E-R | BUR

n.326 del 17.10.2018 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Lavori di realizzazione di una pista ciclabile a Tramuschio che collega il Comune di Mirandola con il Comune di San Giovanni del Dosso (MN). Decreto di Esproprio, di cui al piano particellare, approvato con atto di Giunta Comunale n. 17 del 04/02/2016 (Estratto determinazione dirigenziale n. 439 del 12.09.2018)

Il Dirigente, premesso che: 

- con deliberazione della Giunta del Comune di Mirandola n. 17 del 4/2/2016, immediatamente eseguibile, è stato approvato, ai sensi dell'art. 93, commi 4 e 5, del D. Lgs. n. 163/2006, il progetto definitivo – esecutivo dei lavori di realizzazione di una pista ciclabile a Tramuschio che collega i comuni di Mirandola e San Giovanni del Dosso (MN), per l'importo complessivo di € 340.000,00, di cui € 272.374,98 per lavori ed oneri di cui al D. Lgs. n. 81/2008 ed € 67.625,02 per somme a disposizione dell'Amministrazione; 

- l'approvazione del progetto definitivo – esecutivo ha comportato dichiarazione di pubblica utilità, indifferibilità e urgenza dei lavori ivi previsti, ai sensi del D.P.R. n. 327/2001, della L.R. n. 37/2002 e della L.R. Lombardia n. 3/2009; 

- il suddetto atto è stato depositato presso l’Ufficio per le Espropriazioni e che del deposito stesso è stata data comunicazione agli interessati, ai sensi e per le finalità di cui all’art. 18 L.R. n. 37/2002 e la L.R. Regione Lombardia n. 3 del 4/3/2009 e s.m.i.; 

- con determinazione n. 373 del 7/9/2016, a seguito delle risultanze di gara pervenute dalla Centrale di committenza per l'acquisizione di lavori, beni e servizi dell’UCMAN contenute nella determinazione n. 141 del 7/9/2016, sono stati aggiudicati i lavori in oggetto alla società “SEAF Impresa di Costruzioni” (C.F. 00542930375) con sede a in via Abitazione n. 15 – 40053 Valsamoggia (BO) che, con il ribasso del 19,12% (pari ad € 50.121,82) ha presentato l’offerta più vantaggiosa per l’Amministrazione comunale di Mirandola, determinando l’importo dell’appalto € 212.021,57, oltre ad € 10.231,59 per oneri per la sicurezza, e per così complessivi € 222.253,16 IVA 10% esclusa, CUP I81B14000180004 e delle risultanze in esso contenute; 

- per i lavori in parola – viabilità pubblica –, che rivestono carattere di particolare urgenza, tali da non consentire, in relazione alla particolare natura delle opere, l’applicazione delle disposizioni di cui ai commi 1 e 2 dell’art. 20 del DPR 327/01, è stato emanato, senza particolari indagini e formalità, ai sensi dell’art. 22-bis del citato DPR 327/01, decreto motivato di determinazione in via provvisoria l’indennità di espropriazione, che dispone anche l’occupazione dei beni immobili necessari per la realizzazione dell’opera pubblica. 

Preso atto che: 

- con determinazione dirigenziale n. 468 del 5/11/2016 è stata autorizzata l'occupazione in via d'urgenza e quantificata l'indennità provvisoria di esproprio, da corrispondere alle Ditte dei terreni interessati dalla pista ciclabile di cui al piano particellare di esproprio allegato alla citata determinazione dirigenziale, come parte integrante e sostanziale; 

- del predetto provvedimento è stato dato avviso di inizio delle operazioni di accesso ai terreni, con indicazione del luogo, del giorno e dell'ora di avvio delle attività a mezzo di notifica dell’ufficiale giudiziario, ai sensi e per gli effetti dell'art. 20 e seguenti del D.P.R. n. 327/2001; 

- in data 19/12/2016 e 23/1/2017 con appositi verbali si è proceduto all'accertamento dello stato di consistenza e di immissione in possesso delle aree oggetto di procedura espropriativa di cui al piano particellare approvato con l'atto di Giunta Comunale n. 17 del 4/2/2016. 

VISTI I frazionamenti delle aree interessate dalle opere in oggetto, approvati dall'Agenzia del territorio di Modena, depositati agli atti dell'ufficio, da cui si desumono le esatte superfici da espropriare. 

