E-R | BUR

n.86 del 08.06.2011 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Romagna Acque Società delle Fonti – Risanamento vallata del Savio, rete di collettamento dei reflui all’impianto di depurazione, tratto Ranchio-Borello. Avvio procedimento – dichiarazione di pubblica utilità

Ai sensi e per gli effetti dell’articolo n. 16 della legge regionale 19 dicembre 2002 n. 37, si avvisa che presso l’Ufficio Espropri del Settore Risorse Patrimoniali e Tributarie del Comune di Cesena sono depositati gli atti relativi al progetto per il “risanamento vallata del Savio, rete di collettamento dei reflui all’impianto di depurazione, tratto Ranchio-Borello, a seguito della richiesta del 2/3/2011, assunta al Pgn. 14050/338, inoltrata dalla società Romagna Acque Società delle Fonti, per la realizzazione di tutti gli interventi necessari a dare compiuta attuazione al progetto di cui sopra, accompagnati tra l’altro da:

  • un allegato riportante l’indicazione delle aree da espropriare ed i nominativi di coloro che risultano proprietari secondo le risultanze catastali;
  • da una relazione che indica la natura, lo scopo, la spesa presunta dell’opera da eseguire.

Copia del presente avviso verrà pubblicata in data 8 giugno 2011 nel Bollettino Ufficiale della Regione e su di un quotidiano a diffusione locale. Il deposito ha una durata di 20 giorni decorrenti dal giorno di pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Entro il termine di 20 giorni decorrenti dal ricevimento del presente avviso, i proprietari delle aree interessate possono prendere visione degli atti depositati e negli ulteriori 20 giorni possono formulare osservazioni scritte.

Possono altresì presentare osservazioni nei 20 giorni successivi alla scadenza del deposito degli atti, di cui al presente avviso, coloro che pur non essendo proprietari, possono subire un pregiudizio dall’atto che comporta dichiarazione di pubblica utilità.

Decorsi i termini ed esperite le formalità di cui sopra si provvederà all’approvazione del progetto definitivo, approvazione che comporta dichiarazione di pubblica utilità delle opere in esso previste. In sede di approvazione del progetto verrà svolto l’esame delle osservazioni presentate.

Il responsabile del procedimento, inerente alla procedura espropriativa, è il Dirigente del Settore Risorse patrimoniali e tributarie, Gualdi Dr. Gabriele.

Il responsabile del procedimento inerente alla realizzazione dell’opera è l’Ing. Guido Govi della Soc. Romagna Acque - Società delle Fonti con sede a Forlì.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it