E-R | BUR

n.213 del 12.08.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione Accordo di Programma tra la Regione Emilia-Romagna e l'Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale. Assegnazione e concessione contributo ai sensi dell'art.10 della L.R. n. 3/2011 e succ. mod. ed in attuazione della propria deliberazione n. 369/2015. CUP E54H15000540007

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

(omissis)

delibera:

1) di approvare, per le ragioni espresse in premessa e che qui si intendono integralmente richiamate ed in attuazione della propria deliberazione n. 369/2015, la partecipazione finanziaria della Regione Emilia-Romagna alle spese necessarie per la realizzazione del progetto “Biolegalità: un parco per difendere la Biodiversità e la Legalità” dell’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale, assumendo a proprio carico l'onere finanziario complessivo di € 59.500,00 a fronte di una spesa prevista complessiva di € 85.000,00; 

2) di approvare l’Accordo di programma, redatto secondo lo schema di cui all'Allegato parte integrante e sostanziale del presente atto, tra la Regione Emilia-Romagna e l’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale, per predefinire le modalità di collaborazione, gli impegni ed oneri assunti reciprocamente tra i due soggetti firmatari per la realizzazione del suddetto progetto; 

3) di assegnare e concedere un contributo complessivo di € 59.500,00 a favore dell’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale ai sensi dell'art. 10, della L.R. n. 3/2011 e succ. mod., per la realizzazione del progetto sopra richiamato; 

4) di impegnare la spesa complessiva di € 59.500,00, registrata con il n. 1773 di impegno sul capitolo 2802 "Contributi a Enti locali per interventi di restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, ripristino tipologico e arredo di beni immobili sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata e mafiosa(Art. 10, comma 1, lett. B), L.R. 9 maggio 2011, n.3)" - U.P.B. 1.2.3.3.4422, del bilancio per l'esercizio finanziario 2015 che presenta la necessaria disponibilità; 

5) di dare atto che in attuazione del D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii., la stringa concernente la codificazione della Transazione elementare, come definita dal citato decreto, è la seguente:

  • Missione 03 – Programma 02 – Codice Economico U.2.03.01.02.009 – COFOG 03.6 – Transazioni UE 8 – SIOPE 2249 - C.I. spesa 4 - Gestione ordinaria 3 

6) di prendere atto che all’intervento di natura di investimento nell’ambito del Progetto di cui al presente atto è stato assegnato dalla competente struttura ministeriale il Codice Unico di Progetto n. E54H15000540007; 

7) di stabilire che l’Accordo di programma tra la Regione Emilia-Romagna e l’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale, come indicato nello schema parte integrante del presente atto, decorre dalla data di sottoscrizione dell’Accordo stesso e fino al 31 dicembre 2015, tale termine è riferito alla completa realizzazione del progetto nonché alla presentazione della relativa rendicontazione; 

8) di dare atto che alla liquidazione del contributo a favore dell’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale provvederà il Dirigente regionale competente con propri atti formali nel rispetto del citato D.LGS. n. 118/2011 ed in applicazione della propria deliberazione n. 2416/2008 e ss.mm., previa sottoscrizione dell’Accordo di programma oggetto del presente provvedimento, secondo le modalità specificate nel medesimo e previo espletamento degli adempimenti previsti dal citato D. LGS. n. 33/2013 e ss.mm. nonché delle citate deliberazioni n. 1621/2013 e 57/2015; 

9) di dare altresì atto: 

  • che alla sottoscrizione dell’Accordo di programma provvederà l’Assessore alla cultura, politiche giovanili e politiche per la legalità; 
  • che in sede di sottoscrizione dell’Accordo, potranno essere apportate modifiche al testo che si rendessero necessarie, purchè non sostanziali; 

10) di dare atto altresì che si provvederà agli adempimenti previsti dall’art. 56, comma 7, del citato D.Lgs. 118/2011 e ss.mm.ii.; 

11) di dare atto infine che il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione secondo quanto previsto dal D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 e ss.mm., nonché sulla base degli indirizzi interpretativi ed adempimenti contenuti nelle proprie deliberazioni n. 1621/2013 e n.57/2015; 

12) di pubblicare il presente atto nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna.

ALLEGATO  

Schema di Accordo di Programma per la realizzazione del Progetto denominato “Biolegalità: un parco per difendere la biodiversità e la legalita’”, in attuazione degli obiettivi previsti dall’articolo 3, Legge regionale n. 3/2011

tra 

La Regione Emilia-Romagna, rappresentata dall’Assessore alla Cultura, Politiche Giovanili e Politiche per la Legalità, Massimo Mezzetti, in virtù della deliberazione della Giunta regionale n.... del...,

e

L’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale, rappresentato dal Presidente Agostino Maggiali;

Richiamato in particolare:

