E-R | BUR

n.213 del 12.08.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione schema di Protocollo di Intesa tra Regione Emilia-Romagna e Ufficio Scolastico regionale per l'Emilia-Romagna per l'avvio sperimentale di attività formative finalizzate all'acquisizione della qualifica di Operatore Socio-sanitario (OSS), da attuarsi presso le istituzioni scolastiche autonome dell'Emilia-Romagna ad indirizzo Socio-Sanitario

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

  • la Legge Regionale 20 giugno 2003, n. 12 recante “Norme per l’uguaglianza delle opportunità di accesso al sapere per ognuno e per tutto l’arco della vita, attraverso il rafforzamento dell’istruzione e della formazione professionale, anche in integrazione tra loro” e ss.mm.ii.;
  • la L. 28 giugno 2012, n. 92 “Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita”;
  • il D.Lgs. 16 gennaio 2013, n. 13, “Definizione delle norme generali e dei livelli essenziali delle prestazioni per l'individuazione e validazione degli apprendimenti non formali e informali e degli standard minimi di servizio del sistema nazionale di certificazione delle competenze, a norma dell'articolo 4, commi 58 e 68, della legge 28 giugno 2012, n. 92”;
  • l’Intesa in Conferenza permanente per i Rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano del 22 gennaio 2015 sullo schema di decreto interministeriale concernente la definizione di un quadro operativo per il riconoscimento a livello nazionale delle qualificazioni regionali e delle relative competenze, nell’ambito del Repertorio nazionale dei titoli di istruzione e formazione e delle qualificazioni professionali di cui all’articolo del decreto legislativo 16 gennaio 2013, n. 13;

Richiamate altresì le proprie deliberazioni relative ai dispositivi attuativi vigenti nel sistema della formazione professionale regionale e derivanti dall'applicazione della L.R. 12/2003 sopra citata:

  • n. 105 del 01 febbraio 2010 ”Revisione alle disposizioni in merito alla programmazione, gestione e controllo delle attività formative e delle politiche attive del lavoro, di cui alla deliberazione della Giunta Regionale 11/02/2008 n. 140 e aggiornamento degli standard formativi di cui alla deliberazione della Giunta Regionale 14/02/2005, n. 265”;
  • n. 936/2004,”Orientamenti, metodologia e struttura per la definizione del Sistema Regionale delle Qualifiche”;
  • n. 1434/2005 “ Orientamenti, metodologia e struttura per la definizione del Sistema Regionale di Formalizzazione e Certificazione delle Competenze”;
  • n. 1372/2010 “Adeguamento ed integrazione degli standard professionali del repertorio regionale delle qualifiche”, con cui si approva la rivisitazione di tutte le qualifiche facenti parte del Repertorio regionale e ss.mm.ii.;
  • n. 1695/2010 “Approvazione del documento di correlazione del sistema regionale delle qualifiche (SRQ) al quadro europeo delle qualifiche(EQF)”;
  • n. 739/2013 “Modifiche e integrazioni al Sistema Regionale di Formalizzazione e Certificazione delle Competenze (SRFC) di cui alla DGR 530/2006”;
  • n.742/2013 ”Associazione delle conoscenze alle unità di competenza delle qualifiche regionali”, con particolare riferimento alla qualifica di Operatore Socio Sanitario;

Vista la normativa che regolamenta il profilo e la formazione dell'Operatore Socio Sanitario in Regione Emilia-Romagna:

  • l’Accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2001 che individua la figura e il relativo profilo professionale dell’Operatore Socio Sanitario e definisce l’ordinamento didattico dei corsi di formazione;
  • la propria deliberazione n. 191/2009 recante “Disposizioni per la formazione dell’Operatore Socio sanitario in attuazione della L.R. 12/2003 e approvazione dei relativi standard professionali e formativi”;

 Richiamate infine le seguenti normative nazionali in materia di istruzione:

