E-R | BUR

n.170 del 15.07.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Reg. (CE) n. 1698/2005 PSR 2007-2013 - Asse 4 - Ulteriori determinazioni in relazione al Programma operativo dell'asse 4 "Attuazione approccio leader" in merito alla Misura 431 ed alle Azioni a regia diretta

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA 

Visti:

  • il Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio, sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo Europeo Agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e successive modifiche ed integrazioni;
  • il Regolamento (CE) n. 1974/2006 della Commissione europea, che reca disposizioni di applicazione al citato Regolamento (CE) n. 1698/2005 e successive modifiche ed integrazioni;
  • il Regolamento (UE) n. 65 del 27 gennaio 2011 della Commissione europea che stabilisce modalità di applicazione del Regolamento (CE) n. 1698/2005 per quanto riguarda l’attuazione delle procedure di controllo e della condizionalità per le Misure dello sviluppo rurale, abrogando il Regolamento (CE) n. 1975/2006 che già disciplinava le suddette procedure;
  • la deliberazione dell´Assemblea Legislativa n. 99 del 30 gennaio 2007, con la quale è stato adottato il Programma di Sviluppo Rurale della Regione Emilia-Romagna per il periodo 2007/2013 (di seguito PSR), attuativo del citato Regolamento (CE) n. 1698/2005;
  • la Decisione della Commissione europea C(2007)4161 del 12 settembre 2007 di approvazione del Programma medesimo;

Rilevato che:

  • il PSR è stato oggetto di successive modifiche sottoposte all'esame della Commissione europea e da questa approvate;
  • da ultimo, con propria deliberazione n. 1997 del 22 dicembre 2014, si è preso atto dell’attuale formulazione del PSR (versione 10), approvata dalla Commissione europea come comunicato con nota Ares(2014)4301888 del 19 dicembre 2014;

Richiamate le proprie deliberazioni:

  • n. 739 del 1 9 maggio 2008 con la quale si è provveduto ad approvare il Programma Operativo dell'Asse 4 “Attuazione dell’approccio Leader” del PSR, nonché il bando per la selezione dei Gruppi di Azione Locale ed i Piani di Azione Locale;
  • n. 313 dell'8 febbraio 2010 recante “Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Emilia-Romagna modifica del Programma Operativo d'Asse 4 approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 739 del 19 maggio 2008”;
  • n. 1846 del 12 dicembre 2011 recante “Regolamento (CE) n. 1698/2005 PSR 2007-2013 - Asse 4 - Modifiche ed integrazioni al Programma Operativo dell'Asse 4 “Attuazione approccio Leader” approvato con deliberazione n. 739 del 19 maggio 2008 e n. 313 dell'8 febbraio 2010. Seconda modifica”, con la quale si è provveduto ad aggiornare il Programma Operativo di che trattasi;
  • n. 910 del 2 febbraio 2013 recante “Regolamento (CE) n. 1698/2005 PSR 2007-2013 - Asse 4 - Modifiche ed integrazioni al programma operativo dell'Asse 4 “Attuazione approccio Leader” aggiornato con deliberazione n. 1846 del 2011”;
    1. Visto il nuovo assetto normativo comunitario di riferimento per la Programmazione PSR 2014-2020 in attuazione della politica agricola comune ed in particolare i Regolamenti (UE):
  • n. 1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 recante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, e che abroga il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio;
  • n. 1305/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) per il periodo di programmazione 2014 - 2020;
  • n. 1306/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 sul finanziamento, sulla gestione e sul monitoraggio della politica agricola comune e che abroga i regolamenti del Consiglio (CEE) n. 352/78, (CE) n. 165/94, (CE) n. 2799/98, (CE) n. 814/2000, (CE) n. 1290/2005 e (CE) n. 485/2008;
  • n. 1310/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio che, in particolare, stabilisce alcune disposizioni transitorie sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del FEASR;

Richiamate, inoltre, le proprie deliberazioni che ridefiniscono, tra l'altro, le date di ultimazione degli interventi in attuazione dei Piani di Azione Locale (PAL) approvati a valere sulla programmazione 2007-2013 e precisamente:

  • n. 831 del 9 giugno 2014, “Regolamento (CE) n. 1698/2005. Proposta di modifica del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Emilia-Romagna, ai sensi dell'art. 6, lett. c) e dell' art. 9 del Regolamento (CE) n. 1974/2006 (versione 10) e determinazioni conseguenti sugli Assi 3 e 4”;
  • n. 1295 del 23 luglio 2014 “Regolamento (CE) n. 1698/2005 PSR 2007-2013 - Asse 4 - Programma operativo dell'Asse 4 - Attuazione approccio Leader - aggiornato con deliberazione n. 1846 del 2011 modificato e integrato con delibera n. 910 del 2013 - ulteriori disposizioni in ordine all'attuazione dei PAL”;
  • n. 1630 del 13 ottobre 2014 “Regolamento (CE) n. 1698/2005 - PSR 2007-2013 Asse 4 - Attuazione approccio Leader - disposizioni finanziarie in merito all'attuazione dei PAL e definizione di termini di conclusione dei lavori e rendicontazione dei progetti”;
  • n. 1985 del 22 dicembre 2014 “Regolamento (CE) n. 1698/2005 PSR 2007-2013 Asse 4 - Autorizzazione a differire la data di ultimazione degli interventi a valere sulle Misure 411, 412, 413 con riferimento al Programma Operativo Asse 4 in scadenza al 31/12/2014 e proroga scadenza termine di concessione per interventi finanziati in applicazione della deliberazione n. 1630 del 13 ottobre 2014”;

