E-R | BUR

n. 31 del 23.02.2011 periodico (Parte Terza)

XHTML preview

Avviso pubblico per titoli e colloquio per la predisposizione di un elenco di idonei per l’attribuzione a Dirigente medico Veterinario dell’incarico di Direzione della Struttura complessa Sezione di Piacenza

Il Direttore generale in esecuzione della propria deliberazione n. 54 in data 27/1/2011 ed in conformità a quanto stabilito dall’art. 15 ter del Decreto Legislativo 502/92, come modificato dall’art. 13 del Decreto Legislativo 229/99 e dal DPR 484/97 rende noto che è indetto un avviso pubblico per titoli e colloquio per la predisposizione di un elenco di idonei per l’attribuzione dell’incarico di direzione della struttura complessa “Sezione di Piacenza”. 

Attribuzione dell’incarico

Ai sensi del comma 2 dell’art, 15 ter del decreto legislativo 502/92, come modificato dall’art. 13 del decreto legislativo 229/99, l’incarico di direzione della struttura complessa “Sezione di Piacenza”, sarà attribuito dal Direttore generale scegliendo tra i candidati ritenuti idonei e selezionati da apposita Commissione. 

Requisiti per la partecipazione all’avviso

1) Laurea in Medicina veterinaria;

2) iscrizione all’Albo dei medici veterinari;

3) anzianità di sette anni, di cui cinque nella disciplina “Sanità Animale” o disciplina equipollente;

4) specializzazione nella disciplina “Sanità Animale” o disciplina equipollente ovvero anzianità di servizio di dieci anni nella disciplina;

5) curriculum in cui sia documentata una specifica attività professionale ed adeguata esperienza ai sensi dell’art. 6 del DPR 484/97;

6) attestato di formazione manageriale (ai sensi dell’ art. 15, comma 8 del decreto legislativo 502/92, come modificato dall’art. 13 del decreto legislativo 229/99, deve essere conseguito dal Dirigente con incarico di struttura complessa entro un anno dall’inizio dell’incarico)

Trattamento economico

Il trattamento economico verrà corrisposto nel rispetto delle norme contrattuali vigenti ed emanande del personale appartenente al Comparto Sanità – Area della Dirigenza Medica e Veterinaria. 

Presentazione delle domande e dichiarazioni di rito

Coloro che intendono partecipare all’avviso devono far pervenire domanda di ammissione redatta in carta semplice e diretta al Direttore generale dell’Istituto al seguente indirizzo Brescia, Via A. Bianchi n. 9.

La domanda e i documenti richiesti dovranno pervenire a pena di esclusione dalla selezione, entro il trentesimo giorno successivo a quello della data di pubblicazione dell’avviso nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. Qualora detto giorno sia festivo, il termine è prorogato al primo giorno successivo non festivo.

La data di presentazione delle domande di ammissione e dei documenti è stabilita dal timbro a data apposto dal Protocollo generale dell’Istituto, presso la sede di Brescia, o dalle postazioni decentrate presso le sezioni, al momento della consegna eccezione fatta per le domande e i documenti spediti a mezzo del Servizio postale per i quali farà fede il timbro a data dell’Ufficio postale accettante.

Si precisa che l’orario di apertura dell’Ufficio “Protocollo generale” è il seguente: dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12,30 e dalle ore 13,30 alle ore 15,30.

Per coloro che intendessero, nel rispetto della normativa vigente, inviare la domanda di partecipazione al presente concorso a mezzo PEC, si informa che l’indirizzo da utilizzare è il seguente: personale@cert.izsler.it.

Il recapito della domanda rimane ad esclusivo rischio del mittente, ove la stessa, per qualsiasi motivo, non dovesse giungere a destinazione in tempo utile.

