E-R | BUR

n.1 del 07.01.2015 periodico (Parte Terza)

XHTML preview

Avviso pubblico per il conferimento di una borsa di studio per il seguente progetto scientifico “Next generation sequencing and gene therapy to diagnose and cure rare diseases in Regione Emilia-Romagna”

In esecuzione della determinazione del Direttore del Servizio Gestione e Sviluppo del personale n. 1100 del 16/12/2014 sarà assegnata, per titoli e colloquio, n. 1 borsa di studio, per la durata di 16 mesi, eventualmente rinnovabile, per un compenso lordo complessivo di €. 30.000,00 lordi per il seguente progetto scientifico “Next generation sequencing and gene therapy to diagnose and cure rare diseases in Regione Emilia-Romagna”.

Il borsista dovrà collaborare al reclutamento di pazienti affetti da maculopatie ereditarie afferenti all’U.O. di Oculistica e all’esecuzione dei test clinici diagnostici previsti; dovrà inoltre compilare un database elettronico specificamente creato per il progetto ( https://malattierare.rve.overnetwork.it) per inserimento dei dati clinici, fenotipici e genomici dei pazienti affetti da maculopatie ereditarie afferenti all’U.O. di Oculistica e da Neurofibromatosi afferenti all’U.O. di Genetica Medica.

Requisiti specifici di ammissione

  • Laurea in Ortottica e Assistenza Oftalmologica

Titoli preferenziali:

  • Conoscenza specifica delle malattie retiniche ereditarie e della Neurofibromatosi I
  • Capacità tecnica di eseguire i test diagnostici clinici e strumentali specifici
  • Capacità informatiche.

Tutti i requisiti di cui sopra devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito nel presente avviso per la presentazione delle domande di ammissione.

L’assegnatario della borsa di studio dovrà prestare la propria attività presso l’U.O. Oculistica di questa Azienda, sotto la sorveglianza e la collaborazione del Responsabile del progetto.

Il borsista ha l’obbligo di frequentare detta struttura al fine di compiere l’attività cui la borsa di studio è finalizzata, osservando un impegno orario conforme ed idoneo alle esigenze dello studio, da effettuarsi secondo i tempi e le modalità stabilite dal Responsabile del progetto stesso.

La borsa di studio assegnata non è cumulabile con altre borse di studio, né con retribuzioni continuative derivanti da rapporti di impiego presso enti pubblici; pertanto, all’atto del conferimento della borsa di studio, l’assegnatario dovrà dichiarare di non avere rapporti di impiego presso enti pubblici o essere già titolare di altre borse di studio nonché di non essere titolare di collaborazioni o contratti libero professionali all’interno dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma. Il sopravvenire di una delle predette situazioni di incompatibilità comporta l’immediata decadenza del godimento della borsa di studio, pertanto l’assegnatario dovrà impegnarsi a dare tempestiva comunicazione dell’eventuale sopravvenire, durante lo svolgimento della ricerca, delle situazioni d’incompatibilità sopra indicate.

L’Azienda si riserva comunque di valutare deroghe al principio di incompatibilità nel caso in cui ritenga che l’attività assegnata con la borsa di studio lo consenta.

Per l’espletamento dell’attività di ricerca sopra descritta sarà corrisposto al borsista un compenso lordo mensile pari a €. 1.728,11.

Il compenso sarà corrisposto in rate mensili posticipate, dietro attestazione del Responsabile del progetto circa l’avvenuto svolgimento degli impegni del borsista nel corso del mese.

