E-R | BUR

n.156 del 16.08.2012 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

REG. (CE) 1698/05. Asse 2 Misura 214 Azione 7. "Agrobiodiversità, Progetti comprensoriali integrati". Aggiornamento Programma Operativo di Azione e approvazione programma di spesa

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Richiamati:

- il Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio europeo, sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo Europeo Agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e successive modifiche;

- il Regolamento (CE) n. 1290/2005 del Consiglio europeo sul finanziamento della politica agricola comune;

- il Regolamento (CE) n. 1974/2006 della Commissione europea, che reca disposizioni di applicazione al citato Regolamento (CE) n. 1698/2005 e successive modifiche;

- il Regolamento (UE) n. 65 del 27 gennaio 2011 della Commissione europea che stabilisce modalità di applicazione del Regolamento (CE) n. 1698/2005 per quanto riguarda le procedure di controllo e la Condizionalità per le misure di sostegno dello sviluppo rurale, abrogando il Regolamento (CE) n. 1975/2006 che già disciplinava le predetteprocedure;

- il Regolamento (CE) n. 73/2009 del Consiglio europeo che stabilisce norme comuni relative ai regimi di sostegno diretto agli agricoltori nell'ambito della politica agricola comune e che modifica i Regolamenti (CE) n. 1290/2005, (CE) n. 247/2006, (CE) n. 378/2007 ed abroga il Regolamento (CE) n. 1782/2003;

- il Regolamento (CE) n. 1122/2009 della Commissione che reca le modalità di applicazione del Regolamento (CE) n. 73/2009 del Consiglio per quanto riguarda la condizionalità, la modulazione e il sistema integrato di gestione e di controllo;

Visti:

- il Programma di Sviluppo Rurale della Regione Emilia-Romagna per il periodo 2007-2013 (di seguito per brevità indicato come P.S.R.) attuativo del citato Regolamento (CE) n. 1698/2005, nella formulazione approvata dalla Commissione europea con comunicazione CM/II(2012)1046658 del 20 luglio 2012 (Versione 7) della quale si è preso atto con separata deliberazione in data odierna, a seguito delle modificazioni proposte con le deliberazioni n. 431 del 16 aprile 2012 e n. 815 del 18 giugno 2012 e del negoziato condotto con i servizi della Commissione dalla Direzione generale Agricoltura, Economia ittica, Attività faunistico-venatorie;

- la L.R. 30 maggio 1997, n. 15 e successive modifiche recante norme per l’esercizio delle funzioni in materia di agricoltura;

- la L.R. 23 luglio 2001, n. 21 che istituisce l’Agenzia Regionale per le Erogazioni in Agricoltura (AGREA) per l'Emilia-Romagna, formalmente riconosciuta quale Organismo pagatore regionale per le Misure del PSR con Decreto del Ministro delle Politiche Agricole e Forestali del 13 novembre 2001;

- la L.R. 29 gennaio 2008, n. 1 recante “Tutela del patrimonio di razze e varietà locali di interesse agrario del territorio emiliano – romagnolo”;

- le “Linee guida sull’ammissibilità delle spese relative allo sviluppo rurale e a interventi analoghi” di cui all’intesa sancita in sede della Conferenza Stato-Regioni nella seduta del 18 novembre 2010, che sostituisce la stesura del 2008;

Atteso:

- che nel P.S.R. 2007-2013, in attuazione di quanto previsto dall’art. 39 paragrafo 5 del Regolamento (CE) n. 1698/2005 sono state definite, nell’ambito della Misura 214 dell’Asse 2, diverse Azioni direttamente connesse alla tutela delle agro-biodiversità ed in particolare l’Azione 7 “Agrobiodiversità: progetti comprensoriali integrati” e sono stati indicati quali beneficiari le Province e la Regione nel rispetto dell’art. 28 del Regolamento (CE) n. 1974/2006;

- che la scheda di Misura relativa alla predetta Azione prevede che i beneficiari provvedano alla realizzazione dei “Progetti comprensoriali integrati” attraverso l’acquisizione di beni, servizi e/o consulenze nel rispetto delle norme vigenti regionali, nazionali e comunitarie in materia di concorrenza e nel rispetto di quanto disposto nelle “Linee guida sull’ammissibilità delle spese relativa allo sviluppo rurale e a interventi analoghi”;

- che con propria deliberazione n. 168 dell’11 febbraio 2008, è stato approvato il Programma Operativo dell’Asse 2, nel quale è ribadito che l’Azione 7 della Misura 214 è attivata attraverso l’emanazione di bandi predisposti dalla Regione Emilia-Romagna;

