E-R | BUR

n.164 del 09.11.2011 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Modifiche allo Statuto comunale di Pennabilli

Con delibera di Consiglio comunale n. 28 del 2/8/2011 avente ad oggetto “Modifica dello Statuto Comunale: esame proposta modifiche ed emendamenti” sono state apportate le seguenti modifiche allo Statuto del Comune di Pennabilli: 

Art. 5 - Albo Pretorio on-line

“1. La pubblicazione degli atti e dei provvedimenti amministrativi aventi effetto di pubblicità legale si intende assolta con la pubblicazione nel sito informatico del Comune e/o nei siti informatici di altre amministrazioni ed enti pubblici ad esso correlati ovvero di loro associazioni, sulla sezione dedicata alla pubblicità legale.” 

Art. 21 - Libere forme associative - comma 1

1. Il Comune di Pennabilli sostiene e valorizza le libere forme associative, la loro costituzione e potenziamento, in particolare quelle che perseguono finalità scientifiche, culturali, religiose, di promozione sociale, turistica, civile, di salvaguardia dell’ambiente naturale e del patrimonio artistico e culturale, di assistenza, sportive, del tempo libero quali strumenti di formazione dei cittadini. In tal senso valorizza le Associazioni già esistenti quali la Pro Loco, la Mostra Mercato Nazionale dell’Antiquariato, l’Associazione di Salvaguardia dei Beni Architettonici e Culturali, dell’Associazione Amici Valmarecchia, l’Associazione Pennabilli Chiama, l’Associazione Ultimo Punto, l’Associazione Comunitas Miratorii, l’Associazione Amici del Molino, l’Associazione 7 Borgate Macianesi, ’Associazione Culturale Tonino Guerra e le altre per le suddette finalità

Art. 26 - Prima seduta del Consiglio Comunale - comma 2

2. Nella sua prima seduta il Consiglio provvede:

  • Convalida dei consiglieri eletti e giudica delle cause di ineleggibilità e incompatibilità secondo quanto previsto dalla legge e dalla normativa secondaria in materia, disponendo le eventuali surroghe;
  • Giuramento del Sindaco;
  • Presentazione della Giunta e del Vice-Sindaco;
  • Presentazione delle linee programmatiche;
  • Nomina Commissione elettorale. 

Art. 27 - Presidenza del Consiglio Comunale

1. La prima seduta consiliare dopo le elezioni è convocata e presieduta dal Sindaco.

2. Il Sindaco convoca e presiede il Consiglio Comunale, in sua assenza o impedimento è sostituito dal Consigliere Anziano che è colui che ha ottenuto la maggior cifra elettorale individuale, con esclusione del Sindaco neo eletto e dei candidati alla medesima carica proclamati consiglieri.

3. Il Sindaco rappresenta l’intero Consiglio Comunale, ne tutela la dignità ed assicura l’esercizio delle funzioni allo stesso attribuite dalla normativa.

4. Il Sindaco:

  • provvede al funzionamento dell’Assemblea e dispone che i lavori si svolgano con regolarità.
  • concede la facoltà di parlare e stabilisce il termine della discussione.
  • pone e precisa i termini delle proposte per le quali si discute e si vota, determina l’ordine delle votazioni, ne controlla e proclama il risultato.
  • esercita i poteri necessari per mantenere l’ordine e per assicurare l’osservanza della legge, dello Statuto e del regolamento. Nell’esercizio delle sue funzioni il Sindaco si ispira a criteri di imparzialità intervenendo a difesa delle prerogative del Consiglio e dei singoli consiglieri. 

Art. 29 - Commissioni Consiliari - comma 2

“Le commissioni sono composte dai Consiglieri Comunali con criteri idonei a garantire la proporzionalità e la rappresentanza di tutti i gruppi e da componenti esterni, proposti dai gruppi consiliari presenti in Consiglio. