E-R | BUR

n.27 del 29.01.2014 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Adesione della Regione Emilia-Romagna al "Patto dei Sindaci", iniziativa europea per l'energia sostenibile, in qualità di "struttura di supporto" per i Comuni del proprio territorio. Approvazione accordo di partenariato con la Commissione Europea - Direzione generale dell'Energia

La GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Considerato che il 29 gennaio 2008, nell’ambito della seconda edizione della Settimana europea dell’energia sostenibile (EUSEW 2008), la Commissione Europea ha lanciato il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors), un’iniziativa su base volontaria che impegna le città europee a predisporre “Piani d'Azione per l’energia sostenibile” (PAES) finalizzati a superare gli obiettivi fissati dall'Unione Europea al 2020, riducendo di oltre il 20% le proprie emissioni di gas serra, attraverso politiche locali che migliorino l'efficienza energetica degli usi finali, aumentino il ricorso alle fonti di energia rinnovabile oltre il 20% e stimolino l'uso razionale dell'energia;

Visto che il Comitato delle Regioni dell’UE ha evidenziato l’importanza di attivare una sinergia tra Regioni ed Enti Locali quale strumento efficace per promuovere azioni contro il cambiamento climatico e, pertanto, promuove il coinvolgimento delle Regioni nel Patto dei Sindaci in qualità di “Strutture di Supporto”, per fornire una guida strategica e un supporto tecnico a quei Comuni che, pur avendo la volontà politica di aderire all’iniziativa, non siano dotati di un adeguato apparato amministrativo che supporti la concreta realizzazione degli impegni derivanti dall’adesione al Patto;

Considerato che nell’ordinamento italiano è attribuita alle Regioni la competenza normativa concorrente con quella dello Stato nel campo dell’energia e diventa pertanto strategico il ruolo delle Regioni nel perseguimento degli obiettivi di maggiore efficienza energetica e di maggiore utilizzo di fonti energetiche rinnovabili assunti in campo nazionale ed europeo;

Visto che la Regione Emilia-Romagna, ha fatto proprio l’impegno di raggiungere gli obiettivi fissati dall’Unione Europea nel cosiddetto “Pacchetto Clima-Energia” (“20-20-20”) e ha attribuito alla tematica dell’energia una valenza di primaria importanza quale fattore di sviluppo e di tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini attraverso il suo uso razionale, sviluppando il secondo Piano Triennale di Attuazione 2011-2013 (DAL n. 50/2011) del Piano energetico regionale (DAL n. 141/2007) redatto in attuazione della L.R. 23 dicembre 2004, n. 26;

Visto inoltre che la Regione riconosce nel Patto dei Sindaci un importante strumento orientato al raggiungimento degli obiettivi energetici nazionali e comunitari, nonché del suddetto Piano e che, per tali ragioni, ha già avviato la promozione e il sostegno dell’iniziativa europea sul proprio territorio, attraverso il riconoscimento di contributi ai Comuni, in forma singola e associata, che aderiscono all’iniziativa, mettendo inoltre a loro disposizione strumenti operativi per l’elaborazione dei Piani di Azione per l’Energia Sostenibile (PAES).

Dato atto inoltre che ANCI-ER e le Provincie, già nel 2012, a seguito e a supporto delle iniziative promosse dalla Regione, si sono attivate come “strutture di sostegno territoriale” degli enti locali che aderiscono al Patto dei Sindaci, contribuendo ad attuare sul territorio il modello di governance indicato dall’UE.

Preso atto che oltre l’80% dei Comuni e della popolazione del territorio regionale sono coinvolti nel processo di redazione dei PAES a seguito dell’adesione al Patto dei Sindaci.

Considerato inoltre che l’UE nel riconoscere le Regioni tra gli enti che agiscono in qualità di “Strutture di Supporto”, prevede che sia sottoscritto un Accordo di Partenariato con la Commissione Europea - Direzione generale dell’Energia, il cui schema si allega alla presente deliberazione in lingua italiana (Allegato 1) ed in lingua inglese (Allegato 2), impegnando:

la Regione

− a promuovere l’adesione al Patto dei Sindaci tra i Comuni fornendo supporto e il coordinamento a quei Comuni che firmano il Patto;

