E-R | BUR

n. 130 del 17.08.2011 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

RISOLUZIONE - Oggetto n. 1244 - Risoluzione proposta dai consiglieri Alessandrini, Monari, Zoffoli, Carini, Mori, Moriconi, Pariani, Casadei, Luciano Vecchi, Mumolo, Costi, Piva, Marani, Cevenini, Mazzotti, Fiammenghi, Bonaccini e Montanari per impegnare la Giunta tramite il supporto di Lepida a coprire il territorio con banda larga e a realizzare un servizio WiFi ad accesso gratuito

L’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna

Premesso che

la Regione Emilia-Romagna è da tempo impegnata a garantire la diffusione della comunicazione basata sui mezzi informatici e dei servizi connessi alla banda larga su tutto il territorio regionale;

il Piano Telematico regionale, approvato a seguito dell’entrata in vigore della L.R. 11/04 “Sviluppo della società dell’informazione”, ha permesso - attraverso due programmazioni triennali - di mettere in rete le amministrazioni pubbliche della Regione e di ridurre considerevolmente il digital divide tramite il supporto di Lepida SpA, società prevista all’art. 10 della L.R. 11/2004 col compito di definire in progetti esecutivi con valenza di sistema regionale le indicazioni di indirizzo della Regione Emilia-Romagna e degli enti locali emiliano-romagnoli;

oggi il servizio minimo a banda larga (connessione di almeno 2 Mb/s) copre l’88% netto della popolazione regionale (il dato lordo è pari al 96,9%) ed i Comuni in totale digital divide sono diminuiti negli ultimi anni da 61 a 5.

Evidenziato che

il PiTER 2007-09 ha conseguito importanti risultati per quel che riguarda:

- l’integrazione e la complementarità degli interventi, della programmazione e della gestione progettuale;

- l’accresciuta compartecipazione economica degli enti locali;

- la qualità dei progetti realizzati, che hanno saputo crescere e strutturarsi nel tempo;

- il numero di gestori pubblici dei progetti, inerenti in particolare i servizi ai cittadini ed alle imprese.

Sottolineato che

nonostante gli apprezzabili risultati ottenuti, è necessario procedere alla copertura dell’intera popolazione regionale, con particolare attenzione alle zone montane, dove ancora oggi il 32,9% dei residenti non ha accesso alla banda larga;

anche nelle zone già coperte è opportuno proseguire nella realizzazione di una rete in grado di supportare le esigenze delle imprese attraverso l’estensione della copertura della banda larga di seconda generazione, che prevede un servizio superiore ai 7 Mb/s.

Considerato inoltre che

a seguito delle recenti modificazioni normative è consentito ai pubblici esercizi ed ai privati l’uso dei servizi gratuiti WiFi.

Impegna la Giunta regionale

tramite il supporto di Lepida SpA

ad elaborare una programmazione tecnico-economica che, partendo da un’analisi aggiornata dello stato del digital divide nella nostra Regione, proponga soluzioni che consentano la copertura totale del territorio con banda larga di prima generazione entro il termine di questa legislatura;

a verificare nello specifico lo stato dell’arte, le esigenze e gli obiettivi di sviluppo della banda ultralarga a sostegno dell’imprenditoria regionale;

a supportare l’Assemblea, con proposte ed analisi, nella verifica della normativa di settore per addivenire, laddove necessario, alle opportune modifiche ed integrazioni;

a realizzare un servizio WiFi ad accesso gratuito compatibile alle vigenti normative, ed a prevedere azioni di diffusione dello stesso in tutti i territori della regione, con particolare riguardo a quelli con maggiore criticità di accesso alla rete.

Approvata all’unanimità dei presenti nella seduta antimeridiana del 27 luglio 2011

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it