E-R | BUR

n.136 del 22.05.2013 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione schema di intesa di collaborazione e di supporto tecnico-specialistico tra la Regione Emilia-Romagna, servizio tecnico di Bacino Romagna e il comune di Verghereto (FC) per la realizzazione di: "Art. 10 L.R. 1/05 - interventi di somma urgenza per la messa in sicurezza della parete rocciosa della rupe di Corneto in comune di Verghereto (FC)"

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

(omissis) 

delibera:

per le motivazioni indicate in premessa, che qui si intendono integralmente richiamate:

1. di approvare lo schema d’intesa di collaborazione e supporto tecnico specialistico tra Regione Emilia-Romagna - Servizio Tecnico di Bacino Romagna e il Comune di Verghereto per la collaborazione tecnica ai fini dell’espletamento dell’intero procedimento per la realizzazione dei lavori: “Art. 10 L.R. 1/05 – Interventi di somma urgenza per la messa in sicurezza della parete rocciosa della Rupe di Corneto in Comune di Verghereto (FC)”, allegato alla presente deliberazione quale parte integrante e sostanziale (Allegato A);

2. di autorizzare il Responsabile del Servizio Tecnico di Bacino Romagna, Ing. Mauro Vannoni, a sottoscrivere l'accordo di cui al punto 1;

3. di stabilire che i tempi di attuazione e le modalità di esecuzione dell’intesa saranno quelli specificati nello schema allegato alla presente deliberazione;

4. di dare atto che la collaborazione tecnica ai fini della realizzazione dell’intervento di cui trattasi non comporta alcun onere di spesa a carico del Bilancio Regionale in quanto finanziato con fondi messi a disposizione dall’Agenzia Regionale di Protezione Civile, come da nota prot. n. PG/2012/23792 del 19/12/2012, a favore del Comune di Verghereto (FC);

5. di pubblicare, per estratto, la presente intesa nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna.

Schema di intesa ai sensi dell'art. 35 della L.R. 10/08 tra Regione Emilia-Romagna – Servizio Tecnico di Bacino Romagna e il Comune di Verghereto per la realizzazione di “Interventi di somma urgenza per la messa in sicurezza della parete rocciosa della Rupe di Corneto in comune di Verghereto (FC)”

L’anno ____, nel mese di ________, il giorno _____ tra la Regione Emilia-Romagna, con sede legale in Viale Aldo Moro n. 52 – 40127 Bologna, C.F. 80062590379, rappresentata dal Responsabile del Servizio Tecnico di Bacino Romagna, Ing. Mauro Vannoni, giusta deliberazione della Giunta regionale n. ____ del _________ (di seguito Servizio Tecnico), e il Comune di Verghereto, con sede legale in Via Caduti d’Ungheria n.11 – 47028 Verghereto (FC), C.F. 00749660403, rappresentata da ______, giusto provvedimento n. _____ del ___ (di seguito Ente),

premesso che:

- l’Agenzia Regionale di Protezione Civile, con nota PG/2012/23792 in data 19/12/2012, ha assicurato il proprio concorso finanziario al Comune di Verghereto, ai sensi dell’art. 10 della L.R. 1/2005, nel limite massimo di Euro 50.000,00, per la realizzazione degli “Interventi di somma urgenza per la messa in sicurezza della parete rocciosa della Rupe di Corneto in Comune di Verghereto (FC)”;

- con Deliberazione della Giunta Municipale del Comune di Verghereto n. 8 del 15/01/2013 è stato approvato lo schema d’intesa in oggetto;

tutto cio' premesso, si conviene e stipula quanto segue:

Art. 1 Finalità

1. La presente Intesa ha la finalità di gestire in modo coordinato ed integrato gli interventi in materia di difesa del suolo di interesse comune alle parti con fondi attribuiti al Comune di Verghereto (FC).

Art. 2 Oggetto

1. La presente Intesa disciplina le modalità di coordinamento per l'espletamento delle attività di realizzazione del seguente intervento “Art.10 L.R. 1/2005 - Interventi di somma urgenza per la messa in sicurezza della parete rocciosa della Rupe di Corneto in Comune di Verghereto (FC)”.

