E-R | BUR

n.430 del 27.12.2019 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Finanziamento delle borse di dottorato di ricerca relative ai progetti di formazione alla ricerca approvati con le deliberazioni di Giunta regionale nn. 462/2019 e 1114/2019, in attuazione del Piano triennale alte competenze per la ricerca e il trasferimento tecnologico. Accertamento entrate

IL DIRIGENTE FIRMATARIO

Viste le Leggi Regionali:

– n.7 del 14 maggio 2002 “Promozione del sistema regionale delle attività di ricerca industriale, innovazione e trasferimento tecnologico” e ss.mm.ii.;

– n.12 del 30 giugno 2003 “Norme per l’uguaglianza delle opportunità di accesso al sapere, per ognuno e per tutto l’arco della vita, attraverso il rafforzamento dell’istruzione e della formazione professionale, anche in integrazione tra loro” e ss.mm.ii.;

– n.17 dell’1 agosto 2005 “Norme per la promozione dell’occupazione, della qualità, sicurezza e regolarità del Lavoro” e ss.mm.ii.;

– n. 15 del 27 luglio 2007 “Sistema regionale integrato di interventi e servizi per il diritto allo studio universitario e l’alta formazione”;

– n. 14 del 16 luglio 2014 “Promozione degli investimenti in Emilia-Romagna”;

 Richiamate:

- la Deliberazione dell’Assemblea Legislativa n. 163 del 25/6/2014 “Programma Operativo della Regione Emilia-Romagna. Fondo Sociale Europeo 2014/2020. (Proposta della Giunta regionale del 28/4/2014, n. 559)”;

- la Decisione di Esecuzione della Commissione Europea del 12/12/2014 C(2014)9750 che approva il Programma Operativo Fondo Sociale Europeo 2014/2020" per il sostegno del Fondo sociale europeo nell'ambito dell'obiettivo "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione";

- la Deliberazione di Giunta Regionale n. 1 del 12/1/2015 “Presa d'atto della Decisione di Esecuzione della Commissione Europea di Approvazione del Programma Operativo "Regione Emilia-Romagna - Programma Operativo Fondo Sociale Europeo 2014-2020" per il sostegno del Fondo Sociale Europeo nell'ambito dell'Obiettivo "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione";

- la Decisione di Esecuzione della Commissione Europea del 2/5/2018 C(2018)2737 che modifica la decisione di esecuzione C(2014) 9750 che approva determinati elementi del programma operativo "Regione Emilia-Romagna - Programma Operativo Fondo Sociale Europeo 2014-2020" per il sostegno del Fondo sociale europeo nell'ambito dell'obiettivo "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione" per la Regione Emilia-Romagna in Italia;

- la Decisione di Esecuzione della Commissione Europea del 9/11/2018 C(2018)che modifica la decisione di esecuzione C(2014) 9750 che approva determinati elementi del programma operativo "Regione Emilia-Romagna - Programma Operativo Fondo Sociale Europeo 2014-2020" per il sostegno del Fondo sociale europeo nell'ambito dell'obiettivo "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione" per la Regione Emilia-Romagna in Italia;

- la Deliberazione di Giunta Regionale n. 1691 del 18/11/2013 “Approvazione del quadro di contesto della Regione Emilia-Romagna e delle linee di indirizzo per la programmazione comunitaria 2014-2020”;

- la Deliberazione di Giunta Regionale n. 992 del 7/7/2014 “Programmazione fondi SIE 2014-2020: Approvazione delle misure per il soddisfacimento delle condizionalità ex-ante generali ai sensi del regolamento UE n. 1303/2013, articolo 19”;

- la Deliberazione di Giunta Regionale n. 1646 del 2/11/2015 “Presa d'atto della sottoscrizione del Patto per il Lavoro da parte del Presidente della Regione Emilia-Romagna e delle parti sociali e disposizioni per il monitoraggio e la valutazione dello stesso”;

 Richiamate le Deliberazioni dell'Assemblea legislativa:

