E-R | BUR

n.293 del 02.10.2014 (Parte Seconda)

XHTML preview

POR FESR 2007-2013. Asse III, Attività III.1.2: Contributi a sostegno di progetti innovativi finalizzati al risparmio energetico e all'utilizzo di fonti rinnovabili di energia nei settori del turismo e del commercio" - Risultanze istruttoria domande pervenute entro il 15/6/2014 e concessione contributi

IL RESPONSABILE

Visti:

  • il Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 2 luglio 2006, relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale e recante abrogazione del Regolamento (CE) n. 1783/1999;
  • il Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio dell’11 luglio 2006, recante disposizioni generali sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione e che abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999 ed in particolare l’art. 32;
  • il Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione dell’8 dicembre 2006 che stabilisce modalità di applicazione, fra gli altri, del Regolamento (CE) n. 1083/2006;
  • il Regolamento (CE) n. 1407/2014 della Commissione del 18 dicembre 2013, relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato agli aiuti “de minimis”;
  • la Decisione C(2007) n. 3875 del 7 agosto 2007, con la quale la Commissione Europea ha approvato il Programma Operativo Regionale (in seguito POR) FESR 2007-2013 dell’Emilia-Romagna nel suo testo definitivo;
  • la Decisione C(2013) n. 3912 del 19 giugno 2013, con la quale la Commissione Europea ha modificato il POR FESR 2007-2013;
  • la propria deliberazione n. 1343 del 10 settembre 2007, con la quale si è preso atto della sopra citata Decisione della Commissione Europea;
  • i criteri di selezione delle operazioni del Programma Operativo Regionale (POR), approvati il 5 dicembre 2007 dal Comitato di Sorveglianza del POR FESR istituito con delibera della Giunta regionale n. 1656/2007;

Richiamate le deliberazioni:

  • n. 438 del 31 marzo 2014 recante “POR FESR 2007-2013. Asse III, Attività III.1.2: approvazione modalità e criteri per la concessione di contributi a sostegno di progetti innovativi finalizzati al risparmio energetico e all’utilizzo di fonti rinnovabili di energia nei settori del turismo e del commercio”, con cui è stato approvato un bando per la concessione di contributi a sostegno di progetti innovativi finalizzati al risparmio energetico e all’utilizzo di fonti rinnovabili di energia nei settori del turismo e del commercio;
  • n. 558 del 28 aprile 2014 recante “Integrazione alla D.G.R. 31 marzo 2014, n. 438 recante: “POR FESR 2007-2013. Asse III, Attività III.1.2: Approvazione modalità e criteri per la concessione di contributi a sostegno di progetti innovativi finalizzati al risparmio energetico e all’utilizzo di fonti rinnovabili di energia nei settori del turismo e del commercio”, con cui sono stati approvati le modalità e i criteri per la concessione di contributi erogabili in attuazione della suddetta Attività III.1.2, in sostituzione dell’allegato approvato con la propria deliberazione n. 438/2014;

Considerato che il suddetto bando, valutativo a sportello, all’art. 10 “Istruttoria delle domande” prevede tra l’altro che le domande siano esaminate da un apposito Nucleo di Valutazione nominato con provvedimento del Direttore Generale alle Attività produttive, Commercio e Turismo, secondo il seguente schema:

  • le domande presentate entro il 15 giugno 2014: termine istruttoria 31 luglio 2014;
  • le domande presentate entro il 15 luglio 2014: termine istruttoria 30 settembre 2014;

Dato atto che con determinazione n. 6978 del 23 maggio 2014 il Direttore Generale Attività produttive, Commercio e Turismo ha proceduto alla costituzione del predetto Nucleo di Valutazione;

Dato atto, inoltre che:

  • entro il termine previsto del 15/06/2014, sono pervenute all'indirizzo PEC indicato nel bando n. 55 domande alle quali è stato attribuito un numero identificativo in ordine cronologico;
  • i beneficiari: Bianchi Loris & C. snc, e Fabbi Imola srl hanno presentato richiesta di annullamento della domanda presentata;

