E-R | BUR

n.222 del 24.10.2012 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Procedimento di modifica della delibera di Giunta provinciale n. 62097/306 del 6/7/2009 relativa alla procedura di V.I.A e di A.I.A. sul progetto di ampliamento della capacità di stoccaggio e di trattamento dello stabilimento di Via Gramadora, 19 a Forlì, località Villa Selva presentato dalla Ditta Bandini e Casamenti s.r.l. Decisione in merito all'istanza di monetizzazione del vincolo di cui all'art. 10 del P.T.C.P.

L’Autorità competente: Provincia di Forlì-Cesena comunica la decisione di rettificare la delibera di Giunta provinciale n. 62097/306 del 6/7/2009 avente ad oggetto la “Decisione in merito alla procedura di valutazione di impatto ambientale relativa al progetto di ampliamento della capacità di stoccaggio e di trattamento dello stabilimento di Via Gramadora, 19 a Forlì, località Villa Selva presentato dalla Ditta Bandini e Casamenti S.r.l..”, modificando la prescrizione individuata al punto 1 del dispositivo di tale atto deliberativo; l'estratto della delibera di G.P. n. 62097/306 del 6/7/2009 era stato pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione n. 132 del 29/7/2009. 

Il progetto è presentato dalla Ditta Bandini e Casamenti S.r.l., con sede legale in Via Gramadora 19 - 47122 Forlì. 

Il progetto interessa il territorio del Comune di Forlì e della Provincia di Forlì-Cesena. 

Il progetto presentato si configura come “progetto di ampliamento” dal quale deriva un’opera con caratteristiche e dimensioni rientranti fra quelle previste dalla categoria A.2.2 “Impianti di smaltimento e rifiuti pericolosi, mediante operazioni di cui all’Allegato B ed all’Allegato C, lettere da R1 a R9 del D.Lgs. 5 febbraio 1997, n. 22, ad esclusione degli impianti di recupero sottoposti alle procedure semplificate di cui agli artt. 31 e 33 del medesimo D.Lgs. n. 22 del 1997” e dalla categoria A.2.6 “Impianti di smaltimento di rifiuti non pericolosi mediante operazioni di deposito preliminare con capacità superiore a 150.000 mc oppure con capacità superiore a 200 t/g (operazioni di cui all’Allegato B, lettera D15, del D.Lgs. 5 febbraio 1997, n. 22” di cui all’Allegato A.2 della L.R. 9/99 e s.m.i. 

Ai sensi del Titolo III della Legge regionale 18 maggio 1999, n. 9 e s.m.i., l’Autorità competente: Provincia di Forlì-Cesena, con atto di Giunta provinciale prot. n. 89866/361del 28/9/2012, ha assunto la seguente decisione:

LA GIUNTA DELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA

(omissis)

delibera: 

  • di accogliere, per le motivazioni compiutamente espresse nella parte narrativa del presente atto, la richiesta di monetizzazione del vincolo derivante dall'applicazione dell'art. 10 del P.T.C.P. della Provincia di Forlì-Cesena;
  • di modificare, conseguentemente, la prescrizione n. 1 della Del. G.P. n. 62097/306 del 6/7/2009 nel modo seguente:

in merito ai due filari tutelati ai sensi dell'art. 10 del P.T.C.P., presenti all'interno dell'area della ditta, sarà possibile procedere alla monetizzazione integrale degli stessi, così come previsto dall'art. 23-bis del RUE, nelle modalità e secondo le tempistiche stabilite dal successivo provvedimento dell'Amministrazione Comunale;

  • di trasmettere copia della presente deliberazione alla società proponente Ditta Bandini-Casamenti S.r.l., al Servizio Ambiente e Sicurezza del Territorio della Provincia di Forlì-Cesena, al Comune di Forlì, ad ARPA Sez. di Forlì, all'Azienda U.S.L. di Forlì - Dipartimento di Sanità Pubblica, ai Vigili del Fuoco, alla Regione Emilia-Romagna - Servizio Tecnico di Bacino Romagna, alla Regione Emilia-Romagna, Uff. Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale; 
  • di trasmettere il presente atto al Servizio Pianificazione Territoriale per il seguito di competenza;
  • di pubblicare per estratto nel Bollettino Ufficiale della Regione ai sensi dell’art. 10 comma 3, della L.R. 18 maggio 99 n. 9 e s.m.i., il presente partito di deliberazione.

Inoltre, con separata votazione espressa in forma unanime e palese, dichiara il presente provvedimento immediatamente eseguibile, stante l’urgenza di provvedere in merito ai sensi dell’art. 134, 4° comma del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267.” 

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it