E-R | BUR

n. 139 del 14.09.2011 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Modalità per la definizione della graduatoria per l'assegnazione e concessione dei contributi di cui all'art. 9, comma 1 della L.R. 12/05 per l'anno 2011. Costituzione del Gruppo per la valutazione collegiale

IL RESPONSABILE 

Vista la deliberazione della Giunta regionale n. 783 del 9/6/2011 con la quale sono state determinate le modalità di accesso ai contributi di cui all’art. 9, comma 1 della L.R. 12/05 per l’anno 2011, fissando il termine di presentazione delle domande di ammissione agli stessi a 60 giorni dalla pubblicazione di detta deliberazione nel BURERT, avvenuta il 22/6/2011; 

Dato pertanto atto che la scadenza del suddetto termine è stato il 22/8/2011; 

Preso atto altresì che ai sensi della su richiamata deliberazione 783/11, la concessione dei finanziamenti alle associazioni richiedenti deve essere determinata in base a graduatorie stilate sulla base di valutazione collegiale secondo modalità determinate dal Responsabile del Servizio regionale competente in fase di assegnazione dei compiti istruttori; 

Ritenuto pertanto necessario: 

  1. assegnare i suddetti compiti istruttori ai collaboratori Ansaloni Mario, responsabile della P.O. Sviluppo economia sociale e coordinamento terzo settore, Dall’Orso Giulio, D’Elia Ornella e Squarzanti Silvia, assegnati alla stessa P.O.;
  2. adottare una griglia di valutazione dei progetti che tenga conto degli elementi di priorità previsti dalla deliberazione 783/11 e di criteri di valutazione ordinati a classi di valore prioritario ben definite, così come risulta dalla Tabella “Griglia di valutazione dei progetti”, che in allegato forma parte integrante del presente provvedimento;
  3. che la graduatoria dei progetti venga stilata in base alla griglia di cui sopra, assegnando a ciascuno di essi i relativi punteggi di merito;
  4. che le risorse disponibili vengano ripartite secondo la graduatoria stilata, assegnando per ogni progetto un contributo fino alla concorrenza massima del 70% delle spese di progetto ritenute ammissibili e non eccedibile la cifra massima di € 5.000,00, ovvero che il contributo sia assegnato secondo percentuali differenziate in ragione della diversità di merito dei progetti; 

Richiamate le deliberazioni della Giunta regionale 1057/06, 1663/06, 1173/09 e 1377/10; 

Vista la deliberazione della Giunta regionale 2416/08 e s. m.;

Vista la determinazione del Direttore generale Sanità e Politiche sociali n. 8191 del 28/7/2010 avente per oggetto “Conferimento incarico interinale di Responsabile del Servizio Programmazione e Sviluppo del sistema dei servizi sociali. Promozione sociale, Terzo settore, Servizio civile alla dott.ssa Maura Forni già Responsabile del Servizio Politiche familiari, Infanzia e Adolescenza; 

Attestata la regolarità amministrativa; 

determina: 

  1. di assegnare ai collaboratori Ansaloni Mario, responsabile della P.O. Sviluppo economia sociale e Coordinamento terzo settore, Dall’Orso Giulio, D’Elia Ornella e Squarzanti Silvia, assegnati alla stessa P.O., i compiti istruttori relativi alla valutazione dei progetti presentati in ordine alla deliberazione della Giunta regionale 783/11, per la concessione dei finanziamenti alle organizzazioni di volontariato iscritte nel registro regionale di cui alla L.R.12/05;
  2. di dare atto che la valutazione dei progetti avverrà secondo una griglia di merito che tenga conto degli elementi di priorità previsti dalla deliberazione 783/11 e di criteri di valutazione ordinati a classi di valore prioritario ben definite, così come risulta dalla Tabella “Griglia di valutazione dei progetti”, che in allegato forma parte integrante del presente provvedimento;
  3. di dare atto che la graduatoria dei progetti sarà stilata in base alla griglia di cui sopra, assegnando a ciascuno di essi i relativi punteggi di merito;
  4. di dare atto altresì che le risorse disponibili verranno ripartite secondo la graduatoria stilata, assegnando per ogni progetto un contributo fino alla concorrenza massima del 70% delle spese di progetto ritenute ammissibili e non eccedibile la cifra massima di € 5.000,00, ovvero che il contributo sia assegnato secondo percentuali differenziate in ragione della diversità di merito dei progetti, ovvero che il contributo sia assegnato secondo percentuali differenziate in ragione della diversità di merito dei progetti;
  5. di dare atto infine che il presente provvedimento sarà pubblicato nel BURERT.

Il Responsabile del Servizio

Maura Forni

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it