Domanda di partecipazione

La domanda di partecipazione, redatta in carta semplice e la relativa documentazione deve essere rivolta al Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria e pervenire, a pena di esclusione, entro le ore 12 del quindicesimo giorno successivo a quello della data di pubblicazione dell’estratto del presente bando nel Bollettino Ufficiale Regione Emilia-Romagna ed essere esclusivamente inoltrata in uno dei modi seguenti:

  • a mezzo del servizio pubblico postale al seguente indirizzo: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Parma - Servizio Gestione e Sviluppo del personale - Ufficio Concorsi - Via Gramsci n. 14 - 43126 Parma; a tal fine non fa fede il timbro a data dell'ufficio postale di partenza (con allegata una fotocopia semplice di un documento di identità personale);
  • trasmissione tramite utilizzo della Posta Elettronica Certificata (PEC) personale entro il termine di scadenza dell’avviso esclusivamente all’indirizzo: concorsi@cert.ao.pr.it con oggetto: «domanda di “……..”».

La domanda, compilata e firmata dall’interessato con i relativi allegati deve essere inviata in unico file in formato p7m o pdf, unitamente ad apposita dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (anch’essa in formato p7m o pdf) e a fotocopia di documento di identità in corso di validità, in cui il candidato attesti che ciascun documento, specificatamente elencato nella dichiarazione stessa, corrisponde all’originale.

L’invio dei documenti in altro formato o carente della dichiarazione sopra indicata comporta la mancata valutazione dei titoli allegati. La modulistica in argomento è scaricabile dal sito www.ao.pr.it/lavorare/selezioni e concorsi.

La validità della trasmissione e ricezione della corrispondenza è attestata, rispettivamente, dalla ricevuta di accettazione e dalla ricevuta di avvenuta consegna.

L’Amministrazione non si assume la responsabilità in caso di impossibilità di apertura dei files.

Le domande inviate da una casella di posta elettronica semplice/ordinaria non certificata o che non soddisfino i requisiti sopra indicati saranno considerate irricevibili, con conseguente esclusione dei candidati dalla procedura selettiva.

ovvero

  • presentata direttamente al Servizio Gestione e Sviluppo del personale - Ufficio Concorsi - Azienda Ospedaliero-Unviersitaria di Parma - Via Gramsci n. 14 nei seguenti giorni: il lunedì dalle ore 9 alle ore 12.30 ed il giovedì dalle ore 9 alle 17.

E’ esclusa ogni altra forma di presentazione o trasmissione. Qualora detto giorno sia festivo, il termine è prorogato alla stessa ora del primo giorno successivo non festivo.

Il termine fissato per la presentazione delle domande e dei documenti è perentorio, l’eventuale riserva di invio successivo di documenti è priva di effetto.

Nella domanda gli aspiranti dovranno dichiarare:

a) cognome, nome, data e luogo di nascita, residenza;

b) di essere in possesso della cittadinanza italiana o equivalente;

c) di non aver riportato condanne penali, precisando, in caso contrario, quali condanne abbia riportato ed i procedimenti penali eventualmente pendente a loro carico;

d) i requisiti specifici di ammissione richiesti dal presente bando;

e) il domicilio presso il quale deve essere fatta, ad ogni effetto, ogni necessaria comunicazione. In caso di mancata comunicazione vale ad ogni effetto la residenza di cui alla lettera a).

La domanda deve essere firmata, non è richiesta l’autentica della firma. La mancata sottoscrizione della domanda e/o l’omessa indicazione anche di uno solo dei requisiti richiesti per l’ammissione comporterà l’esclusione dal presente avviso.

Documentazione da allegare alla domanda

Alla domanda di partecipazione all’avviso pubblico i concorrenti devono allegare tutta la documentazione che ritengano opportuno presentare agli effetti della valutazione di merito e della formazione della graduatoria, ivi compreso un curriculum formativo e professionale, redatto su carta libera datato e firmato.

Si precisa che le dichiarazioni effettuate nel curriculum formativo e professionale saranno oggetto di valutazione esclusivamente se redatte nella forma della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà e trasmesso unitamente a fotocopia di documento di identità così come previsto dall’art. 40 - comma 1 - del DPR 445/2000, così come modificato dall’art. 15 Legge 12 novembre 2011 n. 183.

I certificati rilasciati dalla Pubblica Amministrazione e gli atti di notorietà sono sempre sostituiti dalle dichiarazioni di cui agli artt. 46 e 47 del DPR n. 445/2000.

