E-R | BUR

n.45 del 24.02.2016 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Modifica propria delibera n. 1156/2011 - Concessione dei contributi regionali destinati a strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie, di cui alle proprie deliberazioni n. 1355/2009 e n. 1156/2011 e loro ss.mm.ii., in attuazione al D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii.

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA 

Richiamate le proprie deliberazioni n. 1355/2009 e n. 1156/2011 e loro ss.mm.ii con le quali:

- ai rispettivi Allegati 1, venivano approvati gli elenchi degli interventi ammessi ai contributi destinati a strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie finanziati tramite i contributi previsti dal Fondo Sociale per spese di investimento di cui all'art. 48, L.R. n. 2/2003, e art. 10, comma 2, L.R. n. 5/2004;

- ai rispettivi Allegati 2, venivano approvati i Disciplinari relativi alle procedure per la concessione, l’impegno e la liquidazione di tali contributi;

- ai rispettivi Allegati 3 veniva riportata la ripartizione finanziaria dei contributi assegnati a favore di ciascun Ente attuatore sui pertinenti capitoli di Bilancio;

Viste le seguenti proprie deliberazioni:

- n. 1301/2011, n. 1575/2012, n. 1833/2013, n. 1511/2013 n. 1532/2014 relative all’aggiornamento e modifica degli interventi ammessi al contributo previsti dalle citate deliberazioni n. 1355/2009 e n. 1156/2011;

- n. 2004/2009, n. 340/2011, e n. 1083/2013 di modifica dei Disciplinari relativi alle procedure per la concessione, l’impegno e la liquidazione di tali contributi, di cui agli Allegati 2 sopra richiamati ( da ora in poi indicati nel testo come “Disciplinari”);

Viste le proprie deliberazioni n. 1337/2010 e n. 1511/2013 con le quali:

- sono stati individuati i criteri sulla base dei quali è possibile provvedere all’autorizzazione delle modifiche degli interventi già ammessi al contributo rispettivamente con le citate deliberazioni n. 1355/2009 e n. 1156/2011, nel rispetto della tipologia e della finalità dell’intervento programmato;

- tra i criteri di cui al precedente punto viene fra l’altro stabilito che il contributo assegnato viene proporzionalmente ridotto nel rispetto della percentuale individuata all’Allegato 1 se il costo complessivo dell’intervento modificato è inferiore a quello riportato nel medesimo Allegato;

- si è stabilito che all’autorizzazione di tali modifiche, sulla base di detti criteri, provveda con proprio atto il Responsabile del Servizio Strutture sanitarie e socio-Sanitarie della Regione;

Dato atto che con le sopracitate deliberazione n. 1337/2010 e n. 1511/2013, la Giunta regionale ha stabilito, altresì, che con proprio successivo atto si sarebbe provveduto, a seguito delle modifiche autorizzate, all’aggiornamento degli Allegati 1 e 3 sopra richiamati;

Viste le seguenti determinazioni del Responsabile del Servizio Strutture Sanitarie e Tecnologie in ambito sanitario, socio-sanitario e sociale relative all’autorizzazione della modifica degli interventi programmati con la propria deliberazione n. 1156/2011, a parità di contributo assegnato, in attuazione della sopracitata deliberazione n. 1511/2013:

- n. 17714/2014 di autorizzare alla modifica dell’intervento n. 34 “Ristrutturazione ex Scuola di Corlo da destinare a Centro sociale” del Comune di Ferrara, prevedendo la sua sostituzione con l’intervento di “Ristrutturazione di edifici destinati a Centri Sociali” con un costo complessivo, al netto di arredi ed attrezzature, pari a € 350.000,00 ed un contributo assegnato di € 175.000,00;

- n. 4916/2015, rettificata dalla determinazione n. 6315/2015, di autorizzazione alla modifica dell’intervento n. 9 “Ristrutturazione alloggio sociale” del Comune di Scandiano (RE) per un costo complessivo, al netto di arredi ed attrezzature pari a € 30.000,00 ed un contributo assegnato di € 15.000,00;