Nella domanda i candidati dovranno dichiarare sotto la loro responsabilità, consapevoli delle conseguenze civili e penali in caso di dichiarazioni mendaci, in base a quanto stabilito dagli artt. 75 e 76 del DPR 28/12/2000, n. 445, quanto segue:

a) la data e il luogo di nascita;

b) il possesso della cittadinanza italiana o di essere equiparati dalla legge ai cittadini dello Stato;

c) il Comune di iscrizione nelle liste elettorali, ovvero il motivo della non iscrizione o della cancellazione dalle medesime;

d) di non aver riportato condanne penali;

e) la posizione nei riguardi degli obblighi militari;

f) gli eventuali servizi prestati presso pubbliche Amministrazioni e le eventuali cause di risoluzione di precedenti rapporti di pubblico impiego;

g) di possedere l’idoneità fisica all’impiego in relazione al posto di cui trattasi;

h) di essere in possesso del titolo di studio richiesto per l’ammissione e degli altri requisiti richiesti;

i) che le eventuali fotocopie allegate sono conformi all’originale;

l) di autorizzare l’Istituto al trattamento dei propri dati personali, ai sensi del DLgs 196/03, per fini inerenti all’espletamento della procedura selettiva;

m) il domicilio eletto per le comunicazioni relative alla selezione, con l’indicazione del numero di avviamento postale ed il recapito telefonico. 

Nella domanda gli aspiranti, cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea, dovranno dichiarare sotto la loro responsabilità, di possedere, ai fini dell’accesso ai posti della pubblica Amministrazione, i seguenti requisiti:

a) di godere dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza e provenienza;

b) di essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti i requisiti previsti per i cittadini della Repubblica;

c) di avere adeguata conoscenza della lingua italiana. 

Il candidato portatore di handicap dovrà specificare nella domanda di partecipazione alla selezione l’eventuale ausilio necessario per sostenere le prove previste in relazione al proprio handicap.   

La mancata sottoscrizione costituisce motivo di esclusione dalla selezione.

Dovranno essere rese note, con lettera raccomandata in carta semplice richiamando la domanda di ammissione alla selezione, le variazioni del domicilio che si verificassero fino all’esaurimento della selezione.

L’Amministrazione non assume responsabilità per la dispersione di comunicazioni dipendenti da inesatte indicazioni del recapito da parte del concorrente oppure di mancata o tardiva comunicazione del cambiamento di indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o telegrafici o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o di forza maggiore.

Documenti richiesti per la partecipazione all’avviso

Alla domanda i candidati dovranno allegare:

  1. documentazione attestante i requisiti più sopra specificati;
  2. copia fotostatica del documento d’identità.

Per le pubblicazioni scientifiche deve essere comprovata l’avvenuta pubblicazione del testo sulla rivista.... (devono essere specificati: il titolo - da pagina.... a pagina.... - la data - altri autori). 

I documenti e i titoli di cui sopra dovranno essere prodotti in originale o fotocopia autenticata o nelle forme previste dalla vigente normativa in materia di dichiarazioni sostitutive di certificazioni e di dichiarazioni sostitutive di atti di notorietà. 

Sia i documenti richiesti per la partecipazione alla selezione, sia quelli attestanti i titoli di merito, debbono essere compilati in carta semplice. La documentazione presentata in lingua straniera deve essere corredata da certificato in originale o fotocopia autenticata con le modalità previste dalla legge, riportante la traduzione in lingua italiana.

Non è consentita la produzione di nuovi documenti posteriormente alla data di scadenza del presente avviso.

L’esclusione dalla selezione per difetto dei requisiti prescritti è disposta con motivata deliberazione del competente organo dell’Ente. 

Presentazione dei documenti di rito

Il candidato cui verrà conferito l’incarico, dovrà provvedere a presentare dichiarazione di autocertificazione concernente i seguenti dati:

1. data e luogo di nascita;

2. cittadinanza italiana o di cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea;

3. godimento dei diritti politici per i cittadini italiani o certificato di godimento dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza per i cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea e certificato di iscrizione alle liste elettorali;

4. dichiarazione di non aver riportato condanne penali e di non avere procedimenti penali pendenti a proprio carico (in caso contrario indicare le condanne riportate e i procedimenti penali pendenti);

5. stato di famiglia;

6.residenza. 

