E-R | BUR

N. 195 del 28.12.2011 periodico (Parte Terza)

XHTML preview

Concorso pubblico, per titoli ed esami per l’assunzione con contratto a tempo indeterminato, tempo pieno 36 ore, di n. 1 unità dell’Area C, posizione C1, profilo “impiegato/a amministrativo/a” presso l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna

L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna, visto:

- il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni ed integrazioni, “Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche”;

- il D.P.R. 9 maggio 1994, n. 487, modificato dal D.P.R. 30 ottobre 1996, n. 693 “Regolamento recante norme sull’accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni e le modalità di svolgimento dei concorsi, dei concorsi unici e delle altre forme di assunzione nei pubblici impieghi”;

- la nota n. 3/13845/04 del 23 dicembre 2004 del Ministero della Giustizia;

- il vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per il personale del comparto degli Enti Pubblici non economici, come integrato dal Fondo Unico per i trattamenti accessori;

- la delibera del Consiglio dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna del 26/01/2011, indice un

Concorso pubblico, per titoli ed esami per l’assunzione con contratto a tempo indeterminato, tempo pieno 36 ore, di n. 1 unità dell’Area C, posizione C1, profilo “impiegato/a amministrativo/a” presso l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna.

Art. 1 – Posto a concorso

E’ indetto un Concorso pubblico, per titoli ed esami, a n. 1 posti dell’Area C, posizione C1, profilo “impiegato/a amministrativo/a” a tempo indeterminato, presso l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna.

Art. 2 – Requisiti per l’ammissione

Per l’ammissione al concorso è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:

a) cittadinanza italiana, ovvero di uno dei paesi membri dell’Unione Europea, ai sensi dell’art. 38, comma 1, del D.Leg.vo n. 165/01 e del D.P.C.M. n. 174/1994;

b) possesso dei diritti civili e politici e assenza di condanne civili e penali o procedimenti giudiziari in corso che, a norma delle vigenti Leggi, possono determinare l’interdizione, anche temporanea, dai Pubblici Uffici;

c) l’età minima per partecipare al concorso è di anni 18 (diciotto);

d) idoneità psicofisica all’impiego che l’Ente ha facoltà di accertare mediante visita medica;

e) disponibilità immediata ad assumere l’impiego oggetto del presente bando;

f) diploma di laurea vecchio ordinamento in Giurisprudenza o titolo di studio equivalente. Per i candidati in possesso di un titolo di studio conseguito in uno degli Stati membri dell’Unione Europea, la verifica dell’equivalenza del titolo di studio posseduto avrà luogo ai sensi dell’art. 38, comma 3, del D. Lgs. 30 marzo 2001 n. 165;

g) aver prestato servizio, per un periodo minimo di 12 mesi continuativi nell’arco degli ultimi tre anni, presso un Ordine professionale tecnico, con mansione di impiegato/a amministrativo/a, con contratto a tempo indeterminato o determinato o con contratto di collaborazione coordinata e continuativa o con contratto di lavoro a progetto o con contratto di somministrazione disciplinato dal D.Lgs. N. 276/2003, di attuazione della legge delega n. 30 del 2003;

h) aver maturato esperienza di almeno cinque anni presso enti o società pubblici o privati, in merito ad attività giudiziale e stragiudiziale in ambito civilistico/amministrativo; 

i) costituisce titolo preferenziale aver conseguito l’abilitazione all’esercizio della professione di avvocato.

Possono altresì partecipare i cittadini di Stati membri dell’Unione Europea diversi dall’Italia che devono essere in possesso dei seguenti ulteriori requisiti:

- godimento dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza;

- possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica italiana;

- adeguata conoscenza della lingua italiana da verificare con apposita prova orale e scritta.

I requisiti prescritti dal presente articolo devono essere posseduti alla data di scadenza del termine utile per la presentazione delle domande di ammissione al concorso.

Non possono accedere all’impiego presso l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna:

- coloro che siano esclusi dall’elettorato politico attivo;

- coloro che siano cessati dall’impiego presso una pubblica Amministrazione a seguito di procedimento disciplinare o di condanna penale ovvero non essere stato dichiarato decaduto da altro impiego pubblico per averlo conseguito mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità insanabile;

- coloro che siano stati collocati a riposo da una pubblica Amministrazione con i benefici previsti dalla legge 24 maggio 1970, n. 336, o dal Decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1972, n. 748, o dal Decreto legge 8 luglio 1974, n. 261, convertito dalla legge 19 agosto 1944, n. 355;

- coloro che abbiano riportato condanne penali passate in giudicato e subite per reati conseguenti a comportamenti ritenuti incompatibili con le funzioni da espletare presso l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna.

- Coloro che abbiano una condanna di Interdizione ai pubblici uffici.

