E-R | BUR

n.191 del 27.06.2018 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Fondo regionale di solidarietà per le famiglie delle vittime del sisma 2012 e degli eventi calamitosi che hanno colpito il territorio regionale dal gennaio 2015 di cui all'art. 11 della L.R. n. 19/2017. Definizione criteri di assegnazione del contributo

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

  • Il Decreto legislativo 2 gennaio 2018, n° 1 “Codice della Protezione Civile”;
  • il decreto legislativo n. 112 del 31 marzo 1998, “Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59”;
  • il decreto-legge n. 343 del 7 settembre 2001, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401 “Disposizioni urgenti per assicurare il coordinamento operativo delle strutture preposte alle attività di protezione civile e per migliorare le strutture logistiche nel settore della difesa civile”;
  • la L.R. n. 1 del 7 febbraio 2005, "Norme in materia di Protezione Civile e Volontariato. Istituzione dell'Agenzia Regionale di Protezione Civile" e s.m.;
  • la L.R. n. 13 del 30 luglio 2015 “Riforma del sistema di governo regionale e locale e disposizioni su città metropolitana di Bologna, province, comuni e loro unioni”, e ss.mm.ii. con la quale, in coerenza con il dettato della Legge 7 aprile 2014, n. 56, è stato riformato il sistema di governo territoriale a cominciare dalla ridefinizione del nuovo ruolo istituzionale della Regione, e quindi anche quello dell’Agenzia regionale di Protezione Civile, ora Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile (articoli 19 e 68);

Visto l’articolo 11 della Legge regionale 01 agosto 2017, n. 19, recante “Assegnazione e prima variazione generale al bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017-2019”, che stabilisce:

  • Comma 1 – l’istituzione di un fondo di solidarietà destinato alle famiglie di persone decedute a causa degli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle Province di Bologna, Modena, Ferrara e Reggio Emilia il 20 ed il 29 maggio 2012 e ai familiari delle persone decedute a seguito degli eventi calamitosi che hanno colpito il territorio regionale dal gennaio 2015 per i quali la Regione Emilia-Romagna ha ottenuto il riconoscimento dello stato di calamità, al fine di contribuire alle spese sostenute per esercitare tutte le azioni giudiziarie tra soggetti privati finalizzate ad ottenere indennizzi e risarcimenti dei danni sofferti a causa dell'evento calamitoso, anche nella fase prodromica all'avvio delle stesse, ivi compreso l'eventuale ricorso a consulenza in ambito civilistico o a consulenza tecnica di parte;
  • Comma 2 – che possono beneficiare del contributo il coniuge della vittima, i figli legittimi e naturali riconosciuti, adottivi e affiliati, gli ascendenti, i fratelli e le sorelle. È equiparato al coniuge, il convivente in rapporto di coppia non sancito da matrimonio. Nel caso di persona minorenne o di persona la cui capacità di agire sia limitata o compromessa, la domanda può essere presentata da chi esercita la tutela legale o svolge le funzioni di amministratore di sostegno. Sono ammesse al fondo anche le spese connesse alle attività relative all'esecuzione della sentenza;
  • Comma 3 - per l'attuazione degli interventi di cui al comma 1, la Giunta regionale è autorizzata a trasferire le risorse all'Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile e per la gestione del fondo provvede, mediante appositi atti, a fissare i criteri e i limiti di spesa per tipo di intervento e le modalità di erogazione, controllo e revoca dei contributi;
  • Comma 4 - per far fronte agli oneri derivanti dal comma 1 è disposta, per l'esercizio 2017, un'autorizzazione di spesa di euro 250.000,00 nell'ambito della Missione 11 Soccorso civile - Programma 1 Sistema di protezione civile.

Premesso che in relazione agli eventi calamitosi considerati dal comma 1 della precitata L.R. n. 19/2017 sono stati dichiarati i seguenti stati di emergenza:

  • Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 22 maggio 2012, recante” Dichiarazione dello stato di emergenza in conseguenza degli eventi sismici che hanno colpito il territorio delle Province di Bologna, Modena, Ferrara e Mantova il giorno 20 maggio 2012” e del 30 maggio 2012, recante “Dichiarazione dello stato di emergenza in conseguenza dei ripetuti eventi sismici di forte intensità verificatisi nel mese di maggio 2012”;
  • Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 12 marzo 2015, “Dichiarazione dello stato di emergenza in conseguenza delle eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nel territorio della regione Emilia-Romagna nei giorni dal 4 al 7 febbraio 2015.”;
  • “Dichiarazione dello stato di emergenza in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che nei giorni 13 e 14 settembre 2015 hanno colpito il territorio di Parma e Piacenza” - Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 25 settembre 2015;
  • “Dichiarazione dello stato di emergenza in conseguenza delle eccezionali avversità atmosferiche che nel periodo dal 27 febbraio al 27 marzo 2016 hanno colpito il territorio delle Provincie di Piacenza, di Parma, di Reggio Emilia, di Modena, di Bologna, dei Comuni di Alfonsine, di Faenza, di Russi, di Brisighella, di Casola Valsenio e di Riolo Terme in Provincia di Ravenna, dei Comuni di Formignana, di Vigarano Mainarda, di Argenta, di Ferrara e di Cento in provincia di Ferrara, dei Comuni di Sant'Agata Feltria, di Gemmano, di Montecolombo e di Coriano in provincia di Rimini e dei Comuni del territorio collinare e pedecollinare della Provincia di Forlì-Cesena.” Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 10 maggio 2016;
  • “Dichiarazione dello stato di emergenza in relazione alla crisi di approvvigionamento idrico ad uso idropotabile nel territorio delle Province di Parma e di Piacenza.” - Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 22 giugno 2017 e “Estensione degli effetti della dichiarazione di stato di emergenza, adottata con Delibera del 22 giugno 2017, al territorio delle Province di Bologna, di Forlì-Cesena, di Ferrara, di Modena, di Ravenna, di Reggio Emilia e di Rimini, in relazione alla crisi di approvvigionamento idrico ad uso idropotabile” - Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 15 settembre 2017;
  • “Dichiarazione dello stato di emergenza in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici verificatisi nei mesi di giugno, luglio ed agosto 2017 nel territorio delle Province di Ferrara, di Ravenna e di Forlì-Cesena.” - Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 11 dicembre 2017;
  • “Dichiarazione dello stato di emergenza in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici verificatisi nei giorni dall'8 al 12 dicembre 2017 nel territorio delle province di Piacenza, di Parma, di Reggio Emilia, di Modena, di Bologna e di Forlì-Cesena.” - Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 dicembre 2017.

Considerato di avvalersi dei Comuni, coinvolti nelle predette emergenze, quali mezzo più efficace ai fini di garantire una più capillare divulgazione del presente provvedimento ai soggetti interessati;

Stabilito che per ottenere il contributo regionale di solidarietà, il Soggetto avente diritto dovrà presentare all’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, la seguente documentazione:

  • Richiesta di ammissione al contributo, costituito dal fac-simile allegato alla presente Delibera, compilato e sottoscritto dal Soggetto facente richiesta; si precisa che dovrà pervenire una sola richiesta per singola vittima;
  • Copia del documento identificativo del Soggetto firmatario della richiesta di cui al punto precedente;
  • Nel caso la richiesta sia presentata dal tutore legale o dall’amministratore di sostegno copia dell’atto che ne attesti la nomina e copia del documento identificativo del Soggetto per il quale si avanza la richiesta medesima;
  • Copia delle fatture quietanzate, complete dell’attestazione di avvenuto pagamento riferite alle tipologie di spesa previste nell’art 11, della L.R. 19/2017 ed elencate nella presente deliberazione.

Considerato:

  • di prevedere un tetto massimo delle spese ammissibili, pari a complessivi euro 10.000,00 per ciascuna vittima, importo da considerarsi riparametrabile in base alle domande di contributo che perverranno;
  • che le somme rendicontate ed approvate con successiva istruttoria dall’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, saranno dalla stessa versate direttamente al soggetto avente titolo che ne ha fatto richiesta;

Richiamate:

  • la propria deliberazione n. 1972 del 21 novembre 2016 di approvazione del bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017-2019;
  • la propria deliberazione n. 1646 del 30 ottobre 2017 con la quale si è provveduto ad impegnare la somma di € 250.000,00 sul capitolo U47222 “Trasferimento all'Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile per la gestione del fondo regionale di solidarietà per le famiglie delle vittime di eventi sismici e calamitosi del territorio regionale”;
  • la Determinazione dirigenziale n. 18335 del 15/11/2017, con la quale si è stabilito l’effettivo versamento dell’importo di cui al punto precedente, sul bilancio dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile.
  • la determinazione del Direttore dell’Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile n.3130 del 09/10/2017, con la quale è stato istituito e finanziato sul bilancio dell’Agenzia medesima il capitolo n. U17004 “GESTIONE DEL FONDO REGIONALE DI SOLIDARIETA' PER LE FAMIGLIE DELLE VITTIME DI EVENTI SISMICI E CALAMITOSI DEL TERRITORIO REGIONALE (ART.11 L.R.1 AGOSTO 2017, N.19)”

