E-R | BUR

n. 8 del 19.01.2011 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Lavori inerenti la messa in sicurezza dell’intersezione tra la S.P. 359R “di Salsomaggiore e Bardi” e la S.P. 21 “Bardi-Borgotaro” – Estratto decreto di espropriazione

In ottemperanza a quanto disposto dall’articolo 23, comma 5, del Testo Unico in materia di espropriazioni (DPR 8 giugno 2001, n. 327 come successivamente modificato), si informa che - con la determinazione n. 4128 del 17 dicembre 2010, esecutiva il giorno stesso – è stato emanato un decreto di espropriazione come da estratto che segue: 

Premesso:

- che con deliberazione altresì comportante la dichiarazione di pubblica utilità dell’opera è stato approvato il progetto definitivo-esecutivo dell’intervento di messa in sicurezza dell’intersezione tra la S.P. 359R “di Salsomaggiore e Bardi” e la S.P. 21 “Bardi-Borgotaro”;

- che il termine di efficacia della dichiarazione di pubblica utilità non è scaduto;

- che il progetto risulta conforme alla pianificazione urbanistica del Comune di Bardi.

Dato atto:

- che, essendosi le ditte catastali proprietarie interessate dal presente decreto rese disponibili alla cessione volontariadelle superfici interessate, non è stato dato seguito alla procedura espropriativa coattiva;

- che è stato approvato il quadro definitivo dei terreni da acquisirsi, comprensivo delle indennità di espropriazione da corrispondersi ai proprietari dei beni immobili permanentemente occupati;

- che è stato corrisposto agli aventi diritto interessati il saldo delle dovute indennità di espropriazione.

Considerato:

- che la dichiarazione di pubblica utilità, la conformità urbanistica dell’opera e la determinazione dell’indennità costituiscono le condizioni per poter emanare un decreto di esproprio;

- che l’autorità espropriante, in alternativa all’atto di cessione volontaria, può emettere il decreto di esproprio, purchè abbia provveduto a corrispondere l’importo concordato.

Il Funzionario Responsabile dell’Ufficio Espropri ha decretato:

- di disporre a carico delle seguenti proprietà e a favore dell’Amministrazione provinciale di Parma l’espropriazione dei sotto indicati immobili censiti presso il Nuovo Catasto Terreni del Comune di Bardi:

  1. Ditta catastale Badini Piero – proprietario per 1000/1000: Foglio 80 particelle 454 – 452 - 451 per complessivi mq 95
  2. Ditta catastale eredi Saccomanni Giovanna – intestataria per 1000/1000 (Sigg.ri Strinati Giuseppe - Raggi Giovanni - Rizzi Sandra - Rizzi Diana): Foglio 80 particelle 447 – 449 per complessivi mq 1.026

- di dare atto che l’espropriazioni è disposta sotto la condizione sospensiva che l’atto sia successivamente notificato ed eseguito;

- di trasmettere un estratto del decreto per la pubblicazione nel BUR della Regione, dando atto che l’opposizione dei terzi sarà proponibile entro i trenta giorni successivi alla pubblicazione;

- di dare atto che avverso il citato provvedimento può essere proposto ricorso al competente Tribunale amministrativo regionale entro 60 giorni dal ricevimento, ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato, entro 120 giorni dallo stesso termine.

Copia integrale del decreto è depositata presso la sede dell’Ufficio Espropri dell’Amministrazione provinciale di Parma (Viale Martiri della Libertà n. 15 – Parma).

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it