Considerato inoltre che sulla base di quanto previsto al punto 10.5 del suddetto bando, il Nucleo di valutazione entro il mese successivo al termine dell'istruttoria, ha provveduto alla determinazione:

  • del punteggio ai fini del calcolo della percentuale massima di contributo concedibile sulla base dei criteri di valutazione di cui all’art. 4 del bando;
  • dell'entità della spesa ammissibile al contributo regionale valutando la congruità e la coerenza delle voci di spesa e procedendo ad eventuali riduzione delle stesse;
  • dell’elenco dei soggetti ammissibili applicando il criterio dell’ordine di arrivo della domanda;
  • dell’elenco dei soggetti non ammissibili al contributo regionale, comprensivo delle motivazioni di esclusione;

Preso atto che il Nucleo di valutazione ha concluso i propri lavori nella seduta del 28 Agosto 2014 riportando le risultanze dell’attività svolta in un apposito verbale, conservato agli atti del Servizio Commercio, Turismo e Qualità Aree Turistiche, contenente l' elenco delle domande presentate, la proposta di graduatoria delle domande ammissibili a finanziamento e l’elenco delle domande non ammissibili a finanziamento;

Rilevato che dalla documentazione prodotta dal Nucleo di Valutazione è emerso, in particolare, che il medesimo:

  • ha provveduto ad esaminare le domande sia sotto il profilo formale che di merito verificando la sussistenza dei requisiti e delle condizioni di ammissibilità previsti dal bando, in base al numero progressivo assegnato secondo l'ordine cronologico d'arrivo;
  • ha evinto, dall’esame istruttorio condotto sulle schede progettuali presentate, la natura di investimento degli interventi da realizzare;
  • ha rilevato per alcune domande la necessità di acquisire chiarimenti utili alla verifica dell’ammissibilità della domanda stessa e per altre la necessità di predisporre il preavviso di rigetto;
  • ha definito l'elenco delle domande ammissibili, attribuendo punteggi, necessari ai fini del calcolo della percentuale massima di contributo concedibile conseguenti all’applicazione dei “Requisiti prestazionali degli interventi e criteri di valutazione” di cui all'art. 4) del bando;
  • ha individuato le domande non ammissibili fornendo le specifiche motivazioni;
  • ha predisposto la proposta di graduatoria delle domande ammisse e delle domande ritenute non ammissibili;

Dato atto che, per quanto riguarda le domande ritenute non ammissibili, saranno espletati - ai sensi della normativa sul procedimento amministrativo - gli adempimenti concernenti il contraddittorio con gli interessati circa i motivi ostativi all'accoglimento delle istanze, confermando le ragioni di esclusione già riscontrate in fase di esame istruttorio e notificate ai richiedenti interessati;

Ritenuto, pertanto, per quanto sopra esposto di approvare le risultanze dell’istruttoria compiuta dal Nucleo di valutazione in ordine ai progetti presentati in esito al Bando approvato con propria deliberazione n. 438/2014 e succ.mod. nonché gli esiti raccolti negli allegati di seguito indicati:

  • Allegato 1: “Elenco domande pervenute POR FESR 2007-2013. Asse III, Attività III.1.2: Contributi a sostegno di progetti innovativi finalizzati al risparmio energetico e all'utilizzo di fonti rinnovabili di energia nei settori del turismo e del commercio” entro il 15/06.2014;
  • Allegato 2: “Elenco delle domande ammesse a finanziamento POR FESR 2007-2013. Asse III, Attività III.1.2: Contributi a sostegno di progetti innovativi finalizzati al risparmio energetico e all'utilizzo di fonti rinnovabili di energia nei settori del turismo e del commercio”, relativo alle 35 domande ammissibili con indicati il punteggio attribuito a seguito dell’istruttoria, l’ammontare dell’investimento ammesso, il relativo contributo concedibile, decurtato, laddove previsto, delle somme già percepite titolo di de-minimis nei due esercizi precedenti;
  • Allegato 3: “Elenco delle domande non ammesse a finanziamento POR FESR 2007-2013. Asse III, Attività III.1.2: Contributi a sostegno di progetti innovativi finalizzati al risparmio energetico e all'utilizzo di fonti rinnovabili di energia nei settori del turismo e del commercio”, contenente l’indicazione delle 20 domande non ammissibili;

