E-R | BUR

n.145 del 24.06.2015 (Parte Seconda)

XHTML preview

Aggiornamento Elenco regionale dei prezzi per lavori e servizi in materia di difesa del suolo, della costa e bonifica, indagini geognostiche, rilievi topografici e sicurezza - Annualità 2015

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

  • il D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163 e s.m.i.;
  • il DPR 5 ottobre 2010, n. 207;

Premesso:

  • che la Regione Emilia-Romagna si è dotata di un sistema di elenchi prezzi fra cui quello “per lavori e servizi in materia di difesa del suolo, della costa e bonifica, indagini geognostiche, rilievi e sicurezza” il cui ultimo aggiornamento è stato approvato con deliberazione della Giunta regionale 17 giugno 2014, n. 858 pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna n. 174 del 23 giugno 2014;
  • che tale elenco costituisce il riferimento per tutta l'attività di progettazione di interventi, rilievi ed indagini nel settore della difesa del suolo, della costa e bonifica attuata mediante i propri Servizi Tecnici di Bacino o mediante i soggetti individuati ai sensi dell'art. 9 della L.R. 22/00;

Considerato che:

  • l'art. 133 del D. Lgs 12 aprile 2006, n. 163 e s.m. prevede, tra l'altro, che "le stazioni appaltanti provvedono ad aggiornare annualmente i propri prezzari, con particolare riferimento alle voci di elenco correlate a quei prodotti destinati alle costruzioni, che siano stati soggetti a significative variazioni di prezzo legate a particolari condizioni di mercato. I prezzari cessano di avere validità il 31 dicembre di ogni anno e possono essere transitoriamente utilizzati fino al 30 giugno dell'anno successivo per i progetti a base di gara la cui approvazione sia intervenuta entro tale data. In caso di inadempienza da parte dei predetti soggetti, i prezzari possono essere aggiornati dalle competenti articolazioni territoriali del Ministero delle infrastrutture di concerto con le regioni interessate";
  • l'art. 1 della legge 22 dicembre 2008, n. 201, conversione in legge del D.L. 23 ottobre 2008, n. 162 reca, tra l'altro, nuove disposizioni in materia di adeguamento dei prezzi di materiali da costruzione;
  • si è ritenuto opportuno mantenere, per le diverse voci, descrizioni dettagliate allo scopo di fornire una guida alla buona esecuzione e di evitare il rischio di errate interpretazioni e di possibili contenziosi, rimandando le specifiche tecniche al capitolato speciale d'appalto (in seguito denominato c.s.a.);
  • detti prezzi sono da ritenersi valori medi validi su tutto il territorio regionale, con una tolleranza del 15% in più o in meno per tenere conto delle diverse realtà provinciali, delle particolari caratteristiche dei lavori o dei servizi, della loro entità ed ubicazione;

Richiamate le proprie deliberazioni:

  • n. 1057 del 24 luglio 2006, concernente "Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali" e s.m.;
  • n. 1663 del 27 novembre 2006, recante "Modifiche all'assetto delle Direzioni Generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente";
  • n. 2416 del 29 dicembre 2009, recante "Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007" e s.m.;
  • n. 2060 del 20 dicembre 2010 “Rinnovo incarichi a Direttori Generali della Giunta in scadenza al 31/12/2010”;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore Sicurezza territoriale. Difesa del suolo e della costa. Protezione civile

A voti unanimi e palesi

delibera

a) di approvare l’elenco regionale dei prezzi per lavori e servizi in materia di difesa del suolo, della costa e bonifica, indagini geognostiche, rilievi topografici e sicurezza riportato nell’Allegato A, che costituisce parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

b) di precisare che l’elenco prezzi di cui all’allegato A sostituisce il precedente approvato con deliberazione della Giunta regionale 17 giugno 2014, n. 858;

c) di stabilire che i prezzi riportati nell'elenco devono essere adottati nella progettazione dei lavori e servizi di difesa del suolo, di bonifica e della costa, indagini geognostiche, rilievi topografici e sicurezza di competenza della Regione Emilia-Romagna da realizzarsi a cura dei Servizi Tecnici di Bacino o dei soggetti individuati ai sensi dell'art.9 della L.R. 24 marzo 2000, n. 22;

d) di stabilire inoltre che l'applicazione dei prezzi, nella redazione dei progetti e delle perizie, dovrà avvenire secondo i principi generali contenuti in premessa e alle indicazioni generali di cui all'allegato A - elenco prezzi;

e) di pubblicare integralmente la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna;

f) di stabilire altresì che l'elenco prezzi entra in vigore a partire dalla data di pubblicazione del presente atto nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.

g) di dare atto, infine, che il presente provvedimento sarà inserito nel sito del Servizio Difesa del Suolo della Costa e Bonifica all’indirizzo: http://www.ambiente.regione.emilia-romagna.it/suolo-bacino.