Richiamata la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e ss.mm.ii.;

Richiamate altresì, le proprie deliberazioni:

  • n. 2416 del 29 dicembre 2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007” e ss.mm.ii, per quanto applicabile;
  • n. 270 del 29 febbraio 2016 “Attuazione prima fase della riorganizzazione avviate con Delibera 2189/2015”;
  • n. 622 del 28 aprile 2016 "Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con Delibera 2189/2015";
  • n. 702 del 16 maggio 2016 “Approvazione incarichi dirigenziali conferiti nell'ambito delle Direzioni Generali – Agenzie – Istituto, e nomina dei responsabili della prevenzione della corruzione, della trasparenza e accesso civico, della sicurezza del trattamento dei dati personali, e dell'anagrafe della stazione appaltante”;
  • n. 56 del 25 gennaio 2016 “Affidamento degli incarichi di Direttore Generale della Giunta regionale, ai sensi dell’art.43 della L.R. 43/2001”;
  • n. 1107 del 11 luglio 2016 "Integrazione delle declaratorie delle strutture organizzative della Giunta regionale a seguito dell'implementazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con Delibera 2189/2015";
  • n. 2416 del 29 dicembre 2008 recante “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali fra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modifiche, per quanto applicabile;
  • n. 121 del 6 febbraio 2017 “Nomina del responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza”;

Visti:

  • il D.Lgs. n. 33 del 14 marzo 2013 “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss.mm.ii. ed in particolare l’art. 26 comma 1;
  • la propria deliberazione n. 93 del 29 gennaio 2018 di “Approvazione Piano triennale di prevenzione della corruzione. Aggiornamento 2018-2020”, ed in particolare l’allegato B) “Direttiva di indirizzi interpretativi per l'applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2018-2020”;

Viste altresì:

  • la propria deliberazione n. 468 del 10 aprile 2017 “Il sistema dei controlli interni nella regione Emilia-Romagna”;
  • le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale PG/2017/0660476 del 13 ottobre 2017 e PG/2017/0779385 del 21 dicembre 2017 relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni predisposte in attuazione della propria deliberazione n. 468/2017;

Dato atto che il Responsabile del Procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta degli Assessori “Difesa del suolo e della costa, protezione civile e politiche ambientali e della montagna” e “Attività produttive, piano energetico, economia verde e ricostruzione post-sisma”;

A voti unanimi e palesi

delibera

per le motivazioni espresse in premessa, che qui si intendono integralmente richiamate:

1) di confermare il mandato conferito all’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, per mezzo dell'art. 11, comma 3 e 4, della Legge regionale 1 agosto 2017, n. 19, di gestione del fondo regionale di solidarietà per le famiglie delle vittime di eventi sismici e calamitosi del territorio regionale;

2) di precisare che il fondo regionale di solidarietà di cui al punto precedente, istituito con Legge Regionale n. 19/2017, art. 11, comma 1, ammonta ad euro 250.000,00 ed è iscritto sul bilancio dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile per l’esercizio finanziario 2018 al capitolo n. U17004 “GESTIONE DEL FONDO REGIONALE DI SOLIDARIETA' PER LE FAMIGLIE DELLE VITTIME DI EVENTI SISMICI E CALAMITOSI DEL TERRITORIO REGIONALE (ART.11 L.R.1 AGOSTO 2017, N.19)”;

3) di prevedere la ripartizione della somma complessiva del fondo, sulla base delle richieste presentate dai familiari delle vittime aventi diritto (L.R. n. 19/2017, art. 11, commi 1 e 2), contemplando un tetto massimo delle spese ammissibili, pari a complessivi euro 10.000,00 per ciascuna vittima, importo da considerarsi riparametrabile in base alle domande di contributo che perverranno;

4) di approvare l’Allegato 1, “Procedure e modalità perl’ammissione al contributo del Fondo regionale di solidarietà per le famiglie delle vittime di eventi sismici e calamitosi del territorio regionale, istituito con Legge regionale del 01 agosto 2017, n. 19, art. 11” e l’allegato 2, “Modulo richiesta contributo”, quali parti integranti e sostanziali del presente provvedimento;

5) di stabilire che ai fini dell'ottenimento del contributo, sarà necessario presentare all'Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, apposita richiesta, il cui modello è allegato al presente atto, entro il termine perentorio del 07/09/2018;

6) di dare atto che all’impegno e alla liquidazione delle somme a favore dei beneficiari del contributo, provvederà con proprio atto formale, il Direttore dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile;

7) di dare atto, che per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative e amministrative richiamate in parte narrativa;

8) di pubblicare il presente atto deliberativo nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it