Art. 3 – Domande di ammissione – Termine per la presentazione delle domande

Le domande di ammissione al concorso devono essere redatte esclusivamente in lingua italiana ed inviate esclusivamente a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento del servizio postale all’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna, Viale Randi n. 37 - 48121 Ravenna, Scala A, secondo piano, interni 7 ed 8, entro il termine perentorio di trenta giorni dalla data di pubblicazione dell’Avviso di indizione del presente bando di concorso nel “Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna” - “Concorsi”.

A tal fine fa fede il timbro a data apposto sulla cartolina di ritorno dagli uffici dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna. Il bando integrale è pubblicato sul sito www.ordineingegneri.ra.it.

L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna non assume alcuna responsabilità, in merito alla spedizione per raccomandata, per la mancata o tardiva ricezione delle domande di ammissione al concorso, o per la mancata restituzione dell’avviso di ricevimento, né per eventuali disguidi postali o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.

La domanda deve essere redatta utilizzando l’apposito modulo disponibile sul sito dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna al link http://www.ordineingegneri.ra.it/paginasingola.php?idPaginaSingola=19.

La busta dovrà contenere l’indicazione “contiene domanda per concorso pubblico”.

Saranno considerate valide solo le domande pervenute alla sede dell’Ordine entro il termine perentorio di trenta giorni dalla data di pubblicazione sul B.U.R. del presente Bando.

In detto modulo il candidato, consapevole delle sanzioni penali previste dall’art. 76 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci, autocertifica, ai sensi degli artt. 46 e 47 dello stesso D.P.R. n. 445/2000, il possesso dei requisiti e dei titoli previsti dal bando di concorso.

La firma in calce alla domanda deve essere in originale; alla domanda deve essere allegata copia fotostatica di un documento di identità in corso di validità, ai sensi dell’art. 38, comma 3, del citato D.P.R. n. 445/2000.

Nella domanda il candidato deve altresì dichiarare il possesso dei titoli che intende far valutare dalla commissione esaminatrice.

L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna si riserva la facoltà di effettuare accertamenti ai sensi dell’art. 71 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, circa il possesso dei requisiti di partecipazione al concorso e dei titoli dichiarati dai candidati, nonché dei requisiti richiesti per l’ammissione all’impiego, anche prima del termine della procedura di concorso.

A tal fine si potrà procedere ai controlli sulle dichiarazioni sostitutive rilasciate nelle domande di ammissione al concorso, nonché sulla documentazione eventualmente prodotta in originale, ovvero in copia conforme all’originale.

L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna procede all’esclusione dal concorso, ovvero non dà seguito all’assunzione, ovvero provvede alla risoluzione del rapporto d’impiego dei soggetti nei cui confronti accerti la mancanza di uno o più requisiti previsti dal bando.

Per il riconoscimento dei benefici previsti dall’art. 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, i candidati portatori di handicap, ai sensi dell’art. 3 della medesima legge, devono specificare nella domanda di ammissione al concorso la necessità di ausili e/o tempi aggiuntivi per lo svolgimento delle prove del concorso, in relazione allo specifico handicap posseduto.

Dalla domanda deve risultare il recapito cui l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna può indirizzare le comunicazioni relative al concorso.

Art. 4 – Esclusione dal concorso

L’ammissione al concorso avviene con la più ampia riserva di accertamento del possesso dei requisiti dichiarati dai candidati.

Sono esclusi dal concorso:

- i candidati la cui domanda di ammissione è stata ricevuta oltre il termine stabilito dal precedente art. 3;

- i candidati che hanno prodotto la domanda di ammissione priva della sottoscrizione autografa;

- i candidati che hanno inoltrato la domanda di ammissione tramite telegramma, fax,e-mail o altra forma diversa da quella indicata nel presente Bando;

- i candidati che hanno prodotto la domanda di ammissione dalla quale non risulti il possesso di tutti i requisiti prescritti per l’ammissione al concorso.

L’esclusione dal concorso è disposta con provvedimento motivato dalla Commissione giudicatrice a ciò preposta, di cui all’art.5 del presente Bando, nominata dal Consiglio dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna.

L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna comunica per iscritto agli interessati il provvedimento di esclusione al recapito indicato nella domanda.

