E-R | BUR

n.172 del 09.06.2016 (Parte Seconda)

XHTML preview

Iscrizione di entrate da assegnazioni vincolate e delle correlate spese: progetti comunitari "Seninter" e "Hikingeurope", quote del fondo sanitario nazionale, trasferimenti statali per gli indennizzi agli emotrasfusi e per la tutela dei minori, contributi compensativi per il mancato uso alternativo del territorio - Variazione di bilancio

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visto il Decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 (Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42) e successive modificazioni e integrazioni;

Considerato in particolare l’articolo 51, il quale stabilisce:

  • al comma 2 che “Nel corso dell'esercizio la giunta, con provvedimento amministrativo, autorizza le variazioni del documento tecnico di accompagnamento e le variazioni del bilancio di previsione riguardanti:
  1. l'istituzione di nuove tipologie di bilancio, per l'iscrizione di entrate derivanti da assegnazioni vincolate a scopi specifici nonché per l'iscrizione delle relative spese, quando queste siano tassativamente regolate dalla legislazione in vigore.”
  • al comma 3 che “L'ordinamento contabile regionale disciplina le modalità con cui la giunta regionale o il Segretario generale, con provvedimento amministrativo, autorizza le variazioni del bilancio gestionale che non sono di competenza dei dirigenti e del responsabile finanziario.”

Viste:

  • la Legge regionale 29 dicembre 2015, n. 24 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2016-2018”;
  • la Legge regionale 15 novembre 2001, n. 40 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna“ per quanto applicabile;
  • la propria deliberazione n. 2259 del 28 dicembre 2015 avente ad oggetto “Approvazione del Documento Tecnico di accompagnamento e del Bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2016 - 2018”;
  • la propria deliberazione n. 342 del 14 marzo 2016 “Aggiornamento del Bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2016 -2018.”;

Richiamata la propria deliberazione n. 104 del 1 febbraio 2016 avente ad oggetto “Disposizioni transitorie per la gestione delle variazioni al Bilancio di Previsione” ed in particolare il punto B) lettera a) dell’allegato parte integrante al medesimo provvedimento, che attribuisce alla Giunta la competenza per le variazioni al documento tecnico di accompagnamento, al bilancio di previsione e al bilancio gestionale per l'iscrizione delle entrate derivati da assegnazioni vincolate nonché delle relative spese;

Preso atto delle assegnazioni a destinazione vincolata di seguito illustrate;

Progetti Comunitari “HIKINGEUROPE” e “SENINTER”

Visti:

  • il Regolamento (CE) del Parlamento Europeo e del Consiglio n. 1287/2013 del 11 dicembre 2013 che istituisce un programma per la competitività delle imprese e le piccole e medie imprese (COSME) (2014-2020) e abroga la decisione n. 1639/2006/CE;
  • la Decisione (UE) n. 2013/771 della Commissione che istituisce l’Agenzia Esecutiva per le Piccole e Medie Imprese (EASME) che abroga la decisione (CE) 2004/20 e la Decisione (CE) 2007/372;
  • il Regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione e che abroga il regolamento (CE, Euratom)n. 1605/2012;
  • la propria Deliberazione n. 840 del 06/07/2015 “Programma Cosme - Bando COS-TOUR-2015-3-04 - Partecipazione della Regione Emilia-Romagna ai progetti “Hikingeurope - discovering Rural Europe Throungh Hiking Trails” e “Seninter – Seniors enhancing intangible and intergeneraltionale heritage in Europe during the low season”;
  • il Grant Agreement n. 699540 sottoscritto il 3/3/2016 tra Agencia Catalana de Turisme, in qualità di Coordinatore e l’Agenzia Esecutiva per le Piccole e Medie Imprese (EASME), delegata dalla Commissione Europea, per la realizzazione del progetto “Hikingeurope - discovering Rural Europe Throungh Hiking Trails”;
  • la propria Deliberazione Progr. n. 546 del 18 aprile 2016 “Recepimento del progetto "Hikingeurope" nell'ambito del Programma Cosme - EU P rogramme for the competitiveness of enterprises and small and medium-sized enterprises (SMES) della Commissione Europea ”;

Considerato che il contributo comunitario alla Regione Emilia-Romagna per la realizzazione del Progetto “Higingeurope” ammonta complessivamente ad euro 37.703,00 di cui euro 26.392,10 da allocare sull'esercizio 2016 ed euro 11.310,90 sull'esercizio 2017;

