E-R | BUR

n.113 del 20.07.2011 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Proroga dei termini per concessione-impegno al Comune di Parma degli investimenti Accordi di programma 2007-2010. Integrazione e modifica dei criteri dell'Allegato A), DGR 1233/09 e DGR 1749/02

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNAPremesso che:

- la Legge regionale 2 ottobre 1998, n. 30 “Disciplina generale del trasporto pubblico regionale e locale”, all’art. 12 prevede la stipula di Accordi di programma triennali con gli Enti locali e le loro Agenzie,definiti sulla base di un Atto di Indirizzo generale dell’Assemblea legislativa (art. 8) e di un’Intesa sui servizi minimi (art. 10);

 - con delibera dell’Assemblea regionale n. 32 del 20 dicembre 2010 è stato approvato l’Atto di indirizzo generale triennale 2011-13 in materia di programmazione e amministrazione del trasporto pubblico locale (proposta della Giunta regionale n. 1351/2010);

Viste: 

  • la propria deliberazione 749/02 venivano ammessi a contributo gli Accordi di programma 2001/2003 e in particolare l’Allegato A relativo alle condizioni generali per la concessione dell’impegno di spesa e dell’erogazione dei contributi regionali; 
  • la propria deliberazione n. 2136 del 9 dicembre 2008 di approvazione degli Accordi di programma per la mobilità sostenibile e per i servizi minimi autofiloviari per il 2007-2010 nei nove bacini provinciali della regione Emilia-Romagna: Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini (approvati con il decreto del Presidente n. 113 del 17 aprile 2009); 
  • le proprie deliberazioni 1233/09, 1599/09, 931/10 e 976/10 che programmano finanziariamente e assegnano i contributi regionali disponibili ai beneficiari degli interventi degli Accordi di programma 2007-2010; 
  • l’Allegato A della propria deliberazione n. 1233 del 2009 che stabilisce i criteri, condizioni e modalità per la concessione-impegno, erogazione, nonchè controllo e revoca dei contributi sugli investimenti dei sopraccitati Accordi di programma;

Rilevato che all’srt. 20 comma 8 di ciascuno degli Accordi di programma 2007-2010 dei bacini provinciali nell’ambito delle condizioni generali per gli interventi degli Accordi di programma 2007-2010 i contraenti si impegnavano al rispetto del termine dell’anno 2010 per la presentazione della documentazione necessaria ai fini della concessione-impegno del contributo regionale,per quanto attiene gli interventi programmati non ancora impegnati dalla Regione;

 Preso atto che:

 - con determina dirigenziale n. 316 del 18 gennaio 2011 è stata approvata la ricognizione sullo stato di attuazione degli interventi non ultimati degli Accordi di programma per la mobilità sostenibile e il trasporto pubblico 1995 - 2010;

 - tale ricognizione è stata completata nel febbraio 2011, da apposite riunioni tecniche con i referenti degli Enti beneficiari del contributo regionale, di informazione e condivisione sullo stato di attuazione degli interventi stessi;

Dato atto inoltre che tale ricognizione era propedeutica ai successivi atti regionali che definiscono i contenuti e limiti della conferma e/o riprogrammazione degli interventi, anche per poter aprire i tavoli concertativi ai fini della sottoscrizione dei nuovi Accordi di programma 2011-2013 sulla base di quanto stabilito dal sopracitato Atto di indirizzo;

Rilevato che è necessario valutare in tale ambito e in attesa dei tempi di sottoscrizione dei nuovi Accordi 2011-2013, la possibilità di dare completa attuazione a interventi già avviati o da avviare in fase di cantierabilità prevista in tempi certi;

Rilevato che:

 - il Comune di Parma con nota prot. n. 55408 del 29 marzo 2011 chiede una proroga motivata di n. 6 mesi rispetto al termine del 31 dicembre 2010 indicato nell’art. 20 comma 8 degli Accordi di programma 2007/2010 che riconosce le cause di forza maggiore per la proroga dei termini;

 - con delibera di Giunta regionale n. 468 dell’ 11 aprile 2011 la Giunta ha disposto che a tutti gli interventi programmati ma non avviati (Allegato n. 3) potranno essere riconosciute tramite atto deliberativo regionale le cause di forza maggiore previa istanza motivata da parte del soggetto beneficiario;

 - che nel caso di accoglimento di tale richiesta la sopraccitata delibera prevede che la necessaria documentazione, ai fini della concessione-impegno del contributo regionale per tali interventi deve avvenire entro il 31 ottobre 2011;

 - che il Comune di Parma con nota prot. n. 100000 del 7 giugno 2011 ha richiesto con riferimento alle schede n. 3.1 - 3.2 - 3.4 - 4.3 - 4.4 - 4.5 - 4.9 dell’Accordo di Programma 2007/2010 l’accoglimento delle cause di forza maggiore concernenti:

a) la riorganizzazione degli uffici comunali e del relativo organigramma per il settore Mobilità e Ambiente;

b) la problematicità di rendere liquide le risorse relative alla quota di cofinanziamento di competenza comunale inerente al patto di stabilità;

