E-R | BUR

n.170 del 23.11.2011 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Procedure in materia di impatto ambientale L.R. n. 9 del 18 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni - Titolo III - Procedura congiunta di VIA e di Autorizzazione unica alla costruzione e all’esercizio dell’impianto idroelettrico “San Lorenzo” sul Torrente Arso e sul Rio Perignolo, da ubicarsi a Calestano (PR), proposto da Becquerel Electric Srl

La Regione Emilia-Romagna - Servizio Valutazione impatto e Promozione sostenibilità ambientale, Autorità competente per la valutazione di impatto ambientale, in accordo con la Provincia di Parma, Autorità competente per il rilascio dell’autorizzazione unica ai sensi dell’art. 12 del DLgs 387/03, avvisano che ai sensi del Titolo II della L.R. 18 maggio 1999, n. 9, come integrata dal DLgs 3 aprile 2006, n. 152 e come modificato dal DLgs 16 gennaio 2008, n. 4, sono stati depositati, per la libera consultazione da parte dei soggetti interessati, il SIA ed il relativo progetto definitivo, prescritti per l’effettuazione della procedura di VIA e del procedimento di rilascio della concessione di derivazione di acque pubbliche a uso idroelettrico e degli eventuali procedimenti espropriativi, relativi alla realizzazione dell’impianto idroelettrico “San Lorenzo” sul Torrente Arso e sul Rio Perignolo in Comune di Calestano (PR).

- Progetto: impianto idroelettrico “San Lorenzo” sul Torrente Arso e sul Rio Perignolo;

- localizzato in: comune di Calestano (PR);

- presentato da: Becquerel Electric Srl, Via Livatino n. 9 - 42124 Reggio Emilia.

Il progetto appartiene alla seguente categoria: B.1. 8 - Impianti per la produzione di energia idroelettrica.

Il progetto interessa il territorio del comune di Calestano (PR) - Via Mazzini n. 16 - 43030 Calestano (PR) e della Provincia di Parma - Servizio Ambiente, Piazzale della Pace n. 1 - 43121 Parma.

Il progetto prevede la realizzazione di un impianto idroelettrico ad acqua fluente con due opere di presa ubicate rispettivamente sul Rio Perignolo (che confluisce nell’Arso a una quota di circa 860 m s.l.m.) e sul Torrente Arso, entrambe ad una quota intorno ai 930 m s.l.m. La centrale di produzione è invece ubicata a circa 700 m a NO dell’abitato di Ravarano (loc. al Madone) ad una altitudine di 526 m s.l.m., con restituzione delle portate derivate nel Torrente Arso a circa 140 metri dalla confluenza del medesimo con il Torrente Baganza. Lo schema funzionale dell’impianto in progetto non prevede la realizzazione di un bacino di invaso e dunque viene dimensionato opportunamente per captare le acque solo quando queste ultime sono disponibili nel rispetto del Deflusso Minimo Vitale (D.M.V.) come dalla legislazione vigente.

Il proponente Becquerel Electric Srl ha attivato, mediante deposito di apposita istanza e della documentazione tecnica necessaria presso il Servizio Ambiente della Provincia di Parma, un procedimento di Autorizzazione unica (A.U.) ai sensi dell’art. 12 del DLgs 387/03 e s.m.i. e delle Linee Guida Nazionali per l’autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili di cui al D.M. Sviluppo Economico del 10/9/2010 e DLgs 3 marzo 2011, n. 28.

Si dà atto che il provvedimento regionale di valutazione positiva di impatto ambientale confluirà, a termini della direttiva della Giunta Emilia-Romagna n. 1113 del 12/7/2010, nel procedimento di Autorizzazione unica di cui al DLgs 387/03 attivato secondo la modulistica aggiornata alle previsioni della Parte III delle nuove Linee Guida Nazionali per l’autorizzazione degli impianti Fonti Energetiche Rinnovabili. A seguito di ciò, l’Amministrazione provinciale, quale Autorità procedente a tutti gli effetti, una volta completata l’istruttoria in merito alla VIA, nell’ambito di una Conferenza dei Servizi unificata, rilascerà nel termine massimo di 90 giorni dall’avvio del procedimento unico un provvedimento autorizzativo che ricomprenderà la valutazione di impatto ambientale.

L’Autorizzazione unica terrà luogo dell’autorizzazione alla costruzione e all’esercizio, comporterà dichiarazione di pubblica utilità e apposizione del vincolo preordinato all’esproprio, se necessario, nonché variante allo strumento urbanistico comunale.

I soggetti interessati possono prendere visione degli elaborati prescritti per l’effettuazione della procedura di VIA presso la sede dell’Autorità competente: Regione Emilia-Romagna, Servizio Valutazione impatto e Promozione sostenibilità ambientale, sita in Viale della Fiera n. 8, Bologna, e per la procedura di Autorizzazione Unica presso la Provincia di Parma - Servizio Ambiente, P.le della Pace n. 1 - 43121 Parma, e presso la sede del Comune di Calestano, Via Mazzini n. 16 - 43030 Calestano (PR).

Gli elaborati prescritti per l’effettuazione della procedura di VIA sono depositati per 60 giorni naturali consecutivi dalla data di pubblicazione del presente avviso nel Bollettino Ufficiale della Regione. Entro lo stesso termine di 60 giorni chiunque, ai sensi della L. R. 18 maggio 1999, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni, può presentare osservazioni all’Autorità competente: Regione Emilia-Romagna - Servizio Valutazione impatto e Promozione sostenibilità ambientale, al seguente indirizzo: Viale della Fiera n. 8 - 40127 Bologna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it