E-R | BUR

n.222 del 22.07.2014 (Parte Seconda)

XHTML preview

Assegnazione e concessione finanziamento "Programma per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere e intrafamiliare" a ciascun Comune o Ente capofila ex art. 16 L.R. 2/03. Attuazione DGR 339/2014

IL RESPONSABILE

Viste:

- L.R. 12 marzo 2003, n. 2 "Norme per la promozione della cittadinanza sociale e per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali”e successive modificazioni;

- la deliberazione dell’Assemblea legislativa n. 117 del 18 giugno 2013 recante oggetto “Indicazioni attuative del Piano sociale e sanitario regionale per gli anni 2013/2014. Programma annuale 2013: obiettivi e criteri generali di ripartizione del Fondo sociale ai sensi dell’art. 47, comma 3 della L. R. 2/03 “Norme per la promozione della cittadinanza sociale e per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali” (Proposta della Giunta regionale in data 18 marzo 2013, n. 284)”;

- la deliberazione della Giunta regionale 1677/2013 “Adozione linee di indirizzo regionali per l'accoglienza di donne vittime di violenza di genere e linee di indirizzo regionali per l'accoglienza e la cura di bambini e adolescenti vittime di maltrattamento/abuso e allegati”;

- la deliberazione della Giunta regionale 339/2014 avente oggetto "Programma annuale 2014: ripartizione delle risorse del Fondo sociale regionale ai sensi dell’art. 47 comma 3 della L.R. 2/03 e individuazione degli obiettivi - Seconda annualità - di cui alla deliberazione dell’Assemblea legislativa n. 117 del 18 giugno 2013 ed in particolare il punto 3.5 “Programma per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere ed intrafamiliare” con cui vengono destinati alla suddetta finalità Euro 500.000,00 sul Capitolo 57120 del Bilancio di previsione regionale per l’esercizio finanziario 2014 dando atto che tale somma, da liquidarsi previa valutazione da parte del Servizio competente della congruità delle azioni programmate agli obiettivi previsti, a seguito dell’approvazione del documento di Integrazione al Programma attuativo biennale 2013-2014, di cui al paragrafo 2, da parte degli ambiti distrettuali e della sua presentazione alla Regione nei tempi e nei modi stabiliti dalla presente deliberazione, deve essere assegnata e concessa con atto del Dirigente competente sulla base della popolazione residente al 01/01/2013;

Dato atto inoltre che il medesimo atto individua quali destinatari delle risorse il Comune o altro Ente, tra quelli individuati dall’art. 16 della L.R. 2/03, quale ente capofila dell’ambito distrettuale e definisce le tipologie di azioni da attivare per perseguire gli obiettivi individuati;

Preso atto che sulla base dei sopra indicati criteri sono stati quantificati gli importi da assegnare e concedere a favore di ciascun Comune o altro Ente, tra quelli individuati dall’art. 16 della L.R. 2/03, quale ente capofila dell’ambito distrettuale, così come specificato, per complessivi Euro 500.000,00, nell'Allegato 1 parte integrante e sostanziale della presente determinazione;

Ritenuto che ricorrano gli elementi di cui all'art. 47, comma 2, della L.R. n. 40/2001 e che pertanto l’ impegno di spesa possa essere assunto con il presente atto;

Richiamate:

- la L.R. 15 novembre 2001, n. 40 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna. Abrogazione delle L.R. 6/07/1977, n. 31 e 27/03/1972, n. 4 ed in particolare gli artt. 47 e 49;

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna“ e successive modificazioni;

- Legge regionale 20 dicembre 2013, n. 28 Legge finanziaria regionale adottata a norma dell' articolo 40 della legge regionale 15 novembre 2001, n. 40 in coincidenza con l'approvazione del Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario 2014 e del Bilancio pluriennale 2014-2016;

- Legge regionale 20 dicembre 2013, n. 29 Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l'esercizio Finanziario 2014 e Bilancio pluriennale 2014-2016;

Viste:

- la legge 13 agosto 2010, n. 136 “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e successive modifiche;

- la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011, n. 4 recante “Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell’art. 3 della legge 13 agosto 2010, n. 136”;

