E-R | BUR

n.151 del 31.05.2017 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Proroga dell'avvalimento di cui della D.G.R. n. 184 del 17/02/2017

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

  • il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152, "Norme in materia ambientale";
  • la Legge 28 dicembre 2015, n. 221 “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali” ed in particolare l’art. 51 “Norme in materia di Autorità di bacino”;
  • il Decreto 25 ottobre 2016 del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, recante “Disciplina dell'attribuzione e del trasferimento alle Autorità di bacino distrettuali del personale e delle risorse strumentali, ivi comprese le sedi, e finanziarie delle Autorità di bacino, di cui alla legge 18 maggio 1989, n. 183.”;
  • il Decreto del Segretario Generale dell’Autorità di bacino del Fiume Po n. 32 del 16 febbraio 2017;

Richiamata la propria deliberazione n. 184 del 17 febbraio 2017, recante “Disposizioni transitorie per lo svolgimento delle attività dell'Autorità di Bacino Distrettuale del fiume Po a seguito della soppressione delle Autorità di bacino regionali e interregionali”;

Dato atto che:

  • la suddetta deliberazione n. 184/2017 dispone di mettere a disposizione del Segretario generale dell’Autorità di bacino del Fiume Po, ai fini dell’avvalimento di cui all’art. 12, comma 6, del D.M. 25 ottobre 2016, per sessanta giorni a partire dal 17/2/2017, il personale attualmente assegnato al Servizio difesa del suolo, della costa e bonifica ai sensi delle determinazioni n. 1772/2017 e n. 1857/2017, per un totale di undici unità;
  • l’avvalimento di cui trattasi è diretto a garantire lo svolgimento delle attività e dei compiti dell’Autorità di bacino distrettuale del Fiume Po che interessano il territorio dell’Emilia-Romagna nella fase transitoria definita al punto precedente;

Preso atto che con lettera prot. n. 1922/2.6 del 5/4/2017, acquisita agli atti della Direzione Generale Cura del Territorio e dell’Ambiente con PG.2017.265886 del 6/4/2017, il Segretario generale dell’Autorità di bacino del fiume Po ha chiesto alla Regione Emilia-Romagna di prorogare il periodo di avvalimento di cui alla propria deliberazione n. 184/2017, fino al 31 maggio 2017, al fine di assicurare la continuità delle funzioni tecnico- amministrative finora svolte dalle Autorità di bacino soppresse, ai sensi e per gli effetti del D.M. 25/10/2016 del M.A.T.T.M., e in quanto non è stato possibile completare entro il 17/04/2017 la ricognizione ed il trasferimento del materiale documentale relativo;

Ritenuto opportuno accogliere la richiesta presentata dal Segretario generale dell’Autorità di bacino del fiume Po, di cui al precedente capoverso, disponendo il proseguimento, senza soluzione di continuità, fino al 31 maggio 2017, dell’avvalimento di cui alla propria Deliberazione n. 184/2017, al fine di garantire lo svolgimento delle attività e dei compiti dell’Autorità di bacino distrettuale del Fiume Po che interessano il territorio dell’Emilia-Romagna nella fase di passaggio delle funzioni delle Autorità di bacino ex L. n. 183/1989, garantendo la continuità delle attività precedentemente in capo alle medesime, nelle more dell’emanazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di cui all’art. 63 del D.lgs. n. 152/2006;

Preso atto che il proseguimento dell’avvalimento di cui sopra:

  • non riguarderà i dipendenti Mauro Mastellari e Luca Marcone, in quanto ne è previsto il distacco all’Agenzia Regionale per la Prevenzione, l’Ambiente e l’Energia dal 18/4/2017, come da determinazione n. 5551 del 12/4/2017 del Direttore generale Risorse, Europa, Innovazione e Istituzioni;
  • terminerà il 30/4/2017 per il dipendente Lorenzo Canciani, in quanto ne è prevista la cessazione dal servizio da quella data;

Visti, inoltre:

  • la L.R. 26 novembre 2001, n. 43, “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella regione Emilia-Romagna”;
  • il D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33, “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;
  • la propria deliberazione n. 89 del 30 gennaio 2017, “Approvazione piano triennale di prevenzione della corruzione 2017-2019”;

Richiamate, infine, le seguenti proprie deliberazioni:

  • n. 2416 del 29 dicembre 2008, "Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007";
  • n. 2189 del 21 dicembre 2015, “Linee di indirizzo per la riorganizzazione della macchina amministrativa regionale”;
  • n. 56 del 25 gennaio 2016, “Affidamento degli incarichi di Direttore Generale della Giunta regionale, ai sensi della L.R. n. 43/2001”;
  • n. 270 del 29 febbraio 2016, "Attuazione prima fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015";
  • n. 622 del 28 aprile 2016, "Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015";
  • n. 1107 del 11 luglio 2016, "Integrazione delle declaratorie delle strutture organizzative della Giunta Regionale a seguito dell'implementazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015";

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell'Assessore alla Difesa del suolo e della Costa, Protezione Civile, Politiche ambientali e della montagna, Paola Gazzolo,

A voti unanimi e palesi

delibera

per le motivazioni espresse in parte narrativa, che qui si richiamano integralmente

  1. di acconsentire alla prosecuzione, senza soluzione di continuità e fino al 31/05/2017, dell’avvalimento del personale attualmente assegnato al Servizio difesa del suolo, della costa e bonifica disposto con propria deliberazione n. 184/2017 a favore del Segretario Generale dell’Autorità di bacino del Fiume Po, fatta eccezione per i dipendenti indicati in parte narrativa, per i motivi ivi descritti;
  2. di confermare ogni altra parte della propria deliberazione n. 184/2017;
  3. di notificare il presente atto al Segretario generale dell’Autorità di bacino del fiume Po, al Responsabile del Servizio Difesa del suolo, della costa e bonifica e ai collaboratori interessati;
  4. di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it