Visti inoltre:

  • il Grant Agreement n. 699497 sottoscritto il 17/03/2016 tra il DIESIS COOP, in qualità di Coordinatore e l’Agenzia Esecutiva per le Piccole e Medie Imprese (EASME) delegata dalla Commissione Europea per la realizzazione del progetto “SENINTER - Seniors Enhanching Intangible and Intergenerational heritage in Europe during the low and medium season”;
  • la propria Deliberazione Progr. n. 547 del 18 aprile 2016 “Recepimento del Progetto "Seninter - Seniors enhancing intangible and intergenerational heritage in Europe during the low season" nell'ambito del Programma COSME - EU Programme for the competitiveness of enterprises and small and medium-sized enterprises (SMES) della Commissione Europea ”;

Considerato che il contributo comunitario alla Regione Emilia-Romagna per la realizzazione del Progetto “Seninter” ammonta complessivamente ad euro 20.393,93 di cui euro 14.275,75 da allocare sull'esercizio 2016 ed euro 6.118,18 sull'esercizio 2017;

Vista la richiesta di variazione di bilancio dell’Assessorato Turismo e Commercio Prot. NP/2016/7944 del 26 aprile 2016;

Quote del Fondo Sanitario Nazionale e per gli indennizzi agli emotrasfusi

Visti:

- il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 27 maggio 2015, “Riparto del contributo di cui all’articolo 1, comma 186, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, per la corresponsione degli indennizzi di cui alla legge 25 febbraio 1992, n. 210”, pubblicato sulla G.U. n. 167 del 21 luglio 2015, ed in particolare la Tabella 1 allegata al decreto stesso, che assegna alla Regione Emilia-Romagna 23.710.949,23 euro per l’esercizio 2016;

- l’Intesa Stato-Regioni del 14 aprile 2016 (Rep. Atti n. 64/CSR) che approva la proposta del Ministero della Salute di deliberazione CIPE relativa all’assegnazione alle Regioni delle risorse di Fondo Sanitario Nazionale 2016 vincolate, ai sensi degli artt. 34 e 34 bis della Legge 662/1996, alla realizzazione di obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale indicati nel Piano Sanitario Nazionale: per tale finalità la somma spettante alla Regione Emilia-Romagna è di 76.662.703,00 euro;

- l’Intesa Stato-Regioni del 14 aprile 2016 (Rep. Atti n. 62/CSR) che approva la proposta del Ministero della Salute di deliberazione CIPE di riparto tra le Regioni delle risorse per il SSN 2016, con la quale viene altresì definito il riparto tra le Regioni della quota di Fondo sanitario Nazionale 2016 destinata al finanziamento degli oneri del personale sanitario operante negli Istituti Penitenziari in attuazione del D.Lgs. n. 230/1999: alla Regione Emilia-Romagna sono assegnati 510.000,00 euro come da Tabella D, allegata all’Intesa medesima;

Vista la richiesta di variazione di bilancio dell’Assessorato Politiche per la salute. Prot. NP/2016/8508 del 29 aprile 2016;

Trasferimenti statali per la tutela dei minori

Visti:

  • la Legge 28 agosto 1997 n. 285 recante “Disposizioni per la promozione dei diritti e di opportunità per l’infanzia e l’adolescenza”, e in particolare l’art. 8, comma 1, che prevede l’attivazione di un servizio di informazione, di promozione, di consulenza, di monitoraggio e di supporto tecnico per la realizzazione delle finalità della legge stessa;
  • il Programma di Intervento Per la Prevenzione della Istituzionalizzazione - P.I.P.P.I - avviato in data 29 dicembre 2010 dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dalle città “riservatarie” di Torino, Firenze, Bologna, Bari, Venezia, Genova, Reggio Calabria, Napoli e Palermo e che ai sensi dell’art. 1 della citata legge 285/97 si è ritenuto necessario estendere la sperimentazione di tale programma anche ai territori regionali;
  • il Decreto Direttoriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali n. 206 del 6 novembre 2015 che approva l'elenco degli ambiti territoriali ammessi alla sperimentazione del programma d'intervento per la prevenzione dell'istituzionalizzazione del modello P.I.P.P.I. e autorizza il finanziamento a favore di questa regione di euro 200.000,00;
  • il protocollo d’intesa stipulato in data 21 dicembre 2015 tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e la Regione Emilia-Romagna per l’allargamento ai territori regionali della sperimentazione del modello di intervento P.I.P.P.I.;