- che detta impostazione è stata confermata anche nella versione consolidata del Programma Operativo dell’Asse 2 di cui alla deliberazione n. 1393 del 20 settembre 2010;

Preso atto:

- che con deliberazione n. 1569 del 18 ottobre 2010, la Giunta regionale ha provveduto all’approvazione del Programma Operativo dell’Azione 7 della Misura 214 che definisce criteri e procedure attuative e costituisce, al contempo, Avviso pubblico per la presentazione delle domande di aiuto riferite ai Progetti comprensoriali integrati di valenza provinciale;

- che con determinazione n. 6068 del 23 maggio 2011 del Responsabile del Servizio Ricerca, innovazione e promozione del sistema agroalimentare è stata approvata, fra l’altro, la graduatoria dei progetti comprensoriali integrati a valenza provinciale ed è stato concesso ad ogni Provincia il relativo contributo;

- che in seguito all’approvazione di tale graduatoria sono residuate risorse pari ad Euro 166.900,00;

- che il paragrafo 9 “Disponibilità finanziaria” del Programma Operativo dell’Azione 7 della Misura 214, di cui alla deliberazione 1569/10, prevede che eventuali risorse non utilizzate al momento della raccolta delle “domande di aiuto” inerenti ai progetti provinciali, siano destinate all’attivazione dei “Progetti regionali”;

- che le risorse destinate dal Programma Operativo di cui alla predetta deliberazione ai “Progetti regionali” ammontavano ad Euro 316.434,00;

- che, pertanto, la nuova disponibilità per i “Progetti regionali” è complessivamente di Euro 483.334,00;

Richiamato, in particolare, il paragrafo 11 del P.S.R. nel quale sono designate, nel rispetto di quanto previsto dall’art. 74 del Regolamento (CE) n. 1698/2005, le seguenti Autorità:

- Autorità di Gestione - che rappresenta il soggetto responsabile dell’efficace, efficiente e corretta gestione e attuazione del programma - individuata nella Direzione generale Agricoltura, Economia ittica, Attività faunistico-venatorie;

- Organismo pagatore - cui compete, fra l’altro, la gestione finanziaria di tutte le risorse pubbliche mobilitate nell’ambito del Programma - individuata, nel rispetto delle condizioni di cui all’art. 6 del Regolamento (CE) n. 1290/2005, nell’Agenzia Regionale per le Erogazioni in Agricoltura (AGREA) per l’Emilia-Romagna;

Atteso che l’attuazione dei progetti regionali si colloca nel contesto delle “acquisizioni di servizi e forniture” disciplinate dal DLgs 12 aprile 163 “Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE” e successive modifiche ed integrazioni, nonché dalla Legge regionale 21 dicembre 2007, n. 28 “Disposizioni per l’acquisizione di beni e servizi” e relativi atti applicativi;

Rilevato:

- che a seguito delle modifiche apportate nelle citate Linee Guida al paragrafo 2.8 i beneficiari delle azioni riferibili al comma 5 dell’art. 39 del Reg. (CE) n. 1698/2005 sono responsabili dell’esecuzione delle operazioni, selezionate nel rispetto delle predette procedure nazionali e comunitarie per l’acquisizione di beni e servizi;

- che analogamente anche la scheda di Misura dell’Azione 7 della Misura 214 del PSR 2007-2013 era stata modificata in tal senso;

- che al fine di selezionare i soggetti realizzatori dei “Progetti comprensoriali integrati” a valenza regionale sono state individuate un’insieme di azioni raggruppate in quattro macro-aree di attività facenti parte di un unico progetto come di seguito indicato:

Macro-aree

  1. Caratterizzazione morfologica e genetica di accessioni di vite al fine della loro puntuale identificazione finalizzata alla conservazione ex situ;
  2. Ricognizione e caratterizzazione del patrimonio varietale frutticolo della regione Emilia-Romagna a rischio di erosione iscritto e/o iscrivibile al Repertorio volontario regionale ai fini della conservazione ex situ;
  3. Caratterizzazione morfologica e preparazione di materiale sano (seme, embrioni, giovani capi) per la reintroduzione e ridiffusione sul territorio regionale di razze animali autoctone ai fini della conservazione;
  4. Azioni di comunicazione finalizzate alla diffusione dei risultati ed alla messa in rete sia delle conoscenze che emergeranno dalle attività di caratterizzazione morfologica sia delle conoscenze già presenti nel territorio regionale sulla biodiversità

Ritenuto pertanto di dover provvedere con il presente atto:

- ad approvare i contenuti del progetto regionale come sopra individuati;

