E-R | BUR

n.174 del 30.11.2011 periodico (Parte Terza)

XHTML preview

Bando di concorso pubblico per un posto a tempo pieno e indeterminato ed un posto a tempo parziale ed indeterminato di “Assistente di amministrazione”

La Presidente del Consiglio del Collegio IP.AS.VI. - Infermieri professionali Assistenti sanitari Vigilatrici d’infanzia di Reggio Emilia, in esecuzione della deliberazione consiliare del 28 settembre 2011, rende noto quanto segue:

Art. 1 - Qualifiche professionali e numero dei posti 

È indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami nella modalità della prova pratica, per la copertura di:

A) un posto a tempo pieno ed indeterminato di “Assistente di amministrazione” (area B - posizione B2 del vigente C.C.N.L. del settore) presso il Collegio IP.AS.VI. di Reggio Emilia, con sede in Via Montefiorino n. 10/1 a Reggio Emilia

;

B) un posto a tempo parziale ed indeterminato per un numero di ore 24 settimanali di “Assistente di amministrazione” (area B - posizione B2 del vigente C.C.N.L. del settore) presso il Collegio IP.AS.VI. di Reggio Emilia, con sede in Via Montefiorino n. 10/1 a Reggio Emilia

.

La Legge 10 aprile 1991, n. 125, garantisce pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro.

Art. 2 - Requisiti generali per la partecipazione 

Per l’ammissione al concorso è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:

a) età non inferiore agli anni diciotto;

b) titolo di studio: diploma quinquennale di scuola secondaria di secondo grado.

Per la valutazione dei titoli conseguiti nell’ambito dell’Unione Europea si terrà conto di quanto previsto dall’art. 38 del decreto legislativo n. 165/2001;

c) cittadinanza italiana (sono equiparati ai cittadini gli Italiani non appartenenti alla Repubblica) ovvero cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea;

d) godimento dei diritti politici;

e) idoneità fisica all’impiego. Il Consiglio del Collegio ha facoltà di sottoporre a visite mediche di controllo i vincitori del concorso;

f) per i candidati soggetti all’obbligo di leva, posizione regolare in ordine a tale obbligo;

g) non essere stato escluso dall’elettorato politico attivo;

h) in qualità di dipendente presso una pubblica amministrazione, di non essere stato licenziato per motivi disciplinari a decorrere dalla data di entrata in vigore del primo C.C.N.L. del comparto Enti Pubblici non Economici, di non essere stato destituito o dispensato dall’impiego per persistente insufficiente rendimento e di non essere stato dichiarato decaduto da un impiego statale, ai sensi dell’art. 127, primo comma, lettera d) del testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3, per aver conseguito l’impiego mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità insanabile;

i) non avere riportato condanne penali o procedimenti penali in corso che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia, la costituzione del rapporto di impiego con la pubblica amministrazione.

I cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea devono possedere, inoltre, i seguenti requisiti:

1) godere dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza;

2) essere in possesso della cittadinanza dello Stato di appartenenza e di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini italiani;

3) avere adeguata conoscenza della lingua italiana.

Tutti i suddetti requisiti devono essere posseduti dai candidati alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione della domanda; il Collegio può disporre in qualsiasi momento, con delibera del Consiglio, l’esclusione dal concorso per difetto dei requisiti prescritti.

Sono inoltre valutati:

A) titoli scolastici/accademici e/o formativi attinenti l’area economico-giuridica o contabile-amministrativa (fino a 30 punti)

B) titoli scolastici/accademici e/o formativi concernenti la lingua inglese (fino a 10 punti)

C) certificazioni di conoscenze/competenze nell’ambito della prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro (fino a 5 punti)

D) certificazioni di conoscenze/competenze nell’ambito della gestione relazioni con l’utenza “front-office” (fino a 10 punti)

E) Precedenti esperienze lavorative (fino a 20 punti) presso:

E.1 Ordini/Collegi professionali o altri Enti Pubblici

E.2 Studi professionali di area legale/amministrativa

E.3 Segreterie di direzione in imprese o enti.