Eventuali certificati allegati alla domanda di partecipazione al concorso si considerano nulli.

Ai sensi dell’art. 49 del DPR 445/2000 restano esclusi dal regime dell’autocertificazione i certificati medici e sanitari che vanno quindi presentati in originale o in copia autenticata.

Autocertificazione

Si precisa che il candidato, in luogo della certificazione rilasciata dall’autorità competente, potrà presentare in carta semplice e senza autentica della firma:

a) “dichiarazione sostitutiva di certificazione”: anche contestuale all’istanza, nei casi indicati nell’art. 46 del DPR n. 445/2000 (ad esempio: stato di famiglia, iscrizione in albi professionali, titolo di studio, qualifica professionale, titolo di specializzazione, di abilitazione, ecc.)

oppure

b) “dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà”: per tutti gli stati, le qualità personali e i fatti non espressamente indicati nel citato art- 46 del DPR n. 445/2000 (ad esempio: attività di servizio, borse di studio, incarichi libero-professionali, attività di docenza, frequenza corsi di formazione, di aggiornamento, partecipazione a convegni, seminari, conformità all’originale di copie di pubblicazioni ovvero copia di titoli di studio o di servizio).

La dichiarazione resa dal candidato - in quanto sostitutiva a tutti gli effetti della certificazione - deve contenere tutti gli elementi necessari alla valutazione del titolo che il candidato intende produrre; l’omissione anche di un solo elemento comporta la non valutazione del titolo autocertificato. Pertanto, nell’interesse del candidato, si suggerisce di allegare - in fotocopia semplice dichiarata conforme all’originale con le modalità suindicate - tutta la documentazione a corredo della domanda.

In particolare, con riferimento al servizio prestato, la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (unica alternativa al certificato di stato di servizio) allegata alla domanda, resa con le modalità sopraindicate, deve contenere l’esatta denominazione dell’Ente presso il quale il servizio è stato prestato, la qualifica, il tipo di rapporto di lavoro (tempo indeterminato/determinato, tempo pieno/part-time), le date di inizio e di conclusione del servizio nonché le eventuali interruzioni (aspettativa senza assegni, sospensione cautelare ecc.) e quant’altro necessario per valutare il servizio stesso. Anche nel caso di autocertificazione di periodi di attività svolta in qualità di borsista, di docente, di incarichi libero-professionali, ecc. occorre indicare con precisione tutti gli elementi indispensabili alla valutazione (tipologia dell’attività, periodo e sede di svolgimento della stessa).

I candidati che non presenteranno direttamente la domanda, con i relativi allegati, dovranno contestualmente trasmettere fotocopia non autenticata di documento valido di identità.

Si rammenta, infine, che l’Amministrazione è tenuta ad effettuare idonei controlli sulla veridicità del contenuto delle dichiarazioni sostitutive ricevute. Qualora dal controllo di cui sopra emerga la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni, l’interessato decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera, fatte salve le relative conseguenze penali.

Colloquio

La borsa di studio verrà assegnata sulla base di una graduatoria di merito formulata da un'apposita commissione esaminatrice sulla base della valutazione dei titoli presentati e del colloquio.

Nell’ambito della valutazione dei titoli saranno tenute in particolare considerazione le esperienze formative e professionali specifiche rispetto all’attività di ricerca oggetto della borsa di studio.

Il colloquio verterà su argomenti specifici della borsa di studio per accertare le motivazioni, le attitudini e le capacità del candidato a condurre la ricerca.

I candidati in possesso dei requisiti specifici richiesti e ammessi alla presente procedura, sono fin d’ora convocati per l’espletamento del colloquio il giorno venerdì 30 gennaio 2015 - alle ore 9.00 presso Biblioteca U.O. Genetica Medica.

