E-R | BUR

n.302 del 08.11.2017 periodico (Parte Terza)

XHTML preview

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di n. 1 posto di "Assistente in politiche per il lavoro" - Cat. C, nonché per eventuali assunzioni a tempo determinato", presso l'Agenzia regionale per il lavoro della Regione Emilia-Romagna

È indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato pieno di n. 1 posto di “Assistente in Politiche per il Lavoro“ profilo professionale “Amministrativo”, Cat.C, posizione economica iniziale C1, vacante nell’organico dell’Agenzia Regionale per il Lavoro della Regione Emilia-Romagna, nonché per eventuali assunzioni a tempo determinato presso i Centri per l’Impiego e gli Uffici del Collocamento Mirato della stessa Agenzia. L'assunzione a tempo indeterminato è comunque subordinata all'approvazione da parte della Regione ai sensi dell'art.9 c.36 del DL 31/5/2010, n.78, nonché all'esito della procedura di mobilità ai sensi dell'art.30 c.2 bis del D.Lgs.n.165/2001 e delle verifiche di cui agli artt. 34 e 34 bis dello stesso D.Lgs.n.165.

Il trattamento economico del posto a concorso è quello stabilito dal contratto collettivo nazionale di lavoro del Comparto Regioni-Autonomie Locali in vigore alla data di stipulazione del contratto individuale di lavoro (attualmente è previsto uno stipendio tabellare pari a €. 19.454,16 annui lordi oltre alla 13° mensilità ed eventuali indennità, aggiunte di famiglia e assegni dovuti).

Attività principali caratterizzanti la posizione:

La figura svolge attività di informazione, accoglienza, primo orientamento al lavoro, supporto alla ricerca attiva del lavoro ed incrocio domanda/offerta nei confronti degli utenti dei Centri per l’impiego, anche svantaggiati o disabili; gestisce in forma individuale e collettiva tutte le attività di front office e back office dei servizi per il lavoro, in rapporto diretto e costante con le persone ed in relazione con altre agenzie istituzionali e private; gestisce inoltre tutte le procedure amministrative relative ad utenti quali acquisizione e perdita stato disoccupazione, iscrizione legge 68/1999, stipula patti di servizio, promozione tirocini formativi ecc., nonché quelle relative alle imprese (validazione comunicazioni obbligatorie, incrocio domanda/offerta di lavoro, attività di informazione, ecc.) utilizzando appositi sistemi informativi; collabora altresì nelle attività di osservazione del mercato del lavoro e dell'impatto delle politiche pubbliche inerenti; svolge attività amministrativa connessa alla gestione del ciclo di vita di piani, programmi e progetti nonché attività di segreteria a supporto della struttura di assegnazione

Conoscenze e capacità richieste:

- approfondita conoscenza della legislazione nazionale e regionale in materia di politiche del lavoro, nonché delle funzioni e competenze della Regione in materia di servizi per l’impiego e collocamento al lavoro, anche in relazione ai soggetti con disabilità;

-competenze relazionali e capacità di fornire informazioni complete e chiare in tempi brevi nell'ambito della gestione del rapporto diretto e costante con l’utenza;

-diritto del lavoro e diritto amministrativo.

Principali attività caratterizzanti la posizione lavorativa

Competenze organizzative:

Essere in grado di:

- autoprogrammare e controllare l’attività anche in situazioni diverse e in presenza di imprevisti o emergenze;

-scegliere le modalità operative più efficaci nel rispetto delle regole e in funzione del conseguimento degli obiettivi assegnati;

-identificare soluzioni pertinenti adeguate alle problematiche specifiche da affrontare.

Competenze relazionali:

Essere in grado di:

-attivare una rete relazionale mirata alla soluzione di problemi e alla circolazione di informazioni tra strutture;

-lavorare in gruppo e attivare collaborazioni e scambi;

-fornire informazioni complete e chiare in tempi brevi, anche attivandosi presso altri soggetti per acquisire quanto necessita per porsi come referente qualificato.

