E-R | BUR

n.172 del 13.06.2018 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Oggetto: R.R. 41/01 artt. 18-25 - Concessione di derivazione di acqua pubblica superficiale dal sub-alveo del rio Lora-Carogna mediante opere mobili in comune di Castel San Giovanni località Pizzo da PC per uso irriguo - Richiedente Az. agr. Peveri Francesco, Angelo e Carla Caterina- Procedimento n. PC17A0052 - SINADOC n. 18044/2017 (Determina n. 439 del 26/1/2018)

La Dirigente Responsabile determina (omissis)

1. di rilasciare, ai sensi del R.R. n.41/2001, all' Az. Agr. Peveri Francesco, Angelo e Carla Caterina s.s. con sede in comune di Sarmato P.IVA 00390420339, fatti salvi i diritti dei terzi, la concessione (cod. proc. PC17A0052) per la derivazione di acqua pubblica superficiale dal Rio Lora-Carogna in località Pizzo Po comune di Castel San Giovanni su terreno in disponibilità del richiedente contraddistinto dal mappale 26 del foglio 10 del C.T. di detto comune, per uso irriguo;

2. di stabilire che la quantità d'acqua prelevabile, considerata la particolarità del sistema di prelievo, non potrà superare il volume massimo complessivo annuo di circa 57.714 m 3, nel rispetto delle modalità nonché degli obblighi e condizioni dettagliati nel Disciplinare di concessione (omissis);

5. di provvedere alla notifica del presente atto nei termini di legge e di stabilire che (omissis); la medesima concessione avrà scadenza al 31/12/2021; (omissis)

Estratto disciplinare (omissis)

Art. 10 Obblighi e condizioni particolari cui è assoggettata la derivazione

1. Qualità delle acque derivate – In considerazione delle modalità di prelievo, il Concessionario è tenuto ad adottare le misure necessarie finalizzate al controllo della qualità delle acque utilizzate, sollevando la Amministrazione da qualsiasi responsabilità derivante dal verificarsi di eventuali danni in relazione all'uso effettuato. In considerazione delle caratteristiche dell'opera di presa, per la tutela della falda di subalveo, il concessionario è inoltre tenuto a porre in essere gli opportuni accorgimenti volti a prevenire ed evitare rischi e fenomeni di inquinamento da agenti chimici e organici. (omissis)

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it