Art. 3 - Presentazione della domanda 

La domanda, redatta in carta semplice secondo lo schema allegato al presente bando (Allegato A), deve essere indirizzata alla Presidente del Collegio IP.AS.VI. di Reggio Emilia e deve essere presentata direttamente o spedita a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento alla segreteria del Collegio IP.AS.VI. (Via Montefiorino n. 10/1 42123 Reggio Emilia).

Le domande dovranno materialmente pervenire alla segreteria del Collegio IP.AS.VI entro il termine perentorio di venti giorni successivi alla data di pubblicazione del richiamo al presente bando nel BUR dell’Emilia-Romagna sommario “Concorsi”.

Saranno considerate pervenute tardivamente le domande ricevute dalla segreteria del Collegio IP.AS.VI oltre il termine suddetto (20 dicembre 2011).

Il Collegio IP.AS.VI. della provincia di Reggio Emilia non si assume responsabilità per la dispersione di comunicazioni dipendente da inesatta indicazione del recapito da parte del concorrente oppure da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento dell’indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o telegrafici o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.

Dalla data di pubblicazione, il testo completo del bando e il modello della domanda di partecipazione possono essere ritirati presso la Segreteria del Consiglio del Collegio IP.AS.VI. di Reggio Emilia e possono anche essere scaricati dal sito internet del Collegio IP.AS.VI di Reggio Emilia (www.ipasvi.re.it).

La domanda dovrà essere, pena l’esclusione, sottoscritta dal candidato mediante l’apposizione della propria firma autografa; ai sensi dell’art. 3, comma 5, della legge 15 maggio 1997, n. 127, non è richiesta l’autenticazione della sottoscrizione della domanda.

Nella domanda di ammissione il candidato deve dichiarare, sotto la propria responsabilità, pena l’esclusione, quanto segue:

a) il cognome (le donne coniugate debbono indicare il cognome da nubili) ed il nome;

b) il luogo e la data di nascita;

c) il luogo di residenza, con l’indicazione di via, numero civico, comune, provincia, codice di avviamento postale e recapito telefonico;

d) il possesso della cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea; i cittadini degli stati membri dell’Unione Europea dovranno altresì dichiarare, oltre al possesso di tutti i requisiti previsti per i cittadini italiani, anche il possesso dei seguenti requisiti:

1) godere dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza;

2) essere in possesso della cittadinanza dello Stato di appartenenza e di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini italiani;

3) avere adeguata conoscenza della lingua italiana;

e) il possesso del titolo di studio richiesto con l’esatta indicazione dell’Istituto che lo ha rilasciato e della data di rilascio;

f) di non essere escluso dall’elettorato politico attivo;

g) in qualità di dipendente presso una pubblica amministrazione, di non essere stata/o licenziato per motivi disciplinari a decorrere dalla data di entrata in vigore del primo C.C.N.L. del comparto Enti Pubblici non Economici, di non essere stata/o destituita/o o dispensata/o dall’impiego per persistente insufficiente rendimento e di non essere stato dichiarato decaduta/o da un impiego statale, ai sensi dell’art. 127, primo comma, lettera d) del testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3, per aver conseguito l’impiego mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità insanabile;

h) di non aver riportato condanne penali e di non avere procedimenti penali in corso;

i) di essere fisicamente idoneo al regolare svolgimento delle mansioni proprie del posto messo a concorso;

l) di essere in posizione regolare nei confronti dell’obbligo di leva qualora soggetto a tale obbligo;

m) gli eventuali titoli che danno diritto a preferenza di legge;

n) gli eventuali servizi prestati presso pubbliche Amministrazioni e le conseguenti eventuali cause di risoluzione del rapporto di pubblico impiego;

o) l’indirizzo preciso presso cui si chiede siano inviate tutte le comunicazioni concernenti il concorso;

p) ai sensi dell’art. 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104 la persona handicappata, nella domanda di partecipazione al concorso, deve specificare l’eventuale ausilio necessario, in relazione al proprio handicap, per lo svolgimento delle prove nonché l’eventuale necessità di tempi aggiuntivi.