  • l’art. 3 recante "Accordi con enti pubblici" che prevede al comma 1 che “la Regione promuove e stipula accordi di programma e altri accordi di collaborazione con enti pubblici, ivi comprese le Amministrazioni statali competenti nelle materie della giustizia e del contrasto alla criminalità, anche mediante la concessione di contributi per realizzare iniziative e progetti volti a:

a) rafforzare la prevenzione primaria e secondaria in relazione ad aree o nei confronti di categorie o gruppi sociali soggetti a rischio di infiltrazione o radicamento di attività criminose di tipo organizzato e mafioso;

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani;

c) sostenere gli osservatori locali, anche intercomunali, per il monitoraggio e l'analisi dei fenomeni di illegalità collegati alla criminalità organizzata di tipo mafioso nelle sue diverse articolazioni;

d) favorire lo scambio di conoscenze e informazioni sui fenomeni criminosi e sulla loro incidenza sul territorio." e al comma 1 bis che “Per la realizzazione dei progetti di cui al comma 1, la Regione concede altresì agli enti pubblici contributi per l'acquisto, la ristrutturazione, l'adeguamento e il miglioramento di strutture, compresa l'acquisizione di dotazioni strumentali e tecnologiche nonché per interventi di riqualificazione urbana.”;

  • l’art. 10 comma 1 che prevede che “La Regione attua la prevenzione terziaria attraverso:

a) l’assistenza agli Enti locali assegnatari dei beni immobili sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata e mafiosa ai sensi dell’articolo 2-undecies, comma 2, lettera b), della legge 31 maggio 1965, n. 575 (Disposizioni contro le organizzazioni criminali di tipo mafioso, anche straniere);

b) la concessione di contributi agli Enti locali di cui alla lettera a) e ai soggetti concessionari dei beni stessi per concorrere alla realizzazione di interventi di restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, ripristino tipologico nonché arredo degli stessi al fine del recupero dei beni immobili loro assegnati;

c) la concessione di contributi agli Enti locali di cui alla lettera a) e ai soggetti concessionari dei beni stessi per favorire il riutilizzo in funzione sociale dei beni immobili sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata e mafiosa, mediante la stipula di accordi di programma con i soggetti assegnatari”;

Premesso che:

L’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale, attraverso il progetto “Biolegalità: un parco per difendere la Biodiversità e la Legalità” persegue l’obiettivo di recuperare e ristrutturare un immobile, confiscato ed assegnato in via definitiva al Comune di Salsomaggiore Terme per finalità sociali e successivamente concesso - con Delibera di Giunta Comunale n. 104 del 06/05/2003, formalizzata con convenzione rep. N. 4694 del 20/03/2004 – in uso gratuito al Consorzio del Parco Fluviale dello Stirone, ora amministrato dall’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale – Salsomaggiore Terme (PR) -, in particolare per destinarlo alla sede del Parco Regionale dello Stirone (uffici amministrativi, tecnici e di relazione con il pubblico), restituendo il bene e una funzione sociale, a vantaggio della cittadinanza (residenti e visitatori dell’area protetta);

Il presente progetto rafforza ed integra le azioni volte al completamento della fase di recupero strutturale del bene previste e realizzate dal progetto denominato “Il Parco e la Legalità: il podere Millepioppi dalla confisca all’uso pubblico” oggetto dell’Accordo stipulato il 18 febbraio 2013 ed in particolare:

migliorare la viabilità di accesso al Parco; sistemazione del verde nei pressi dell’accesso pedonale al Centro Parco e realizzazione di strutture leggere con funzione di aule didattiche; acquisto arredi e accessori per l’edificio principale già ristrutturato; potenziare le strutture dell’area destinata al Centro Recupero Animali selvatici.

Preso atto che il Presidente dell’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale, con lettera acquisita al protocollo regionale in data 3/06/2015 al n. PG.2015.0374563, ha avanzato la richiesta alla Regione di poter sottoscrivere un accordo di programma per la realizzazione di un progetto denominato "Biolegalità: un parco per difendere la Biodiversità e la Legalità";

Visto il programma degli interventi previsti per la realizzazione del progetto presentato dall’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale e riportato nel testo del presente Accordo;

Preso atto che:

L’immobile, confiscato ed assegnato in via definitiva al Comune Salsomaggiore Terme (PR) stesso per finalità sociali, è nella disponibilità dell’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale – Salsomaggiore Terme (PR) in quanto concesso - con Delibera di Giunta Comunale n. 104 del 06/05/2003, formalizzata con convenzione rep. N. 4694 del 20/03/2004 – in uso gratuito al Consorzio del Parco Fluviale dello Stirone, ora amministrato dall’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale – Salsomaggiore Terme (PR);

Ritenuto, a tal fine, doversi pervenire tra la Regione Emilia-Romagna e l’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale, alla preliminare sottoscrizione di apposito Accordo di Programma, anche al fine di concedere un supporto finanziario al programma degli interventi descritti e per il raggiungimento degli obiettivi specificati nel testo dell’Accordo stesso;

Tutto ciò premesso, si conviene e si sottoscrive il Presente Accordo di programma

Articolo 1

Premesse

Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente Accordo di Programma

Articolo 2

Obiettivi

Il presente Accordo di Programma disciplina i rapporti tra la Regione Emilia-Romagna ed l’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale, ponendosi come obiettivo la realizzazione del progetto denominato “Biolegalità: un parco per difendere la Biodiversità e la Legalità”.

