E-R | BUR

n.155 del 19.10.2011 periodico (Parte Terza)

XHTML preview

Avviso pubblico per il conferimento di incarichi libero - professionali di medico addetto all'effettuazione di controlli domiciliari ai lavoratori dipendenti, pubblici e privati, in stato di malattia

Il Coordinatore dell’Area di Staff Sicurezza e Risk Management dell’Azienda USL di Bologna con provvedimento n. 1801 dell’ 8/10/2011 esecutivo ai sensi di legge, ha determinato la predisposizione di una graduatoria aziendale in previsione del conferimento di incarichi libero-professionali di:

Medico addetto all’effettuazione di controlli domiciliari ai lavoratori dipendenti, pubblici e privati, in stato di malattia.  

Il presente avviso pubblico viene emesso per l’attuazione del disposto dell’art. 5, comma 10, del D.L. 12/9/1983, n. 463, convertito in Legge 11/11/1983, n. 638, e dell’art. 5 della Legge 20/5/1970, n. 300. 

All’avviso potranno partecipare i medici che, alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande, siano iscritti all’Albo professionale della Provincia di Bologna. 

Modalità e termini per la presentazione della domanda

Le domande di ammissione all’avviso, redatte in carta semplice e firmate in calce senza necessità di alcuna autentica (art. 39, DPR 445/00), corredate di fotocopia non autenticata di documento di identità, dovranno pervenire, a pena di esclusione, all’Azienda USL di Bologna - Unità Operativa Complessa Medicina Legale - Via Gramsci n. 12 - 40121 Bologna, entro il termine perentorio delle ore 12.00 del quindicesimo giorno non festivo successivo alla data di pubblicazione del presente avviso nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.

La domanda potrà essere consegnata direttamente, all’indirizzo sopra indicato, dalle ore 10.00 alle ore 12.00 di tutti i giorni feriali dal lunedì al venerdì. All’atto della consegna della domanda verrà rilasciata apposita ricevuta.

La domanda si considera prodotta in tempo utile anche se spedita con raccomandata con avviso di ricevimento entro il termine sopra indicato; a tal fine fa fede la data del timbro dell’Ufficio postale accettante.

Nel caso di invio a mezzo postale quest’Azienda USL declina ogni responsabilità per eventuali ritardi o smarrimenti delle domande spedite. 

Domanda di ammissione

 Nella domanda di ammissione all’avviso gli aspiranti dovranno dichiarare, sotto la propria responsabilità:

  1.  cognome, nome, data e luogo di nascita, residenza;
  2. la regolare iscrizione all’Albo dell’Ordine dei medici-chirurghi della Provincia di Bologna;
  3. la data di conseguimento del diploma di laurea in Medicina e Chirurgia ed il relativo voto di laurea;
  4. le eventuali specializzazioni possedute;
  5. gli eventuali periodi svolti in qualità di medico addetto ai controlli;
  6. di non trovarsi in una condizione di incompatibilità per specifiche norme di legge o contratto di lavoro;
  7. di garantire la propria disponibilità ad eseguire le visite di controllo in tutte le fasce di reperibilità previste dalle disposizioni in vigore;
  8. il domicilio ed il numero telefonico presso il quale dovrà, ad ogni effetto, essere fatta ogni necessaria comunicazione.

Le dichiarazioni sopra indicate saranno considerate dichiarazioni sostitutive ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR 445/00 e pertanto, nel caso emerga la non veridicità del contenuto delle stesse, il dichiarante decadrà dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base delle dichiarazioni non veritiere e sarà punibile ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia (artt. 75 e 76 del DPR 445/00). 

Graduatoria e relativo utilizzo

L’Azienda USL di Bologna procederà alla formazione della graduatoria, di durata annuale, sulla base delle domande pervenute e attribuendo a ciascun candidato il punteggio secondo i criteri stabiliti dalla delibera della Giunta regionale n. 178 del 20/2/2001 e ribaditi dalla delibera della Giunta regionale n. 1783 del 22/9/2003, di seguito elencati:

  1. voto di laurea: da 96 a 100 punti - punti 1; da 101 a 105 - punti 2; da 106 a 110 - punti 3; 110 e lode - punti 4;
  2. specializzazione in medicina legale, in medicina legale e delle assicurazioni, in medicina legale e infortunistica (è valutata una sola specializzazione) - punti 2;
  3. specializzazione in medicina del lavoro (in alternativa alla specializzazione di cui al punto precedente) - punti 1;
  4. per ogni altra specializzazione, oltre a quelle stabilite ai due punti precedenti - punti 0,5;
  5. per ogni mese, o frazione superiore ai 15 giorni, di attività di medico addetto ai controlli - punti 0,2;
  6. per ogni mese, o frazione superiore ai 15 giorni, di anzianità di laurea (fino ad un massimo di 12 mesi) - punti 0,2. 

A parità di punteggio sarà considerato quale criterio prevalente quello della minore età anagrafica.