ALLEGATO A

ELENCO REGIONALE DEI PREZZI

PER LAVORI E SERVIZI DI DIFESA DEL SUOLO,

DELLA COSTA E BONIFICA

INDAGINI GEOGNOSTICHE, RILIEVI TOPOGRAFICI E SICUREZZA

INDICAZIONI GENERALI

Le voci e i costi riportati nel presente elenco prezzi devono essere adottati nella progettazione dei lavori e servizi in materia di difesa del suolo, di bonifica e della costa, di competenza della Regione Emilia-Romagna da realizzarsi a cura dei Servizi Tecnici di Bacino o dei soggetti individuati ai sensi dell'art. 9 della L.R. 24 marzo 2000, n. 22 e sono soggetti all’offerta di gara con le procedure previste dalla normativa statale e regionale vigente.

In essi sono comprese le quote per spese generali (15%) ed utili dell'impresa (10%), nonché il compenso per l’impianto, per la manutenzione e per l’illuminazione dei cantieri, per forniture e lavorazioni, sfridi, per spese provvisionali e per tutti gli oneri attinenti all’ esecuzione delle diverse categorie di lavoro applicando la migliore tecnica, idonea mano d’opera e materiali di qualità, in modo che il lavoro o il servizio risultino compiuti a perfetta regola d’arte.

Nei prezzi non sono ricompresi gli oneri relativi alla sicurezza in adempimento alla vigente normativa, ma per la loro definizione e stima è stata predisposta un'apposita sezione del prezzario nella quale sono elencati sia gli oneri, direttamente connessi con le singole lavorazioni, in quanto strumentali all’esecuzione dei lavori e concorrenti alla formazione delle singole categorie d’opera, sia gli oneri che rappresentano specifiche misure di sicurezza non strumentali all’esecuzione delle singole categorie d’opera.

Si precisa che, i dispositivi di protezione individuale (DPI), devono essere inseriti nel computo degli oneri di sicurezza non ribassabili, solo nel caso in cui vengano utilizzati per e durante le lavorazioni interferenti, come previsto nel "piano di sicurezza e di coordinamento (in seguito denominato PSC)". Il loro utilizzo in assenza di lavorazioni interferenti è un onere a carico della singola impresa esecutrice (D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.).

Il progettista, in relazione alla tipologia della lavorazione, alla modalità di esecuzione e alla localizzazione dell'intervento, deve prevedere e computare le spese per l'esecuzione in sicurezza delle lavorazioni in corrispondenza con l'eventuale PSC (D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.).

La Presidenza del Consiglio dei Ministri nel settembre del 2013 ha emanato le "Linee guida per la certificazione di idoneità tecnica all’impiego e utilizzo di prodotti in rete metallica a doppia torsione" in sostituzione della Circolare del Consiglio Superiore dei lavori pubblici n. 2078 del 27/8/1962 e delle linee guida emanate nel maggio 2006.

Il Ministero delle Infrastrutture con D.M. 14 gennaio 2008, ha approvato le nuove norme tecniche per le costruzioni con la finalità di unificare sia le norme relative al comportamento e resistenza dei materiali e delle strutture, sia quelle relative alla definizione delle azioni e dei loro effetti sulle strutture stesse.

Le indagini e le prove, previste dal decreto 14 gennaio 2008 cap. 6 (art. 6.2.2) e cap. 11, devono essere eseguite e certificate dai laboratori di cui all’art. 59 del DPR 6 giugno 2001, n. 380 indicati nell’elenco depositato presso il Servizio Tecnico Centrale del Ministero delle Infrastrutture.

L'applicazione dei prezzi nella redazione dei progetti e delle perizie deve avvenire secondo i seguenti principi:

1. I prezzi indicati sono valori medi validi su tutto il territorio regionale, con una tolleranza del 15% in più o in meno per tenere conto delle diverse realtà provinciali, delle particolari caratteristiche dei lavori e della loro entità.

2. Alcune voci sono sprovviste del prezzo in quanto non possono essere valutate in modo univoco poiché fanno riferimento a costi da esprimersi a corpo, relativi alle caratteristiche del singolo cantiere, o a lavorazioni di tipo particolare valutabili solo in fase di redazione del singolo progetto o perizia. Analogamente i costi della manodopera dove non indicati, devono essere valutati all'occorrenza applicando, se non fosse già stato compreso, un aumento per spese generali (15%) ed utile dell'impresa (10%) alle tariffe in vigore nella provincia, con possibilità di arrotondamento. Tali costi sono comunque assoggettati alle condizioni dell'appalto, in particolare al ribasso d'asta.