  • il D.P.R. 15 marzo 2010, n. 87 “Regolamento recante norme per il riordino degli istituti Scolastici, a norma dell’articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n.112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n.133” ed in particolare l’allegato B (Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore servizi) che individua l’indirizzo B2 - Servizi Sociosanitari”;
  • la direttiva del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca n. 65 del 2010, recante “Linee Guida per il Passaggio al Nuovo Ordinamento degli Istituti Scolastici di Stato”;

Considerata la richiesta avanzata dall'Ufficio Scolastico Regionale per l'Emilia-Romagna per la realizzazione di azioni finalizzate all'acquisizione della qualifica di Operatore Socio Sanitario (di seguito OSS) presso le Istituzioni Scolastiche Autonome dell’Emilia-Romagna ad Indirizzo Socio-Sanitario; 

Ritenuto che l'opportunità di realizzare le suddette azioni possa arricchire l'offerta formativa degli Istituti, peraltro non coinvolti nell'offerta di “Istruzione e Formazione Professionale” (IeFP) prevista dalla L.R. 5/2011, e ampliare così le prospettive occupazionali dei giovani diplomati, in specifico in “Tecnico dei Servizi Socio-Sanitari”;

Visto lo schema di Protocollo di Intesa tra Regione Emilia-Romagna e Ufficio Scolastico Regionale per l'Emilia-Romagna, allegato al presente atto quale parte integrante, concernente “L’avvio sperimentale di attività formative finalizzate all'acquisizione della qualifica di OSS – Operatore Socio Sanitario - da attuarsi presso le Istituzioni Scolastiche autonome dell’Emilia-Romagna ad Indirizzo Socio-Sanitario”; 

Dato atto che lo schema di Protocollo d’Intesa si riferisce ad un'azione sperimentale che avrà durata triennale e che potrà attuarsi, presso le Istituzioni che ne faranno richiesta, a partire dall'anno scolastico 2015/2016, nell'ultimo triennio dei percorsi di “Tecnico dei Servizi Socio-Sanitari”;

Dato atto che il medesimo schema di Protocollo di Intesa definisce specifiche Disposizioni attuative destinate alle Istituzioni Scolastiche, le quali sono tenute a rimodulare, integrare e arricchire il percorso curricolare dell’ultimo triennio, previsto dagli ordinamenti ministeriali, al fine di consentire anche l'acquisizione delle competenze della qualifica di OSS; 

Dato atto che la rimodulazione del percorso curricolare dovrà identificare e rendere visibile lo specifico percorso formativo volto all'acquisizione delle competenze della qualifica di OSS, in conformità:

  • agli standard professionali regionali della qualifica che saranno assunti come obiettivi formativi;
  • agli standard formativi regionali (e nazionali) della qualifica (durata del percorso 1000 ore di cui 450 di stage);
  • agli standard di certificazione regionali previsti dal “Servizio SRFC nell'ambito della Formazione Professionale”
  • all’Accordo Stato/Regioni sul profilo e la formazione OSS e delle disposizioni regionali che lo recepiscono (DGR 191/2009); 

Dato atto che l'accesso all'esame di qualifica OSS sarà consentito solo agli allievi cui siano state formalizzate, al termine del percorso di 1000 ore, le capacità e conoscenze della qualifica in base al Servizio SRFC e che abbiano già sostenuto l'esame di stato, indipendentemente dal suo esito finale; 

Sentita la Commissione Regionale Tripartita, in data 3/7/2015;

Ritenuto di approvare lo schema di Protocollo di Intesa tra Regione Emilia-Romagna e Ufficio Scolastico Regionale per l'Emilia-Romagna, come riportato nell’allegato parte integrante del presente atto, al fine di consentire l'avvio delle attività per il prossimo anno scolastico 2015/2016;

Vista la L.R. n. 43/01 ”Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e ss.mm.;

Richiamata la L. n. 241/1990 “Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi" ed in particolare l'art. 15;

Visti altresì: 

  • il D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” ed in particolare l'art. 23 c.1;
  • la propria deliberazione n. 1621 del 11 novembre 2013 “Indirizzi interpretativi per l'applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33;
  • la propria deliberazione n. 57 del 26 gennaio 2015 “Programma per la trasparenza e l'integrità. Approvazione aggiornamento per il triennio 2015-2017”;

