E-R | BUR

n.191 del 27.06.2018 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione dello schema di convenzione tra la Regione Emilia-Romagna - Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile ed il Comune di San Severino Marche (MC) per la realizzazione degli interventi indicati dalla delibera di Giunta regionale n. 1513 del 10/10/2017

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

- la Legge n. 225/1992 e s.m.i. recante “Istituzione del Servizio Nazionale della Protezione Civile”;

- il D.Lgs. n. 1/2018 recante “Codice della protezione civile”;

- la L.R. n. 1/2005 e s.m.i. recante “Nuove norme in materia di protezione civile e volontariato. Istituzione dell’Agenzia regionale di protezione civile”;

- la L.R. n. 13/2015 recante “Riforma del sistema di governo regionale e locale e disposizioni su città metropolitana di Bologna, province, comuni e loro unioni” e ss.mm.ii.;

- che risulta adottata la Deliberazione del Consiglio dei Ministri del 25 agosto 2016, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 199 del 26 agosto 2016, con la quale è stato dichiarato lo stato di emergenza in conseguenza degli eccezionali eventi sismici che, il giorno 24 agosto 2016, hanno colpito il territorio delle regioni: Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, ed i cui effetti sono stati estesi, rispettivamente:

a) con Deliberazione del Consiglio dei Ministri del 27 ottobre 2016, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 253 del 28 ottobre 2016, in conseguenza degli ulteriori eccezionali eventi sismici che, il giorno 26 ottobre 2016, hanno colpito il territorio delle medesime Regioni;

b) con Deliberazione del Consiglio dei Ministri del 31 ottobre 2016, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 256 del 2 novembre 2016, in conseguenza degli ulteriori eccezionali eventi sismici che, il giorno 30 ottobre 2016, hanno colpito nuovamente il territorio delle regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria;

c) con Deliberazione del Consiglio dei Ministri del 20 gennaio 2017, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 30 gennaio 2017, in conseguenza degli ulteriori eventi sismici che, il giorno 18 gennaio 2017, hanno colpito nuovamente il territorio delle regioni: Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, nonché degli eccezionali fenomeni meteorologici che hanno interessato i territori delle medesime Regioni a partire dalla seconda decade dello stesso mese;

- che risulta adottata l’Ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione Civile - Ocdpc - n. 388 del 26 agosto 2016 avente ad oggetto “Primi interventi urgenti di protezione civile conseguenti all’eccezionale evento sismico che ha colpito il territorio delle Regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo il 24 agosto 2016”, dove, in particolare all’art. 1, vengono individuati, fra i soggetti attuatori degli interventi, le componenti e le strutture operative del Servizio nazionale della protezione civile;

- che risulta adottata la successiva Ocdpc n. 394 del 19 settembre 2016 avente ad oggetto “Ulteriori interventi urgenti di protezione civile conseguenti all’eccezionale evento sismico che ha colpito il territorio delle Regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo il 24 agosto 2016” che prevede che i soggetti attuatori, al fine di assicurare la necessaria tempestività d’azione possano procedere, nel rispetto dei principi generali dell’ordinamento giuridico, della direttiva del Consiglio dei Ministri del 22/10/2004 e dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario, in deroga alle specifiche disposizioni normative richiamate dalla medesima ordinanza;

- che risulta adottato il D.P.R. del 9 settembre 2016 con cui è stato nominato il Commissario Straordinario del Governo, ai sensi dell’art. 11 della legge 23 agosto 1988, n. 400 e s.m.i., ai fini della ricostruzione nei territori dei Comuni delle Regioni di Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria interessati dall’evento sismico del 24 agosto 2016, dove, in particolare all’art. 1 il comma 2, è previsto che il Commissario Straordinario del Governo provveda al coordinamento delle amministrazioni statali, nonché, con l’Autorità Nazionale Anticorruzione, alla definizione dei piani, dei programmi d’intervento, delle risorse necessarie e delle procedure amministrative finalizzate alla ricostruzione degli edifici pubblici e privati e delle infrastrutture nei territori colpiti dal sisma;

Premesso che:

- con propria deliberazione n. 784 del 5 giugno 2017 ha avviato il processo amministrativo contabile che consente l’utilizzo delle somme costituite dalle donazioni effettuate da soggetti pubblici e privati, per la realizzazione di interventi a favore dei territori del Centro Italia colpiti dagli eventi sismici verificatisi a partire dal 24/8/2016;