Art. 5 – Svolgimento del concorso

La selezione dei candidati sarà tenuta a cura di un’apposita Commissione nominata dal Consiglio dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna composta da tre membri scelti fra i componenti del Consiglio con la eventuale partecipazione di esperti esterni. Se il numero dei candidati dovesse essere superiore a n. 20 unità si procederà ad una pre-selezione. Le prove verranno svolte presso la sede dell’Ordine degli Ingegneri di Ravenna, o in altra sede da stabilirsi in relazione al numero dei candidati, in giornate e/o serate scelte dalla Commissione medesima e comunicate ai candidati ai recapiti indicati nella domanda di partecipazione. Il concorso, per titoli ed esami è articolato in una prova attitudinale scritta ed un colloquio finalizzati all’accertamento delle cognizioni e dei requisiti tecnico-professionali necessari all’espletamento delle funzioni proprie del profilo professionale da conferire nonché a tematiche relative all’attività istituzionale dell’Ordine, con particolare riferimento a:

- Ordinamento della Professione di Ingegnere (Legge 24/06/1923, n. 1395, Regio Decreto 23/10/1925, n. 2537 e successive modifiche ed integrazioni, D.P.R. 328/2001);

- Nozioni di diritto privato, commerciale,amministrativo e penale;

- Conoscenza dei software applicativi di Word, Excel, Outlook, Internet.

La prova scritta, il colloquio ed i titoli saranno valutati con un punteggio variabile da 1/10 a 10/10, complessivamente per ognuna delle varie fasi da parte dei componenti in modo congiunto. Saranno dichiarati “idonei all’assunzione” i candidati che raggiungeranno almeno il punteggio di 6/10 per ogni fase. Il punteggio inferiore a 6/10 ottenuto dal candidato nella prova scritta non consentirà di sostenere il colloquio.

La data e la sede di svolgimento delle prove sono pubblicate sul sito Internet dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna (www.ordineingegneri.ra.it)

e saranno altresì comunicate ai candidati ammessi 15 giorni prima del loro inizio a mezzo raccomandata.

5.1 - Valutazione dei titoli

Il punteggio massimo attribuibile ai titoli è fissato in punti 10/10.

La Commissione Esaminatrice procederà alla valutazione dei titoli dichiarati dai candidati, alla loro ammissione ed all’attribuzione del relativo punteggio.

5.2 - Documenti di identificazione richiesti per la partecipazione alle prove del concorso

Per essere ammessi a sostenere le prove del concorso i candidati devono essere muniti di uno dei seguenti documenti di riconoscimento in corso di validità:

a) carta d’identità;

b) passaporto, ovvero i documenti di identità e di riconoscimento equipollenti ai sensi dell’art. 35 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445.

I cittadini di Stato membro dell’Unione Europea diverso dall’Italia devono essere muniti di un documento equipollente.

5.3 - Avvertenze

Le informazioni e/o chiarimenti inerenti il presente bando saranno reperibili nel sito Internet www.ordineingegneri.ra.it e potranno essere altresì richieste esclusivamente per e-mail all’indirizzo posta@ordineingegneri.ra.it ed avranno risposta solo se riportanti gli estremi del richiedente e l’indirizzo per la risposta. Nessuna informazione sarà fornita per via telefonica o via fax né per altre forme con esclusione di quella sopra indicata. Il responsabile del procedimento è il Presidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna, Dott. Ing. Emma Garelli; eventuali sostituzioni del responsabile del procedimento saranno rese note attraverso il sito Internet www.ordineingegneri.ra.it.

L’amministrazione garantisce pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro e il trattamento sul lavoro, nel rispetto della legge 10 aprile 1991, n. 125.

L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna non assume responsabilità in ordine a:

- diffusione di informazioni inesatte da parte di fonti diverse dallo stesso;

- dispersione di comunicazioni, dipendente da inesatte indicazioni del recapito da parte del candidato o da mancata/tardiva comunicazione di cambiamento del recapito indicato nella domanda di ammissione al concorso, per eventuali disguidi postali o telegrafici, o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore, né per la mancata restituzione dell’avviso di ricevimento in caso di spedizione per raccomandata.

Art. 6 – Graduatoria finale

Espletate le prove del concorso, la Commissione Esaminatrice forma le graduatorie di merito con l’indicazione dei punteggi conseguiti dai candidati. Il punteggio complessivo è dato dalla somma del punteggio dei titoli (max 10/10), della prova attitudinale scritta (max 10/10) e del colloquio (max 10/10).

L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna approva le graduatorie finali del candidato risultato vincitore del concorso e di quelli idonei, sotto condizione dell’accertamento dei requisiti per l’ammissione al concorso ed all’impiego, nonché degli eventuali titoli dichiarati e valutati dalla Commissione Esaminatrice e conseguentemente dichiara il vincitore del concorso stesso.

In caso di rinuncia del vincitore, l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna si riserva la facoltà di assegnare ad altro candidato idoneo il posto resosi disponibile, seguendo l’ordine della graduatoria finale.

La graduatoria del concorso è pubblicata sul sito Internet dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna (www.ordineingegneri.ra.it).

La graduatoria finale avrà una validità triennale da cui si potrà attingere per risolvere eventuali altre necessità.

