E-R | BUR

n.295 del 05.10.2016 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione dell'operazione per l'attuazione dell'azione di supporto al sistema regionale di IEFP da parte degli enti di formazione a.s 2016/2017in attuazione della D.G.R. n. 1227/2016

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Richiamate:

  • la legge regionale 30 giugno 2011, n.5 “Disciplina del sistema regionale dell'istruzione e formazione professionale” e s.m;
  • la deliberazione dell’Assemblea Legislativa n. 54 del 22/12/2015 “Programmazione triennale in materia di offerta di percorsi di istruzione e formazione professionale aa.ss. 2016/17, 2017/18 e 2018/19 (Proposta della Giunta regionale in data 12 novembre 2015, n. 1709);
  • la deliberazione dell’Assemblea Legislativa n. 163 del 25/06/2014 “Programma Operativo della Regione Emilia-Romagna. Fondo Sociale Europeo 2014/2020. (Proposta della Giunta Regionale del 28/4/2014, n. 559);
  • l a Decisione di Esecuzione della Commissione Europea del 12 dicembre 2014 C(2014)9750 che approva il Programma Operativo Fondo Sociale Europeo 2014/2020" per il sostegno del Fondo sociale europeo nell'ambito dell'obiettivo "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione";
  • la propria deliberazione n. 1 del 12/1/2015 “Presa d’atto della Decisione di Esecuzione della Commissione Europea di Approvazione del Programma Operativo “Regione Emilia-Romagna - Programma Operativo Fondo Sociale Europeo 2014/2020” per il sostegno del Fondo Sociale Europeo nell’ambito dell’Obiettivo “Investimenti a favore della crescita e dell’occupazione”;

Viste le proprie deliberazioni:

  • n. 928 del 27/6/2011 “Azione Regionale IeFp: approvazione dei soggetti attuatori e delle modalità di gestione, in attuazione della DGR n. 533/2011” e s.m.i.;
  • n.1298 del 14/9/2015 “Disposizioni per la programmazione, gestione e controllo delle attività formative e delle politiche attive del lavoro - Programmazione SIE 2014-2020”;
  • n. 178 del 15/2/2016 “Approvazione delle candidature presentate in risposta "Avviso per selezione degli enti di formazione professionale e della relativa offerta sistema regionale di Iefp Triennio 2016/2018" Approvato con propria Deliberazione n. 2164/2015”;
  • n. 687 del 16/5/2016 “Azione di supporto al sistema regionale di istruzione e formazione professionale L.R. 5/2011 - Approvazione del Piano Triennale 2016/2018”;
  • n.1227 del 1/8/2016 “Azione di supporto al sistema regionale di istruzione e formazione professionale. Invito agli enti di formazione a presentare il progetto unitario in attuazione della DGR 687/2016”;

Premesso che con la propria sopra citata deliberazione n.1227/2016 “Azione di supporto al sistema regionale di istruzione e formazione professionale. Invito agli enti di formazione a presentare il progetto unitario in attuazione della DGR 687/2016” si è stabilito, tra l'altro,:

  • di invitare, in attuazione della propria deliberazione n.687/2016, gli Enti di Formazione Professionale selezionati per l’offerta formativa di IeFP attivabile nell'a.s. 2016/2017 di cui all’allegato 4) della deliberazione n. 178/2016, attraverso un Raggruppamento temporaneo di impresa, a presentare con riferimento all'a.s. 2016/2017:
  • il progetto unitario, costituito da un’unica operazione contenente i progetti riferiti alle singole azioni, comprensivi della quantificazione delle ore e dei destinatari delle attività come previsto dall’allegato 1) della citata deliberazione n. 687/2016;
  • l'impegno a costituirsi in raggruppamento di imprese contenente la specifica delle attività, nel rispetto dei principi e dei riferimenti sopraelencati di cui alla deliberazione n.687/2016, e delle quote finanziarie di spettanza di ciascun componente, nonché dell’eventuale regolamento interno;
  • l'atto di impegno di cui alla deliberazione n.1298/2015, da parte del soggetto titolare dell'operazione,in qualità di capogruppo mandatario, comprensiva della dichiarazione resa ai sensi degli Art.46 e n. 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445, che l'ente non si trova in stato di scioglimento, liquidazione o di fallimento o di altre procedure concorsuali, non ha ad oggi deliberato tali stati, ne' ha presentato domanda di concordato, ne' infine versa in stato di insolvenza, di cessazione o di cessione dell'attività o di parti di essa;
  • la dichiarazione, resa ai sensi degli art. 46 e 47 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445 e ss.mm., da parte dei soggetti beneficiari, che si impegnano a costituirsi in RTI in qualità di mandanti, che l’ente non si trova in stato di scioglimento, liquidazione o di fallimento o di altre procedure concorsuali, non ha ad oggi deliberato tali stati, né ha presentato domanda di concordato, né infine versa in stato di insolvenza, di cessazione o di cessione dell’attività o di parti di essa;
  • di quantificare le risorse necessarie per l’attuazione dell’azione regionale a supporto del sistema regionale dell'istruzione e formazione professionale, per l’azione regionale realizzata dagli Enti di Formazione, in euro 3.700.000,00 a valere sulle risorse nazionali di cui alla Legge 144/1999;

Premesso altresì che nella suddetta propria deliberazione n. 1227/2016 si è previsto che il Responsabile del Servizio Programmazione, valutazione e interventi regionali nell’ambito delle politiche della formazione e del lavoro avrebbe provveduto con propri successivi atti:

  • all’approvazione dell’operazione, presentata nei termini e con le modalità sopra specificate, previa verifica formale di completezza e coerenza del progetto unitario con quanto previsto dalla propria deliberazione n. 687/2016 entro 30 giorni dalla data di scadenza di presentazione;
  • al finanziamento dell’Operazione approvata previa acquisizione:
  • dell'atto costitutivo del RTI dal quale risulti che al mandatario è stato conferito mandato collettivo speciale irrevocabile con rappresentanza esclusiva dei singoli mandanti nei confronti del la Regione ed eventuale regolamento interno che disciplina la suddivisione delle attività e del finanziamento fra i singoli componenti facenti parte del RTI;
  • della certificazione attestante che i soggetti beneficiari dei contributi sono in regola con il versamento dei contributi previdenziali e assistenziali;

Dato atto che:

- sono pervenuti, nei termini e con le modalità previste dalla sopra citata propria deliberazione n.1227/2016, la richiesta di finanziamento, completa degli allegati nella stessa richiamati, nonché la documentazione elencata al punto 1) del dispositivo della stessa, da parte di Associazione Emiliano - Romagnola di centri autonomi di formazione professionale - A.E.C.A di Bologna (cod. org 11) in qualità di capogruppo mandataria della costituenda R.T.I per un importo complessivo di Euro 3.700.000,00 e un finanziamento pubblico richiesto di pari importo;

- l’operazione presentata, contraddistinta dal Rif. P.A. n. 2016-5984/RER, dalla verifica formale effettuata dal Servizio Programmazione, Valutazione e Interventi regionali nell'ambito delle politiche della formazione e del lavoro è risulta completa e coerente con quanto previsto dalla DGR 687/2016 e coerente, nelle modalità realizzative, con quanto previsto dall’allegato 2) “Piano di azione regionale a sostegno della realizzazione dell’offerta IeEFP” parte integrante della DGR 928/2011;

Atteso che il Codice Unico di Progetto (C.U.P.) assegnato dalla competente struttura ministeriale per il progetto d’investimento pubblico oggetto del presente provvedimento è il n.E49J16000460001;