- con propria deliberazione n. 1513 del 10 ottobre 2017 ha approvato il programma degli interventi da realizzarsi nel territorio delle regioni Abruzzo e Marche, colpite dagli eventi sismici del 24 agosto, del 26 ottobre 2016, del 30 ottobre 2016 e del 18 gennaio 2017” prevedendo, in sintesi:

a) la realizzazione, a cura dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile - Servizio Area Romagna, nel Comune di Crognaleto (TE) – Località Tottea, della Scuola Primaria e dell’Infanzia “San Giovanni Battista de La Salle”, finanziata con la somma di euro 850.000,00 (ottocentocinquantamila/00);

b) un contributo di euro 300.000,00 (trecentomila/00) in favore del Comune di San Severino Marche (MC), per la realizzazione di un villaggio scolastico;

c) un contributo di euro 50.000,00 (cinquantamila/00) in favore del Comune di Visso (MC), per il mantenimento dei servizi essenziali;

d)un contributo di euro 465.000,00 (quattrocentosessantacinquemila/00) in favore del Comune di Caldarola (MC), per la realizzazione della nuova sede comunale;

demandando a singole specifiche convenzioni, da approvarsi preventivamente, mediante proprie deliberazioni, le disposizioni attuative del programma;

Considerato:

- che, a seguito di attente valutazioni tra l’Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile ed il Sindaco del Comune di San Severino Marche, in ragione della situazione di estrema precarietà degli edifici della scuola elementare “A. Luzio”, che aveva una dotazione di n. 20 classi di primaria, n. 5 sezioni di infanzia, oltre a: palestra, mensa, laboratori e uffici, ed i cui studenti, allo stato, sono stati trasferiti in altri plessi scolastici, con obbligo di doppi turni, è emersa, improcrastinabile, la necessità di dare attuazione, con la massima urgenza, agli interventi previsti dal punto B) dell’allegato 1 alla D.G.R. n. 1513/2017;

- che risulta acquisita la comunicazione del Comune di San Severino Marche n. 14278 del 22.05.2018, acquisita al Protocollo dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile al n. 22425 del 22.05.2018, parte integrante e sostanziale dello schema di convenzione Allegato 1, in cui viene specificato l’intervento da realizzare indicando, in particolare, che:

a) il soggetto attuatore è lo stesso Comune di San Severino Marche;

b) il Commissario Straordinario alla Ricostruzione, con il “Piano B delle scuole”, emanato a seguito dell’Ordinanza n. 33 del 11/7/2017, ha ammesso a finanziamento, per l’importo di € 6.380.000,00 (seimilionitrecentottantamila/00) la realizzazione di un nuovo edificio scolastico, comprensivo di palestra, nel Comune di San Severino Marche (MC), per far fronte alle esigenze del plesso scolastico “A. Luzio”, gravemente danneggiato dagli eventi sismici del 2016;

c) il finanziamento previsto con l’Ordinanza sopra citata, in ragione dell’esito “B” riportato a seguito di sopralluogo Aedes, non risulta sufficiente a coprire né la spesa necessaria per l’eventuale acquisto del terreno dove dovrà essere realizzata la scuola, né le spese per rendere urbanizzata l’area;

d) il Comune di San Severino Marche, non possiede terreni idonei per poter ospitare un plesso scolastico di grandi dimensioni e si vede costretto, pertanto, ad acquistare uno, peraltro già individuato nella prima periferia del centro urbano del capoluogo;

e) per l’acquisto del terreno e per la realizzazione delle relative opere di urbanizzazione, compresa viabilità e parcheggi, il Comune dovrà stanziare una somma complessiva di circa € 1.000.000,00, cosi suddivisa:

- € 680.000,00 (seicentottantamila/00) per le opere di urbanizzazione;

- € 320.000,00 (trecentoventimila/00) per l’acquisto del terreno;

f) sono state acquisite delle donazioni che risultano, tuttavia, insufficienti, allo stato, per il completamento dell’opera;

g) il costo complessivo della costruzione muraria, pari a € 6.380.000,00 (seimilionitrecentot-tantamila/00) trova copertura sui fondi individuati nella citata Ordinanza n. 33/2017;

- che, in merito alle modalità di realizzazione delle opere:

a) progettazione, direzione lavori ed ogni altro adempimento tecnico (sicurezza, etc.) sono a cura dell’Ufficio Tecnico Comunale;

b) i lavori verranno realizzati a seguito dell’appalto da affidare in seguito alle procedure ad evidenza pubblica previste per le opere analoghe a quella in esame;