- n. 164 del 25/6/2014 “Approvazione del documento "Strategia regionale di ricerca e innovazione per la specializzazione intelligente". (Proposta della Giunta regionale in data 14 aprile 2014, n. 515);

- n. 167 del 15/7/2014 “Approvazione del Documento Strategico Regionale dell’Emilia-Romagna per la programmazione dei Fondi Strutturali e di Investimento Europei (SIE) 2014-2020 - Strategia, approccio territoriale, priorità e strumenti di attuazione” (Proposta della Giunta regionale in data 28 aprile 2014, n. 571)”;

- n. 75 del 21/6/2016 “Programma triennale delle politiche formative e per il lavoro – (Proposta della Giunta regionale in data 12 maggio 2016, n. 646)” e prorogato con L.R. 13/2019;

Richiamate le deliberazioni della Giunta regionale:

– n. 1298/2015 “Disposizioni per la programmazione, gestione e controllo delle attività formative e delle politiche attive del lavoro – Programmazione SIE 2014 – 2020”;

– n. 39/2019 “Approvazione dell’Invito a presentare progetti: Alte Competenze per la Ricerca e il Trasferimento tecnologico - P.O.R. FSE 2014/2020 - Obiettivo Tematico 10”;

– n. 793/2019 “Approvazione Invito a presentare progetti alte competenze per la città contemporanea intelligente e sostenibile P.O.R. FSE 2014/2020 - Obiettivo Tematico 10”;

 Considerato che nell'Invito di cui all’Allegato 1), parte integrante e sostanziale della sopracitata deliberazione n. 39/2019, sono stati definiti:

– i progetti candidabili con riferimento a due azioni:

– azione 1. Progetti di formazione alla ricerca nell’ambito di corsi di dottorato di ricerca attraverso il finanziamento di borse triennali di dottorato;

– azione 2. Progetti di ricerca attraverso il finanziamento di assegni annuali di ricerca.

– gli ambiti di intervento:

– Ambito A) “Risorse umane per un’economia digitale: big data e intelligenza artificiale”;

– Ambito B) “Risorse umane per la specializzazione intelligente”;

 Preso atto che con le deliberazioni di Giunta regionale:

– n. 462/2019 “Approvazione dei Progetti di formazione alla ricerca presentati a valere sull’Invito approvato con propria Deliberazione n. 39/2019. P.O.R. FSE 2014/2020”, sulla base della quale risultano finanziabili n. 30 progetti di formazione riferiti alla suddetta Azione 1 di cui n. 12 afferenti all’ambito A) e n. 18 afferenti all’ambito B);

– n. 1114/2019 “Alte competenze per la città contemporanea intelligente e sostenibile: Approvazione dei progetti di formazione alla ricerca presentati a valere sull’Invito approvato con DGR n. 793/2019. P.O.R. FSE 2014/2020”, sulla base della quale risultano finanziabili n. 5 borse di Dottorato di ricerca triennali riferite ai n. 5 Progetti di formazione alla ricerca;

Preso atto che la suddetta Deliberazione n. 462/2019:

– dà atto che le risorse assegnate saranno finalizzate al completo finanziamento pubblico regionale della borsa di Dottorato di ricerca per l’intera triennalità tenuto conto di quanto previsto dalle Linee guida per l’accreditamento delle sedi e dei corsi di dottorato del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca con riferimento ed in particolare che ai sensi dell’art. 4, c. 1, lett. d, e art. 9, cc. 2 e 3, del DM n. 45/2013 a ciascun dottorando con borsa va assicurato l’importo aggiuntivo massimo per soggiorni di ricerca all’estero fino a un massimo di 18 mesi;

– dà altresì atto che il valore massimo complessivo di ciascuna borsa di dottorato di ricerca triennale è pari a massimo euro 86.743,44 determinati come somma di euro 1.927,63 mensili per 18 mensilità e euro 2.891,45 mensili per le restanti 18 mensilità per soggiorni di ricerca all’estero e che l’importo effettivo sarà determinato in funzione degli effettivi mesi di soggiorno di ricerca all’estero di ciascun dottorando;