3. I prezzi utilizzati nella progettazione degli interventi sono ritenuti congrui se compresi nei limiti sopra definiti. Per i prezzi che presentano particolari situazioni di mercato e per le voci non presenti in elenco dei prezzi viene lasciato ai progettisti il compito di definire un valore congruo tramite l’analisi prezzi in base al D.P.R. del 5 ottobre 2010, n. 207 art.32. Tale analisi deve essere allegata agli elaborati progettuali.

4. Nella sezione prezzi per la sicurezza sono stati inseriti, per completezza, anche i prezzi che deve sostenere l'Appaltatore nel rispetto del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81. Nel caso in cui sia prevista la redazione del PSC, ai sensi del Dlgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m., il coordinatore per la progettazione, sentito il progettista, deve stimare e computare i costi della sicurezza per tutta la durata delle lavorazioni previste nel cantiere. Tale stima deve essere congrua, analitica per voci singole, a corpo o a misura.

5. Per tutte le voci dell'elenco prezzi riguardanti i noleggi, le forniture di attrezzature o dispositivi che prevedono un costo legato ad un durata temporale si precisa che i tempi si intendono lavorativi e pertanto non vanno calcolati nei noleggi i periodi di sospensione lavori.

6. Per progettazione di indagini e manutenzioni che implica lo spostamento delle attrezzature in località successive, escluso il primo cantiere, è previsto nel presente prezzario una apposita voce.

7. Nell’elenco prezzi è stato inserito, in gran parte delle voci, il valore medio percentuale della manodopera, presente nella voce rispetto al costo totale della voce medesima, al fine di facilitare la redazione del quadro di incidenza della manodopera nei documenti progettuali e contabili.

8. Per tutte le voci dell’elenco prezzi, in cui è stato indicato il riutilizzo del materiale di risulta dallo scavo nello stesso sito di produzione, si precisa che tale procedura è possibile solo nel caso in cui il materiale da scavo soddisfi i requisiti di qualità ambientale, ai sensi della normativa vigente.

INDICE

ELENCO REGIONALE DEI PREZZI

PER LAVORI E SERVIZI DI DIFESA DEL SUOLO,

DELLA COSTA E BONIFICA

INDAGINI GEOGNOSTICHE, RILIEVI TOPOGRAFICI E SICUREZZA

01 – ATTIVITA’ PRELIMINARI ALL’INSTALLAZIONE CANTIERE

01.05 – LAVORI PREPARATORI

01.10 – SPOSTAMENTO CANTIERE

01.15 - BONIFICA DA ORDIGNI BELLICI

01.20 – CARATTERIZZAZIONE MATERIALE DA SCAVO

03 – INDAGINI GEOGNOSTICHE

03.10 – SONDAGGI GEOGNOSTICI

03.15 – PROVE IN SITO E/O IN FORO DISONDAGGIO

03.20 – STRUMENTAZIONE DI CONTROLLO

03.25 – PROVE PENETROMETRICHE

03.30 – PROVE GEOFISICHE

03.35 – PROVE DI LABORATORIO

04 – RILIEVI TOPOGRAFICI

 04.05 – PIANI QUOTATI E PLANIMETRIE

04.10 – RILEVAMENTO DI SEZIONI, PUNTI E PROFILI

04.15 – LIVELLAZIONE GEOMETRICA

04.20 – FRAZIONAMENTI

04.25 – CAPISALDI

06 – MANODOPERA E NOLI

06.05 – MANODOPERA

06.10 – NOLO DI MACCHINE OPERATRICI

06.15 – NOLO DI MEZZI DI TRASPORTO

06.20 – NOLO DI MEZZI DI TRASPORTO SU ACQUA

06.25 – NOLO DI IMPIANTO WELL-POINT

06.30 – NOLO AUTOMEZZI PER ESPURGO CANALI TOMBINATI E FOGNATURE

12 – SCAVI E MOVIMENTI DI TERRA

12.05 – SCAVI DI SBANCAMENTO

12.10 – SCAVI A SEZIONE OBBLIGATA

12.15 – SCAVI DA DRAGA O NATANTE

12.20 – RILEVATI

15 – DEMOLIZIONI

15.05 – DEMOLIZIONE DI STRUTTURE

15.10 – DEMOLIZIONE DI MASSI

18 – CONGLOMERATI CEMENTIZI IN OPERA E PREFABBRICATI

18.05 – CONGLOMERATO CEMENTIZIO PER STRUTTURE SEMPLICI E ARMATE

18.10 – CASSERATURE

18.15 – MANUFATTI IN CALCESTRUZZO IN OPERA

18.20 – ELEMENTI PREFABBRICATI IN CALCESTRUZZO

18.25 – TRATTAMENTI E RIVESTIMENTI

18.30 – RISANAMENTO DI STRUTTURE IN C.A.