− a provvedere ai finanziamenti per i firmatari, in forma di supporto finanziario diretto (sovvenzioni, sussidi, etc.) o attraverso personale adibito al supporto tecnico per la preparazione e l’implementazione dei Piani di Azione per la Sostenibilità Energetica;

− a definire gli obiettivi e la metodologia di valutazione, le modalità di monitoraggio e i rapporti di verifica e aiutando l’implementazione dei Piani di Azione;

− a fornire supporto tecnico per l’organizzazione di eventi pubblici (giornate per l’energia) per aumentare la presa di coscienza di pubblico da conseguire sotto l’egida del Patto;

− a relazionare regolarmente alla Direzione Generale dell’Energia della Commissione dell’Unione europea sui risultati ottenuti nella regione e a partecipare alle discussioni sulle implementazioni strategiche del Patto proposte dalla Commissione;

la Commissione Europea (DG Energia)

- a fornire visibilità e relatori per le principali conferenze ed eventi che la Regione Emilia –Romagna organizza in collegamento con il Patto dei Sindaci;

- a condividere e dibattere le informazioni disponibili al fine del raggiungimento di obiettivi comuni;

- a fornire tempestivamente le informazioni sui nuovi sviluppi del Patto.

Evidenziato che il suddetto Accordo non comporta nessun impegno di bilancio e si rinnoverà annualmente in modo automatico, salvo che non venga deciso diversamente da una delle due parti.

Ritenuto pertanto di volere continuare, nell’esercizio delle proprie funzioni di coordinamento e di indirizzo nei confronti degli enti locali del proprio territorio, la promozione del risparmio energetico e dello sviluppo delle fonti di energia rinnovabili, rafforzando la propria azione di sostegno all’impegno degli enti locali in ambito energetico, attraverso l’adesione al Patto dei Sindaci in qualità di “Struttura di Supporto”, in sinergia con le altre strutture di sostegno già attive sul territorio;

Richiamate le proprie deliberazioni:

- n. 1057 del 24/7/2003 concernente “Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali” e s.m.;

- n. 1663 del 27 novembre 2006 concernente “Modifiche all’assetto delle Direzioni generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente” e s.m.i.;

- n. 2416 del 29 dicembre 2008 concernente “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007 e successive modificazioni”;

- n. 1222 del 4/8/2011 concernente “Approvazione degli atti di conferimento degli incarichi di livello dirigenziale (decorrenza 1/8/2011)”;

- n. 1950/2010 avente ad oggetto “Revisione della struttura organizzativa della Direzione generale Attività Produttive, Commercio e Turismo e della Direzione generale Agricoltura”;

- n. 2060/2010 avente ad oggetto “Rinnovo incarichi ai Direttori generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010”

- n. 1621 dell'11 novembre 2013, recante “Indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal DLgs 14 marzo 2013, n. 33”;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell'Assessore alle Attività Produttive, Piano Energetico, Sviluppo Sostenibile, Economia Verde, Autorizzazione Unica Integrata

A voti unanimi e palesi

delibera:

 per le motivazioni in premessa enunciate, che si intendono integralmente richiamate:

a) di aderire al Patto dei Sindaci, promosso dall’Unione Europea per lo sviluppo delle politiche energetiche, in qualità di “Struttura di Supporto” per i Comuni della Regione Emilia-Romagna;

 b) di approvare gli schemi di Accordo, parti integranti e sostanziali del presente atto, in lingua italiana (Allegato 1) e in lingua inglese (Allegato 2), tra la Regione Emilia-Romagna e la Direzione generale dell’Energia della Commissione Europea;

 c) di dare atto che alla firma dell’Accordo di cui al punto b) provvederà l’Assessore alle Attività Produttive, Piano Energetico, Sviluppo Sostenibile, Economia Verde, Autorizzazione Unica Integrata;

d) di individuare nel Servizio Energia ed Economia Verde la struttura della Regione Emilia-Romagna competente all’attuazione delle azioni regionali previste dal Patto nell’Accordo di cui al punto b);

e) di dare atto che secondo quanto previsto dal D.Lgs. 33/2013, nonché sulla base degli indirizzi interpretativi contenuti nella propria delibera n. 1621/2013, il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;

f) di dare atto che il presente provvedimento sarà pubblicato integralmente nel Bollettino Ufficiale telematico della Regione Emilia-Romagna e nel sito http://energia.regione.emilia-romagna.it/energia.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it