– ha quantificato in euro 2.602.303,20 il budget massimo previsionale delle risorse necessarie per il finanziamento delle n. 30 borse di Dottorato di ricerca di cui al Programma Operativo Regionale FSE 2014/2020 – Obiettivo tematico 10 - Priorità di investimento 10.2;

– ha approvato il documento “Modalità di gestione e liquidazione delle borse di dottorato di ricerca”, di cui all’Allegato 3), parte integrante e sostanziale della citata deliberazione, che contiene le disposizioni da applicare per la liquidazione delle borse di dottorato riferite ai progetti di formazione alla ricerca approvabili e finanziabili con la stessa deliberazione;

– ha previsto, che con successivi provvedimenti del Responsabile del Servizio scrivente, si proceda al finanziamento delle suddette borse triennali, nel limite dell’importo di cui agli Allegati 2A) e 2B), nel rispetto di quanto previsto dagli articoli da 82 a 94 del D.Lgs. n.159/2011 e ss.mm. c.d. “Codice antimafia”, e previa acquisizione:

– della comunicazione da parte di ciascun Ateneo del codice CUP acquisito per ciascun progetto di formazione alla ricerca;

– della certificazione attestante che i soggetti beneficiari dei contributi sono in regola con il versamento dei contributi previdenziali e assistenziali;

 Preso atto, altresì, che la suddetta Deliberazione n. 1114/2019:

– dà atto che le risorse assegnate saranno finalizzate al completo finanziamento pubblico regionale della borsa di Dottorato di ricerca per l’intera triennalità tenuto conto di quanto previsto dalle Linee guida per l’accreditamento delle sedi e dei corsi di dottorato del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca con riferimento ed in particolare che ai sensi dell’art. 4, c. 1, lett. d, e art. 9, cc. 2 e 3, del DM n. 45/2013 a ciascun dottorando con borsa va assicurato l’importo aggiuntivo massimo per soggiorni di ricerca all’estero fino a un massimo di 18 mesi;

– dà altresì atto che il valore massimo complessivo di ciascuna borsa di dottorato di ricerca triennale è pari a massimo euro 86.743,44 determinati come somma di euro 1.927,63 mensili per 18 mensilità e euro 2.891,45 mensili per le restanti 18 mensilità per soggiorni di ricerca all’estero e che l’importo effettivo sarà determinato in funzione degli effettivi mesi di soggiorno di ricerca all’estero di ciascun dottorando;

– ha quantificato in euro 433.717,20 il budget massimo previsionale delle risorse necessarie per il finanziamento delle n. 5 borse di Dottorato di ricerca di cui al Programma Operativo Regionale FSE 2014/2020 – Obiettivo tematico 10 - Priorità di investimento 10.2;

– ha approvato il documento “Modalità di gestione e liquidazione delle borse di dottorato di ricerca”, di cui all’Allegato 3), parte integrante e sostanziale della citata deliberazione, che contiene le disposizioni da applicare per la liquidazione delle borse di dottorato riferite ai progetti di formazione alla ricerca approvabili e finanziabili con la stessa deliberazione;

– ha previsto, che con successivi provvedimenti del Responsabile del Servizio scrivente, si proceda al finanziamento delle suddette borse triennali, nel limite dell’importo di cui all’Allegato 2), nel rispetto di quanto previsto dagli articoli da 82 a 94 del D.Lgs. n.159/2011 e ss.mm. c.d. “Codice antimafia”, e previa acquisizione:

– della comunicazione da parte di ciascun Ateneo del codice CUP acquisito per ciascun progetto di formazione alla ricerca;

– della certificazione attestante che i soggetti beneficiari dei contributi sono in regola con il versamento dei contributi previdenziali e assistenziali;

 Dato atto che il finanziamento è determinato in funzione dei mesi di lavoro prestato su posti di dottorato prevedendo:

- quale “Categoria di costo” la copertura di tutti i costi ammissibili per partecipante (retribuzione e contributi previdenziali associati) e l'istituzione che conferisce il dottorato di ricerca (costi diretti e indiretti)

