E-R | BUR

n.27 del 29.01.2014 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Pubblicazione per estratto, ai sensi dell’art. 16 comma 3, Legge regionale 18 maggio 1999, n. 9 e s.m.i, della deliberazione di Giunta Provinciale n. 454 del 19/12/2013 relativa al progetto di “Discarica da 300.000 tonnellate di rifiuti non pericolosi a completamento della discarica esistente e funzionalmente collegata all'esistente impianto di trattamento” nel comune di Sant'Agata Bolognese (Bo), nell’ambito della procedura di Valutazione di Impatto Ambientale di cui al Titolo III, artt. 11 ss. L.R. 9/99 e Titolo III, artt. 21 e ss. D.Lgs. 152/06. Proponente: Proponente: Nuova Geovis S.p.A.

L'Autorità competente, Provincia di Bologna, in persona della Dirigente del Servizio di Tutela Ambientale, Valentina Beltrame, comunica la decisione relativa alla procedura di VIA concernente il progetto di “Discarica da 300.000 tonnellate di rifiuti non pericolosi a completamento della discarica esistente e funzionalmente collegata all'esistente impianto di trattamento” ubicato nel comune di Sant'Agata Bolognese (BO), nell’ambito della procedura di Valutazione di Impatto Ambientale di cui al Titolo III, artt. 11 ss. L.R. 9/99 e Titolo III, artt. 21 e ss. D.Lgs. 152/06. Proponente: Nuova Geovis S.p.A. Il progetto appartiene alla seguente categoria: B.2.57).

Il progetto interessa il territorio del Comune di Sant'Agata Bolognese (BO) e della Provincia di Bologna. Ai sensi del Titolo II della Legge regionale 18 maggio 1999, n. 9, come modificata dalla Legge regionale 16 novembre 2000, n. 35, l’Autorità competente è la Giunta Provinciale di Bologna che, con deliberazione n. 454 del 19/12/2013 ha assunto la seguente decisione:

1. rilasciare la Valutazione di Impatto Ambientale positiva con prescrizioni per il progetto di “Discarica da 300.000 tonnellate di rifiuti non pericolosi a completamento della discarica esistente e funzionalmente collegata all'esistente impianto di trattamento”, in quanto il progetto nel complesso è ambientalmente compatibile e ne è possibile la realizzazione a condizione che siano rispettate le prescrizioni indicate nel Rapporto ambientale, Allegato sub A) al presente atto a formarne parte integrante;

2. rilasciare la modifica sostanziale all'Autorizzazione Integrata Ambientale, per il progetto di cui al punto 1., a Nuova Geovis S.p.A., avente sede legale e impianto in Comune di Sant'Agata Bolognese, in Via Romita n. 1, nella persona di GIAN FRANCO SAETTI in qualità di gestore dell'impianto, di proprietà di Nuova Geovis S.p.A., per l'esercizio della discarica per rifiuti non pericolosi (ex 1° categoria, ai sensi della Delibera del C.I. 27.7.1984) e definita, ai sensi dell’art. 7 del D.M. 29.09.10, come sottocategoria discarica per rifiuti misti non pericolosi con elevato contenuto sia di rifiuti organici o biodegradabili che di rifiuti inorganici, con recupero di biogas, in quanto il progetto è conforme ai requisiti e ai principi generali di prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento, previsti dalla Direttiva IPPC (2008/1/CE) e dal D.Lgs. 152/2006 e ss.mm.ii. e dalla L.R. 21/2004, a condizione che siano rispettate le prescrizioni indicate nell'Allegato sub B) al presente atto a formarne parte integrante;

3. stabilire che, fatti salvi i casi in cui sia necessaria una procedura di verifica (screening), le modifiche o il rinnovo dell'AIA per variazioni di natura puramente gestionale, avverranno mediante assunzione di determinazioni dirigenziali;

4. dare atto che il presente provvedimento ha valore di Valutazione di Impatto Ambientale positiva e comprende e sostituisce tutte le intese, concessioni, autorizzazioni, licenze, i pareri, nulla osta, gli assensi comunque denominati, necessari per la realizzazione del progetto in esame;

5. dare atto che la VIA ha valore di titolo abilitativo edilizio per la costruzione delle opere previste, visto il parere positivo condizionato del Comune di S. Agata Bolognese in merito alla conformità edilizia; 6. dare atto che la VIA, visti il parere positivo del comune, ed il parere della Soprintendenza per i Beni Architettonici e paesaggistici per le Province di BO, MO e RE, comprende anche l'Autorizzazione Paesaggistica;

7. disporre che copia della presente deliberazione sia inviata al proponente e trasmessa telematicamente ai membri della Conferenza dei Servizi o alle Amministrazioni interessate, nonché ne sia data pubblicazione per estratto nel Bollettino Ufficiale - Telematico della Regione Emilia-Romagna;

8. dare atto che le spese istruttorie, relativamente alla procedura di VIA e quantificate in Euro 1.000,00 ai sensi della normativa vigente in materia di impatto ambientale, sono state riscosse sull'accertamento n. 2012/514/20 del Cap. 7110 del CdC 28 - PEG 2012;

9. prendere inoltre atto che è stato versato un importo pari a Euro 8.959,50 per le spese istruttorie della procedura di modifica sostanziale di AIA, riscosso sull'accertamento n. 2012/1349 del Cap. 7100 del CdC 27 PEG 2012. Dalla verifica sulla congruità del calcolo effettuato, risulta che l’importo esatto delle tariffe da corrispondere è di Euro 5.557,00. Pertanto il Gestore potrà richiedere il rimborso della quota versata in eccesso pari a Euro 3.402,50 che sarà rimborsata con i fondi disponibili al capitolo 5491 “Altri rimborsi di somme non dovute o incassate in eccesso – Via, autorizzazione unica e altre istruttorie ambientali” del CdC 27 del Bilancio 2013;

10. dichiarare la presente deliberazione immediatamente eseguibile per le ragioni esposte in motivazione;

11. dare atto che avverso al presente provvedimento i soggetti interessati potranno esprimere ricorso, ai sensi del nuovo Codice del Processo Amministrativo, avanti al Tribunale Amministrativo Regionale di Bologna nel termine di 60 giorni o, in alternativa, ricorso straordinario al Capo dello Stato nel termine di 120 giorni, decorrenti dalla data di notifica o di comunicazione dell'atto o della piena conoscenza di esso.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it