Art. 7 – Documenti per l’ammissione all’impiego

Con apposita comunicazione il candidato dichiarato vincitore del concorso, qualora siano trascorsi sei mesi dalla data di sottoscrizione della domanda di ammissione al concorso, contenente le dichiarazioni sostitutive relative al possesso dei requisiti di partecipazione al concorso stesso e di ammissione all’impiego, è invitato, sotto pena di decadenza, a presentare, ovvero a trasmettere a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, all’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna, entro il termine stabilito in detta comunicazione, idonea documentazione comprovante il possesso dei soli stati, fatti o qualità soggetti a modificazione.

E’ facoltà dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna sottoporre a visita medica di controllo il vincitore del concorso.

Art. 8 – Requisiti per l’assunzione – Immissione in servizio

La copertura del posto sarà affidata al candidato che risulta al primo posto della graduatoria e, ove questo non accettasse, ai successivi nell’ordine di merito della graduatoria medesima. Al candidato selezionato dalla graduatoria per l’assunzione, secondo la graduatoria di merito indicata, sarà inviata una comunicazione personale tramite Raccomandata a.r.; il candidato selezionato dovrà dare risposta, dichiarando la disponibilità all’assunzione, entro i successivi cinque giorni dalla data in cui la comunicazione è stata ricevuta. Tutte le comunicazioni viaggiano a rischio del candidato, non potranno pertanto essere sollevate obiezioni per eventuali disguidi. Qualora tale disponibilità non pervenisse entro il termine suddetto, ovvero il candidato dichiarasse una indisponibilità all’assunzione, sarà dichiarato indisponibile e si passerà al candidato successivo in graduatoria in relazione al merito come sopra indicato.

Il vincitore del concorso è nominato/a impiegato/a amministrativo/a, in prova, dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna, per la durata di quattro mesi e con diritto al trattamento economico della qualifica indicata nel Bando.

L’accettazione della nomina in prova non può essere in alcun modo condizionata.

In seguito al conferimento della nomina in prova, l’interessato deve presentarsi, entro il termine indicato, presso gli Uffici dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna, eventuali proroghe di detto termine sono concesse solo per giustificati motivi.

Il candidato che rinuncia espressamente alla nomina o, in mancanza di giustificati motivi, non prende servizio presso gli Uffici dell’Ordine entro il prescritto termine, decade dalla nomina.

Al termine del periodo di prova, il vincitore è nominato in ruolo, previo giudizio favorevole del Consiglio dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna.

In caso di giudizio sfavorevole è dichiarata la risoluzione del rapporto di impiego.

Art. 9 – Pubblicità e modalità di consultazione del bando di concorso

Il Bando del concorso, in questa stesura integrale, è consultabile nei giorni feriali di lunedì, martedì e mercoledì dalle ore 10.00 alle ore 12.00 presso la sede dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Ravenna in Viale Randi n. 37, e sul sito internet www.ordineingegneri.ra.it. Eventuali informazioni e/o chiarimenti inerenti il presente bando potranno essere ottenuti esclusivamente per e-mail all’indirizzo posta@ordineingegneri.ra.it ed avranno risposta solo se riportanti gli estremi del richiedente e l’indirizzo per la risposta. Nessuna informazione sarà fornita per via telefonica o via fax né per altre forme con esclusione di quella sopra indicata.

Art. 10 – Informativa sul trattamento dei dati personali

Ai sensi del D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, i dati personali forniti dai candidati sono raccolti presso l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna, per finalità connesse all’espletamento del concorso e sono trattati con logiche pienamente rispondenti alle predette finalità, anche successivamente all’eventuale instaurazione del rapporto di lavoro.

Il conferimento dei dati è obbligatorio, pena l’esclusione dal concorso, ai fini dell’esame dei requisiti di partecipazione posseduti dai candidati, ad eccezione dei dati concernenti eventuali titoli di precedenza o preferenza, che è facoltativo.

Per il trattamento, da parte dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna, dei dati conferiti non è richiesto il consenso degli interessati.

I dati conferiti potranno essere comunicati unicamente alle Amministrazioni Pubbliche nei confronti delle quali la comunicazione risulti necessaria per finalità connesse allo svolgimento del concorso.

Ciascun candidato gode dei diritti riconosciuti dal citato D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, tra i quali:

- il diritto di accedere ai dati che lo riguardano;

- di far aggiornare, rettificare, integrare i dati erronei o incompleti;

- di far cancellare i dati trattati in violazione di legge;

- di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento dei dati che lo riguardano.

Titolare del trattamento è l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna - Viale Randi n. 37 - 48121 Ravenna, Scala A, secondo piano, interni 7 ed 8, nei cui confronti possono essere fatti valere i diritti di cui sopra.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it