Art. 1 – Utilizzo della graduatoria

La graduatoria concorsuale potrà essere utilizzata, nei 3 anni successivi alla data della pubblicazione della graduatoria nel Bollettino ufficiale telematico della Regione Emilia-Romagna (BURERT):

-per eventuali assunzioni a tempo indeterminato, pieno o parziale, a copertura di posti vacanti di pari categoria e posizione lavorativa previsti nella dotazione dell’Agenzia Regionale per il Lavoro dell’Emilia-Romagna che saranno resi disponibili, nonché per la copertura degli ulteriori posti che si renderanno vacanti e disponibili;

-per assunzioni a tempo determinato, pieno o parziale, da parte della stessa Agenzia;

È onere del candidato comunicare tempestivamente eventuali variazioni di residenza e/o recapito, anche di posta elettronica.

Art. 2 – Riserve

Ai sensi degli artt. 678 e 1014 c.4 del D.Lgs.15/3/2010 n.66 la frazione di riserva di posto determinatasi con il presente concorso verrà utilizzata nel caso in cui si proceda a ulteriori assunzioni attingendo dalla graduatoria degli idonei.

Ai fini dell'adempimento dell'obbligo di cui all'art.3 della legge 12/3/1999 n.68 l'Agenzia si riserva la facoltà, qualora si verifichino scoperture, di assumere gli appartenenti a categorie protette che abbiano conseguito l'idoneità nel presente concorso nel caso di successivo scorrimento della graduatoria.

Art. 3 - Requisiti per l'ammissione al concorso

Sono garantite parità e pari opportunità tra uomini e donne per l'accesso al lavoro ed il trattamento sul lavoro, ai sensi dell’art. 27 del D.Lgs. 198/2006 “Codice delle pari opportunità tra uomo e donna” e dell’art. 57 del D.Lgs. 165/2001. Il termine “candidati” utilizzato nel presente bando si riferisce ad aspiranti dell'uno e dell'altro sesso.

Requisiti specifici per l'ammissione:

Diploma di istruzione secondaria di secondo grado di durata quinquennale (maturità). Per coloro che sono in possesso di un titolo di studio conseguito all’estero, l’equipollenza con il titolo richiesto dovrà risultare da idonea certificazione rilasciata dalle competenti autorità;

I candidati dovranno inoltre possedere i seguenti requisiti generali per l'ammissione ai concorsi:

-essere cittadini italiani (sono equiparati ai cittadini italiani gli italiani non appartenenti alla Repubblica) ovvero essere cittadini di Stato membro dell’Unione Europea, o loro familiari non aventi cittadinanza di stato membro, ovvero essere cittadini di Paesi terzi purchè titolari del permesso di soggiorno CE per i soggiornanti di lungo periodo ovvero titolari dello status di rifugiato o dello status di protezione sussidiaria. I cittadini di uno Stato membro dell’Unione europea o di Stati terzi devono essere in possesso di tutti i requisiti previsti per i cittadini della Repubblica italiana e non essere stati esclusi dall’elettorato attivo e passivo, e devono avere un’adeguata conoscenza della lingua italiana che verrà accertata nel corso delle prove.

-aver raggiunto la maggiore età e non aver raggiunto il limite massimo previsto per il collocamento a riposo;

-idoneità fisica all'impiego e alle mansioni. L'Amministrazione, prima dell'assunzione, ha facoltà di sottoporre i candidati utilmente collocati in graduatoria a visita medica preventiva, in base alla normativa vigente.

-godimento dei diritti civili e politici, anche negli Stati di appartenenza o provenienza, secondo le vigenti disposizioni di legge;

-non avere riportato condanne penali definitive per i reati previsti nel capo I del titolo II del libro II del codice penale o comunque che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia, la costituzione del rapporto di impiego con Pubbliche Amministrazioni;

-non essere stati destituiti, dispensati o licenziati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento ovvero non essere stati dichiarati decaduti da un impiego pubblico a seguito dell’accertamento che l’impiego fu conseguito mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile.

I requisiti specifici e generali prescritti dal presente articolo devono essere posseduti, a pena di esclusione, alla data di scadenza fissata per la presentazione della domanda di ammissione e permanere al momento dell’assunzione.

TUTTI I CANDIDATI, che risultano aver presentato domanda con la prescritta modalità telematica, SONO AMMESSI AL CONCORSO CON RISERVA, fatta salva la mancata allegazione della copia scansionata del documento d'identità in corso di validità che comporta l'esclusione dalla procedura.

L'Agenzia si riserva la facoltà di disporre, in ogni momento, l'esclusione dal concorso per difetto dei requisiti specifici e generali prescritti per l'accesso.

