E-R | BUR

n.155 del 01.06.2018 (Parte Seconda)

XHTML preview

Bando regionale 2018-2020 per la concessione di contributi a Comuni e loro Unioni per favorire la formazione di Piani Urbanistici Generali (PUG). Art. 3 comma 6, L.R. n. 24/2017. Scadenza 15 ottobre 2018

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Viste:

- la legge regionale 19 dicembre 2017 n. 24 “Disciplina regionale sulla tutela e l’uso del territorio”;

- la L.R. n. 15 novembre 2001, n.40 "Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n.4" per quanto applicabile;

- il D.Lgs.23 giugno 2011, n.118 “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n.42” e
ss.mm.ii.;

- la L.R. 27 dicembre 2017 n. 25, recante "Disposizioni collegate alla legge regionale di stabilità per il 2018";

- la L.R. 27 dicembre 2017, n. 26 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale di previsione 2018–2020 (legge di stabilità regionale 2018)”;

- la L.R. 27 dicembre 2017, n. 27 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2018-2020”;

- la propria deliberazione n. 2191 del 28 dicembre 2017 “Approvazione del documento tecnico di accompagnamento e del bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2018-2020”;

Preso atto:

- che l'art. 3 comma 6 della L.R. n. 24/2017 prevede che “La Regione concede contributi a Comuni e loro Unioni al fine di favorire l’adeguamento della pianificazione generale vigente alle previsioni della presente legge. La Giunta regionale, attraverso appositi bandi annuali pubblicati sul Bollettino ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico a norma dell'articolo 12, comma 1, della legge n. 241 del 1990 e ss.mm.ii., specifica i criteri per l’assegnazione dei contributi, individuando tra l’altro la misura percentuale massima del contributo regionale. La valutazione delle richieste presentate è effettuata dalla Giunta regionale, che approva il programma di erogazione dei contributi dando comunque priorità ai piani urbanistici generali delle Unioni di Comuni cui sia stato trasferito l’esercizio della funzione di pianificazione urbanistica e in secondo luogo ai piani intercomunali, con preferenza per quelli che presentino il maggior numero di Comuni coinvolti”;

- che i contributi di cui all’art. 3 comma 6, della L.R. n. 24/2017, sono allocati sul capitolo di spesa 30553 “CONTRIBUTI A PROVINCE, UNIONI DI COMUNI E NUOVE COMUNITÀ MONTANE PER FAVORIRE LA FORMAZIONE DI STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E URBANISTICA NONCHE' PER L'ADEGUAMENTO DEI PTCP (ART.48, COMMI 1,2 E 3, L.R. 24 MARZO 2000, N.20 ABROGATA” nel bilancio annuale di previsione 2018–2020 per un ammontare complessivo di € 1.800.000 e ad essi si farà riferimento per la concessione ai soggetti beneficiari con successiva deliberazione sulla base delle domande pervenute;

Considerato:

- che in base al comma 4 dell’art. 18 bis della L.R. n. 24/1996 come aggiunto da art. 9 della L.R. n. 13/2015 e ss.mm.ii., i programmi e provvedimenti regionali di settore che prevedono contributi a favore degli enti locali garantiscono priorità ai Comuni derivanti da fusione nei dieci anni successivi alla loro costituzione;

Ritenuto:

- di avviare il bando per incentivare la formazione dei nuovi Piani urbanistici generali (PUG) – di cui all’art. 31 della L.R. n. 24/2017 - per l’adeguamento della pianificazione comunale vigente alle previsioni della L.R. n. 24/2017 ai sensi dell’art 3 della L.R. n. 24/2017;

- di dare quindi priorità e maggiore incentivazione del contributo regionale ai processi di pianificazione in forma intercomunale presentati da Unioni cui sia stata trasferita la funzione di pianificazione urbanistica come già indicato nel richiamato art. 3 della L.R. n. 24/2017 ed ai Comuni oggetto di processi di fusione nei processi di riordino territoriale, ed a seguire agli altri piani intercomunali ed in ultimo ai Comuni in forma singola;

- di stabilire un limite massimo al contributo regionale per ciascun soggetto beneficiario, differenziato in base al diverso procedimento con cui gli Enti possono adeguare i propri strumenti urbanistici generali alle previsioni della L.R. n. 24/2017, secondo quanto indicato ai commi 2, 3 e 4 del richiamato art. 3 e che comunque il contributo regionale non possa superare il 70% delle spese complessive sostenute;

- di stabilire che, in caso di piano intercomunale, il contributo sia direttamente proporzionale al numero di Comuni che unificano il procedimento per incentivare tali processi di pianificazione congiunta tra Enti;