Considerato che, sulla base delle valutazioni effettuate dalla competente struttura di questo Servizio, le attività oggetto del finanziamento di cui al presente atto non rientrano nell’ambito di quanto previsto dall’art. 11 della Legge 16 gennaio 2003, n. 3 recante “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione”;

Visto il D.Lgs 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;

Viste le D.G.R. n. 1621 del 11 novembre 2013 avente per oggetto “Indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.lgs. 14 marzo 2013 n. 33”, nonché la n. 68/2014;

Richiamate altresì le proprie deliberazioni:

- n. 1057 del 24/07/2006, n. 1663 del 27/11/2006, n. 1151 del 27/7/2007, n. 2416 del 29/12/ 2008 e ss.mm.; n. 1377 del 20/9/2010; n. 1222 del 2/8/2011; n. 1511 del 24/10/2011; n. 57/2012 e la n. 725/2012;

Dato atto dei pareri allegati;

determina:

1. di assegnare e concedere per le motivazioni espresse in premessa in attuazione della delibera di Giunta regionale 339/2014 e della D.A.L. n. 117/2013, la somma spettante a ciascun Comune o Ente capofila tra quelli individuati dall’art. 16 della L.R. 2/03, individuato quale ente capofila dell’ambito distrettuale, da apposita convenzione ai sensi del vigente Piano sociale e sanitario regionale. calcolata in base ai criteri previsti per la realizzazione delle azioni di cui all’allegato alla deliberazione di giunta citata, indicati al punto 3.5, quale finanziamento del “Programma per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere e intrafamiliare” per complessivi Euro 500.000,00, come indicato nell'allegato 1, parte integrante e sostanziale della presente determinazione;

2. di impegnare la spesa complessiva di Euro 500.000,00 registrata al n. _____ di impegno, sul Capitolo 57120 "Fondo sociale regionale. Quota parte destinata ai Comuni singoli o loro forme associative per l’attuazione dei piani di zona (art. 47, comma 1, lett. B), L.R. 12 marzo 2003, n. 2)” afferente l'U.P.B.1.5.2.2.20100 del Bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2014 che presenta la necessaria disponibilità;

3. di dare atto che alla liquidazione, in un’unica soluzione, dei suddetti finanziamenti, e alla relativa richiesta di emissione dei titoli di pagamento, si provvederà con propri atti formali, nel rispetto dell’art. 51 e 52 della L.R. 40/01 nonché della deliberazione della Giunta regionale n. 2416/08 e successive modifiche ed in attuazione della citata deliberazione 339/2014, a seguito di approvazione del documento di Integrazione al programma attuativo biennale 2013-2014, di cui al paragrafo 2 dell’ allegato A), che dovrà contenere obbligatoriamente la scheda relativa al Programma di cui al paragrafo 3.6 della Dgr 339/14 relativamente all’annualità 2014 da parte degli ambiti distrettuali e della loro presentazione alla Regione che dovrà avvenire caricando la documentazione sul sito:

https://worksanita.regione.emilia-romagna.it/sites/zsrer nonché previa verifica della congruità dei contenuti del documento di Integrazione agli obiettivi di cui agli indirizzi regionali;

4. di dare atto che, sulla base delle valutazioni effettuate dalla competente Struttura di questo servizio, le norme di cui all’art. 11 della legge 16 gennaio 2003, n. 3 non siano applicabili alle attività oggetto del finanziamento di cui al presente provvedimento;

5. di pubblicare la presente determinazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna;

6. di dare atto infine che secondo quanto previsto dal D.lgs. n. 33/2013, nonché sulla base degli indirizzi interpretativi ed adempimenti contenuti nelle deliberazioni della Giunta Regionale n. 1621/2013 e n. 68/2014 il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;

7. di dare atto infine che ad avvenuta pubblicazione di cui al precedente punto 6, si provvederà alla liquidazione della somma di Euro 500.000,00 con apposito atto formale ai sensi dell’art. 51 della L.R. n. 40/2001 nonché della DGR n. 2416/08 e ss.mm.

La Responsabile del Servizio

Maura Forni

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it