Dato atto che nella sopracitata propria deliberazione n. 687/
2016 al punto 7 “MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE” dell'allegato 1 ) parte integr ante e sostanziale della stessa è previsto, tra l'altro, che: “ Le azioni saranno finanziate con risorse nazionali di cui alla Legge 144/1999 e con risorse del Fondo Sociale Europeo 2014/2020, Asse III -Istruzione e Formazione - Obiettivo tematico 10. Tenuto conto del calendario scolastico le attività potranno essere realizzate nei due anni solari di riferimento ed in particolare si prevede una realizzazione delle attività comportanti una spesa da sostenere pari al 40% sul primo anno solare e del 60% sul secondo anno solare”;

Rilevato che sono in corso di realizzazione azioni volte a qualificare le modalità di intervento per favorire il successo formativo e l'occupabilità degli allievi, in particolare nell'ambito del Programma Formazione ed innovazione per l’occupazione scuola & università - FIxO S&U promosso e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, è pertanto opportuno, al fine di sperimentare i modelli e le prassi di intervento acquisite in tale contesto, prevedere l'avvio delle attività rivolte agli allievi previste dall'Operazione di cui in argomento a partire dalla seconda metà del mese di ottobre 2016 prevedendo pertanto una percentuale di realizzazione pari al 30% sul primo anno solare e del 70% sul secondo anno solare, e l'applicazione delle suddette percentuali alla sola attività che si approva con il presente atto rispetto a quanto previsto al punto 7) dell'allegato 1) delle suddetta propria deliberazione n. 687/2016;

Ritenuto pertanto di procedere, per economicità di procedimento, con il presente atto all'approvazione della suddetta attività per un importo complessivo di Euro 3.700.000,00 e un finanziamento pubblico di pari importo (risorse L. 144/99) cosi come previsto dalla deliberazione n.1227/2016;

Viste:

  • la legge 16 gennaio 2003, n. 3 recante “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione” in particolare l’art. 11;
  • la legge 13 agosto 2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e succ.mod.;
  • la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011 n. 4 in materia di tracciabilità finanziaria ex art.3, legge 13 agosto 2010, n. 136 e successive modifiche;

Richiamati:

- il Decreto Legislativo D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e succ. mod.;

- la deliberazione di Giunta regionale n. 66 del 25 gennaio 2016 ”Approvazione del Piano triennale di pre-venzione della corruzione e del Programma per la trasparenza e l’integrità. Aggiornamenti 2016 - 2018”;

- la determinazione dirigenziale n.12096/2016 “Ampliamento della trasparenza ai sensi dell'art 7 comma 3 DLGS 33/2013, di cui alla deliberazione della Giunta regionale 25 gennaio 2016 n.66”;

Visto il D.Lgs. n. 118/2011 ad oggetto “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli Enti Locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della Legge 5 maggio 2009 n.42” e ss.mm.ii.”;

Viste inoltre le Leggi Regionali:

  • n.40/2001 recante "Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4" per quanto compatibile e non in contrasto con i principi e postulati del predetto D.lgs. 118/2011 e ss.mm.;
  • n.43/2001 recante "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" ss.mm;
  • n. 22/2015 recante “Disposizioni collegate alla legge finanziaria per il 2016”;
  • n. 23/2015 recante “Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2016-2018 (legge di stabilità regionale 2016)”;
  • n. 24/2015 recante “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2016-2018”;
  • n. 7 del 9/5/2016 recante “Disposizioni collegate alla prima variazione generale al bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2016-2018”;
  • n. 8 del 9/5/2016 recante “Prima variazione generale al bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2016-2018”;
  • n.13/2016 recante “Disposizioni collegate alla legge di assestamento e seconda variazione generale al bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2016-2018”;
  • n.14/2016 recante “Assestamento e seconda variazione generale al bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2016-2018”;

Richiamate le proprie deliberazioni:

  • n.2259/2015 recante “Approvazione del documento tecnico di accompagnamento e del bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2016-2018” e ss.mm.;
  • n.700/2016 “Prima variazione generale al Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2016-2018 Variazione al documento tecnico d’accompagnamento al Bilancio finanziario gestionale;
  • n. 1258 del 1/8/2016 “Aggiornamento del Documento Tecnico di Accompagnamento e del Bilancio Finanziario Gestionale di Previsione della Regione Emilia-Romagna 2016-2018”;

Richiamate inoltre le deliberazioni di Giunta regionale:

  • n.2416/2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007.” e ss.mm.;
  • n.56/2016 “Affidamento degli incarichi di Direttore Generale della Giunta Regionale dell’art. 43 della L.R. 43/2001;
  • n.270/2016 “Attuazione prima fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;
  • n.622/2016 “Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015;
  • n.1107/2016 “Integrazione delle declaratorie delle strutture organizzative della giunta regionale a seguito dell'implementazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

Dato atto del parere Allegato;

Su proposta dell’Assessore competente per materia

A voti unanimi e palesi

delibera:

per le motivazioni espresse in premessa e qui integralmente richiamate:

  1. di dare atto che, sono pervenuti, nei termini previsti dalla sopra citata propria deliberazione n.1227/2016, la richiesta di finanziamento, completa degli allegati nella stessa richiamati, nonché la documentazione elencata al punto 1) del dispositivo della stessa, da parte di Associazione Emiliano-Romagnola di centri autonomi di formazione professionale - A.E.C.A di Bologna (cod. org 11) in qualità di capogruppo mandataria della costituenda R.T.I per un importo complessivo di Euro 3.700.000,00 e un finanziamento pubblico richiesto di pari importo;
  2. di approvare l’operazione presentata di cui al punto 1) che precede, contraddistinta dal Rif. P.A. n. 2016-5984/RER, che risulta completa e coerente con quanto previsto dalla DGR n.687/2016 e si attiene alle modalità attuative di cui all’allegato 2) “Piano di azione regionale a sostegno della realizzazione dell’offerta IeEFP” parte integrante della DGR n.928/2011, per l’importo complessivo di Euro 3.700.000,00, e un finanziamento pubblico di pari importo (risorse L. 144/99), per l'azione di supporto al sistema regionale dell'istruzione e formazione professionale per l'a.s. 2016/2017;
  3. di dare atto che il Codice Unico di Progetto (C.U.P.) assegnato dalla competente struttura ministeriale per il progetto d’investimento pubblico oggetto del presente provvedimento è il n.E49J16000460001;
  4. di prevedere che le modalità gestionali siano regolate in base a quanto previsto dalle disposizioni approvate con la propria deliberazione n. 1298/2015 nonché da quanto previsto dalla propria deliberazione n. 928/2011 e s.m.i;
  5. di dare atto che, al finanziamento e all’assunzione del relativo impegno di spesa si provvederà con atto del Responsabile del Servizio Programmazione, Valutazione e Interventi regionali nell'ambito delle politiche della formazione e del lavoro come ripreso nelle premesse e stabilito nella citata deliberazione n. 1227/2016;
  6. di prevedere l'avvio delle attività rivolte agli allievi previste dall'Operazione di cui in argomento a partire dalla seconda metà del mese di ottobre 2016 e comunque non prima della data di pubblicazione dell’atto di finanziamento sul sito web istituzionale nella sezione “Amministrazione Trasparente”;
  7. di prevedere per l'attività che si approva con il presente atto l'applicazione di una percentuale di realizzazione pari al 30% sul primo anno solare e del 70% sul secondo anno solare, anziché le percentuali previste al punto 7) dell'allegato 1) delle suddetta propria deliberazione n. 687/2016;
  8. di rinviare per quanto non espressamente previsto con il presente provvedimento alla propria deliberazione n. 1227/2016 e di confermare in ogni altra parte quanto previsto dalla propria deliberazione n.687/2016;
  9. di dare atto infine che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative ed amministrative richiamate in parte narrativa;
  10. di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna e sul sito http://formazionelavoro.regione.emilia-romagna.it.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it