Vista, altresì, la determinazione del Responsabile del Servizio Strutture Sanitarie e Tecnologie in ambito sanitario, socio-sanitario e sociale n. 4570/2015 di autorizzazione alla modifica dell’intervento n. 8 “Ristrutturazione alloggio sociale” del Comune di Rubiera (RE) per un costo complessivo, al netto di arredi ed attrezzature, di € 20.000,00 ed un contributo di € 10.000,00 importo ridotto rispetto all’assegnazione prevista dalla deliberazione n. 1156/2011, in relazione al minor costo complessivo dell’intervento modificato, nonché la nota del Sindaco di Rubiera relativa all’immobile oggetto di modifica acquisita agli atti del Servizio Strutture e Tecnologie in ambito sanitario, socio-sanitario e sociale al PG. n. 513217/2015;

Visto il D.Lgs n. 118/2011 e ss.mm.ii. recante ”Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di Bilancio delle Regioni, degli Enti Locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della Legge 5 maggio 2009, n. 42.” che ha previsto tra l’altro una nuova classificazione dei Capitoli di Bilancio;

Dato atto che:

- i contributi previsti dal Fondo sociale per spese di investimento destinati alla realizzazione degli interventi di cui alle citate deliberazioni n. 1355/2009 e n. 1156/2011 sono in parte finanziati dalla Regione da debito autorizzato e non contratto (spese di investimento in c/capitale, mezzi regionali) ai sensi dell'art.5, comma 2, della L.R. 4/2015 ed in parte da risorse vincolate dello Stato;

- sulla base delle disposizioni previste dalla nuova contabilità armonizzata di cui al D.Lgs 118/2011 e ss.mm. ii. l'anno 2015 rappresenta l'ultimo esercizio in cui le Regioni possono finanziare spese di investimento con debito autorizzato e non contratto;

- detti contributi regionali la cui copertura è costituita da debito autorizzato e non contratto, a seguito del nuovo ordinamento contabile armonizzato di cui al D.Lgs 118/2011 e ss.mm.ii sono finanziati con le risorse allocate ai seguenti Capitoli del Bilancio per l’esercizio finanziario 2015, istituiti sulla base della riclassificazione dei Capitoli:

  • n. 57200 “Fondo Sociale Regionale. Contributi agli Enti Locali e loro forme associative e alle Aziende USL, per la costruzione, ristrutturazione ed acquisto di immobili destinati o da destinare a strutture dedicate all’infanzia e minori (art. 48, L.R. 12 marzo 2003, n. 2)” - UPB 1.5.2.3.21000, 
  • n. 57209 “Fondo Sociale Regionale. Contributi agli Enti Locali e loro forme associative e alle Aziende USL, per la costruzione, ristrutturazione ed acquisto di immobili destinati o da destinare a strutture dedicate alle persone disabili (art. 48, L.R. 12 marzo 2003, n. 2)” - UPB 1.5.2.3.21000, 
  • n. 57211 “Fondo Sociale Regionale. Contributi agli Enti Locali e loro forme associative e alle Aziende USL, per la costruzione, ristrutturazione ed acquisto di immobili destinati o da destinare a strutture dedicate alle persone anziane(art. 48, L.R. 12 marzo 2003, n. 2)” - UPB 1.5.2.3.21000, 
  • n. 57213 “Fondo Sociale Regionale. Contributi agli Enti Locali e loro forme associative e alle Aziende USL, per la costruzione, ristrutturazione ed acquisto di immobili destinati o da destinare a strutture dedicate alle persone a rischio di esclusione sociale (art. 48, L.R. 12 marzo 2003, n. 2)” - UPB 1.5.2.3.21000, 
  • n. 68321 “Contributi in conto capitale per la realizzazione di centri di accoglienza ed alloggi per cittadini stranieri immigrati (art. 10, comma 2 L.R. 24 marzo 2004, n. 5 e L.R. 8 agosto 2001, n. 24)” UPB 1.5.2.3.21060; 

Visto altresì l'art.1-quater del D.L. 78/2015 convertito, con modificazioni, dalla L.n. 125/2015;

Ritenuto pertanto opportuno con il presente provvedimento:

- modificare gli Allegati 1 e 3 della propria deliberazione n. 1156/2011 al fine di aggiornare gli interventi oggetto di modifica sulla base di quanto disposto dalla deliberazione n. 1511/2012 e della nuova classificazione dei Capitoli di Spesa prevista dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii;