- quale “Unità di misura degli indicatori” il numero di mesi di lavoro prestato su posti di dottorato, in funzione dell'ubicazione sul territorio nazionale o all'estero;

- quali “Valori” i seguenti: 

- senza periodo trascorso all'estero: euro 1.927,63/mese;

- con periodo trascorso all'estero: euro 2.891,45/mese;

 Dato atto, altresì, che sono pervenute:

– la comunicazione da parte dell’Università Cattolica del Sacro Cuore sede di Piacenza, PG/2019/0734854 dell’1/10/2019, relativa al progetto Rif.PA 2019-11292/RER, approvato con la citata deliberazione di Giunta regionale n. 462/2019, Allegato 2B), con l’indicazione del relativo codice CUP e la data di inizio dei corsi, a partire dall’1 novembre 2019;

– la comunicazione da parte dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna, PG/2019/0754486 del 10/10/2019, relativa al progetto Rif.PA 2019-12131/RER, approvato con la citata deliberazione di Giunta regionale n. 1114/2019, Allegato 2), con l’indicazione del relativo codice CUP e la data di inizio dei corsi, a partire dall’1 novembre 2019;

Ritenuto pertanto di assegnare le risorse necessarie per il finanziamento delle n. 2 borse di Dottorato di ricerca, approvate con le citate deliberazioni nn. 462/2019 e 1114/2019, assumendo gli impegni di spesa a favore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna titolari dei corsi, come dettagliato nell’allegato 1) parte integrante e sostanziale al presente atto;

Evidenziato che la quantificazione massima delle risorse che potranno essere destinate al finanziamento triennale di una borsa di Dottorato di ricerca può ammontare a Euro 86.743,44, considerando i parametri di costo standard sopra richiamati e la durata triennale pari a 36 mesi di cui 18 all’estero, come previsto dalle disposizioni in materia;

 Valutato, anche in relazione a quanto prevedono le disposizioni in materia di borse di dottorato di ricerca e al fine di garantire la copertura finanziaria per i mesi di lavoro svolti all’estero, di imputare, in via di prima assegnazione delle risorse, nei primi 18 mesi del corso l’attività svolta all’estero, la quale sarà poi oggetto delle opportune variazioni sulla base della pianificazione del lavoro comunicata dal suddetto Ateneo;

Visti anche:

- il D.L. 21 giugno 2013, n.69 “Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia”, convertito con modificazioni dalla L. 9 agosto 2013, n.98, in particolare l’art. 31 “Semplificazioni in materia di DURC”;

- la circolare prot. n. PG/2013/154942 del 26/6/2013 “Inserimento nei titoli di pagamento del Documento Unico di Regolarità Contributiva DURC relativo ai contratti pubblici di lavori, servizi e forniture – Art. 31, comma 7 del D.L. 21 giugno 2013, n. 69 “Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia” pubblicato sul S.O. alla G.U. n. 144 del 21 giugno 2013”;

- la circolare prot. n. PG/2013/0208039 del 27/8/2013 “Adempimenti amministrativi in attuazione dell’art. 31 “Semplificazioni in materia di DURC” del D.L. 21 giugno 2013, n. 69 “Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia” convertito con modificazioni in Legge 9 agosto 2013, n. 98. Integrazione circolare prot. n. PG/2013/154942 del 26/6/2013”;

- il Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 30 gennaio 2015 “Semplificazioni in materia di documento unico di regolarità contributiva (DURC)”;

Dato atto che per l’Università Cattolica del Sacro Cuore e Alma Mater Studiorum Università di Bologna sono stati acquisiti i DURC rispettivamente con prot. n. INAIL_17496838 del 22/7/2019 e prot. n. INAIL_18571081 del 13/10/2019, trattenuti agli atti dello scrivente Servizio e in corso di validità, dai quali risultano che le citate Università sono in regola con i versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali;

Richiamato il D.Lgs. 6 settembre 2011, n.159 "Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136", e s.m.i.;