Rilevato che il sotto paragrafo 3.3 del Programma d'Asse 4 vigente individuando specifiche disposizioni per la Misura 431 “Gestione dei GAL, acquisizione di competenze e animazione” stabilisce che:

  • le spese per la Misura 431 non possono superare il 15% del costo pubblico totale del PAL;
  • la domanda di pagamento a saldo dell’ultima domanda d’aiuto della Misura 431 dovrà essere integrata da una nota in cui si dichiari che le somme spese sull’intera Misura 431 sono contenute nel 15% dell’intero importo speso per l’attuazione dell’intero PAL, allegando un prospetto dimostrativo. Qualora l’importo speso imputabile alla Misura 431 dovesse essere superiore a tale percentuale, si dovrà trasmettere una domanda di pagamento a saldo che rientri in tale limite. Non sono comunque ammissibili a finanziamento le spese che eccedono tale percentuale;

Preso atto della comunicazione del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, prot. n. 21340 del 27 ottobre 2014, con la quale, sulla base dell'analisi svolta dalla Commissione europea nel Comitato per lo sviluppo rurale del 16 luglio 2014, si conferma l'interpretazione in merito alla base di calcolo dei costi correnti dell'Approccio Leader di cui all'art. 38.1 del Regolamento (UE) n. 1974/2006, definendo quale riferimento, ai fini del computo del limite del 20% delle spese correnti, il valore del PAL dei GAL, ai sensi dell'art. 63 del Regolamento (CE) n. 1698/2005;

Considerato che l'applicazione della percentuale agli importi concessi ai GAL relativamente al PAL di riferimento, anziché sull'erogato definitivo, consente ai GAL di inoltrare la domanda di pagamento a saldo nei tempi stabiliti dalla programmazione del PSR 2007-2013, avendo la certezza della base di calcolo;

Ritenuto necessario adeguare le disposizioni del Programma Operativo sopra riportate a quanto espresso dalla Commissione europea, prevedendo quale base di calcolo per il limite delle spese imputabili sull'intera Misura 431, l'importo concesso per l'attuazione dell'intero PAL e non l'importo speso come indicato nella formulazione attuale del Programma Operativo vigente;

Rilevato che il sotto paragrafo 3.2.6. “Disposizioni generali” del Programma Operativo nella versione da ultimo modificata con deliberazione n. 910/2013 prevede, per i progetti a regia diretta GAL, che la domanda di pagamento sia presentata entro il 28 febbraio 2015;

Preso atto che per alcuni progetti riferiti a tale tipologia, in corso di realizzazione, alcuni GAL hanno richiesto la proroga dell'ultimazione delle attività che si dovranno concludere a ridosso della scadenza del termine del 28 febbraio 2015;

Considerato che la rendicontazione collegata potrebbe protrarsi oltre la scadenza del suddetto termine per le necessarie procedure di fatturazione da parte dei fornitori a cui sono collegati i pagamenti da parte dei GAL;

Ritenuto, al fine di ottimizzare l'utilizzo delle risorse dell'Asse 4 e garantire il raggiungimento della quota minima di spesa del 5% di cui all'art. 17 del Regolamento (CE) n. 1698/2005 senza pregiudicare il completamento delle istruttorie di liquidazione e relativo pagamento nel rispetto delle tempistiche per la chiusura del Programma, di consentire ai GAL di rendicontare le azioni a regia diretta attuative del PAL entro il 31 marzo 2015, dando pertanto la possibilità a seguito di motivata richiesta di presentare le relative domande di pagamento entro la suddetta scadenza;

Viste:

  • la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modifiche ed in particolare l’art. 37, comma 4;
  • la deliberazione n. 2416 del 29 dicembre 2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modifiche ed integrazioni;
  • la deliberazione n. 1950 del 13 dicembre 2010 “Revisione della struttura organizzativa della Direzione Generale Attività produttive, Commercio e Turismo e della Direzione Generale Agricoltura”;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca, Simona Caselli;

A voti unanimi e palesi

delibera:

  1. di richiamare le considerazione formulate in premessa che costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto;
  2. di prevedere, a parziale modifica di quanto stabilito nel Programma Operativo dell’Asse 4 del PSR 2007-2013 nella formulazione vigente, ed in particolare nel sotto paragrafo 3.3. “Disposizioni specifiche per la Misura 431” che la domanda di pagamento a saldo dell’ultima domanda d’aiuto della Misura 431 annualità 2013-2014-2015, debba essere integrata da una nota in cui si dichiari che le somme spese sull’intera Misura 431 sono contenute nel 15% dell’intero importo concesso per l’attuazione dell’intero PAL, allegando un prospetto dimostrativo, fermo restando quant'altro previsto dal suddetto sotto paragrafo in termini di documentazione a completamento della domanda di pagamento;
  3. di consentire ai GAL di rendicontare le azioni a regia diretta attuative del PAL entro il 31 marzo 2015, dando pertanto la possibilità, a seguito di motivata richiesta, di presentare le relative domande di pagamento entro la suddetta scadenza;
  4. di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it