Pertanto i candidati ai quali non sia stata comunicata l’esclusione, sono tenuti a presentarsi a sostenere il colloquio, senza alcun preavviso, nel giorno, luogo e ora indicati, muniti di valido documento di riconoscimento. La mancata presentazione del candidato al colloquio sarà considerata come rinuncia alla selezione.

Adempimenti per l’assegnazione della borsa di studio

La borsa di studio sarà assegnata in base al giudizio espresso da apposita Commissione.

L’assegnazione della borsa di studio può essere revocata in qualsiasi momento a giudizio insindacabile del Responsabile della ricerca qualora l’assegnatario risulti inadempiente dal punto di vista della frequenza o del raggiungimento degli obiettivi previsti dal progetto.

L'eventuale interruzione dell'attività da parte dell'assegnatario, comporterà immediata revoca dell'assegnazione della borsa di studio.

L’Azienda si riserva la facoltà di conferire, in caso di rinuncia, decadenza, risoluzione anticipata o comunque di interruzione dell'attività dell’assegnatario, la relativa borsa di studio, al successivo candidato utilmente classificato in graduatoria che si renda disponibile, ovvero reperito mediante rinnovo dell’avviso pubblico per il periodo rimanente.

L’Azienda provvederà alla copertura assicurativa relativa alla responsabilità civile verso terzi. E’ esonerata da qualsiasi responsabilità per infortuni eventualmente subiti dal borsista, pertanto è facoltà dello stesso stipulare apposita polizza assicurativa.

L’attività di borsista non costituisce e non può costituire rapporto d’impiego con l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma.

Assenze e sospensioni

Le assenze debbono essere tempestivamente comunicate e giustificate al Responsabile della ricerca.

La borsa di studio può essere sospesa per gravidanza e gravi motivi di salute del borsista stesso, fermo restando che la durata complessiva non può essere ridotta a causa delle suddette sospensioni.

Per quanto riguarda la gravidanza, viene definito un periodo di sospensione obbligatoria di 5 mesi (2 mesi prima e 3 mesi dopo la data presunta del parto); la borsista madre può richiedere un ulteriore periodo di sospensione, non superiore a 6 mesi, subordinatamente al parere favorevole del Responsabile del progetto. Durante il periodo di sospensione non compete alcuna remunerazione.

Trattamenti dati personali

Ai sensi delle disposizioni di cui D.Lgs. 30/6/2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali" l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, in qualità di titolare del trattamento inerenti il presente avviso, informa che tutti i dati personali contenuti nella domanda presentata compresi quelli sensibili e giudiziari, saranno trattati in osservanza dei presupposti e dei limiti stabiliti.

Gli stessi potranno essere messi a disposizione di coloro che forniscono servizi o svolgono attività strumentali per conto dell’Azienda ed operano in qualità di Responsabili designati dall’Azienda stessa.

Il conferimento dei dati è obbligatorio ed il rifiuto a fornirli comporterà l’impossibilità di dare seguito alle richieste avanzate ed alle istanze inoltrate.

Ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. 196/2003 gli interessati hanno diritto di conoscere i dati che li riguardano e le modalità di trattamento, di chiederne l’aggiornamento, la rettifica ovvero l’integrazione, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati in caso di violazione di legge, nel rispetto tuttavia dei termini perentori previsti relativamente alla procedura di che trattasi.

Disposizioni varie

L’Amministrazione si riserva la più ampia facoltà in ordine alla proroga dei termini e alla loro sospensione, nonché alla revoca del presente avviso, qualora ne ravvisi la necessità.

Per acquisire copia del presente avviso pubblico i candidati potranno collegarsi al sito internet: www.ao.pr.it.

Per ogni eventuali informazione rivolgersi all’Ufficio Concorsi del Servizio Gestione e Sviluppo del personale - Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma - Via Gramsci n. 14 - 43126 Parma (tel. 0521/702469 -702566). negli orari di apertura al pubblico: lunedì dalle ore 9 alle ore 12.30 e il giovedì dalle ore 9 alle ore 17.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it