E-R | BUR

n.156 del 16.08.2012 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Procedimento di screening per lavori di costruzione del bacino interaziendale ad uso irriguo denominato "Sintria" in loc. Cà di Rossi e della relativa rete di distribuzione primaria del "Consorzio Irriguo Torrente Sintria" sito in comune di Brisighella (RA)

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

(omissis)

delibera:

a) di escludere dalla ulteriore procedura di VIA il progetto per l’ invaso “Sintria” in località denominata Cà di Rossi in comune di Brisighella, con le prescrizioni di seguito descritte, in considerazione delle mitigazioni previste dal progetto, che consentono di ritenere poco significativi gli impatti attesi a condizione di rispettare le seguenti prescrizioni:

1) risoluzione dell’interferenza con l’elettrodotto e ottenimento dell’assenso del gestore allo spostamento del palo;

2) rispetto di quanto indicato in tabella 5.5 dell’art. 5.9, della variante al PTCP della Provincia di Ravenna;

3) rilascio del deflusso in alveo del quantitativo minimo di risorsa, che verrà fissato in sede di Concessione, tale da garantire la tutela e il mantenimento dell’ecosistema fluviale;

4) realizzazione delle seguenti opere di mitigazione, così come indicato nella pre - valutazione di incidenza:

i) lasciare incolta la superficie del terrazzo fluviale non interessata dalla realizzazione dell’invaso e mantenerla a prato golenale con uno sfalcio annuale da realizzare tra il 15 settembre ed il 15 marzo;

ii) realizzare uno stagno per la raccolta delle acque piovane, isolato dall’invaso e dal corso del torrente Sintria, utile alla riproduzione degli anfibi, di superficie di almeno 50 mq, da mantenere allagata nel periodo compreso tra ottobre e giugno; la forma dovrà essere irregolare così come la pendenza delle sponde, profondità media 50-80 cm, maggiormente approfondito sul lato meno esposto al sole in modo da garantire la sopravvivenza larvale anche in caso di disseccamento precoce;

iii) mettere a dimora sui lati nord ed ovest dell’invaso esemplari di Salix alba, Populus alba ed Alnus glutinosa;

iv) la messa a dimora delle piante dovrà essere effettuata in modo irregolare evitando rigidi schemi geometrici;

v) escludere da qualsiasi intervento (ad eccezione dell’area circoscritta in cui è localizzata la presa) l’area in cui è presente l’habitat 91EO (il bosco ripariale) presente lungo il Torrente Sintria;

vi) contenere al massimo la cantierizzazione, sia in termini temporali sia relativamente all’occupazione del territorio, così da arrecare il minor disturbo possibile ad habitat e specie faunistiche presenti nell’area, ed in particolare prestare molta attenzione alla rinnovazione naturale delle specie autoctone;

vii) limitare il più possibile l’impatto dei mezzi meccanici utilizzando macchine di dimensioni contenute, percorsi opportunamente limitati e modalità di accesso e transito rispettose dell’ambiente;

viii) l’attivazione dei cantieri deve avvenire in condizioni di umidità dei piani viabili “compatibili” e “sostenibili”;

ix) dovranno essere adottati tutti gli accorgimenti necessari a non causare inquinamento delle acque di superficie e sotterranee (in particolare versamenti accidentali da macchine operatrici e automezzi);

x) eseguire il trasporto di eventuali rifiuti non biodegradabili prodotti durante le lavorazioni in discarica autorizzata;

b) di sottoporre l’intervento alla competente Soprintendenza per i Beni Archeologici che potrà subordinarlo ad indagini archeologiche;

c) di trasmettere la presente delibera al proponente “Consorzio Irriguo Torrente Sintria”;

d) di trasmettere la presente delibera a: Provincia di Ravenna, al Comune di Brisighella, al Servizio Tecnico di Bacino, alla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Ravenna e all’ARPA - Sezione provinciale di Faenza;

e) di pubblicare per estratto, ai sensi dell’art. 10, comma 3, della Legge regionale 18 maggio 1999, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni, il presente partito di deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna;

f) di pubblicare il presente atto sul sito WEB della Regione Emilia-Romagna. 

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it