Art. 3 Compiti della Regione

1. Il Servizio Tecnico provvede nel rispetto della normativa vigente in materia di lavori pubblici: alla nomina del Responsabile Unico del Procedimento (RUP);

  • alla convocazione, se necessario, della conferenza di servizi ai sensi dell’art. 14 e ss. della L. 241/90 e s.m.i. per l’acquisizione dei pareri, concessioni, autorizzazioni, nulla osta, intese, licenze e assensi comunque denominati rilasciati dalle Amministrazioni competenti;
  • alla progettazione preliminare, definitiva, esecutiva, alle attività tecnico amministrative ad essa connesse e alle relative approvazioni;
  • alle procedure di affidamento dei lavori (e degli eventuali servizi contenuti nel quadro economico) ed alla stipulazione del contratto di appalto nonché alle relative approvazioni;
  • alla direzione lavori e alle attività di contabilizzazione connesse;
  • alla sicurezza dei cantieri;
  • all'adozione di eventuali perizie di variante e/o suppletive, nei limiti degli stanziamenti assentiti;
  • alla trasmissione all'Ente di tutti i documenti contabili e fiscali per consentire i relativi pagamenti.

2. Il Responsabile del Servizio tecnico attribuisce, mediante adozione di apposito atto, gli incarichi di progettazione, direzione lavori e della sicurezza cantieri ai collaboratori regionali in possesso dei requisiti tecnici richiesti dalla normativa vigente scelti tra quelli in servizio presso il Servizio tecnico medesimo.

Art. 4 Compiti dell'Ente

1. L'Ente svolge le ulteriori attività necessarie alla corretta realizzazione del lavoro pubblico di cui all’art. 2 nel rispetto della normativa vigente in materia di lavori pubblici ed in particolare:

  • Prende atto della determinazione di approvazione del contratto d'appalto e assume il relativo impegno di spesa;
  • Prende atto della determinazione di approvazione delle eventuali perizie di variante e suppletiva e assume il relativo impegno di spesa;
  • Prende atto delle determinazioni di approvazione degli atti di contabilità e provvede ai relativi pagamenti;
  • Nomina gli eventuali collaudatori;
  • Prende atto della determinazione di approvazione del certificato di regolare esecuzione e della contabilità finale e provvede al pagamento del saldo.

Art. 5 Disponibilità delle aree

1. Considerato che si tratta di un intervento di somma urgenza e di messa in sicurezza al fine della tutela della pubblica incolumità, l’Ente dovrà garantire l’accesso e la disponibilità delle aree su cui l’intervento stesso viene realizzato.

Art. 6 Oneri

1. L'Ente a seguito della presa d’atto delle determinazioni di approvazione degli atti di contabilità, dovrà provvedere a trasferire alla Tesoreria regionale le somme dovute ai sensi dell’art. 92 del DLgs. 12 aprile 2006, n. 163 "Codice contratti Pubblici di lavori servizi e forniture" (di seguito Codice) definite sulla base del proprio regolamento interno relativo alla incentivazione alla progettazione e direzione lavori che saranno corrisposte ai collaboratori regionali di cui all’art. 3, comma 2 della presente Intesa.

2. Il Servizio regionale competente in materia di personale provvede al pagamento dell’incentivo in un’unica soluzione agli aventi diritto previo accertamento del versamento alla Tesoreria regionale della quota per incentivi alla progettazione di cui all’art. 92 D. Lgs. 163/2006 e s.m.i..

Art. 7 Coperture assicurative

1. Le garanzie di cui all’art. 111 del Codice, dovute dai progettisti incaricati ai sensi dell’art. 3, comma 2, della presente Intesa, sono soddisfatte dalle polizze in essere presso la Regione ed alle condizioni ivi previste.

Art. 8 Durata dell'intesa

1. La presente Intesa decorre dalla data di sottoscrizione e rimane in vigore fino al pagamento della rata di saldo a seguito della presa d'atto da parte dell'Ente della determinazione di approvazione del certificato di regolare esecuzione e della contabilità finale.

2. Le parti dovranno adoperarsi secondo le regole di buon amministrazione al fine di non rallentare o ritardare senza giustificato motivo l’esecuzione del lavoro.

Art. 9 Controversie

1. Ogni controversia sorta in ordine ai contenuti e all’esecuzione della presente Intesa sarà demandata alla competenza del Tribunale Amministrativo Regionale di Bologna.

Art. 10 Registrazione

1. La presente Intesa, redatta in forma di scrittura privata, non è soggetto a registrazione ai sensi del D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131 e s.m.i. "Testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta di registro".

Letta, approvata e sottoscritta

Redatta in due originali

data, __________

per l'Ente per la Regione Emilia-Romagna

_______________ ____________________________

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it