Qualora il candidato portatore di handicap nella domanda di partecipazione al concorso abbia fatto richiesta dei particolari ausili e/o dei tempi aggiuntivi di cui al precedente punto p) dovrà produrre, pena la non fruizione del relativo beneficio, la certificazione comprovante la situazione di handicap accertata ai sensi dell’art. 4 della Legge 5 febbraio 1992, n. 104.

q) eventuali titoli di cui all’art. 2, lettere A,B,C,D,E con allegati i relativi attestati in copia autentica.

E’ comunque fatta salva la facoltà di allegare alla domanda di partecipazione, in luogo delle sopraindicate dichiarazioni, i documenti in originale o copia autentica, comprovanti il possesso dei sopraindicati titoli.

Tutti i dati personali trasmessi dai candidati con le domande di partecipazione al concorso, ai sensi dell’art. 11 del DLgs 196/03, saranno trattati esclusivamente per le finalità di gestione della presente procedura concorsuale e dell’eventuale rapporto di lavoro.

Art. 4 - Commissione esaminatrice 

La Commissione esaminatrice sarà nominata, con successivo provvedimento, nel rispetto delle vigenti disposizioni in materia.

Art. 5 - Materie e prove d’esame 

La prova di esame consisterà per entrambi i posti messi a concorso in una prova pratica.

La prova pratica sarà volta ad accertare la conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche tra cui Office, posta elettronica, applicativo sistema Albo IP.AS.VI. per immissione dati; sarà assegnata anche una prova pratica di contabilità su programma Cogeswin Plus.

La votazione per ciascuna prova è espressa in trentesimi.

Per essere ammessi a sostenere le prove d’esame, i candidati dovranno essere muniti di uno dei seguenti documenti di riconoscimento, non scaduti per decorso del termine di validità: tessera di riconoscimento rilasciata dall’amministrazione dello Stato ai propri dipendenti, patente automobilistica o passaporto o carta d’identità.

La convocazione per la presentazione alla prova d’esame verrà inviata ai singoli candidati tramite lettera raccomandata a.r. almeno entro quindici giorni prima di quello in cui sono chiamati a sostenerla.

La data di spedizione degli avvisi di convocazione è stabilita e comprovata dal timbro e data dell’ufficio postale di partenza.

Il Collegio IP.AS.VI. della provincia di Reggio Emilia non assume responsabilità per eventuali disguidi postali imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.

Art. 6 - Idoneità e punteggi 

Saranno dichiarati idonei i candidati che avranno riportato in ciascuna delle due prove (utilizzo delle apparecchiature/applicazioni informatiche, prova pratica di contabilità) un punteggio pari ad almeno 21/30.

Il punteggio finale risulta dalla media dei punteggi suddetti

Il punteggio risultante dagli eventuali titoli di cui all’art. 2, lettere A,B,C,D,E ridotto ad un decimo verrà sommato a quello della prova pratica, con possibilità di sforamento dei 30/30 e sarà utile ai fini della graduatoria.

Art. 7 - Graduatoria

Al termine dei propri lavori la commissione esaminatrice formulerà la graduatoria di merito dei concorrenti che avranno superato le prove concorsuali, secondo l’ordine decrescente del punteggio complessivo come determinato ai sensi dell’art. 6. Con delibera consiliare, considerati i diritti di preferenza a parità di merito previsti dalle leggi vigenti, sarà approvata la graduatoria di merito e saranno nominati i vincitori del concorso, sotto condizione dell’accertamento dei requisiti previsti.