Art. 4 - Contenuto della domanda

Nella domanda di ammissione il candidato/a dovrà dichiarare, sotto la propria personale responsabilità ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR 28/12/2000 n. 445:

Cognome, nome, luogo e data di nascita, residenza anagrafica.

Il domicilio o recapito cui indirizzare tutte le comunicazioni relative al concorso, completo di recapito telefonico anche mobile e indirizzo di posta elettronica.

Di essere in possesso di tutti i requisiti prescritti dal precedente art. 3, con particolare riferimento ai requisiti specifici per l'ammissione (titolo di studio).

Gli eventuali titoli che diano diritto a riserve nella graduatoria di merito.

Ai sensi dell'art. 20 della L. n. 104/1992, i concorrenti potranno richiedere l’ausilio e/o i tempi aggiuntivi eventualmente necessari per l’espletamento delle prove, in relazione al proprio handicap, a condizione che alleghino alla domanda di ammissione idonea certificazione rilasciata da apposita struttura sanitaria che attesti e descriva, a fronte della disabilità riconosciuta, la necessità di ausili/tempi aggiuntivi, al fine di consentire all’Amministrazione di predisporre per tempo i mezzi e gli strumenti atti a garantire la regolare partecipazione. In assenza di tale certificazione non potranno essere predisposti/concessi ausili o tempi aggiuntivi.

Di acconsentire al trattamento dei propri dati personali per le finalità legate all’espletamento della procedura concorsuale, fra cui la comunicazione della graduatoria finale di merito, anche tramite reti informatiche, nonché la pubblicazione sul sito istituzionale dell'ente, per un periodo limitato a 15 giorni e comunque attraverso modalità non indicizzate, delle risultanze delle singole prove d'esame (cognome, nome, data di nascita per i soli casi di omonimia, e votazione riportata nei casi previsti dal vigente regolamento).

Art. 5 - Modalità e termini di presentazione della domanda

Domanda di ammissione

La domanda di partecipazione alla selezione deve essere presentata con modalità telematiche, come sotto indicate, entro e non oltre il: 11 dicembre 2017 - ore 16.

Non saranno ammesse le candidature presentate con modalità diverse da quelle indicate.

I candidati dovranno compilare la domanda tramite il portale e-Recruiting della Regione Emilia-Romagna raggiungibile dal sito istituzionale dell’Ente www.regione.emilia-romagna.it, seguendo il percorso: “Entra in Regione”, “Concorsi e opportunità di lavoro in Regione” - sezione “Agenzia Regionale per il Lavoro - Procedure selettive Tempi Determinati e Indeterminati”, - http://wwwservizi.regione.emilia-romagna.it/e-recruiting/ - al link della procedura e secondo le istruzioni ivi riportate nell'apposita “Guida alla compilazione della domanda”.

Ai fini della scadenza dei termini, fa fede la consegna della domanda come risulta confermata dal sistema informatico, tramite invio all’indirizzo di posta elettronica ordinaria indicato dal candidato di due comunicazioni: la prima inviata immediatamente, a riprova dell’avvenuta ricezione della candidatura da parte della Regione, la seconda in un successivo momento, riportante il riepilogo PDF della candidatura inviata e gli estremi della protocollazione della domanda stessa.

È onere del candidato verificare l’effettiva ricezione nonché registrazione della domanda da parte dell’Amministrazione regionale attraverso le notifiche di cui sopra.

L'accesso al portale e-Recruiting avviene attraverso il sistema regionale di autenticazione FedERa. Nella fase di registrazione su FedERa occorrerà indicare un indirizzo email, che non dovrà essere un indirizzo relativo ad una casella di Posta Elettronica Certificata (PEC), da cui le comunicazioni di conferma sopra indicate, non essendo PEC, rischierebbero di non essere ricevute.

In sede di compilazione della domanda al candidato sarà possibile indicare, in aggiunta all'indirizzo di posta elettronica ordinaria, l'indirizzo di una casella PEC, che l'Amministrazione potrà tenere a riferimento per eventuali ulteriori comunicazioni individuali.

Alla candidatura on-line dovrà essere allegata, pena l’esclusione dalla procedura, la scansione in formato PDF di un documento di identità in corso di validità.

