E-R | BUR

n.113 del 20.05.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Concessione nei comuni di Forlì e Faenza delle aree del demanio idrico del fiume Montone nel tratto di pianura arginato con l’onere della gestione della vegetazione presente nell’alveo di piena ordinaria - Sede di Forlì (FC) (L.R. 14 aprile 2004 n. 7)

Vista la determinazione del responsabile del Servizio Tecnico di Bacino Romagna n. 3897 del 31/3/2014,

si pubblica, ai sensi della L.R. 14 aprile 2004, n. 7 e successive modifiche ed integrazioni, il presente avviso per la gestione della vegetazione presente nell’alveo di piena ordinaria nel tratto delimitato a monte dal Ponte di Schiavonia a servizio della Via Emilia e a valle dal Ponte Vico sulla strada Forlì-Russi. I terreni, identificati esattamente negli allegati tecnici del progetto, fanno parte del demanio idraulico situati nei comuni di Forlì e di Faenza, lungo le sponde destra e sinistra per una di superficie annua di mq. 27.000, circa. La superficie complessiva è di 300.000 mq. Nel disciplinare viene riportato che l'intervento annuale è di 2700 ml., per una durata complessiva di anni 11.

È possibile visionare gli elaborati del progetto di “Concessione di terreno demaniale per la gestione della vegetazione del Fiume Montone a valle di Forlì nel tratto arginato fino a Ponte Vico” presso la sede del Servizio in via delle Torri 6 Forlì e pubblicato nel sito del servizio al link:

http://ambiente.regione.emilia-romagna.it/suolo-bacino/chi-siamo/servizi-tecnici-di-bacino/stb-romagna/informazioni-generali/sede-forli

Uso assentibile: gestione del bosco ripario, con taglio alternato della vegetazione.

Le domande di concessione devono pervenire in forma scritta ed in bollo al Servizio Tecnico di Bacino Romagna, di Forlì, in Via delle Torri n. 6 - 47121 Forlì, entro trenta giorni dalla data di pubblicazione del presente avviso nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.

  • Data di scadenza del bando: 30 giorni dalla pubblicazione
  • Importo canone annuo: € 540,00
  • Durata: 11 anni dalla data di affidamento
  • Importo posto a base di gara per l’affidamento: € 5.940,00 complessivi
  • Importo canone di concessione annuale su un’area 27.000 mq.: € 540,00 all’anno
  • Modalità di assegnazione - Criterio di scelta del concessionario:

la concessione sarà affidata al miglior offerente che si impegna a realizzare un ulteriore sfalcio meccanico di vegetazione erbacea ed arbustiva spontanea eterogenea, compresi canne e rovi su superfici arginali del fiume Montone a valle di Forlì fino a Ponte Vico.

I suddetti tratti dovranno essere evidenziati in un apposito elaborato cartografico. Sono a carico del concessionario gli oneri relativi alla realizzazione delle piste di accesso alle aree oggetto di concessione. 

Documentazione di partecipazione

Il plico sigillato dovrà contenere la seguente documentazione:

1) dichiarazione in bollo, da redigersi preferibilmente sul modello (MOD 1) sottoscritta con firma leggibile, per esteso, dal legale rappresentante o suo procuratore, con l’indicazione del luogo e data di nascita con cui il partecipante:

  •  si impegna al pagamento dell’importo del canone complessivo pari ad € 5.940,00 in caso di aggiudicazione;
  • indica come segue le maggiori quantità di lavorazioni di sfalcio delle arginature espresse in mq da ripetere annualmente:

Sfalcio meccanico di vegetazione erbacea ed arbustiva spontanea eterogenea, compresi canne e rovi, eseguito in periodi a scelta D.L., su superfici arginali piane e piane e inclinate

  • Unità di misura in numero mq. -----------------------
  • Unità di misura in lettere mq. -----------------------

La dichiarazione contenente l’offerta deve essere chiusa in apposita busta debitamente sigillata e controfirmata sui lembi di chiusura, nella quale non debbono essere inseriti altri documenti. Sulla busta sigillata contenente l’offerta segreta devono essere indicati l’oggetto della gara d’appalto e la denominazione dell’Impresa offerente; 