Dato atto che ai fini della realizzazione dell’opera, come sopra richiamato nelle rispettive determinazioni dirigenziali, si sono verificati anche i presupposti per la determinazione urgente dell’indennità provvisoria di esproprio, ed è stato emanato il decreto di “occupazione d’urgenza preordinata all’espropriazione”. 

VISTO il D.P.R. n. 327 dell’8/6/2001 e sue integrazioni e modificazioni. 

VISTA la Legge Regionale n. 37/2002 e sue modificazioni ed integrazioni. 

VISTA la L.R. Regione Lombardia n. 3 del 4/3/2009 e s.m.i.. 

VISTA la regolarità degli atti del procedimento, in ottemperanza al Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilità approvato con il D.P.R. 327/01 e con particolare riferimento al Titolo II – Capo IV – Sezione II del citato testo unico. 

Visti il D.P.R. n. 327/2001, la L.R. Regione Emilia-Romagna n. 37/2002 e la L.R. Regione Lombardia n. 3 del 4/3/2009 e s.m.i.. (omissis) decreta:

  1. l'espropriazione definitiva a favore del Comune di Mirandola, con sede in Mirandola, Via Giolitti n. 22, C.F. 00270570369, quale autorità espropriante per l'esecuzione dei lavori di realizzazione di una pista ciclabile a Tramuschio che collega il comune di Mirandola (MO) con il comune di San Giovanni del Dosso (MN), degli immobili indicati dei beni, di cui all’Elenco Ditte del Piano Particellare di Esproprio, approvati con deliberazione di G.C. n. 17 del 4/2/2016, attualizzate sulla base delle risultanze anagrafiche e dei frazionamenti catastali, aggiornati e riportati nella tabella allegata al presente atto, come parte integrante e sostanziale “Allegato A”, contenente l'elenco completo degli immobili occupati, individuati con l'indicazione del foglio e del numero di particella catastale, con l'indicazione della proprietà effettiva accertata e delle indennità definitive accettate, pagate e in corso di pagamento, di cui alle sottoelencate ditte: 
  • Sig. Baraldi Mauro, nato a Vercelli il 29/11/1958, C.F…., residente in …via …, in qualità di proprietario dell'area oggetto di procedura espropriativa, identificata al catasto del comune di San Giovanni del Dosso (MN), al foglio.., mappali … parte e...parte di circa mq. 48,00, ora mapp.le … di mq. 1 e mapp.le … di mq. 13,00, per un'idennità complessiva di euro 1.250,00;
  • Sig. Consoli Alberto, nato a Mirandola (MO) il 29/04/1961, C.F. …, residente in …via …, la Sig.ra Consoli Nazzarena, nata a Mirandola (MO) il 23/04/1955, C.F. …, residente in … via … e la Sig.ra Consoli Saura, nata a Mirandola (MO) il 11/11/1936, C.F. …, residente in …. via …, in qualità di proprietari dell'area oggetto di procedura espropriativa, identificata al catasto del comune di San Giovanni del Dosso (MN), al foglio …, mappali … parte e … parte di circa mq. 19,00, ora mappali … di mq. 2 e mapp.le … di mq. 14, per un'indennità complessiva di euro 96,00;
  • Sig. Canossa Emilio, nato a San Giovanni del Dosso (MN) il 25/12/1953, C.F. …, residente in … via … e la Sig.ra Fila Lidia, nata a Quistello (MN) il 28/4/1924, C.F. …, residente in … via … in qualità di proprietari dell'area oggetto di procedura espropriativa, identificata al catasto del comune di San Giovanni del Dosso (MN), al foglio …, mappali… parte e … parte di circa mq. 60,00, ora mappali … di mq. 23 e mapp.le … di mq. 27,00, per un'indennità complessiva di euro 300,00;
  • Sig. Baraldi Antonio, nato a San Giovanni del Dosso (MN) il 14/4/1951, C.F. …, residente in … via …, in qualità di proprietario dell'area oggetto di procedura espropriativa, identificata al catasto del comune di San Giovanni del Dosso (MN), al foglio …, mappali … parte mq. 52,00 (mq. 26,00 + mq. 26,00), ora mapp.le … di mq 25,00 e mapp.le … di mq. 26, per un'indennità complessiva di euro 765,00;
  • il Sig. Prandini Andrea, nato a Mirandola (MO) il 13/06/1971, …, residente in …, via … e la Sig.ra Preti Ombretta, nata a Poggio Rusco (MN) il 5/6/1971, …, residente in …, Via …, in qualità di proprietari dell’area oggetto di procedura espropriativa, identificata al catasto del Comune di San Giovanni del Dosso (MN), al foglio…, mappale … parte di circa mq 72, ora mapp.le … di mq. 59,00 per un'idennita complessiva di euro 354,00 e in qualità anche di subentrati nella proprietà Castagnoli, del terreno oggetto di procedura espropriativa, identificato al catasto del Comune di San Giovanni del Dosso (MN), al foglio …, mappali … parte e ….parte di circa mq. 57,00, ora mappali …di mq. 1 e mapp.le … di mq. 51,00, per un'indennità complessiva di euro 312,00;
  • il Sig. Merchiori Danilo, nato a Mirandola (MO) il 20/7/1938…, residente in …via …, in qualità di proprietario dell'area oggetto di procedura espropriativa, identificata al catasto del comune di San Giovanni del Dosso (MN), al foglio …, mappali …parte, … parte e … parte, per una superficie complessiva di circa mq. 496,00, ora mappali … di mq. 12,00, mapp.le … di mq. 14 e mapp.le …di mq. 495, per un'indennità complessiva di euro 3.126,00;
  • al Sig. Baraldi Alex, nato a Quistello (MN) il 7/9/1974, …, residente in … via …, in qualità di proprietario dell'area oggetto di procedura espropriativa, identificata al catasto del comune di Mirandola (MO) al foglio …, mappale … parte di mq. 27,00, ora mappale …di mq. 22,00, per un'indennità complessiva di euro 1.122,00;