Viste:

  • la L.R. 15 novembre 2001, n. 40 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4” ed in particolare gli artt. 47 e 49;
  • la L.R. 20 dicembre 2013, n. 28 "Legge finanziaria regionale adottata, a norma dell'art. 40 della L.R. 15 novembre 2001, n. 40, in coincidenza con l'approvazione del Bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2014 e del Bilancio pluriennale 2014-2016";
  • la L.R. 20 dicembre 2013, n. 29 "Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario 2014 e del Bilancio pluriennale 2014-2016";
  • la L.R. 18 luglio 2014, n. 17 "Legge finanziaria regionale adottata, a norma dell'art. 40 della L.R. 15 novembre 2001, n. 40, in coincidenza con l'approvazione della legge di Assestamento del bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2014 e del Bilancio pluriennale 2014-2016. Primo provvedimento generale di variazione";
  • la L.R. 18 luglio 2014, n. 18 "Assestamento del bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2014 e del Bilancio pluriennale 2014-2016 a norma dell’articolo 30 della legge regionale 15 novembre 2001, n. 40. Primo provvedimento generale di variazione";

Preso atto che la delibera di Giunta regionale 438/2014 prevede che le risorse da destinare agli interventi oggetto del bando sono allocate sui capitoli dell’esercizio finanziario 2014 come di seguito indicato:

- Capitolo 23636 “Contributi a imprese per la realizzazione di interventi per la qualificazione energetico-ambientale e lo sviluppo sostenibile - Asse 3 - Programma Operativo 2007/2013 - Contributo CE sul FESR (Reg. 1083 dell’11 luglio 2006; Dec. C (2007) 3875 del 7 agosto 2007)” - Mezzi U.E. - U.P.B. 1.3.2.3.8365;

- Capitolo 23652 “Contributi a imprese per la realizzazione di interventi per la qualificazione energetico-ambientale e lo sviluppo sostenibile - Asse 3 - Programma Operativo 2007/2013 (L. 16 aprile 1987, n. 183; Delibera CIPE 15 giugno 2007, n. 36; Dec. C (2007) 3875 del 7 agosto 2007)” - Mezzi Statali - U.P.B. 1.3.2.3.8366;

Viste inoltre:

  • la Legge 13 agosto 2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e successive modifiche;
  • la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011, n. 4 in materia di tracciabilità finanziaria ex art. 3 della predetta Legge 136/2010 e successive modifiche;
  • la Legge 16 gennaio 2003, n. 3 recante “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione”, ed in particolare l’art. 11 “Codice unico di progetto degli investimenti pubblici”;

Dato atto che ad ogni progetto d’investimento pubblico oggetto del presente provvedimento è stato assegnato, dalla competente struttura ministeriale, il Codice Unico di Progetto (CUP) così come riportato nell'Allegato 2;

Visti:

  • il D.L. 21 giugno 2013, n. 69 “Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia”, convertito con modificazioni in Legge 9 agosto 2013, n. 98, ed in particolare l’art. 31 “Semplificazioni in materia DURC”;
  • la circolare di cui alla nota del Responsabile del Servizio Gestione della spesa regionale prot. PG/2013/154942 del 26 giugno 2013 riguardante l’“Inserimento nei titoli di pagamento del Documento Unico di Regolarità Contributiva DURC relativo ai contratti pubblici di lavori, servizi e forniture - Art. 31, comma 7 del D.L. 21 giugno 2013, n. 69 “Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia”;
  • la nota del medesimo Responsabile prot. PG/2013/208039 del 27 agosto 2013 concernente “Adempimenti amministrativi in attuazione dell’art. 31 “Semplificazioni in materia di DURC” del D.L. 21 giugno 2013, n. 69 “Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia” convertito con modificazioni in Legge 9 agosto 2013, n. 98. Integrazione circolare prot. n. PG/2013/154942 del 26/6/2013”;

Considerato che è stata verificata la regolarità contributiva con esito positivo dei soggetti ammissibili al contributo come risultante dalla documentazione conservata agli atti di questo Servizio;