- che è auspicabile che la realizzazione della nuova scuola avvenga prima dell’inverno 2018 e comunque nel più breve tempo possibile compatibilmente con le disposizioni della citata Ordinanza;

Ritenuto:

- che quanto sopra esposto documenti adeguatamente la congruità dell’intervento da finanziare con le finalità previste dall’art. 44 della L.R. 18 luglio 2017, n. 16, e dell’art. 20 della L.R. 1 agosto 2017, n. 19,

- didover dare, pertanto, attuazione al punto B) dell’Allegato 1 approvato con propria deliberazione n. 1513/2017, nella parte in cui prevede un contributo di euro 300.000,00 (trecentomila/00) per la realizzazione, nel Comune di San Severino Marche (MC), della nuova sede del plesso scolastico “A. Luzio”, procedendo alla sottoscrizione di apposita convenzione con il Comune, il cui schema è riportato nell’ allegato A), parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

- che l’atto convenzionale sarà sottoscritto, per quanto di competenza della Regione Emilia-Romagna, dal Direttore dell’Agenzia regionale di sicurezza territoriale e protezione civile, per come previsto al punto 2 della propria delibera n. 1513/2017;

Atteso:

- che l’intervento in oggetto trova copertura nel finanziamento, stanziato sul bilancio regionale, con L.R. n. 19/2017, per l’importo complessivo di € 1.000.000,00 (unmilione/00):

- assegnato all’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, con propria deliberazione n. 1646/2017, impegnato sul capitolo U47322 e liquidato con Determinazione n. 18335/2017;

- accertato sul bilancio dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, sul capitolo E08207, al n. 34/2017;

Visti:

- il D.Lgs. n. 33/2013 e s.m.i. recante “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;

- la L.R. n. 43/2001 e s.m.i. “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna”;

Richiamate, altresì, le proprie deliberazioni:

- n. 2416/2008: “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adeguamenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e ss.mm.ii., per quanto applicabile;

- n. 270/2016: "Attuazione prima fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015";

- n. 622/2016: "Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015";

- n. 1107/2016: “Integrazione delle declaratorie delle strutture organizzative della Giunta regionale a seguito dell’implementazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n. 1681/2016: “Indirizzi per la prosecuzione della riorganizzazione della macchina amministrativa regionale avviata con delibera n. 2189/2015”;

- n. 93/2018: "Approvazione Piano triennale di prevenzione della corruzione. Aggiornamento 2018-2020", ed in particolare l’allegato B) “Direttiva di indirizzi interpretativi per l'applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2018-2020”;

- n. 468/2017: “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna” unitamente alle relative circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale PG/2017/660476 del 13/10/2017 e PG/2017/779385 del 21/12/2017, concernenti indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni;

- n. 56/2016 con cui è stato conferito all’Ing. Paolo Ferrecchi, fino al 30 giugno 2020, l’incarico di Direttore Generale del Dipartimento “Cura del territorio dell’ambiente”

- n. 1129/2017 con cui è stato rinnovato al Dott. Maurizio Mainetti, fino al 31 dicembre 2020, l’incarico di Direttore dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile;

Dato atto che il responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazione di conflitto di interessi, nemmeno potenziale;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore alla Difesa del suolo e della costa, protezione civile e politiche ambientali e della montagna;

A voti unanimi e palesi

delibera

per le motivazioni indicate in premessa, che qui si intendono integralmente riportate e trascritte:

  1.  di dare attuazione al disposto della propria deliberazione n. 1513 del 10 ottobre 2017, con particolare riferimento all’Allegato 1, Lettera B;
  2.  di approvare lo schema di convenzione tra la Regione Emilia-Romagna - Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile ed il Comune di san Severino Marche (MC), avente ad oggetto il contributo di euro 300.000,00 (trecentomila/00) per la realizzazione della nuova sede comunale, di cui all’allegato 1) della presente deliberazione e della stessa facente parte integrante e sostanziale;
  3. di autorizzare il Dott. Maurizio Mainetti, nella sua qualità di Direttore dell’Agenzia regionale la sicurezza territoriale e la protezione civile, alla sottoscrizione della convenzione indicata al precedente punto n. 2;
  4. di pubblicare la presente deliberazione, completa dell’allegato A), nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it