Commissione giudicatrice

Ai sensi delle vigenti norme di legge, spetta ad un’apposita Commissione giudicatrice, nominata dal Direttore generale dell’Ente, predisporre l’elenco dei candidati giudicati idonei in base ai titoli presentati e alle risultanze del colloquio al quale gli stessi saranno sottoposti. 

La suddetta Commissione è così composta:

a) Presidente: Direttore sanitario

;

b) componenti: due dirigenti dei ruoli del personale del Servizio Sanitario nazionale preposti ad una struttura complessa della disciplina oggetto dell’incarico

;

c) segretario: un funzionario amministrativo dell’Istituto, appartenente ad una categoria non inferiore alla D. 

Criteri sul colloquio ed il curriculum professionale

La Commissione accerta l’idoneità dei candidati sulla base del colloquio e della valutazione del curriculum professionale.

Il colloquio è diretto alla valutazione della capacità professionale del candidato nella specifica disciplina con riferimento anche alle esperienze professionali documentate, nonché all’accertamento delle capacità gestionali organizzative e di direzione del candidato stesso con riferimento all’incarico da svolgere.

I contenuti del curriculum professionale valutati ai fini dell’accertamento dell’idoneità concernono le attività professionali, di studio, direzionali-organizzative, con riferimento:

a) alla tipologia delle istituzioni in cui sono allocate le strutture presso le quali il candidato ha svolto la sua attività e alla tipologia delle prestazioni erogate dalle strutture medesime;

b) alla posizione funzionale del candidato nelle strutture ed alle sue competenze con indicazione di eventuali specifici ambiti di autonomia professionale con funzioni di direzione;

c) alla tipologia qualitativa e quantitativa delle prestazioni effettuate dal candidato;

d) ai soggiorni di studio o addestramento professionale per attività attinenti alla disciplina in rilevanti strutture italiane o estere di durata non inferiore a tre mesi, con esclusione dei tirocini obbligatori;

e) alla attività didattica presso corsi di studio per il conseguimento di diploma universitario, di laurea o di specializzazione, ovvero presso scuole per la formazione di personale sanitario con indicazione delle ore annue di insegnamento;

f) alla partecipazione a corsi, congressi, convegni e seminari, anche effettuati all’estero, valutati secondo i criteri di cui all’art. 9 del DPR 484/97, nonché alle pregresse idoneità nazionali;

Nella valutazione del curriculum è presa in considerazione, altresì la produzione scientifica strettamente pertinente alla disciplina, pubblicata su riviste italiane o straniere, caratterizzate da criteri di filtro nell’accettazione dei lavori, nonché il suo impatto sulla comunità scientifica.

Per sostenere il colloquio i candidati devono presentarsi muniti di un documento di identità personale (carta d’identità, passaporto, patente automobilistica, ecc.). 

Per quanto non espressamente previsto nel presente bando, si intendono qui richiamate le vigenti disposizioni regolamentari e le applicabili norme di legge vigenti in materia. 

L’Amministrazione si riserva la facoltà di modificare, prorogare, sospendere o revocare tutto o in parte il presente avviso, dandone comunicazione agli interessati. 

Per informazioni o chiarimenti gli interessati possono rivolgersi all’Unità Operativa “Gestione del Personale” dell’Istituto in Brescia, Via A. Bianchi n. 9 (telefono: 030/2290568 - 030/2290346) dalle ore 10 alle ore 12,30 di ogni giorno feriale, escluso sabato. 

Si precisa che le dichiarazioni contenute nella domanda di partecipazione alla selezione costituiscono dichiarazioni sostitutive di certificazione e di dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà ai sensi del DPR 28/12/2000, n. 445. Si informa che in ottemperanza a quanto stabilito dagli artt. 71 e seguenti del DPR 28/12/2000, n. 445, l’Amministrazione è tenuta a procedere ad idonei controlli sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive.

Il presente avviso è pubblicato sul sito Internet: www.izsler.it.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it