La graduatoria di merito sarà pubblicata mediante affissione all’Albo del Consiglio IP.AS.VI. di Reggio Emilia e rimarrà efficace per un termine di due anni dalla data della sopracitata pubblicazione, di cui sarà data notizia tramite avviso inserito nel Bur Regione dell’Emilia-Romagna sommario “Concorsi”. Dalla data di pubblicazione di tale avviso decorre il termine per eventuali impugnative. A tale graduatoria l’Ente potrà accedere per eventuali ulteriori posti che si renderanno vacanti o necessari.

Art. 8 - Assunzione in servizio

I candidati dichiarati vincitori saranno invitati, a mezzo raccomandata a.r., ad assumere servizio in via provvisoria e sotto riserva di accertamento del possesso dei requisiti prescritti per la nomina e saranno assunti in prova per il periodo previsto dalle vigenti disposizioni legislative e contrattuali.

La costituzione del rapporto di lavoro è condizionata alla verifica del possesso dei requisiti prescritti nel presente bando. I vincitori, pertanto, saranno invitati a presentare i seguenti documenti, entro trenta giorni dalla data di effettiva assunzione di servizio:

a) estratto dell’atto di nascita;

b) certificato attestante il possesso di cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea, ovvero un titolo che dia luogo all’equiparazione;

c) certificato di godimento dei diritti politici: i cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea dovranno godere dei diritti politici e civili anche negli stati di appartenenza o di provenienza;

d) certificato generale del casellario giudiziale, ovvero certificato equipollente rilasciato dalla competente autorità dello Stato di cui il candidato straniero è cittadino; i cittadini stranieri, oltre a detto certificato, devono presentare anche il certificato generale del casellario giudiziale italiano;

e) originale del titolo di studio o del certificato sostitutivo a tutti gli effetti, ovvero copia autenticata degli stessi, da cui risulti il possesso del titolo di cui al punto b) dell’articolo 2 del presente bando;

f) la posizione relativa all’avvenuto adempimento degli obblighi militari;

g) certificato rilasciato da un’Unità sanitaria locale, ovvero dall’ufficiale sanitario del comune di residenza o da un medico militare, dal quale risulti che il soggetto è fisicamente idoneo al servizio incondizionato e continuativo nell’impiego per il quale è assunto, con la precisazione che è stato eseguito l’accertamento sierologico del sangue secondo quanto previsto dall’articolo 7 della Legge 837/56. Qualora il candidato sia affetto da qualche imperfezione fisica, dovrà risultare dal certificato, con la specifica dichiarazione che essa non è tale da menomare in alcun modo l’attitudine all’impiego ed al normale e regolare rendimento sul lavoro;

h) fotocopia del certificato di attribuzione del codice fiscale;

i) dichiarazione relativa a incompatibilità e cumulo di impieghi di cui agli articoli 60 e 65, Titolo V, capi I e II del DPR 1092/73 - statuto degli impiegati civili dello Stato;

l) dichiarazione dei servizi resa ai sensi dell’art. 145, parte II titolo I, del testo unico delle norme di quiescenza dei dipendenti civili e militari dello Stato, approvato con il citato DPR n. 1092/73.

I documenti di cui ai punti b) e c) dovranno altresì attestare che l’interessato era in possesso dei relativi requisiti anche alla data di scadenza del termine utile per la presentazione delle domande di ammissione al concorso.

I documenti di cui ai punti d) e g) dovranno essere di data non anteriore a sei mesi rispetto alla data di stipula del contratto.

L’intera documentazione dovrà essere prodotta in bollo, con eccezione di quella prevista ai punti a), e), h), i) e l) e fatte salve eventuali modifiche normative che dovessero subentrare successivamente alla pubblicazione del presente bando.

I requisiti di cui ai punti a), b) e c) potranno essere rilevati dal Collegio tramite idoneo documento di riconoscimento in corso di validità, esibito dall’interessato, ai sensi dell’articolo 3, comma 1, della Legge 127/97.