Dato atto che per l’Università Cattolica del Sacro Cuore e Alma Mater Studiorum Università di Bologna si rientra nell’applicazione di quanto previsto all’art. 83 comma 3 del sopra citato D.Lgs. 159/2011 e ss.mm.ii.;

Richiamati:

– il Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss. mm.ii.;

- la Deliberazione di Giunta Regionale n. n.122/2019 "Approvazione Piano triennale di prevenzione della corruzione. Aggiornamento 2019-2021 ed in particolare l’allegato D) “Direttiva di indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2019-2021”;

- la Deliberazione di Giunta regionale n. 468/2017 “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna”;

- le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale prot. n. PG/2017/0660476 del 13/10/2017 e PG/2017/0779385 del 21 dicembre 2017 relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni predisposto in attuazione della deliberazione della Giunta regionale n. 468/2017;

Visto il D.Lgs. n. 118/2011 ad oggetto “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli Enti Locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della Legge 5 maggio 2009 n. 42” e ss.mm.ii.;

Richiamate inoltre:

- la L.R. n.40/2001 recante "Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4" per quanto applicabile;

- la L.R. n.43/2001 recante "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e ss.mm.ii;

- la L.R. n.24/2018 recante "Disposizioni collegate alla legge regionale di stabilità per il 2019";

- la L.R. n.25/2018 recante "Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2019-2021 (legge di stabilità regionale 2019)";

- la L.R. n.26/2018 recante "Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2019-2021";

- la L.R. n.13/2019 recante “Disposizioni collegate alla Legge di assestamento e prima variazione generale al Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2019-2021”;

- la L.R. n. 14/2019 recante “Assestamento e prima variazione generale al Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2019-2021”;

- la Deliberazione della Giunta regionale n.2301/2018 recante “Approvazione del documento tecnico di accompagnamento e del bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2019-2021”;

- la Deliberazione della Giunta regionale n. 1331/2019 recante “Aggiornamento del documento tecnico di accompagnamento e del Bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2019-2021”;

Dato atto che le risorse Fondo Sociale Europeo 2014/2020, Obiettivo Tematico 10 - Priorità di investimento 10.2 di cui al presente provvedimento, quantificate complessivamente in Euro 173.486,88, trovano copertura sui pertinenti Capitoli di spesa nn. 75562, 75583 e 75599 del bilancio finanziario gestionale 2019 - 2021, anni di previsione 2020 e 2021 che presentano la necessaria disponibilità, approvato con Deliberazione di Giunta regionale n. 2301/2018 e successivo aggiornamento;

Considerato che le attività formative in oggetto si svilupperanno e si realizzeranno nell’arco di 3 anni accademici e viste le comunicazioni pervenute da parte dei citati Atenei, la spesa complessiva di Euro 173.486,88, risulta ripartita così come di seguito specificato:

- anno 2020: Euro 69.394,80;

- anno 2021: Euro 57.828,96;

- anno 2022: Euro 46.263,12

Ritenuto che ricorrano gli elementi di cui al D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii. e che si possa procedere, col presente atto, all’assunzione degli impegni di spesa nell’anno 2020 per Euro 69.394,80 e nell’anno 2021 per Euro 104.092,08, rinviando la somma di Euro 46.263,12 all’anno di previsione 2022 sulla base dell’esigibilità della spesa;

Atteso che:

- la quota di Euro 46.263,12 (ovvero la diversa quota risultante esigibile nel 2022) dovrà essere successivamente allocata nell’anno di previsione 2022 e sarà oggetto di reimputazione al pertinente anno di previsione in sede di riaccertamento dei residui a norma dell’art. 3 del D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii.;

- l’attestazione che la procedura dei pagamenti che saranno disposti in attuazione del presente atto, è compatibile con le prescrizioni previste all’art. 56 comma 6 del citato D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii. verrà disposta nelle successive fasi nelle quali si articolerà il processo di spesa per gli anni 2020, 2021 e 2022;