21 – MURATURE E RIVESTIMENTI IN PIETRA E LATERIZIO

21.05 – MURATURE DI PIETRAME

21.10 – MURATURE E RIVESTIMENTI IN MATTONI

21.15 – MURATURE DI BLOCCHI PREFABBRICATI

21.20 – RIPARAZIONE DI MURATURE E CUCI-SCUCI

21.25 – RIVESTIMENTI LAPIDEI E COPERTINE

21.30 – STUCCATURE

24 – GABBIONATE ED OPERE IN PIETRAME

24.05 – GABBIONATE

24.10 – OPERE IN PIETRAME

27 – OPERE DI SOSTEGNO A GRAVITA'

 27.05 – ELEMENTI IN CALCESTRUZZO

27.10 – TERRE RINFORZATE ED ARMATE

30 – DRENAGGI

 30.05 – DRENAGGI IN TRINCEA

30.10 – OPERE DRENANTI SPECIALI

30.15 – RILEVAMENTI VIDEO IN CONDOTTE DI SCARICO DI POZZI DRENANTI

33 – PALIFICAZIONI, DIAFRAMMI, PALANCOLE E TIRANTI

33.05 – PALIFICAZIONI

33.10 – DIAFRAMMI

33.15 – PALANCOLE

33.20 – TIRANTI

36 – TUBAZIONI, CANALETTE E MANUFATTI RELATIVI

 36.05 – TUBAZIONI, CANALETTE E POZZETTI IN CLS

36.10 – CANALETTE IN ACCIAIO

36.15 – TUBAZIONI IN PVC E PE

39 – FERRO E MATERIALI FERROSI

 39.05 – FERRO PER C.A.

39.10 – FERRO LAVORATO E PROFILATI

39.15 – RETI E BARRIERE PARAMASSI

42 – BIOSTUOIE, GEOTESSILI E GEOSINTETICI

42.05 – BIOSTUOIE

42.10 – GEOTESSILI

42.15 – GEOSINTETICI

45 – INERTI, CONGLOMERATI BITUMINOSI E OPERE STRADALI

45.05 – INERTI

45.10 – CONGLOMERATI BITUMINOSI

45.15 – OPERE STRADALI

48 – DECESPUGLIAMENTO, TAGLIO PIANTE E REGOLARIZZAZIONE ALVEI

 48.05 – DECESPUGLIAMENTO E TAGLIO PIANTE

48.10 – REGOLARIZZAZIONE SCARPATE D’ALVEO

49 – DIFESA DELLA COSTA

 49.05 – OPERE DI DIFESA DELLA COSTA

51 – SISTEMAZIONI A VERDE E OPERE DI INGEGNERIA NATURALISTICA

 51.05 – SEMINE

51.10 – DIFESE SPONDALI

51.15 – SISTEMAZIONE DI SCARPATE E PENDII

54 – VERNICIATURE E TRATTAMENTI SPECIALI

 54.05 – VERNICIATURE, PREPARAZIONE CARPENTERIE

54.10 – ZINCATURA, METALLIZZAZIONE E SABBIATURA

55 – IMPIANTI ELETTRICI

55.05 – MESSA A NORMA DI IMPIANTI ELETTRICI

57 – COSTI PER LA SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE CANTIERE

57.05 - BARACCHE DI CANTIERE

57.10 - FORNITURA ACQUA IN CANTIERE

57.15 - RECINZIONI E DELIMITAZIONI DI CANTIERE

57.20 - FORMAZIONI DI ACCESSI DA STRADA PUBBLICA

57.25 - GESTIONE PRIMO SOCCORSO ED EMERGENZE

57.30 - GESTIONE DELLE PIENE

57.35 - IMPIANTO DI TERRA E PROTEZIONE CONTRO LE SCARICHE ATMOSFERICHE

57.40 - SEGNALETICA VARIA

57.45 - SEGNALAZIONI LINEE INTERRATE O AREE

57.50 - PROTEZIONE DA LINEE ELETTRICHE IN TENSIONE

57.55 - BAGNATURA E PULIZIA STRADE ED ABBATTIMENTO POLVERI

57.60 - SEGNALAZIONE E DELIMITAZIONI VARIE PER LAVORAZIONI IN ADIACENZA STRADE

57.70 - DEPOSITO ED ACCATASTAMENTO MATERIALI

57.75 - DEPURAZIONE GAS DI SCARICO IN AMBIENTI CONFINATI

57.80 – ATTIVITA’ VARIE DI CANTIERE

60 - FASI LAVORATIVE E LORO INTERFERENZE

60.05 - D.P.I. PARTICOLARI E/O PER LAVORAZIONI INTEFERENTI

60.10 - OPERE PROVVISIONALI

60.15 - PROTEZIONE SCAVI

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it