Agli atti e documenti redatti in lingua straniera deve essere allegata una traduzione in lingua italiana, certificata conforme al testo straniero redatto dalla competente rappresentanza diplomatica o consolare, ovvero da un traduttore ufficiale.

I certificati rilasciati dalle competenti autorità dello Stato di cui lo straniero è cittadino devono essere conformi alle disposizioni vigenti nello Stato stesso, e devono altresì essere legalizzati dalle rappresentanze diplomatiche o consolari italiane. I documenti si intendono prodotti in tempo utile se spediti tramite raccomandata a.r. entro il termine sopra indicato; a tal fine fa fede il timbro a data dell’ufficio postale accettante.

I nuovi assunti saranno invitati a regolarizzare entro trenta giorni, decorrenti dalla data di ricezione dell’invito, pena la risoluzione del contratto, la documentazione incompleta o affetta da vizio sanabile.

Art. 9 - Decadenza

I vincitori che non assumano servizio senza giustificato motivo entro il termine stabilito decadono dalla nomina a meno che i medesimi non chiedano ed ottengano, per giustificato motivo, una proroga al termine stabilito, la cui durata sarà fissata dal Collegio, caso per caso, in relazione alle motivazioni addotte. Gli effetti giuridici ed economici dell’assunzione decorreranno dal giorno di effettiva presa di servizio.

Art. 10 - Rinvio

Per quanto non previsto nel presente bando valgono, in quanto applicabili, le disposizioni sullo svolgimento dei concorsi, contenute nel DPR 487/94 e successive modificazioni e integrazioni.

Scadenza: 20 dicembre 2011 ore 12

Il Presidente del Consiglio del Collegio

Orienna Malvoni

Allegato A 

Fac-simile domanda di ammissione al concorso (da redigere in carta libera) da indirizzare al Collegio IP.AS.VI. della provincia di Reggio Emilia, Via Montefiorino n. 10/1 n. 1 - 42123 Reggio Emilia

..l... sottoscritt.................................................................. nat.... il giorno..../.../... a............................... (....)

residente a..................................................... in via.................................. n....... tel............../................

 CHIEDE

di essere ammess.... a partecipare al concorso per esami ad un posto di assistente di amministrazione a tempo indeterminato ……….. (indicare se tempo pieno, tempo parziale od entrambi) (area B - posizione B2 del vigente C.C.N.L. del settore) presso il Collegio IP.AS.VI. di Reggio Emilia, di cui al bando pubblicato in esecuzione della delibera consiliare del 28 settembre 2011.

A tal fine,..l... sottoscritt.... dichiara sotto la propria piena responsabilità:

a) di essere nat... il..../.../... a..................... (.....);

b) di essere in possesso della cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea;

c) di essere iscritt... nelle liste elettorali del Comune di................... (....) (ovvero indicare i motivi della non iscrizione o cancellazione);

d) di non avere riportato condanne penali e di non avere procedimenti penali in corso;

e) che la propria posizione nei confronti degli obblighi di leva è la seguente:...........................................

f) in qualità di dipendente presso una pubblica amministrazione, di non essere stata/o licenziato per motivi disciplinari a decorrere dalla data di entrata in vigore del primo C.C.N.L. del comparto Enti pubblici non economici, di non essere stata/o destituita/o o dispensata/o dall’impiego per persistente insufficiente rendimento e di non essere stato dichiarato decaduta/o da un impiego statale, ai sensi dell’art. 127, primo comma, lettera d) del testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3, per aver conseguito l’impiego mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità insanabile;

g) di avere una conoscenza adeguata della lingua italiana (dichiarazione limitata unicamente agli stranieri);

h) di essere in possesso di diploma di istruzione secondaria di secondo grado conseguito al termine di un corso di studi di durata quinquennale, rilasciato da........................................................., il......./....../.......;

i) di essere fisicamente idoneo all’impiego.

Se del caso:

Allega i seguenti documenti relativi a quanto oggetto di valutazione ai sensi dell’art. 2, lettera E

Luogo, data firma

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it