Le dichiarazioni rese nella domanda di ammissione e negli allegati alla stessa hanno valore di autocertificazione e/o di dichiarazione sostitutiva di atto notorietà, secondo le previsioni degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000. Ferme restando le sanzioni penali in caso di dichiarazioni mendaci, qualora dai controlli effettuati emerga la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni, il candidato decadrà dai benefici eventualmente conseguiti per effetto del provvedimento emanato sulla base delle dichiarazioni non veritiere.

Cause di esclusione

Costituiscono motivo di non ammissione alla procedura:

-la mancanza anche di uno solo dei requisiti previsti per l’ammissione alla selezione, indicati nel presente avviso;

-la presentazione della domanda di partecipazione cui non risulti allegata la scansione in formato PDF di un documento di identità in corso di validità;

-la presentazione della domanda di partecipazione con modalità diverse da quelle stabilite dal presente avviso.

Art. 6 - Preferenze

Nel caso di candidati classificati in graduatoria a parità di punteggio si applicano, nell'ordine, i seguenti titoli di preferenza ai sensi dell'art.16 c.5 del Regolamento della Regione Emilia-Romagna n.3 del 2/11/2015:

a) aver prestato periodi di servizio come Lavoratori socialmente utili nell'ente, nei limiti e ai sensi della normativa in materia;

b) minore età anagrafica, ai sensi dell'art.2 c.9 della L. 16/6/1998 n.191.

Art. 7 - Prove d'esame – Preselezione

Il concorso si articolerà in una preselezione ed un colloquio i quali saranno volti nel loro complesso ad accertare e valutare le conoscenze, le capacità e le attitudini possedute dal candidato, in relazione alle caratteristiche e alle peculiarità del profilo da ricoprire così come specificate nel presente bando e negli atti ivi richiamati.

La preselezione consisterà nella risoluzione di quesiti a risposta multipla sulle seguenti materie:

- elementi di legislazione nazionale in materia di servizi per il lavoro e di politiche attive, comprese le norme rivolte ai disabili;

- normativa della Regione Emilia-Romagna in materia di mercato del lavoro e di servizi per il lavoro con particolare riferimento alle leggi regionali n.17/2005, n.7/2013, n.13/2015 e n.14/2015 e alle deliberazioni attuative della Giunta della Regione Emilia-Romagna quali DGR n.810 del 5/5/2013 e DGR n.901 del 10/5/2014 come modificate dalla DGR n.2025 del 23/12/2013, DGR n.1959 del 21/11/2016;

- nozioni di diritto amministrativo con particolare riferimento alle norme sul procedimento amministrativo, l'accesso agli atti e la tutela dei dati personali (L. n. 241/1990, D.Lgs. n. 196/2003);

- nozioni di diritto del lavoro, con particolare riferimento alle tipologie contrattuali.

Conseguiranno l’ammissione al colloquio i primi 250 candidati classificati, oltre gli ex aequo del 250°.

I candidati devono presentarsi alla prova muniti di valido documento di identificazione.

Il punteggio conseguito nella preselezione non contribuisce a formare il punteggio della graduatoria finale di merito.

Durante lo svolgimento della preselezione i candidati non potranno consultare testi di alcun genere, né utilizzare cellulari, tablet o altri strumenti di comunicazione o tecnologie connesse a internet, pena l'esclusione.

I candidati collocati in posizione utile al termine della preselezione sono ammessi al colloquio con provvedimento del Responsabile dell'Agenzia competente.

Le modalità di comunicazione dell’esito della preselezione saranno rese note ai partecipanti il giorno dell’espletamento della prova.

Il colloquio verterà, oltre che su tutte le materie previste per la preselezione, anche sulle seguenti:

-Nozioni di Tecniche per l'orientamento professionale;

-Nozioni di Tecniche per la ricerca e la selezione del personale;

-Diritti, doveri e responsabilità dei pubblici dipendenti, con particolare riferimento al codice disciplinare e al codice di comportamento;

-Nozioni di diritto penale, limitatamente ai reati contro la Pubblica Amministrazione (libro II, titolo II Codice Penale);

Durante il colloquio si provvederà inoltre ad accertare:

-la conoscenza della lingua inglese;

-la conoscenza dell'uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse (pacchetto Office, posta elettronica).

I candidati devono presentarsi alla prova muniti di valido documento di identificazione.

La prova orale si intende superata se il candidato ottiene la votazione di almeno 21/30.

Il punteggio massimo assegnabile per il colloquio è pari a 30/30.