 

  • al Sig. Sig. Baraldi Enrico, nato a Carpi (MO) il 18/1/1980, …, residente in … via …, in qualità di proprietario dell'area oggetto di procedura espropriativa, identificata al catasto del comune di Mirandola (MO) al foglio …, mappale … parte di mq. 11,00, ora mappale … di mq. 9,00, per un'indennità complessiva di euro 459,00;
  1. di disporre, altresì, il passaggio del diritto di proprietà degli immobili di cui alla tabella “Allegato A” di cui sopra. La consistenza descritta viene trasferita nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, con ogni accessione, accessorio, pertinenza, servitù legalmente costituita, attiva e passiva; 
  2. il presente decreto, a cura e spese di questo Comune, ai sensi dell'art. 23 del D.P.R. 327/2001, come modificato dal D. Lgs. 27/12/2002, n. 302, sarà notificato ai proprietari indicati nel prospetto di cui alla “Allegato A”, nonché pubblicato, per estratto, sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna e della Regione Lombardia, ai sensi dell’art. 23 comma 5 del D.P.R. 8/6/2001 n. 327; 
  3. l'autorità espropriante provvederà, senza indugio, secondo quanto disposto dall'art. 23 del D.P.R. 327/2001, come modificato dal D. Lgs. 27/12/2002, n. 302, a tutte le formalità necessarie presso il competente Ufficio del Registro, nonché alla trascrizione presso l’Ufficio dei Registri immobiliari di Modena e alla voltura nel catasto. A tal fine si precisa che il presente atto è soggetto, giusta art. 10 del D.Lgs. 14/3/2011, n. 23 e art. 1 comma 609 della legge di stabilità 2014, all'imposta di registro del 9 per cento, all'imposta ipotecaria e catastale nella misura fissa di 50 euro ed è esente da bollo ai sensi dell'art. 10 comma 3 dello stesso decreto n. 23/2011; 
  4. dalla data di trascrizione del presente decreto, tutti i diritti relativi agli immobili espropriati potranno essere fatti valere esclusivamente sull'indennità; 
  5. il presente decreto comporta l’estinzione automatica di tutti gli altri diritti, reali o personali, gravanti sui beni espropriati. Le azioni reali e personali esperibili non incidono sul procedimento espropriativo e sugli effetti del decreto di esproprio; 
  6. di precisare che avverso il presente atto può essere proposta impugnativa, ai sensi dell’art. 53 D.P.R. 327/2001, attraverso ricorso giudiziario al TAR Emilia-Romagna, per gli immobili posti sul territorio del Comune di Mirandola e al TAR Lombardia per gli immobili posti sul territorio del Comune di San Giovanni del Dosso, ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato, rispettivamente entro 60 e 120 giorni dal ricevimento della notifica; (omissis)

Il Responsabile del procedimento della presente procedura è il geom. Silvano Pretto del Servizio LL.PP. e Patrimonio del Comune di Mirandola tel. 0535/29706

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it