- rideterminare in € 10.000,00 il contributo assegnato al Comune di Rubiera con la deliberazione n.1156/2011 per la realizzazione dell'intervento n. 8 soprarichiamato;

Considerato che i Disciplinari stabiliscono che alla concessione e impegno dei contributi assegnati per la realizzazione degli interventi di cui agli Allegato 1 delle deliberazioni sopra richiamate, provveda il Dirigente regionale competente sulla base della dichiarazione dell'Ente attuatore di aver contabilizzato almeno:

- il 40% del costo dell'intervento ammesso al contributo dalla deliberazione n. 1355/2009 e s.m.i.;

- il 50% del costo dell'intervento ammesso al contributo dalla deliberazione n. 1156/2011 e s.m.i;

Verificato che per alcuni interventi non si è ancora potuto provvedere alla concessione ed impegno a favore degli Enti attuatori dei relativi contributi regionali poichè, ai sensi delle procedure riportate nei Disciplinari ed in particolare quelle indicate al precedente punto:

- pur avendo raggiunto le percentuali di avanzamento dei lavori richieste dai Disciplinari, gli Enti attuatori non hanno sino ad oggi provveduto all’inoltro della documentazione necessaria alla concessione e impegno del contributo, oppure la documentazione inviata è incompleta o non è stata trasmessa in tempi utili per completare le procedure di concessione ed impegno dei contributi loro assegnati;

- non avendo raggiunto sino ad oggi le percentuali di avanzamento richiamate, gli Enti attuatori non hanno potuto inviare la necessaria documentazione per provvedere alla concessione ed impegno dei contributi loro assegnati;

Verificato altresì che tali contributi finanziati con risorse regionali derivanti da debito autorizzato e non contratto ammontano complessivamente a € 2.961.841,46, così come indicato all’Allegato A parte integrante alla presente deliberazione che riporta anche l’elenco degli interventi a cui si riferiscono;

Valutato che, in considerazione delle disposizioni previste dal citato D.Lgs 118/2011 e ss.mm..ii., al fine di consentire l’effettivo utilizzo delle risorse finanziarie già assegnate agli Enti attuatori e garantire la conclusione degli interventi programmati, sia necessario:

- provvedere alla concessione ed impegno dei contributi regionali pari a € 2.961.841,46 entro il corrente anno 2015;

- stabilire che, in deroga alle procedure previste dai Disciplinari sopra illustrate, la concessione ed impegno di tali contributi venga assunta sulla base dell’avvenuto inizio dei lavori;

Verificato sulla base della documentazione agli atti del Servizio Strutture e Tecnologie in ambito sanitario, socio-sanitario e sociale che: 

- gli Enti attuatori degli interventi elencati all’Allegato A hanno provveduto a comunicare l’avvenuto inizio dei lavori o, nei casi previsti, l’acquisto dell’immobile oggetto del contributo nel rispetto delle scadenze disposte dai citati Disciplinari;

- gli interventi oggetto del presente provvedimento rientrano nell’ambito della tipologia delle spese di investimento riconosciute ammissibili a finanziamento ai sensi dell’art. 3, comma 18, lett. G) della Legge 350/2003, trattandosi di intervento relativi a soggetto pubblico e a patrimonio di proprietà pubblica;

Considerato che tra gli interventi ammessi al contributo con la propria deliberazione n. 1355/2209 e ss.mm.ii, oggetto del presente provvedimento rientrano:

- l’intervento n. 16 “Realizzazione Centro diurno assistenziale e socio-riabilitativo per disabili” per la realizzazione del quale è stato assegnato al Comune di Traversetolo (PR) il contributo regionale di € 300.000,00;

- l’intervento n. 23 “Ristrutturazione immobile per la realizzazione di struttura socio-assistenziale per anziani” per la realizzazione del quale è stato assegnato al Comune di Castelnovo di Sotto (RE) il contributo regionale di € 154.897,20;

Dato atto che, a seguito della presentazione di un esposto relativo all’intervento n. 16, acquisito agli atti del Servizio Strutture e Tecnologie in ambito sanitario, socio-sanitario e sociale al PG. 793316/2015, sono in corso le necessarie verifiche da parte dei Servizi regionali competenti per dare attuazione alle successive fasi di realizzazione dell’intervento;