Visti:

- il D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss.mm.ii., ed in particolare l’art.26, comma 1;

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e ss.mm.ii.;

Viste le seguenti proprie deliberazioni:

- n. 2416 del 29 dicembre 2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007” e ss.mm.ii, per quanto applicabile;

- n. 270 del 29 febbraio 2016 “Attuazione prima fase della riorganizzazione avviate con Delibera 2189/2015”;

- n. 622 del 28 aprile 2016 "Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con Delibera 2189/2015";

- n. 702 del 16 febbraio 2016 “Approvazione incarichi dirigenziali conferiti nell'ambito delle Direzioni Generali – Agenzie – Istituto, e nomina dei responsabili della prevenzione della corruzione, della trasparenza e accesso civico, della sicurezza del trattamento dei dati personali, e dell'anagrafe della stazione appaltante”;

- n. 56 del 25 gennaio 2016 “Affidamento degli incarichi di Direttore Generale della Giunta regionale, ai sensi dell’art.43 della L.R. 43/2001”;

- n. 1107 del 11 luglio 2016 "Integrazione delle declaratorie delle strutture organizzative della Giunta regionale a seguito dell'implementazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con Delibera 2189/2015";

- n. 121 del 6 febbraio 2017 “Nomina del responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza”;

- n. 93 del 29/1/2018 “Approvazione piano triennale di prevenzione della corruzione. Aggiornamento 2018-2020”, ed in particolare l’allegato B) “Direttiva di indirizzi interpretativi per l'applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2018-2020”;

- n. 468 del 10/4/2017, “Il sistema del controllo interni nella Regione Emilia-Romagna”;

Richiamate:

- la determina dirigenziale n. 7283 del 29/4/2016 “Modifica dell'assetto delle posizioni dirigenziali professional, conferimento di incarichi dirigenziali, riallocazione posizioni organizzative e di personale in servizio presso la Direzione generale Cura del territorio e dell'ambiente”

- le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale PG/2017/0660476 del 13 ottobre 2017 e PG/2017/0779385 del 21 dicembre 2017 relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni predisposte in attuazione della propria deliberazione n. 468/2017;

Dato atto che il responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore regionale ai Trasporti, Reti infrastrutture materiali e immateriali, Programmazione territoriale e Agenda digitale;

A voti unanimi e palesi

delibera

per le motivazioni indicate in premessa, che qui si intendono integralmente richiamate come parti integranti e sostanziali,

1) di approvare il “Bando regionale per la concessione di contributi a Comuni e loro Unioni per favorire la formazione di Piani urbanistici generali (PUG). Art. 3 comma 6, L.R. n. 24/2017. Scadenza ottobre 2018” - Allegato 1 – parte integrante e sostanziale del presente atto;

2) di dare atto che le risorse finalizzate a fornire la copertura finanziaria sono allocate sul capitolo di spesa 30553 “CONTRIBUTI A PROVINCE, UNIONI DI COMUNI E NUOVE COMUNITÀ MONTANE PER FAVORIRE LA FORMAZIONE DI STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E URBANISTICA NONCHE' PER L'ADEGUAMENTO DEI PTCP (ART.48, COMMI 1,2 E 3, L.R. 24 MARZO 2000, N.20 ABROGATA” nel bilancio annuale di previsione 2018–2020 per un ammontare complessivo di € 1.800.000 e ad essi si farà riferimento per la concessione ai soggetti beneficiari con successiva propria deliberazione sulla base delle domande pervenute;

3) di dare atto che in sede di assestamento al bilancio di previsione, fermo restando l’importo messo a disposizione di € 1.800.000, saranno riallineati gli stanziamenti annuali al fine di adeguarli alle condizioni temporali di eligibilità delle spese fissate dal Bando, quale allegato 1, parte integrante e sostanziale;

4) di approvare il “Modulo di domanda” per presentare la candidatura per l’accesso ai contributi regionali in argomento - Allegato 2 quale parte integrante e sostanziale del presente atto;

5) di individuare quale Responsabile del procedimento il Responsabile del Servizio regionale competente in materia di pianificazione urbanistica, attualmente indicato in Roberto Gabrielli, Responsabile del Servizio Pianificazione territoriale e urbanistica, dei trasporti e del paesaggio;

6) di stabilire che a seguito delle domande pervenute la Giunta Regionale approverà la graduatoria delle domande ammissibili e l’assegnazione dei contributi ai soggetti beneficiari col programma di finanziamento 2018-2020;

7) di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico;

8) di dare atto, infine, che per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative e amministrative richiamate in parte narrativa.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it