E-R | BUR

n.295 del 02.11.2017 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Decreto di esproprio delle aree necessarie alla realizzazione del nuovo assetto dei trasporti ferroviari nel Comune di Ferrara e collegamento diretto delle linee ferrovairie Rimini – Ferrara e Suzzara – Ferrara: 1° Stralcio – 2° lotto. Perizia di Variante n. 2 – Ditta n. 3/parte del piano particellare (Gallini Andrea e Gallini Stefano) non accettanti

L’Autorità espropriantevisto il provvedimento di Giunta Comunale PG. 21800 in data 2 giugno 1999, con cui è stato approvato l’accordo tra il Ministero dei Trasporti e della Navigazione, Regione Emilia-Romagna, Ferrovia dello Stato, Provincia di Ferrara, Comune di Ferrara, Gestione Governativa Ferrovie Padane, Gestione Governativa Ferrovia Suzzara – Ferrara per la definizione del nuovo assetto dei trasporti ferroviari nel territorio del Comune di Ferrara e la realizzazione di un collegamento diretto tra le linee Rimini – Ferrara e Suzzara – Ferrara e Tenuto conto che in base al suddetto accordo, siglato in data 08.06.1999, tra Ministero dei Trasporti e della Navigazione, della Regione Emilia Romagna, della Provincia di Ferrara, del Comune di Ferrara, della Ferrovie dello Stato S.p.A. (oggi R.F.I. S.p.A.), delle Gestioni Governative Ferrovia Suzzara-Ferrara e Ferrovie Padane (oggi confluite in FER S.r.l.), le fasi di appalto, direzione lavori, gestione amministrativa dei contratti, collaudo e quant’altro connesso sono a carico delle Ferrovie Emilia Romagna S.r.l.” (subentrante alla Gestione Commissariale Governativa Ferrovie Padane).

Vistoche l’art. 6 L.R. n. 37 del 19/12/2002 conferisce ai comuni le funzioni amministrative relative ai procedimenti di espropriazione per la realizzazione delle opere pubbliche regionali e con delibera di Consiglio Comunale del 07/04/2014 PG. 20451, in sede di approvazione del POC, è stato apposto il vincolo preordinato all'esproprio sulle restanti aree interessate dall’intervento previsto dalla  perizia di variante.

Il promotore, FER, con nota del 22 aprile 2014, PG n. 35264    ha  chiesto all’ufficio Espropri del Comune, autorità espropriante, di avviare il deposito del progetto definitivo della variante dell’opera in questione, ai sensi dell’art. 16  della L.R.  del 19 dicembre 2002 e a i sensi del succitato  articolo,  l’autorità espropriante ha provveduto al deposito del progetto definitivo  ed a tutti gli adempimenti necessari, compresa comunicazione a tutti gli interessati dell’intervento. ( lettera PG. 59058/14);

con provvedimento di Giunta Comunale PG. 103700 del 11.11.2014, dichiarato immediatamente eseguibile, è stato approvato il progetto definitivo della 2° perizia di variante tecnica, relativa alla realizzazione dei lavori in oggetto, con dichiarazione di pubblica utilità e  con il medesimo provvedimento è stato controdedotto alle osservazioni pervenute nei termini stabiliti,  a seguito del deposito del progetto definitivo, ai sensi dell’art. 16 – DPR n. 327/2001.

Il suddetto atto è stato notificato ai proprietari  dell’ area interessata ai sensi  dell’art. 18,  L.R. 37 del 19/12/2002 in data 01/12/2014 con  PG 110812 e con determina n. 820 del 19.05.2016, PG 55922 è stata fissata l’indennità provvisoria e di occupazione temporanea per i lavori di   realizzazione del nuovo assetto dei trasporti ferroviari nel Comune di Ferrara e collegamento diretto delle linee ferroviarie Rimini – Ferrara e Suzzara – Ferrara: 1° Stralcio – 2° lotto. Perizia di Variante n. 2 – da corrispondere alla Ditta 3  del piano particellare  (Gallini  Franco, Gallini Giuliano, Gallini Laura, Malaguti Corinna, Gallini Stefania, Gallini Andrea, Gallini Stefano, Civolani Albertina).

I proprietari delle aree interessate presenti nell’elenco sotto indicato  non hanno accettato tale indennità, la Società F.E.R. ha versato l’intera somma proposta per le indennità di espropriazione delle aree ad occupazione  permanente e provvisoria, con deposito presso lil Ministero dell’Economia e delle finanze Ragioneria Territoriale dello Stato di Bologna,, con deposito n. 1292440, Prot. N. 85691 del 23.11.2016,  per Gallini Stefano e deposito n. 1292441, Prot. N. 85692 del 23.11.2016,  per Gallini Andrea.