Dato atto che, trattandosi di contributi a rendicontazione quelli relativi al Programma Operativo Nazionale FSE 2014/2020, a fronte degli impegni di spesa assunti col presente atto si matura un credito nei confronti delle amministrazioni finanziatrici pari ad Euro 147.463,86 (di cui Euro 86.743,44 nei confronti dell’Unione Europea ed Euro 60.720,42 nei confronti del Ministero dell’Economia e delle Finanze per cofinanziamento nazionale);

Viste le Deliberazioni di Giunta regionale:

- n.2416/2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007” e ss.mm.ii., per quanto applicabile;

- n.270/2016 “Attuazione prima fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n.622/2016 “Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n.1107/2016 “Integrazione delle declaratorie delle strutture organizzative della giunta regionale a seguito dell'implementazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n. 2204/2017 “Assunzioni per il conferimento di incarico dirigenziale, ai sensi dell’art. 18 della L.R. 43/2001, presso la Direzione Generale Economia della Conoscenza, del Lavoro e dell’Impresa – Scorrimento graduatorie”;

- n.1059/2018 “Approvazione degli incarichi dirigenziali rinnovati e conferiti nell'ambito delle Direzioni Generali, Agenzie e Istituti e nomina del Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT), del Responsabile dell'anagrafe per la stazione appaltante (RASA) e del Responsabile della protezione dei dati (DPO)”;

Richiamata la determinazione del Direttore Generale Economia della Conoscenza, del Lavoro e dell’Impresa n. 52 del 9/01/2018 ad oggetto “Conferimento di due incarichi dirigenziali con responsabilità di servizio presso la Direzione Generale Economia della Conoscenza, del Lavoro e Impresa”;

Attestato che il sottoscritto dirigente, responsabile del procedimento, non si trova in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Attestata la regolarità amministrativa del presente atto;

Dato atto degli allegati visti di regolarità contabile;

determina:

per le ragioni espresse in premessa e qui integralmente richiamate:

1. di procedere al finanziamento delle n. 2 borse di Dottorato di ricerca, approvate con Deliberazioni di Giunta Regionale nn. 462/2019 e 1114/2019, a favore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore sede di Piacenza e Alma Mater Studiorum Università di Bologna, per una spesa complessiva di Euro 173.486,88, di cui alle risorse del Programma Operativo Regionale FSE 2014/2020 - Obiettivo tematico 10, come riportato in Allegato 1) parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

2. di imputare la somma complessiva di Euro 173.486,88, registrata come segue:

- quanto ad Euro 34.697,40 al n.1518 di impegno sul Capitolo U75562 “ASSEGNAZIONE AGLI ENTI DELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA CRESCITA E OCCUPAZIONE. (OBIETTIVO "INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA E OCCUPAZIONE" - PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014/2020 - CONTRIBUTO CE SUL FSE (REGOLAMENTO UE N. 1303 DEL 17 DICEMBRE 2013, DEC. C(2014) 9750 DEL 12 DICEMBRE 2014)”;

- quanto ad Euro 24.288,18 al n.1519 di impegno sul Capitolo U75583 “ASSEGNAZIONE AGLI ENTI DELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA CRESCITA E OCCUPAZIONE. (OBIETTIVO "INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA E OCCUPAZIONE" - PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014/2020 (L. 16 APRILE 1987, N. 183, DELIBERA CIPE N. 10 DEL 28 GENNAIO 2015, DEC. C(2014) 9750 DEL 12 DICEMBRE 2014) - MEZZI STATALI”;

- quanto ad Euro 10.409,22 al n.1520 di impegno sul Capitolo U75599 “ASSEGNAZIONE AGLI ENTI DELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA CRESCITA E OCCUPAZIONE. (OBIETTIVO "INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA E OCCUPAZIONE" - PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014/2020 (L.R. 30 GIUGNO 2003, N.12; L.R. 1 AGOSTO 2005, N. 17; DEC. C(2014) 9750 DEL 12 DICEMBRE 2014) - QUOTA REGIONE”;

del bilancio finanziario gestionale 2019 - 2021, anno di previsione 2020, che presenta la necessaria disponibilità, approvato con Deliberazione di Giunta regionale n. 2301/2018 e successivo aggiornamento;