Articolo 3 

Descrizione degli interventi

Oggetto del presente Accordo di Programma sono gli interventi, che di seguito si specificano: 

  • migliorare la viabilità di accesso al Parco;
  • sistemazione del verde nei pressi dell’accesso pedonale al Centro Parco e realizzazione di strutture leggere con funzione di aule didattiche;
  • acquisto arredi e accessori per l’edificio principale già ristrutturato;
  • potenziare le strutture dell’area destinata al Centro Recupero Animali selvatici.

Articolo 4 

Quadro economico di riferimento

Relativamente agli interventi previsti nell’art. 3 del presente Accordo, si prevede il finanziamento delle seguenti spese: 

SPESE DI INVESTIMENTO: 

Descrizione spese

Costo

  • sistemazione della viabilità di accesso pedonale al Centro Parco;
  • sistemazione del percorso di accesso carrabile al Centro Parco e del verde nei pressi dell’accesso pedonale al Centro Parco e al Centro Recupero Animali Selvatici;
  • Interventi sistemazione del verde;
  • Acquisto e posa in opera di strutture accessorie per l’edificio principale già ristrutturato;
  • Acquisto e posa in opera di arredi da esterno;
  • Acquisto di arredi per la Biblioteca naturalistica del Parco;
  • Acquisto e realizzazione di strutture per l’area didattica e l’area di riabilitazione del Centro Recupero Animali selvatici; 

€. 10.000,00

€. 15.000,00

€. 10.000,00

€. 4.000,00

€. 10.000,00

€. 15.000,00

€. 21.000,00

Totale spese investimento

€. 85.000,00

All’intervento di natura di investimento nell’ambito del Progetto oggetto del presente Accordo è stato assegnato dalla competente struttura ministeriale il Codice Unico di Progetto (CUP) n. E54H15000540007.

Articolo 5

Obblighi assunti da ciascun partecipante  

La Regione Emilia-Romagna si impegna finanziariamente a concedere all’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale un contributo complessivo di €. 59.500,00 a titolo di contributo alle spese di investimento, a fronte di una spesa complessiva prevista di €. 85.000,00, di cui €. 25.500,00 a carico dell’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale. 

L’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale si impegna: 

  • ad iniziare, verificare e concludere le attività relative alla predisposizione degli atti amministrativi riguardanti la realizzazione delle azioni così come sinteticamente descritte all’articolo 3 del presente Accordo e secondo l’articolazione prevista nel progetto presentato; 
  • a reperire le risorse necessarie per la realizzazione da parte dell’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale stesso delle attività previste dal Progetto “Biolegalità: un parco per difendere la Biodiversità e la Legalità”, così come descritto nella documentazione presentata. 
  • L’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale, si impegna inoltre a dare menzione del sostegno e del contributo della Regione Emilia-Romagna in ogni iniziativa sviluppata o in ogni tipo di materiale divulgativo prodotto e/o distribuito.

Articolo 6 

Comitato Tecnico di Coordinamento  

La Regione Emilia-Romagna e L’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale si impegnano inoltre, tramite i propri refe­renti individua­ti rispettivamente in Antonio Salvatore Martelli e Annalisa Orlandi per la Regione Emilia-Romagna e in Sergio Tralongo, per L’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale, a convocare perio­dica­mente incontri di veri­fi­ca sull'andamento del progetto. 

Articolo 7 

Liquidazione del contributo regionale 

La liquidazione del contributo a favore dell’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale, pari all'importo complessivo di €. 59.500,00, sarà disposta in un’unica soluzione, previa sottoscrizione del presente Accordo di programma a presentazione della rendicontazione delle spese sostenute, del certificato di regolare esecuzione lavori, nonchè della relazione finale, la quale, anche ai sensi di quanto previsto dall’art. 17, lett b) della L.R. 3 del 9 maggio 2011, dovrà fornire elementi utili alla valutazione dei risultati conseguiti.

Articolo 8 

Inadempimento 

Nel caso di inadempimento da parte dell’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale, la Regione, previa diffida ad adempiere agli impegni assunti entro congruo termine, revoca le quote di finanziamenti accordati relativamente alle fasi non realizzate. 

Articolo 9 

Durata dell'Accordo 

Il presente accordo decorre dalla data di sottoscrizione e fino al 31 dicembre 2015. Tale termine è riferito alla completa realizzazione del progetto, nonché alla presentazione della relativa rendicontazione. 

Articolo 10 

Modalità di approvazione e di pubblicazione dell'Accordo

L’Accordo di programma, una volta sottoscritto da entrambi i firmatari è pubblicato sui siti web istituzionali delle due Amministrazioni.

per la Regione Emilia-Romagna

L’Assessore

per l’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale

Il Presidente

Bologna,

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it