Vista la richiesta di variazione di bilancio dell’Assessorato Welfare e Politiche Abitative Prot. NP/2016/7318 del 15 aprile 2016;

Contributi compensativi per il mancato uso alternativo del territorio

Visti:

  • la Legge 24 dicembre 2007 n. 244 ed in particolare l'art. 2 comma 558, che prevede, a favore delle Regioni, un contributo compensativo per il mancato uso alternativo del territorio, a carico dei soggetti titolari di concessioni per l'attività di stoccaggio del gas naturale;
  • la Deliberazione 531/2014/R/GAS dell'Autorità per l'energia elettrica, il gas e il sistema idrico con la quale viene stabilito, all'art. 9 comma 1, nella misura dell'1% dei ricavi derivanti dalle procedure concorsuali per l'assegnazione della capacità di stoccaggio, l'importo complessivo del contributo compensativo che le imprese di stoccaggio devono corrispondere direttamente alle Regioni;
  • le bollette di incasso n. 875 del 29/01/2016 di euro 0,02 con causale: “Contrib Compensativo Edison Stoccaggio SPA ID 40500000692016 /BON.SEPA TRN 1001160294019843/Ben. Effettivo Regione Emilia-Romagna” e n. 1308 del 4/2/2016 di euro 30.080,16 con causale: “Versamento contributo compensativo ex art 9 della RTSG dell'AEEGSI A084TE0H1120014545035803640.4738137 /BON.SEPA TRN 10011603540”;

Vista la richiesta di variazione di bilancio dell’Assessorato Attività produttive. Piano energetico. Economia verde e ricostruzione post-sisma. Prot. NP/2016/8486 del 29 aprile 2016;

Ritenuto di dover provvedere alle relative variazioni di bilancio;

Richiamate le seguenti proprie deliberazioni:

  • n. 2416 del 29 dicembre 2008 avente ad oggetto “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modificazioni;
  • n. 66 del 25 gennaio 2016 avente ad oggetto: “Approvazione del piano triennale di prevenzione della corruzione e del programma per la trasparenza e integrità. Aggiornamento per il triennio 2016-2018”;
  • n. 270 del 29 febbraio 2016 “Attuazione prima fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;
  • n. 662 del 28 aprile 2016 “Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

Vista la determinazione del direttore generale della direzione generale gestione, sviluppo e istituzioni n. 7267 del 29 aprile 2016 avente per oggetto “Conferimento incarichi dirigenziali e modifica di posizioni dirigenziali professional nell'ambito della Direzione Generale Gestione, Sviluppo e Istituzioni”

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore al Bilancio, Riordino istituzionale, Risorse Umane e pari opportunità;

A voti unanimi e palesi

delibera: 

  1. di prendere atto delle assegnazioni indicate in premessa;
  2. di apportare al Bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2016 – 2018 le variazioni ai titoli e alle tipologie della parte entrata nonché alle missioni e ai programmi della parte spesa indicati nell’Allegato 1, parte integrante e sostanziale del presente atto;
  3. di apportare al Documento tecnico di accompagnamento al Bilancio di previsione 2016-2018 le variazioni ai capitoli afferenti ai titoli e alle tipologie della parte entrata nonché alle missioni e ai programmi della parte spesa indicati nell’Allegato 2, parte integrante e sostanziale del presente atto;
  4. di apportare al Bilancio finanziario gestionale 2016-2018 le variazioni ai capitoli afferenti ai titoli e alle tipologie della parte entrata nonché alle missioni e ai programmi della parte spesa indicati nell’Allegato 3, parte integrante e sostanziale del presente atto;
  5. di allegare al presente provvedimento di variazione il prospetto di cui all’allegato 8 al Decreto legislativo 23 giugno 2011, n.118, da trasmettere al Tesoriere (Allegato 4 parte integrante e sostanziale del presente atto);
  6. di dare atto che secondo quanto previsto dal D.Lgs 14 marzo 2013, n.33 nonché sulla base degli indirizzi interpretativi contenuti nella deliberazione n. 66/2016 il presente provvedimento non è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;
  7. di pubblicare nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna, la presente deliberazione ai sensi del comma 8 dell'art. 31 della L.R. 15 novembre 2001, n. 40.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it