 - che si ritengono da accogliere tali motivazioni che riguardano interventi previsti dal Comune di Parma in fase di cantierabilità e di attuazione in tempi brevi, con obbiettivi prioritari condivisibili quali: il potenziamento della rete ciclopedonale, il miglioramento dell’attrattività del trasporto pubblico e della sicurezza stradale;

- che si ritiene pertanto necessario riconoscere le cause di forza maggiore;

Preso atto delle motivazioni indicate si dispone quindi una proroga dei termini al fine dell’impegno di spesa per le schede di cui all’Allegato 1 parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, al 31 ottobre 2011;

Dato atto inoltre che le risorse regionali programmate finanziarmene e non utilizzate potranno essere riconfermate o riprogrammate per l’attuazione di interventi definiti nei tavoli concertativi ai fini della sottoscrizione dei nuovi Accordi di programma 2011-2013 sulla base di quanto stabilito dal sopracitato Atto di indirizzo;

Rilevato infine che restano confermati tutti i criteri, condizioni e modalità, per la concessione-impegno, erogazione, nonchè controllo e revoca dei contributi a tutti i beneficiari sugli investimenti dei sopraccitati Accordi di programma definiti nell’Allegato A della propria deliberazione 1233/09 integrando il punto 2b) “Liquidazione ed erogazione del contributo” come segue:

- le fatture in copia conforme all’originale possono essere liquidate in caso di cessione del credito “pro-soluto” o “pro-solvendo” da apposito soggetto finanziario a seguito di atto notarile che identifichi l’importo ceduto, l’esatta denominazione sociale e le coordinate bancarie del soggetto cessionario;

- l’atto notarile (originale o copia conforme) relativo alla cessione del credito rientra fra la documentazione da inviare al fine dell’erogazione del contributo regionale;

Dato atto che tale modifica e integrazione al punto 2b) dell’Allegato A viene estesa anche allo specifico punto della delibera di Giunta regionale 749/02;

Richiamate le proprie deliberazioni, esecutive ai sensi di legge:

 - n. 1057 del 24 luglio 2006, concernente “Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali” e s.m.;

- n. 1663 del 27 novembre 2006 concernente “Modifiche all’assetto delle Direzioni generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente” e s.m.i.;

- n. 2416 del 29 dicembre 2008 concernente “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le Strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/08. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/07.” e s.m.;

- n. 1173 del 27 luglio 2009 concernente “Approvazione degli atti di conferimento degli incarichi di livello dirigenziale (decorrenza 1/8/2009)”;

- n. 2060 del 20 dicembre 2010 concernente: ”Rinnovo incarichi a Direttori generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010”;

- n. 10 del 7 gennaio 2011 concernente: “Approvazione di atti di conferimento degli incarichi di livello dirigenziale”;

Visto il decreto del Presidente della Giunta regionale n. 101 del 10/5/2010 avente ad oggetto “Nomina dei componenti della Giunta regionale e specificazione delle relative competenze” e n. 130 del 3/6/2010 di modifica ed integrazione allo stesso;

Vista la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e s.m.i.;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore alla Programmazione territoriale, Urbanistica. Reti di infrastrutture materiali e immateriali. Mobilità, Logistica e Trasporti;

 A voti unanimi e palesi

delibera:

a) di stabilire, per le motivazioni espresse in premessa che qui si intendono integralmente riportate e in riferimento all’ Allegato 1, parte integrante della presente deliberazione: 

  • di prorogare al 31 ottobre 2011 il termine per la consegna della documentazione da parte del beneficiario, Comune di Parma per la concessione-impegno del contributo regionale programmato accogliendo le cause di forza maggiore;

b) di dare atto che le risorse regionali programmate finanziariamente e non utilizzate potranno essere riconfermate o riprogrammate per l’attuazione di interventi definiti nei tavoli concertativi ai fini della sottoscrizione dei nuovi Accordi di programma 2011-2013 sulla base di quanto stabilito dal sopracitato Atto di indirizzo;

c) di confermare tutti i criteri, condizioni e modalità, per la concessione-impegno, erogazione, nonché controllo e revoca dei contributi sugli investimenti a tutti i beneficiari dei sopraccitati Accordi di programma definiti nell’Allegato A della propria deliberazione 1233/09 integrando il punto 2b)“Liquidazione ed erogazione del contributo” come segue:

 - le fatture in copia conforme all’originale possono essere liquidate anche nel caso di cessione del credito “pro - soluto” o “pro - solvendo”, da apposito soggetto finanziario, a seguito di atto notarile che identifichi l’importo ceduto, l’esatta denominazione sociale e le coordinate bancarie del soggetto cessionario;

- l’atto notarile (originale o copia conforme) relativo alla cessione del credito rientra fra la documentazione da inviare al fine dell’erogazione del contributo regionale;

d) di dare atto che tale modifica e integrazione di cui al punto c) che precede, viene estesa anche allo specifico punto dell’Allegato A della delibera di Giunta regionale 749/02;

e) di pubblicare la presente delibera nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it