Le aree oggetto di esproprio con i relativi proprietari, dati catastali, indennità depositate sono riportate nell’elenco sotto indicato.

La Regione Emilia Romagna con  determinazione  N. 9435 del 08.07.2014, a firma dell’Ing. Maurizio Tubertini, avente ad oggetto: “Accordo per la definizione del nuovo assetto dei trasporti ferroviari nel territorio del Comune di Ferrara e la realizzazione di un collegamento tra le linee Rimini – Ferrara e Suzzara – Ferrara. Approvazione perizia di variante 1° lotto – 2° stralcio”, stabilisce tra l’altro che il beneficiario delle aree espropriate è la Regione Emilia-Romagna proprietaria della linea Ferrara-Codigoro, visto l’art. 20, commi 11 e 12, del T.U. n. 327/01, modificato dal D.Lgs. 302/02,in base al quale  l’autorità espropriante può procedere alla emissione del decreto di esproprio in alternativa alla cessione volontaria, mantenendo inalterati i benefici di legge;

Decretadi disporre, a favore della Regione Emilia Romagna,, per quanto in premessa esposto, in relazione ai lavori per la   realizzazione del nuovo assetto dei trasporti ferroviari nel Comune di Ferrara e collegamento diretto delle linee ferroviarie Rimini – Ferrara e Suzzara – Ferrara: 1° Stralcio – 2° lotto. Perizia di Variante n. 2, l’espropriazione delle aree i cui dati si trovano nell’elenco sotto indicato e da atto che i beni immobili in questione, diventano di proprietà della Regione Emilia Romagna, nello stato di fatto  in cui si trovano.

Si autorizza  l’occupazione temporanea non preordinata all’esproprio dei beni immobili siti in  Comune di Ferrara ai sensi dell’art. 49 del T.U. di seguito identificati:

per l’area distinta al C.T. del Comune di Ferrara al Foglio 193, mapp. 2535/parte e mapp. 1246/parte per complessivi mq. 225 di superficie.

si da   atto, ai sensi dell’art. 23.1 lett. f) T.U. n. 327/01, che il passaggio della proprietà oggetto della espropriazione è disposta sotto la condizione sospensiva che il medesimo decreto sia successivamente notificato ed eseguito.

si notifica al proprietario, ai sensi dell’art. 23.1 lett. g) T.U. n. 327/01, nelle forme degli atti processuali civili, il presente decreto con un avviso contenente l’indicazione del luogo, del giorno e dell’ora in cui è prevista la sua esecuzione almeno sette giorni prima di essa, e si esegue  il presente decreto ai sensi dell’art. 23.1 lett h) T.U. n. 327/01, mediante immissione nel possesso da parte  del Comune di Ferrara, Ufficio Espropri in qualità di Autorità espropriante per conto della FER quale promotore dell’esproprio, con la redazione del verbale di cui all’art. 24. L’esecuzione darà luogo agli effetti di cui all’art. 25 T.U. n. 327/01.

Si dispone che il presente decreto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 23.2 T.U. n. 327/01, venga registrato presso l'Agenzia delle Entrate, trascritto e volturato  presso il Servizio di Pubblicità Immobiliare, il tutto a cura del Comune di Ferrara, Ufficio Espropri in qualità di Autorità Espropriante con spese a carico della FER, quale soggetto promotore e si provvederà ad indicare in calce alla presente determinazione la data in cui è avvenuta l’immissione in possesso, provvedendo altresì alla trasmissione del relativo verbale all’Ufficio dei Registri Immobiliari per la relativa annotazione ai sensi dell’art. 24.5 T.U. n. 327/01.

Elenco delle aree oggetto di esproprio con i relativi proprietari, dati catastali, indennità depositi di pagamento

Ditta 3/parte

Esproprio permanente 

per le aree distinte al Catasto dei Terreni  del Comune di Ferrara

al Foglio 193, Mappale 2534 (ex 1246) di mq. 85  e mappale 2536 (ex 1250) di mq. 45 per complessivi mq. 130 di superficie di esproprio .

GALLINI Andrea, In qualità di comproprietario per 1/12 - Indennità depositata al lordo della ritenuta €. 1.450,31 - Deposito definitivo n. 1292441 del 23.11.2016

GALLINI Stefano, In qualità di comproprietario per 1/12 - Indennità depositata al lordo della ritenuta €. 1.450,31 - Deposito definitivo n. 1292440 del 23.11.2016

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it