Considerato comunque opportuno, anche per i motivi di urgenza sopra richiamati, procedere con il presente provvedimento alla concessione ed impegno del contributo € 300.000,00 assegnato al Comune di Traversetolo;

Vista la nota trasmessa dal Responsabile dell’Area Lavori Pubblici e Patrimonio dell’Unione Terra di Mezzo a cui afferisce anche il Comune Castelnovo di Sotto e la documentazione tecnico-amministrativa ad essa allegata, acquisita agli atti del Servizio Strutture e Tecnologie in ambito sanitario, socio sanitario e sociale al PG. 793464/2015, con la quale si comunicava:

- di aver provveduto alla redazione di un nuovo progetto preliminare per l’intervento n. 23 sopra richiamato in quanto dopo l’inizio dei lavori si constatò “la precarietà delle murature e la reale vulnerabilità statica dell’edificio”;

- che il nuovo progetto, dovendo garantire l’adeguamento sismico dell’intero complesso edilizio di cui l’immobile oggetto dell’intervento fa parte, prevede una revisione della distribuzione architettonica dei locali mantenendo comunque l’originaria destinazione d’uso;

Verificato che il Gruppo di Lavoro per la valutazione degli interventi destinati a strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie, di cui alla determinazione del Direttore Generale Sanità e Politiche Sociali e per l’Integrazione n. 7521/2015, nella seduta del 30 ottobre scorso ha espresso parere positivo in merito alla modifica progettuale trasmessa relativa all’intervento n. 23, dando atto che tale modifica è conseguente alla necessità di consolidare e migliorare strutturalmente l’immobile ai fini della prevenzione sismica;

Ritenuto pertanto opportuno, in deroga alle procedure previste dai Disciplinari, provvedere con il presente atto:

- alla concessione dei contributi regionali complessivamente pari a € 2.961.841,46 assegnati a favore degli Enti attuatori e per la realizzazione degli interventi puntualmente elencati all’Allegato A parte integrante della presente deliberazione;

- all’impegno della suddetta somma sul Bilancio della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2015 che presenta la necessaria disponibilità, così come indicato al medesimo Allegato A ricorrendo gli elementi di cui al D.L.gs n. 118/2011 e ss.mm.ii.;

Dato atto che al citato Allegato A, parte integrante del presente provvedimento, per ciascun intervento è stata indicata la stringa concernente la codificazione della Transazione elementare, come definita dal citato D.Lgs n. 118/2011 e ss.mm..ii., comprensiva del Codice Unico di Progetto (CUP) assegnato dalla competente struttura ministeriale;

Dato atto altresì:

- che alla successiva fase di liquidazione dei contributi regionali di cui al precedente punto provvederà il Dirigente regionale competente ai sensi della propria deliberazione n. 2416/2008 e sulla base delle disposizioni previste dai Disciplinari che, in ragione dei principi e dei postulati contabili previsti dal D.Lgs n. 118/2011 e ss.mm.ii, potranno essere modificati o integrati con proprio successivo atto, al fine di assicurare il rispetto delle regole stabilite dal decreto medesimo;

- che in sede di liquidazione il Dirigente regionale competente, ai sensi delle disposizioni previste dai Disciplinari, così come sopra individuati, provvederà alla conferma o all’eventuale rideterminazione, in diminuzione, dei contributi concessi col presente atto, sulla base dell’effettivo costo complessivo dell’intervento;

Preso atto che la procedura dei conseguenti pagamenti disposti in attuazione del presente atto è compatibile con le prescrizioni previste all'art.56, comma 6, del citato D.Lgs n.118/2011;

Viste le seguenti Leggi regionali:

- 26 novembre 2001, n. 43 e succ. mod.;

- 26 novembre 2001, n. 40 per quanto applicabile;

- 30 aprile 2015, n. 3 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale di previsione 2015 e del bilancio pluriennale 2015-2017 (Legge finanziaria 2015)”;

- 30 aprile 2015, n. 4 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario 2015 e Bilancio pluriennale 2015-2017”;

- 21 ottobre 2015, n. 17 “Disposizioni collegate alla Legge di Assestamento ed al provvedimento generale di variazione del Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2015 e del Bilancio pluriennale 2015-2017”;