2) dichiarazione sostitutiva di atto notorio e di certificazione ai sensi del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, da redigersi preferibilmente sull’allegato modulo (MOD.2) - o più dichiarazioni ai sensi di quanto previsto successivamente - con cui il legale rappresentante dell’impresa concorrente o suo procuratore, assumendosene la piena responsabilità:

a) attesta di possedere i requisiti generali previsti dall’art. 38 del D. Lgs. 163/2006;

b) di essere iscritto alla camera di commercio indicando il numero di iscrizione;

c) di avere eseguito lavorazioni analoghe per P.A. o per soggetti privati allegando documentazione a comprova;

b) attesta di aver preso esatta cognizione della natura della concessione e di tutte le circostanze generali e particolari che possono influire sulla sua esecuzione;

c) dichiara di accettare, senza condizione o riserva alcuna, tutte le norme e disposizioni contenute nel presente avviso, nel disciplinare di concessione, nei grafici di progetto;

d) attesta di essersi recato sul posto dove debbono eseguirsi i lavori, di aver preso conoscenza delle condizioni locali, della viabilità di accesso, delle discariche autorizzate, nonché di tutte le circostanze generali e particolari e locali suscettibili di influire sulla determinazione dei prezzi, sulle condizioni contrattuali e sull’esecuzione dei lavori e di aver giudicato i lavori stessi realizzabili in concessione, gli elaborati progettuali adeguati e prezzi, nel loro complesso, remunerativi e tali da consentire l’offerta proposta;

e) attesta di aver preso conoscenza e di aver tenuto conto, nella formulazione dell’offerta degli oneri relativi alla raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti e/o residui di lavorazione, nonché degli obblighi e degli oneri relativi alle disposizioni in materia di sicurezza, di assicurazione, di condizioni di lavoro, di previdenza e assistenza in vigore nel luogo dove devono essere eseguiti i lavori;

f) attesta di avere effettuato uno studio approfondito del progetto, di ritenerlo adeguato e realizzabile alle condizioni previste nel bando e contenute nell’offerta presentata;

g) dichiara di avere tenuto conto, nel formulare la propria offerta, di eventuali maggiorazioni per lievitazione dei prezzi che dovessero intervenire durante l’esecuzione dei lavori, rinunciando fin d’ora a qualsiasi azione o eccezione in merito;

h) dichiara che la Ditta possiede la disponibilità, per tutta la durata dei lavori, delle attrezzature e dei mezzi d’opera necessari all’esecuzione delle opere secondo le prescrizioni del disciplinare e che gli stessi sono idonei a consentirne l’ultimazione entro i limiti di tempo contrattualmente previsti, attestando altresì di aver accertato l’esistenza e la reperibilità dei materiali e della mano d’opera necessari per la corretta esecuzione dei lavori in relazione ai tempi previsti;

i) dichiara, a norma del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81, tenuto conto della propria organizzazione e della propria attrezzatura, che l’offerta fa salvi i costi necessari a garantire la sicurezza e la salute dei lavoratori e che si impegna a predisporre il Piano Operativo di Sicurezza;

k) dichiara, ai sensi dell'art. 29 del D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81, di aver compiuto la valutazione dei rischi delle attività ricorrenti e di impegnarsi a redarre il documento di valutazione dei rischi;

l) dichiara di applicare a favore dei lavoratori dipendenti condizioni normative e retributive non inferiori a quelle dei contratti di lavoro e degli accordi locali vigenti nei luoghi in cui si svolgono i lavori, se più favorevoli, rispetto a quelle dei contratti di lavoro e degli accordi del luogo in cui ha sede la ditta;

n) con riferimento alle posizioni INPS, INAIL e Cassa Edile di essere in regola con i relativi versamenti;

La dichiarazione deve essere resa da persona avente la capacità di rappresentare l’impresa e di impegnarla verso terzi (rappresentante legale, amministratore unico, amministratore delegato, ecc).

La domanda deve essere sottoscritta, a pena di esclusione, da persona abilitata ad impegnare il concorrente.

La dichiarazione dovrà essere corredata, pena l’esclusione dalla gara, da copia fotostatica, non autenticata, di documento di identità del sottoscrittore in corso di validità, ai sensi di quanto previsto dall’art. 38 del D.P.R. 445/2000 e s.m.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it