I titoli sopra elencati saranno comprovati dagli interessati mediante dichiarazioni sostitutive (ex artt. 46 e 47 del DPR 445/00) da rendersi nella domanda presentata secondo le modalità sopra indicate.

 La graduatoria sarà formalizzata dall’Azienda USL di Bologna con apposito provvedimento e rimarrà valida per un periodo di 12 mesi dalla sua approvazione, salvo approvazione di nuova graduatoria nel frattempo intervenuta. 

Conferimento dell’incarico libero professionale

L’incarico sarà conferito secondo l’ordine della graduatoria ai medici che non si trovino in condizioni di incompatibilità per specifiche norme di legge o contratto di lavoro.

Il conferimento dell’incarico libero professionale è inoltre subordinato al possesso della Partita IVA, che andrà comunicata al momento dell’accettazione dell’incarico stesso.

Il territorio di competenza per l’effettuazione dei controlli è suddiviso in cinque ambiti territoriali (Bologna, S. Giorgio di Piano, S. Giovanni in Persiceto, S. Lazzaro di Savena, Casalecchio di Reno–Porretta Terme). Ai medici utilmente collocati in graduatoria sarà consentito, al momento del conferimento dell’incarico, di esprimere una preferenza in ordine all’ambito di assegnazione, ferma restando la possibilità di essere utilizzati, in caso di necessità, sull’intero territorio di competenza aziendale.

La mancata accettazione dell’incarico da parte di un medico utilmente collocato in graduatoria non ne comporta la cancellazione dalla stessa; pertanto il medesimo potrà essere nuovamente interpellato una seconda volta, in caso di successivi conferimenti di incarico, dopodichè, in caso di ulteriore mancata accettazione, verrà considerato decaduto dal diritto.

Il carico di lavoro è stabilito, in linea di massima, in ragione di 21 visite settimanali per ciascun medico, sulla base dei fabbisogni espressi dallo specifico bacino di utenza.

 Il medico incaricato dell’effettuazione degli accertamenti sanitari al personale dipendente assente dal servizio per malattia o maternità, con il quale verrà stipulata un apposito contratto, riceverà i compensi previsti dalla delibera della Giunta regionale della Regione Emilia-Romagna n. 1783 del 22/9/2003, stabiliti nella seguente misura:

  • Euro 17,50 onnicomprensivi per ogni visita medica domiciliare di controllo effettuata, incrementati di un importo pari a 1/5 del costo di un litro di benzina super a chilometro per il percorso effettuato
  • Euro 11,00 per ogni visita medica di controllo resa a livello ambulatoriale o in caso di mancata effettuazione della visita per assenza del lavoratore al domicilio, in quest’ultimo caso incrementati di un importo pari a 1/5 del costo di un litro di benzina super a chilometro per il percorso effettuato

Il medico al quale sarà conferito l’incarico libero professionale avrà l’obbligo di osservare le norme interne dell’AUSL di Bologna e le disposizioni impartite dai Responsabili di riferimento.

Qualora, dopo aver iniziato l’attività, non la prosegua regolarmente ed ininterrottamente per l’intera durata dell’incarico, senza alcun giustificato motivo, sarà dichiarato decaduto dall’ulteriore svolgimento dello stesso.

Nel caso in cui si renda responsabile di gravi e ripetute mancanze o dia prova di non possedere sufficiente attitudine all’attività, l’AUSL darà corso alla risoluzione dell’incarico. 

Disposizioni varie

Ai sensi dell’art. 13 del DLgs. 196/03 “Codice in materia di protezione dei dati personali” questa Azienda informa i partecipanti alle procedure di cui al presente avviso che i dati personali ad essi relativi saranno oggetto di trattamento da parte della competente Direzione con modalità sia manuali che informatizzate e che titolare è l’Azienda USL di Bologna.

Ciò premesso, si precisa che i dati sono trattati esclusivamente ai fini dell’adempimento delle prescrizioni relative alla presente procedura. Tali dati saranno comunicati o diffusi ai soggetti espressamente incaricati del trattamento, o in presenza di specifici obblighi previsti dalla legge, dalla normativa comunitaria o dai regolamenti.

Sono fatti salvi i diritti che l’art. 7 del DLgs 196/03 garantisce ai soggetti interessati.

 Si precisa che, vista la natura obbligatoria del conferimento dei dati, un eventuale rifiuto degli stessi o una loro omissione nei termini stabiliti sarà causa di esclusione dalla procedura di cui trattasi.

 Questa Amministrazione si riserva il diritto di annullare, revocare, sospendere o modificare il presente avviso, in relazione ad eventuali modifiche normative o ad esigenze di servizio. 

Per ulteriori informazioni e/o per il ritiro del facsimile di domanda, i candidati potranno rivolgersi all’Azienda USL di Bologna - U.O.C. Medicina Legale - Via Gramsci n. 12 - Bologna (tel. 051/6079711 - 051/6079784 - e mail: marco.raggi@ausl.bologna.it).

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it