- quanto ad Euro 52.046,04 al n.436 di impegno sul Capitolo U75562 “ASSEGNAZIONE AGLI ENTI DELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA CRESCITA E OCCUPAZIONE. (OBIETTIVO "INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA E OCCUPAZIONE" - PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014/2020 - CONTRIBUTO CE SUL FSE (REGOLAMENTO UE N. 1303 DEL 17 DICEMBRE 2013, DEC. C(2014) 9750 DEL 12 DICEMBRE 2014)”;

- quanto ad Euro 36.432,24 al n.437 di impegno sul Capitolo U75583 ”ASSEGNAZIONE AGLI ENTI DELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA CRESCITA E OCCUPAZIONE. (OBIETTIVO "INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA E OCCUPAZIONE" - PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014/2020 (L. 16 APRILE 1987, N. 183, DELIBERA CIPE N. 10 DEL 28 GENNAIO 2015, DEC. C(2014) 9750 DEL 12 DICEMBRE 2014) - MEZZI STATALI”;

- quanto ad Euro 15.613,80 al n.438 di impegno sul Capitolo U75599 “ASSEGNAZIONE AGLI ENTI DELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA CRESCITA E OCCUPAZIONE. (OBIETTIVO "INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA E OCCUPAZIONE" - PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014/2020 (L.R. 30 GIUGNO 2003, N.12; L.R. 1 AGOSTO 2005, N. 17; DEC. C(2014) 9750 DEL 12 DICEMBRE 2014) - QUOTA REGIONE”;

del bilancio finanziario gestionale 2019 - 2021, anno di previsione 2021, che presenta la necessaria disponibilità, approvato con Deliberazione di Giunta Regionale n. 2301/2018 e successivo aggiornamento, dando atto che per le considerazioni espresse in premessa, gli impegni e i conseguenti accertamenti saranno oggetto di reimputazione, in ragione della loro esigibilità, in sede di riaccertamento dei residui attivi e passivi a norma dell’art. 3 del D.Lgs. n.118/2011 e ss.mm.ii. per complessivi Euro 46.263,12 (di cui Euro 23.131,56 sul Capitolo 75562, Euro 16.192,10 sul Capitolo 75583 ed Euro 6.939,46 sul Capitolo 75599) ovvero di diversa quota risultante esigibile nel 2022; 

3. di dare atto che, in attuazione del D.Lgs. 118/2011 e ss.mm.ii., le stringhe concernenti la codificazione della transazione elementare, come definitedal citato decreto, sono le seguenti: 

2020 – 2021 - 2022

Capitolo U75562 - Missione 15 - Programma 03- Codice economico U.1.04.01.02.008- COFOG 04.1 - Transazioni UE 3- SIOPE 1040102008 - C.I. spesa 3 – Gestione ordinaria 3

Capitolo U75583 - Missione 15 - Programma 03- Codice economico U.1.04.01.02.008- COFOG 04.1 - Transazioni UE 4- SIOPE 1040102008 - C.I. spesa 3 – Gestione ordinaria 3

Capitolo U75599 - Missione 15 - Programma 03- Codice economico U.1.04.01.02.008- COFOG 04.1 - Transazioni UE 7 - SIOPE 1040102008 - C.I. spesa 3 – Gestione ordinaria 3

e che in relazione al codice CUP si rinvia all’Allegato 1) parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

 4. di accertare, a fronte degli impegni di spesa di cui al precedente punto 2., la somma di Euro 147.463,86 così come di seguito specificato:

– quanto ad Euro 34.697,40 registrati al n. 379 di accertamento sul Capitolo E04251 - “CONTRIBUTO DELL'UNIONE EUROPEA SUL FONDO SOCIALE EUROPEO PER IL FINANZIAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014/2020 OBIETTIVO "INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE" (REGOLAMENTO UE N. 1303 DEL 17 DICEMBRE 2013, DEC. C(2014) 9750 DEL 12 DICEMBRE 2014)”, quale credito nei confronti dell’Unione Europea a titolo di risorse del Fondo Sociale Europeo;

