E-R | BUR

n.48 del 07.03.2018 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

L.R. 4/16 - Parziale modifica della DGR 783/2017 e dei criteri di rendicontazione dei progetti speciali 2017

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visto il d.lgs. 23 giugno 2011, n. 118, “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42” e ss.mm.;

Vista la Legge regionale 25 marzo 2016 n. 4 “Ordinamento turistico regionale – Sistema organizzativo e politiche di sostegno alla valorizzazione e promo-commercializzazione turistica. Abrogazione della Legge regionale 4 marzo 1998, n. 7 (Organizzazione turistica regionale – Interventi per la promozione e la commercializzazione turistica)” e ss.mm.;

Richiamate le seguenti proprie deliberazioni:

  • n. 783 del 5/6/2017 “L.R. 4/16 art. 7 comma 4 - Approvazione procedure di concertazione per la realizzazione dei progetti speciali realizzati dagli enti locali”;
  • n. 1316 del 11/9/2017 “L.R. 4/16 art. 7 comma 4 - Assegnazione e concessione contributi a enti locali vari per progetti speciali 2017 in attuazione propria delibera 783/2017”;
  • n. 1458 del 2/10/2017 “L.R. 4/16 art. 7 comma 4 - Secondo atto di assegnazione e concessione contributi a enti locali vari per progetti speciali 2017 in attuazione propria delibera 783/2017”;
  • n. 1748 del 6/11/2017 “L.R. 4/16 art. 7 comma 4 - Terzo atto di assegnazione e concessione contributi a enti locali vari per progetti speciali 2017 in attuazione propria delibera 783/2017”;

Preso atto, in merito ai criteri di cui alla propria deliberazione n. 783/2017:

  • della riforma dell’organizzazione turistica regionale prevista dalla precitata l.r. n. 4/16 e s.m., e in particolare dell’attuale fase di completamento del sistema organizzativo delle Destinazioni Turistiche di cui all’art. 12 della medesima legge;
  • dell’opportunità, al fine di garantire in modo ottimale l’espletamento delle procedure previste dalla citata propria deliberazione n. 783/2017, di prorogare anche per l’anno 2018 i compiti attribuiti ad APT Servizi s.r.l.;

Preso, inoltre, atto che, secondo quanto stabilito al punto 5 delle sopracitate proprie deliberazioni n. 1316/2017, n. 1458/2017, n. 1748/2017, la richiesta di liquidazione del contributo regionale sarà effettuata dagli enti pubblici beneficiari secondo le modalità stabilite alla lettera d) della narrativa dei citati atti, e che tale lettera d) risulta di non univoca interpretazione;

Ritenuto, pertanto, opportuno:

  • prorogare al 2018 le disposizioni previste alla “clausola transitoria” di cui al punto 6 dell’Allegato A “Procedure di concertazione e condivisione territoriale finalizzate all’individuazione degli Enti locali candidati alla realizzazione di Progetti speciali di cui al comma 4 dell’art. 7 della L.R. 4/2016 e s.m.” alla propria citata deliberazione n. 783/2017;
  • modificare la lettera d) in parte narrativa delle proprie deliberazioni n. 1316/2017, n. 1458/2017 e n. 1748/2017 sostituendo le parole “dovrà contenere la dichiarazione che il progetto in parola non ha beneficiato di alcun altro cofinanziamento ai sensi della l.r. 4/16 e s.m.i.” con le parole “dovrà contenere la dichiarazione che il beneficiario non ha beneficiato per il progetto in parola di alcun altro cofinanziamento ai sensi della L.R. n. 4/16 e s.m.i.”;

Visti:

  • il d.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss.mm.ii.;
  • la propria deliberazione n. 89 del 30/01/2017 “Approvazione Piano triennale di prevenzione della corruzione 2017-2019”;
  • la propria deliberazione n. 486/2017 “Direttiva di indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal d.lgs. n. 33/2013. Attuazione del Piano Triennale di prevenzione della corruzione 2017-2019”;
  • la propria deliberazione n. 468/2017 “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna”;

Vista la l.r. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modificazioni ed integrazioni;

Richiamate infine le proprie deliberazioni:

  • n. 56/2016, n. 270/2016, n. 622/2016, n. 702/2016, n. 1107/2016, n. 1949/2016, n. 468/2017 e n. 975/2017;
  • n. 2416 del 29/12/2008, avente ad oggetto “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e ss.mm.ii., per quanto applicabile;

Dato atto che il responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore Regionale al Turismo e Commercio

A voti unanimi e palesi

delibera:

per le motivazioni indicate in premessa e che qui si intendono integralmente riportate:

1. di prorogare al 2018 le disposizioni previste alla “clausola transitoria” di cui al punto 6 dell’Allegato A “Procedure di concertazione e condivisione territoriale finalizzate all’individuazione degli Enti locali candidati alla realizzazione di Progetti speciali di cui al comma 4 dell’art. 7 della L.R. 4/2016 e s.m.” alla propria citata deliberazione n. 783/2017;

2. di modificare la lettera d) in parte narrativa delle proprie deliberazioni n. 1316/2017, n. 1458/2017 e n. 1748/2017 sostituendo le parole “dovrà contenere la dichiarazione che il progetto in parola non ha beneficiato di alcun altro cofinanziamento ai sensi della l.r. 4/16 e s.m.” con le parole “dovrà contenere la dichiarazione che il beneficiario non ha beneficiato per il progetto in parola di alcun altro cofinanziamento ai sensi della l.r. 4/16 e s.m.”;

3. di dare atto che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative e amministrative richiamate in parte narrativa;

4. di pubblicare il presente provvedimento nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it