Art. 8 – Comunicazioni relative allo svolgimento delle prove

Il giorno e la sede della preselezione, fissati dalla Commissione Esaminatrice, verranno pubblicati sul sito web dell’Agenzia Regionale per il Lavoro della Regione Emilia-Romagna. http://www.agenzialavoro.emr.it/agenzia/normativa/bandi-e-avvisi a partire dal giorno 18 dicembre 2017

TALE PUBBLICAZIONE SOSTITUIRÀ A TUTTI GLI EFFETTI LA CONVOCAZIONE INDIVIDUALE

Pertanto i candidati sono tenuti a presentarsi, muniti di un documento di riconoscimento in corso di validità, nel giorno, orario e luogo che saranno indicati nel suddetto avviso (salvo il caso in cui, entro la data fissata per le prove, non abbiano ricevuto comunicazione di esclusione dalla procedura per difetto dei requisiti prescritti).

La mancata presentazione equivarrà a rinuncia al concorso.

N.B.: tutte le comunicazioni ai candidati saranno effettuate secondo quanto disposto dal successivo articolo 11

Art. 9 – Modalità e criteri per la valutazione dei titoli

Costituiranno oggetto di valutazione i seguenti titoli:

-Titoli di servizio: esperienze lavorative svolte presso i servizi pubblici per il lavoro provinciali, regionali o nazionali negli ultimi 5 anni antecedenti la data di scadenza per la presentazione della domanda di concorso.

La valutazione dell’esperienza lavorativa avverrà sulla base delle dichiarazioni rese nella domanda di partecipazione. Nel caso di datore di lavoro privato i candidati possono allegare alla domanda di partecipazione documentazione attestante in particolare l'ente pubblico o la sede dell'ufficio presso il quale è stato prestato il servizio (centro per l'impiego, ufficio del collocamento mirato, ecc.) le principali attività svolte, il profilo professionale/posizione lavorativa, nonché eventuali ulteriori dati ritenuti utili ai fini della valutazione.

L’esperienza lavorativa sarà calcolata in mesi tenendo conto delle frazioni di mese superiore a 15 giorni e trascurando quelle uguali o inferiori a tale limite. Pertanto i periodi dovranno essere indicati in gg/mm/aa: in caso contrario l’esperienza professionale verrà penalizzata con il conteggio dall’ultimo giorno del mese/anno al primo giorno del mese/anno indicati.

Il servizio a tempo parziale, con specifica indicazione della percentuale nella domanda o nell’eventuale documentazione da allegare alla domanda, verrà valutato in misura proporzionalmente ridotta.

Il punteggio massimo complessivo attribuibile ai titoli di servizio è di punti 10 che verranno assegnati secondo i seguenti criteri.

a) Attività prestata sulla base di contratto di lavoro subordinato sottoscritto con una pubblica amministrazione (è equiparato il servizio reso a seguito di somministrazione):

punti 0,1667 per ogni mese o frazione superiore a 15 giorni.

b) Attività prestata sulla base di contratto di lavoro subordinato sottoscritto con datore di lavoro privato (ad es. nell'ambito di appalti di servizi, di avvisi pubblici) (è equiparato il servizio reso a seguito di somministrazione):

punti 0,12 per ogni mese o frazione superiore a 15 giorni.

c) attività prestata sulla base di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa o di incarichi individuali di lavoro autonomo:

punti 0,1 per ogni mese o frazione superiore a 15 giorni.

Non verrà preso in considerazione il servizio prestato per l'espletamento di mansioni meramente esecutive/ausiliarie quali ad es. usciere, centralinista, autista o che, in generale, non attengono ad attività caratterizzanti la posizione lavorativa oggetto della presente procedura.

La valutazione dei titoli verrà effettuata per i soli candidati che avranno superato la preselezione.

Art. 10 – Commissione esaminatrice formazione della graduatoria e assunzioni

La Commissione Esaminatrice è nominata dal Direttore dell'Agenzia su proposta del dirigente competente in materia di personale ed è formata da esperti di provata competenza in possesso di professionalità adeguata in relazione alla posizione messa a concorso, eventualmente integrata da uno o più esperti in lingua straniera e informatica.

Al termine dei propri lavori la Commissione Esaminatrice formulerà una graduatoria provvisoria di merito dei concorrenti che avranno superato le prove concorsuali e provvederà a trasmettere i verbali della commissione al Responsabile del procedimento, che effettuerà il controllo di regolarità formale sulle operazioni svolte dalla commissione.