Richiamate infine le proprie deliberazioni:

  • n.1057/2006 "Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta Regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali";
  • n.1663/2006 "Modifiche all'assetto delle Direzioni Generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente.";
  • n.2416/2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007” e ss.mm;
  • n.1377/2010 “Revisione dell'assetto organizzativo di alcune Direzioni Generali”, così come rettificata dalla deliberazione n.1950/2010;
  • n.2060/2010 “Rinnovo incarichi a Direttori Generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010”;
  • n. 258/2015 “Contratti individuali di lavoro stipulati ai sensi dell'art. 18 L.R. N, 43/2001. Proroga termini di scadenza”;
  • n. 335/2015 “Approvazione incarichi dirigenziali conferiti e prorogati nell'ambito delle Direzioni Generali – Agenzie – Istituto”;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell'Assessore competente per materia;

A voti unanimi e palesi

delibera:

1) di approvare, per le motivazioni espresse in premessa e qui integralmente richiamate, lo schema di Protocollo di Intesa tra Regione Emilia-Romagna e Ufficio Scolastico Regionale per l'Emilia-Romagna, allegato al presente atto quale parte integrante, per “L’avvio sperimentale di attività formative finalizzate all'acquisizione della qualifica di OSS – Operatore Socio Sanitario - da attuarsi presso le Istituzioni Scolastiche autonome dell’Emilia-Romagna ad Indirizzo Socio-Sanitario”;

2) di dare mandato per la firma del Protocollo di Intesa all'Assessore al Coordinamento delle Politiche Europee allo Sviluppo, Scuola, Formazione Professionale, Università, Ricerca e Lavoro, Prof. Patrizio Bianchi, che vi provvederà con le modalità indicate al comma 2 bis dell'art. 15 della L. 241/90, autorizzandolo ad apportare in quella sede eventuali modifiche di carattere non sostanziale che si rendano necessarie;

3) di dare atto che il Protocollo di Intesa definisce specifiche Disposizioni attuative destinate alle Istituzioni Scolastiche, le quali sono tenute a rimodulare, integrare e arricchire il percorso curricolare dell’ultimo triennio, previsto dagli ordinamenti ministeriali, al fine di consentire anche l'acquisizione delle competenze della qualifica di OSS;

4) di dare atto che, secondo le Disposizioni di cui al precedente capoverso, la rimodulazione del percorso curricolare dovrà identificare e rendere visibile lo specifico percorso formativo volto all'acquisizione delle competenze della qualifica di OSS, in conformità:

  • agli standard professionali regionali della qualifica che saranno assunti come obiettivi formativi;
  • agli standard formativi regionali (e nazionali) della qualifica (durata del percorso 1000 ore di cui 450 di stage);
  • agli standard di certificazione regionali previsti dal “Servizio SRFC nell'ambito della Formazione Professionale”
  • all’Accordo Stato/Regioni sul profilo e la formazione OSS e delle disposizioni regionali che lo recepiscono (DGR 191/2009);

5) di dare atto che il Protocollo d’Intesa avrà durata triennale e che le Disposizioni in esso contenute potranno attuarsi, presso le Istituzioni interessate, a partire dall'anno scolastico 2015/2016, nell'ultimo triennio dei percorsi di “Tecnico dei Servizi Socio-Sanitari”;

6) di rinviare a successivi atti dirigenziali la definizione degli aspetti attuativi di più frequente aggiornamento, previo confronto con le Istituzioni, le Parti Sociali interessate e l'Ufficio Scolastico Regionale per l'Emilia-Romagna;

7) di pubblicare la presente deliberazione sul Bollettino ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna nonché sul sito della Regione Emilia-Romagna all’indirizzo http://formazionelavoro.regione.emilia-romagna.it/

8) di dare atto che il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione di cui al D.lgs. n. 33/2013 e s.m. e di cui alle proprie deliberazioni n. 1621/2013 e n. 57/2015.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it