– quanto ad Euro 24.288,18 registrati al n. 380 di accertamento sul Capitolo E03251 - “ASSEGNAZIONE DELLO STATO PER IL COFINANZIAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014/2020 FONDO SOCIALE EUROPEO OBIETTIVO "INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE" (LEGGE 16 APRILE 1987, N. 183, DELIBERA CIPE N. 10 DEL 28 GENNAIO 2015; REGOLAMENTO UE N. 1303 DEL 17 DICEMBRE 2013, DEC. C(2014)9750 DEL 12 DICEMBRE 2014)”, quale credito nei confronti del Ministero dell’Economia e delle Finanze a titolo di cofinanziamento statale a valere sul fondo di rotazione,

del bilancio finanziario gestionale 2019 - 2021, anno di previsione 2020, approvato con Deliberazione di Giunta Regionale n. 2301/2018 e successivo aggiornamento;

– quanto ad Euro 52.046,04 registrati al n. 147 di accertamento sul Capitolo E04251 - “CONTRIBUTO DELL'UNIONE EUROPEA SUL FONDO SOCIALE EUROPEO PER IL FINANZIAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014/2020 OBIETTIVO "INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE" (REGOLAMENTO UE N. 1303 DEL 17 DICEMBRE 2013, DEC. C(2014) 9750 DEL 12 DICEMBRE 2014)”, quale credito nei confronti dell’Unione Europea a titolo di risorse del Fondo Sociale Europeo;

– quanto ad Euro 36.432,24 registrati al n. 148 di accertamento sul Capitolo E03251 - “ASSEGNAZIONE DELLO STATO PER IL COFINANZIAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014/2020 FONDO SOCIALE EUROPEO OBIETTIVO "INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE" (LEGGE 16 APRILE 1987, N. 183, DELIBERA CIPE N. 10 DEL 28 GENNAIO 2015; REGOLAMENTO UE N. 1303 DEL 17 DICEMBRE 2013, DEC. C(2014)9750 DEL 12 DICEMBRE 2014)”, quale credito nei confronti del Ministero dell’Economia e delle Finanze a titolo di cofinanziamento statale a valere sul fondo di rotazione,

del bilancio finanziario gestionale 2019 - 2021, anno di previsione 2021, approvato con Deliberazione di Giunta Regionale n. 2301/2018 e successivo aggiornamento;

5. di ricordare che, come previsto dalle citate deliberazioni di G.R. nn. 462/2019 e 1114/2019, il Responsabile del Servizio “Gestione e Liquidazione degli interventi delle politiche educative, formative e per il lavoro e supporto all’Autorità di Gestione FSE” provvederà con proprie successive determinazioni alla liquidazione delle borse triennali di dottorato, ai sensi della normativa contabile vigente, al verificarsi delle condizioni previste nel documento di cui all’Allegato 3) parte integrante e sostanziale delle citate deliberazioni n. 462/2019 e n. 1114/2019;

6. di rinviare per quanto non espressamente previsto nel presente provvedimento, anche relativamente alle modalità di liquidazione, alle Deliberazioni di Giunta regionale nn. 462/2019 e 1114/2019 in premessa citate, nonché alle disposizioni del d.lgs. n.118/2011;

7. di provvedere agli obblighi di pubblicazione previsti nell’art.26 comma 2 del D.Lgs. n. 33/2013 e alle ulteriori pubblicazioni previste dal Piano triennale di prevenzione della corruzione ai sensi dell’art.7 bis comma 3 del D.Lgs. n. 33/2013;

8. di dare atto che si provvederà agli adempimenti previsti dall’art. 56, comma 7, del D.Lgs. 118/2011 e ss.mm.ii.;

9. di pubblicare per estratto la presente determinazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico e sul sito http://formazionelavoro.regione.emilia-romagna.it.

La Responsabile del Servizio

Claudia Gusmani

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it