- 21 ottobre 2015, n. 18 “Assestamento e provvedimento generale di variazione del Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2015 e del Bilancio pluriennale 2015-2017”;

Viste altresì:

- la legge 16 gennaio 2003, n. 3 “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione” in particolare l'art.11;

- il D.Lgs. 6 settembre 2011 n. 159 e succ. mod.;

- la legge 13 agosto 2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e successive modifiche;

- la determinazione dell'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011, n.4 recante “Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell'art.3 della legge 13 agosto 2010, n. 136;

- il D.Lgs 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione da parte delle pubbliche amministrazioni” e succ.mod;

- il decreto legge 21 giugno 2013, n.69 “Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia”, in particolare l’art.31 “Semplificazioni in materia di DURC”, convertito con modificazioni con legge 9 agosto 2013, n. 98 “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 21 giugno 2013, n. 69, recante disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia”;

Viste le circolari:

- Pg. 2013/154942 “Inserimento nei titoli di pagamento del Documento Unico di Regolarità Contributiva DURC relativo ai contratti pubblici di lavori, servizi e forniture - art. 31, comma 7 del D.L. 21 giugno 2013, n. 69 “Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia” pubblicato sul S.O. alla G.U. n. 144 del 21 giugno 2013;

- Pg. 2013/208039 “Adempimenti amministrativi in attuazione dell’art. 31 “Semplificazioni in materia di DURC” del D.L. 21 giugno 2013, n. 69 “Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia” convertito con modificazioni in Legge 9 agosto 2013, n. 98. Integrazione circolare prot. n. PG/2013/154942 del 26/6/2013;

Viste inoltre le seguenti proprie deliberazioni:

- n. 2416 del 29 dicembre 2008 avente per oggetto: “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modificazioni;

- n. 1621 del 11 novembre 2013 avente per oggetto “Indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs 14 marzo 2013, n. 33”;

- n. 57 del 26 gennaio 2015 avente per oggetto “Programma per la trasparenza e l'integrità. Approvazione aggiornamento per il triennio 2015-2017”;

- n. 1057 del 24 luglio 2006, n. 1663 del 27 novembre 2006, n. 193 del 27 febbraio 2015, n.335 del 31 marzo 2015 e n. 628 del 29 maggio 2015;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta del Vicepresidente e Assessore alle politiche di Welfare e politiche abitative, e dell’Assessore alle politiche per la salute;

A voti unanimi e palesi

delibera:

per le motivazioni espresse in premessa e che si intendono qui integralmente richiamate:

1) di modificare la propria deliberazione n.1156/2011:

- all'Allegato 1, limitatamente agli interventi n.8, 9 e 34,

- all'Allegato 3, limitatamente agli interventi n.8, 9 e 34,

come dettagliatamente riportato negli allegati alla presente deliberazione, quale parte integrante e sostanziale, denominati “Allegato 1 - Interventi Ammessi al contributo - DGR 1156/2011” e “Allegato 3 - Ripartizione finanziaria dei contributi assegnati - DGR 1156/2011 e DGR 1900/2012”;

2) di rideterminare in € 10.000,00 il contributo assegnato al Comune di Rubiera con la deliberazione n.1156/2011 per la realizzazione dell'intervento n.8 “Ristrutturazione alloggio sociale”, come dettagliatamente riportato all' Allegato 3 - Ripartizione finanziaria dei contributi assegnati - DGR 1156/2011 e DGR 1900/2012” di cui al punto precedente;

 3) di concedere i contributi regionali complessivamente pari a € 2.961.841,46, destinati a strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie e assegnati con le proprie deliberazioni n. 1355/2009 e 1156/2011 e loro ss.mm.ii, a favore degli Enti attuatori e per la realizzazione degli interventi puntualmente elencati all’Allegato A parte integrante della presente deliberazione, di cui agli Allegati 2 delle medesime deliberazioni;

 4) di impegnare la spesa complessiva di € 2.961.841,46 sul Bilancio della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2015 che presenta la necessaria disponibilità, così come indicato all’Allegato A parte integrante del presente provvedimento richiamato al precedente punto, nel seguente modo:

- € 600.545,71, somma registrata con i relativi numeri di impegno indicati nel citato Allegato A sul Capitolo 57200 “Fondo Sociale Regionale. Contributi agli Enti Locali e loro forme associative e alle Aziende USL, per la costruzione, ristrutturazione ed acquisto di immobili destinati o da destinare a strutture dedicate all’infanzia e minori (art. 48, L.R. 12 marzo 2003, n.2)” - UPB 1.5.2.3.21000;

- € 400.000,00, somma registrata con i relativi numeri di impegno indicati nel citato Allegato A sul Capitolo 57209 “Fondo Sociale Regionale. Contributi agli Enti Locali e loro forme associative e alle Aziende USL, per la costruzione, ristrutturazione ed acquisto di immobili destinati o da destinare a strutture dedicate alle persone disabili (art. 48, L.R. 12 marzo 2003, n.2)” - UPB 1.5.2.3.21000;

- € 708.612,20, somma registrata con i relativi numeri di impegno indicati nel citato Allegato A sul Capitolo n. 57211 “Fondo Sociale Regionale. Contributi agli Enti Locali e loro forme associative e alle Aziende USL, per la costruzione, ristrutturazione ed acquisto di immobili destinati o da destinare a strutture dedicate alle persone anziane (art. 48, L.R. 12 marzo 2003, n.2)” - UPB 1.5.2.3.21000;

- € 123.219,00, somma registrata con i relativi numeri di impegno indicati nel citato Allegato A sul Capitolo n. 57213 “Fondo Sociale Regionale. Contributi agli Enti Locali e loro forme associative e alle Aziende USL, per la costruzione, ristrutturazione ed acquisto di immobili destinati o da destinare a strutture dedicate alle persone a rischio di esclusione sociale (art. 48, L.R. 12 marzo 2003, n.2)” - UPB 1.5.2.3.21000;

- € 1.129.464,55, somma registrata con i relativi numeri di impegno indicati nel citato Allegato A sul Capitolo n. 68321 “Contributi in conto capitale per la realizzazione di centri di accoglienza e alloggi per cittadini stranieri immigrati (art. 10, comma 2 L.R. 24 marzo 2004, n. 5 e L.R. 8 agosto 2001, n. 24)” UPB 1.5.2.3.21060;

 5) di dare atto che al citato Allegato A parte integrante del presente provvedimento per ciascun intervento è stata indicata la stringa concernente la codificazione della Transazione elementare, come definita dal citato decreto, in attuazione del D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii, comprensiva del Codice Unico di Progetto (CUP) assegnato dalla competente struttura ministeriale;

 6) di dare atto altresì che:

- alla successiva fase di liquidazione dei contributi regionali sopra richiamati provvederà il Dirigente regionale competente ai sensi della propria deliberazione n. 2416/2008 sulla base delle disposizioni previste dai Disciplinari che, in ragione dei principi e dei postulati contabili previsti dal D.Lgs n. 118/2011 e ss.mm.ii, potranno essere modificati o integrati con proprio successivo atto, al fine di assicurare il rispetto delle regole stabilite dal decreto medesimo;

- in sede di liquidazione il Dirigente regionale competente, ai sensi delle disposizioni previste dai Disciplinari, così come sopra individuati, provvederà alla conferma o all’eventuale rideterminazione, in diminuzione, dei contributi concessi col presente atto, sulla base dell’effettivo costo complessivo dell’intervento;

- si provvederà agli adempimenti previsti dall'art.56, 7° comma, del D.Lgs. n.118/2011 e ss.mm.ii.;

- le leggi ed i provvedimenti settoriali non prevedono nel caso di specie l’acquisizione del Documento Unico di Regolarità Contributiva;

 7) di dare atto che con il presente provvedimento s'intende completata la fase di concessione dei contributi destinati alla realizzazione degli interventi di cui alle deliberazioni n.1355/2009 e n. 1156/2011, previsti dal Fondo sociale e finanziati con mezzi regionali;

 8) di dare atto che secondo quanto previsto dal D.Lgs. 14 marzo 2013, n.33 e succ.mod. nonché sulla base degli indirizzi interpretativi ed adempimenti contenuti nelle deliberazioni di Giunta regionale n.1621/2013 e n.57/2015, il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;

9) di pubblicare il presente provvedimento nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it