Richiamato il Decreto Legislativo 6 settembre 2011, n. 159 "Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizione in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136" e ss.mm., ed in particolare l’art. 83, comma 3, lettera e);

Ritenuto, pertanto, per quanto sopra esposto:

  • di assegnare e concedere ai soggetti ammessi un contributo così come riportato all’elenco di cui all’Allegato 2;
  • di assumere, ricorrendo le condizioni previste dall'art. 47, comma 2, della predetta L.R. n. 40/2001, i relativi impegni di spesa;

Visti:

  • la L.R. 26 novembre 2001, n. 43, recante "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e successive modificazioni;
  • il D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle Pubbliche Amministrazioni” e s.m.;
  • le deliberazioni della Giunta regionale:
  • n. 1621 dell’11 novembre 2013 avente per oggetto “Indirizzi interpretativi per l'applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33”;
  • n. 68 del 27 gennaio 2014, recante “Approvazione del programma triennale per la trasparenza e l'integrità 2014-2016”;
  • n. 450/2007, concernente “Adempimenti conseguenti alle delibere 1057/2006 e 1663/2006. Modifiche agli indirizzi approvati con delibera 447/2003 e successive modifiche”, esecutiva ai sensi di legge;
  • n. 1057 del 24 luglio 2006, n. 1663 del 27 novembre 2006,
n. 10 del 10 gennaio 2011 e n. 1222 del 4 agosto 2011;
  • n. 2416 del 29 dicembre 2008 recante: "Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007" e succ.mod.;

Attestata la regolarità amministrativa;

determina:

1. di richiamare integralmente le considerazioni formulate in premessa, che costituiscono parte integrante del presente dispositivo;

2. di prendere atto delle risultanze dell’istruttoria compiuta dal Nucleo di valutazione in ordine ai progetti presentati in esito al Bando approvato con propria deliberazione n. 438/2014 e succ.mod. e integrazioni;

3. di approvare i seguenti allegati costituenti parte integrante e sostanziale del presente atto:

Allegato 1: “Elenco domande pervenute POR FESR 2007-2013. Asse III, Attività III.1.2: Contributi a sostegno di progetti innovativi finalizzati al risparmio energetico e all'utilizzo di fonti rinnovabili di energia nei settori del turismo e del commercio” relativo alle 55 domande presentate entro il 15/06/2014;

Allegato 2: “Elenco delle domande ammesse a finanziamento POR FESR 2007-2013. Asse III, Attività III.1.2: Contributi a sostegno di progetti innovativi finalizzati al risparmio energetico e all'utilizzo di fonti rinnovabili di energia nei settori del turismo e del commercio”,relativo alle 35 domande ammissibili con indicati il punteggio attribuito a seguito dell’istruttoria, l’ammontare dell’investimento ammesso, il relativo contributo concedibile, decurtato, laddove previsto, delle somme già percepite titolo di de-minimis nei due esercizi precedenti ed il relativo CUP;

Allegato 3: “Elenco delle domande non ammesse a finanziamento POR FESR 2007-2013. Asse III, Attività III.1.2: Contributi a sostegno di progetti innovativi finalizzati al risparmio energetico e all'utilizzo di fonti rinnovabili di energia nei settori del turismo e del commercio”, contenente l’indicazione delle 20 domande non ammissibili;

4. di assegnare e concedere un contributo complessivo pari a € 1.423.423,87 ai soggetti indicati nella graduatoria di cui all'Allegato 2 “Elenco delle domande ammesse a finanziamento POR FESR 2007-2013. Asse III, Attività III.1.2: Contributi a sostegno di progetti innovativi finalizzati al risparmio energetico e all'utilizzo di fonti rinnovabili di energia nei settori del turismo e del commercio” per l'importo specificato a fianco di ogni beneficiario ed il relativo CUP;

5. di impegnare, in relazione a quanto riportato in premessa, a favore dei beneficiari indicati nell’ Allegato 2 “Elenco delle domande ammesse a finanziamento POR FESR 2007-2013. Asse III, Attività III.1.2: Contributi a sostegno di progetti innovativi finalizzati al risparmio energetico e all'utilizzo di fonti rinnovabili di energia nei settori del turismo e del commercio”, la somma complessiva di € 1.423.423,87 come segue:

- € 525.631,21 registrata al n. 3851 di impegno, sul Cap. n.23636 “Contributi a imprese per la realizzazione di interventi per la qualificazione energetico-ambientale e lo sviluppo sostenibile - Asse 3 - Programma Operativo 2007/2013 - Contributo CE sul FESR (Reg. 1083 dell’11 luglio 2006; Dec. C (2007) 3875 del 7 agosto 2007)” - Mezzi U.E. - U.P.B. 1.3.2.3.8365;

- € 897.792,66 registrata al n. 3850 di impegno, sul Cap. n. 23652 “Contributi a imprese per la realizzazione di interventi per la qualificazione energetico-ambientale e lo sviluppo sostenibile - Asse 3 - Programma Operativo 2007/2013 (L. 16 aprile 1987, n. 183; Delibera CIPE 15 giugno 2007, n. 36; Dec. C (2007) 3875 del 7 agosto 2007)” - Mezzi Statali - U.P.B. 1.3.2.3.8366

del bilancio per l’esercizio finanziario 2014 che presentano la necessaria disponibilità;

6. di dare atto che secondo quanto stabilito al paragrafo 12 del Bando l’avvio dei progetti dovrà avvenire entro 2 mesi dalla comunicazione dell’avvenuta concessione del contributo e dovranno essere conclusi entro 8 mesi dalla medesima comunicazione;

7. di dare atto che alla liquidazione e alla richiesta di emissione dei titoli di pagamento relativi ai contributi qui concessi si provvederà con propri atti formali - ai sensi degli artt. 51 e 52 della L.R. 40/2001 e della deliberazione n. 2416/2008 e successive modifiche, previa presentazione della rendicontazione di spesa secondo quanto stabilito al paragrafo 14 del Bando e secondo le modalità previste al paragrafo 13) del medesimo Bando “Modalità di erogazione del contributo” e previa verifica della regolarità contributiva;

8. di dare atto che ai sensi del paragrafo 17) del Bando, qualora il beneficiario contravvenga agli impegni assunti, ovvero a quanto previsto dalle disposizioni generali del Bando relative al mantenimento dell'attività economica nell'immobile per 3 anni successivi all'ultimazione dei lavori, incorrerà nella perdita dei benefici concessi e sarà tenuto alla restituzione delle somme percepite maggiorate degli interessi legali;

9. di dare atto che, per quanto non espressamente previsto dal presente atto, si rinvia a quanto disciplinato nel citato Bando approvato con la deliberazione n. 438/2014 e succ.mod. e integrazioni;

10. di dare atto, che avverso il presente provvedimento è possibile presentare ricorso in via amministrativa al Presidente della Repubblica o in sede giurisdizionale amministrativa nelle forme e nei termini previsti dalla legislazione vigente;

11. di comunicare ai beneficiari di cui all’Allegato 2, secondo quanto previsto dal Bando, l'entità delle spese ammesse nella loro suddivisone per voci e l'ammontare del contributo concesso unitamente al termine finale per l'ultimazione degli interventi;

12. di comunicare ai beneficiari di cui all’Allegato 3, secondo quanto previsto dal Bando, l'esito negativo della valutazione e la motivazione di esclusione;

13. di stabilire che le suddette comunicazioni di cui al punto 11) e 12) saranno trasmesse, così come stabilito dal bando, tramite PEC;

14. di disporre la pubblicazione in forma integrale del presente atto nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna, e sui seguenti siti internet regionali: http://fesr.regione.emilia-romagna.it, http://imprese.regione.emilia-romagna.it http://energia.regione.emilia-romagna.it;

15. di dare atto che secondo quanto previsto dal DLgs. 14 marzo 2013, n. 33 e succ. mod., nonché sulla base degli indirizzi interpretativi contenuti nella deliberazione di Giunta regionale n. 1621/2013, il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati.

La Responsabile del Servizio 

Paola Castellini

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it