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma www.ao.pr.it nella sezione lavorare/selezioni e concorsi

L’Azienda si riserva di effettuare la prova pratica nella stessa giornata individuata per l’espletamento della prova scritta. Il superamento della prova scritta è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza pari a punti 21/30; pertanto il mancato raggiungimento da parte del candidato del predetto punteggio di sufficienza determina la nullità della prova pratica e la conseguente esclusione dalla procedura concorsuale

La prova scritta e la prova pratica si svolgeranno in un’unica sede per tutti i candidati ammessi.

La prova orale sarà svolta presso le sedi delle Aziende partecipanti: i candidati che supereranno la prova scritta e la prova pratica saranno convocati a sostenere la prova orale presso la sede dell’Azienda per la quale hanno espresso l’opzione nella domanda di partecipazione al concorso, mediante pubblicazione dell’elenco dei candidati ammessi e del calendario dei colloqui sui siti web delle Aziende di riferimento, nel rispetto dei termini previsti dal DPR 220/2001.

Non saranno effettuate convocazioni individuali.

Non saranno ammesse per nessuna ragione modifiche dei giorni e/o orari fissati.

La presentazione in ritardo, anche se dovuta a causa di forza maggiore, comporterà l’irrevocabile esclusione dal concorso.

Alle prove d’esame i candidati dovranno presentarsi muniti di documento valido d’identità personale, a norma di legge.

12. Approvazione e utilizzo della graduatoria

Al termine delle prove l’azienda capofila con provvedimento dirigenziale, riconosciuta la regolarità degli atti del concorso, li approva e, successivamente, approva sei distinte graduatorie di merito che sono immediatamente efficaci, ciascuna nell’Azienda di competenza.

L’amministrazione di ciascuna Azienda procederà a recepire la graduatoria di competenza e a farla propria con atto dirigenziale.

Le graduatorie di merito dei candidati sono formate secondo l’ordine dei punti della votazione complessiva riportata da ciascun candidato, con l’osservanza delle precedenze di legge nonché, a parità di punteggio, delle preferenze previste dall’art. 5 del DPR 487/1994 e s.m.i.

Le graduatorie degli idonei, ad intervenuta esecutività dell’atto di approvazione delle stesse, saranno pubblicate nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna, nonché sui siti web delle Aziende interessate.

Ai sensi dell’art. 1 della Legge Regione Emilia-Romagna n. 5 del 3 giugno 2019, “al fine di assicurare la continuità dei servizi pubblici erogati e l’efficienza ed economicità dell’attività amministrativa, in coerenza con i principi di buon andamento e di coordinamento con i vincoli di finanza pubblica, […] le Aziende e gli enti del Servizio sanitario regionale possono utilizzare le proprie graduatorie di idonei per la copertura di ulteriori posti rispetto a quelli messi a concorso, entro il periodo di vigenza delle medesime, a condizione che le assunzioni siano coerenti con il proprio piano triennale del fabbisogno del personale”.

Le graduatorie pertanto rimarranno in vigore per trentasei mesi decorrenti dalla data di pubblicazione delle stesse nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna, per le coperture dei posti per i quali il concorso è stato bandito ovvero di posti della stessa categoria e profilo professionale la cui copertura dovesse rendersi necessaria entro tale termine, ai sensi del Piano Triennale dei Fabbisogni approvato da ciascuna azienda.

Tali graduatorie potranno essere utilizzate, durante il periodo di vigenza, anche per la costituzione di rapporti di lavoro a tempo determinato e/o a tempo parziale (part-time).

E’ facoltà delle Amministrazioni interessate alla presente procedura consentire l’utilizzo della graduatoria ad un’altra amministrazione pubblica che ne faccia richiesta ai sensi dell’art. 3 comma 61 L. 24/12/2003, n. 350.

In questo caso:

  • il candidato che accetti una proposta di assunzione a tempo indeterminato da parte di altra amministrazione, non sarà più interpellato dall’Azienda per la quale ha concorso;
  • il candidato che rifiuti la proposta di assunzione a tempo indeterminato da parte di altra amministrazione, sarà mantenuto nella graduatoria dell’Azienda per la quale ha concorso.

Al contrario, l’assunzione a tempo determinato presso un’altra amministrazione non pregiudica l’assunzione a tempo indeterminato presso l’Azienda per la quale il candidato ha concorso.

13. Adempimenti dei vincitori

Una volta riscontrata la sussistenza di tutti i requisiti previsti, i concorrenti dichiarati vincitori, nonché i candidati chiamati in servizio a qualsiasi titolo, saranno invitati a stipulare apposito contratto individuale di lavoro ex art. 24 del CCNL del 21/5/2018 del personale del comparto sanità e dovranno presentare, nel termine di 30 giorni dalla richiesta dell’Azienda i documenti indicati nella richiesta stessa, sotto pena di mancata stipulazione del contratto medesimo.

Il contratto individuale di lavoro si risolve di diritto:

- quando il candidato non assume servizio alla data stabilita, salvo proroga per giustificato e documentato motivo;

- in assenza di uno dei requisiti generali o specifici richiesti, accertata in sede di controllo delle dichiarazioni rese.

L’assunzione in servizio potrà essere temporaneamente sospesa o comunque ritardata in relazione alla sussitenza di norme che stabiliscano il blocco delle assunzioni.

La partecipazione al concorso presuppone l’integrale conoscenza da parte dei concorrenti delle norme e delle disposizioni di legge inerenti ai pubblici concorsi, delle forme e prescrizioni relative ai documenti ed atti da presentare e comporta, implicitamente, la piena accettazione di tutte le condizioni alle quali la nomina deve intendersi soggetta, delle norme di legge vigenti in materia, delle norme regolamentari delle Aziende interessate e delle loro future eventuali modificazioni.

14. Disposizioni finali

L’Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia si riserva la facoltà di prorogare, sospendere o annullare il bando in relazione all’esistenza di ragioni di pubblico interesse concreto ed attuale. Si riserva altresì la facoltà di revocare il presente concorso in conseguenza delle mutate esigenze dei servizi, dei presidi o di altre strutture delle Aziende interessate, nonché in conseguenza di norme che stabiliscano il blocco delle assunzioni.

Con la partecipazione al presente bando i candidati si impegnano ad accettare incondizionatamente e senza riserve tutte le prescrizioni e precisazioni del presente bando, quale lex specialis della presente procedura selettiva.

Per le informazioni sulla presentazione delle domande on-line gli interessati dovranno rivolgersi a: webmaster@ilmiotest.it - tel. 02 94759028.

Non verranno fornite in alcun modo risposte telefoniche dai singoli uffici delle Aziende partecipanti.

L’estratto del presente bando verrà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica – I parte – IV serie speciale. Fino ad allora non vanno inviate domande di partecipazione.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it