- a definire le relative procedure attuative approvando specifico allegato, parte integrante e sostanziale alla presente deliberazione, comprensivo della programmazione delle acquisizioni necessarie ai fini e per gli effetti della citata disciplina in materia di contratti pubblici;

Dato atto che - in relazione alle previsioni dell'art. 71, paragrafo 3, lettera a), del Regolamento (CE) n. 1698/2005 e dei seguenti chiarimenti intervenuti a livello nazionale e comunitario secondo i quali la disponibilità finanziaria recata dal P.S.R. è da considerare al netto dell'IVA - le risorse finanziarie indicate nel predetto Allegato sono rappresentate al netto dell'IVA;

Dato atto, inoltre, che la programmazione di cui alla presente deliberazione afferisce alle risorse pubbliche mobilitate dal P.S.R. la cui gestione è affidata all'Agenzia Regionale per le Erogazioni in Agricoltura (AGREA) per l’Emilia-Romagna, quale Organismo pagatore riconosciuto dalla Commissione Europea, e che la relativa attuazione non comporta l'assunzione di impegni contabili a carico del bilancio regionale;

Dato atto, infine, che le disposizioni di cui alla presente deliberazione integrano i contenuti del Programma operativo di cui alla deliberazione n. 1559/2010 e sostituiscono le procedure attuative ivi individuate per quanto concerne la realizzazione dei progetti a valenza regionale;

Viste:

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e successive modifiche, ed in particolare l'art. 37, comma 4;

- la propria deliberazione n. 2416 del 29 dicembre 2008 recante "Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/08. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/07" e successive modifiche;

- la propria deliberazione n. 1950 del 13 dicembre 2010 "Revisioni della struttura organizzativa della Direzione generale Attività Produttive, Commercio e Turismo e della Direzione generale Agricoltura";

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell'Assessore all'Agricoltura, Tiberio Rabboni;

A voti unanimi e palesi

delibera:

1) di richiamare le considerazioni formulate in premessa che costituiscono parte integrante del presente dispositivo;

2) di approvare, ai fini dell’attuazione dell’Azione 7 della Misura 214 del PSR 2007-2013 con riferimento agli interventi di competenza della Regione, i contenuti del progetto regionale di seguito articolati in quattro macro-aree di attività:

Macro-aree

  1. Caratterizzazione morfologica e genetica di accessioni di vite al fine della loro puntuale identificazione finalizzata alla conservazione ex situ;
  2. Ricognizione e caratterizzazione del patrimonio varietale frutticolo della regione Emilia-Romagna a rischio di erosione iscritto e/o iscrivibile al Repertorio volontario regionale ai fini della conservazione ex situ
  3. Caratterizzazione morfologica e preparazione di materiale sano (seme, embrioni, giovani capi) per la reintroduzione e ridiffusione sul territorio regionale di razze animali autoctone ai fini della conservazione;
  4. Azioni di comunicazione finalizzate alla diffusione dei risultati ed alla messa in rete sia delle conoscenze che emergeranno dalle attività di caratterizzazione morfologica sia delle conoscenze già presenti nel territorio regionale sulla biodiversità;

1) di definire le procedure attuative nella formulazione di cui all’Allegato, parte integrante e sostanziale alla presente deliberazione, comprensivo della programmazione delle acquisizioni necessarie ai fini e per gli effetti della disciplina nazionale e regionale in materia di contratti pubblici;

2) di dare atto che le risorse finanziarie indicate nel predetto Allegato sono rappresentate al netto dell'IVA;

3) di dare atto, inoltre, che la programmazione di cui alla presente deliberazione afferisce alle risorse pubbliche mobilitate dal P.S.R. la cui gestione è affidata all'Agenzia Regionale per le Erogazioni in Agricoltura (AGREA) per l’Emilia-Romagna, quale Organismo pagatore riconosciuto dalla Commissione Europea, e che la relativa attuazione dei “Progetti regionali” non comporta l’assunzione di impegni contabili;

4) di dare atto, infine, che le disposizioni di cui alla presente deliberazione integrano i contenuti del Programma operativo di cui alla deliberazione 1559/10 e sostituiscono le procedure attuative ivi individuate per quanto concerne la realizzazione dei progetti a valenza regionale;

5) di disporre la pubblicazione in forma integrale del presente atto sul Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna, dando atto che la competente Direzione generale provvederà a darne la più ampia diffusione anche sul sito internet E-R Agricoltura;

6) di prevedere inoltre che la presente deliberazione sia oggetto di pubblicazione secondo quanto previsto dall’art. 4, comma 4, della L.R. 28/07 e dal punto 117 della Sezione 2 dell’Appendice 1 della deliberazione 2416/08 e successive modifiche.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it