La graduatoria definitiva, approvata con determinazione del Direttore dell’Agenzia, è pubblicata sul sito Internet dell’Agenzia e sul BURERT.

La graduatoria resterà in vigore per 3 anni dalla data di pubblicazione nel BURERT.

Il concorrente che è in posizione utile per l'assunzione sarà invitato, con lettera raccomandata A.R. ovvero con PEC se comunicata, a produrre la documentazione necessaria con le modalità indicate.

La stipulazione del contratto di lavoro e l'inizio del servizio sono comunque subordinati:

-al comprovato possesso dei requisiti specifici indicati nel presente bando;

-alla effettiva possibilità di assunzione da parte dell'Agenzia, in relazione sia alle disposizioni di legge riguardanti il personale vigenti al momento, sia alle disponibilità finanziarie e alle previste autorizzazioni.

Il controllo delle autocertificazioni verrà condotto sul vincitore e sugli assunti durante l'arco di validità della graduatoria, nonché su un campione dei presenti nella graduatoria.

L'Ente ha piena facoltà di determinare discrezionalmente il luogo e la sede ove gli assunti dovranno prestare servizio nell'ambito del territorio della Regione Emilia-Romagna. Gli effetti giuridici ed economici decorreranno dalla data di effettiva presa di servizio.

Art. 11 - Comunicazioni ai concorrenti

Come già specificato al precedente art. 8, il giorno e la sede delle prove verranno fissati dalla Commissione Esaminatrice, e saranno pubblicati sul sito Internet dell’Agenzia

Tale avviso sostituirà a tutti gli effetti la convocazione individuale.

Esclusivamente attraverso il medesimo strumento (sito Internet) verranno resi noti gli esiti delle prove. Nei confronti di coloro che non avranno superato la preselezione, tale pubblicazione avrà, a tutti gli effetti, valore di notificazione, mentre avrà anche valore di convocazione al colloquio nei confronti dei candidati che avranno superato la preselezione.

Il calendario delle prove sarà comunicato almeno venti giorni prima della data di svolgimento delle stesse.

Art. 12 – Informativa in materia di trattamento dei dati personali

Ai sensi dell’art. 13 comma 1 del D.Lgs 30.6.2003 n. 196 si comunica che i dati personali, anche sensibili, forniti dai candidati nelle domande di partecipazione alla presente procedura concorsuale e nei documenti alle stesse allegati sono raccolti presso il Servizio Affari Generali Bilancio e Risorse Umane dell’Agenzia Regionale per il lavoro - e saranno trattati nel rispetto della normativa vigente, dei diritti e della dignità della persona. Il conferimento è obbligatorio ai fini dell’ammissione alla procedura e del suo corretto espletamento.

Alcuni dati anagrafici, le risultanze delle prove e la graduatoria finale di merito potranno essere diffusi mediante pubblicazione sul sito web dell’Agenzia e comunicati, anche tramite reti informatiche, ad altre pubbliche amministrazioni per eventuali assunzioni.

Gli interessati possono far valere i diritti loro spettanti, ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs 196/2003, nei confronti del Responsabile del trattamento dei dati.

Art. 13 - Disposizioni finali

Per quanto non espressamente previsto dal presente bando di concorso si fa riferimento alle norme legislative, regolamentari e contrattuali nazionali e regionali, nonché allo Statuto e ai Regolamenti dell'Agenzia.

Copia integrale del presente bando:

- è presente per tutta la vigenza sui siti Internet dell’Agenzia e della Regione Emilia-Romagna;

- è trasmesso a tutti i Servizi per l’Impiego dell’Emilia-Romagna;

Estratto del presente bando verrà altresì pubblicato nel BURERT e nella Gazzetta Ufficiale (serie concorsi ed esami).

L'Amministrazione si riserva la facoltà di modificare, prorogare nonché riaprire i termini, ovvero di modificare o revocare il presente bando di concorso per motivi di pubblico interesse.

Il responsabile del presente procedimento concorsuale è il Dott. Massimo Martinelli.

Per ulteriori informazioni gli aspiranti potranno inviare una mail al seguente indirizzo:

arlinfoconcorso@regione.emilia-romagna.it

(Referente Monti Barbara)

Le richieste di informazioni dovranno pervenire 24 ore prima della scadenza del bando.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it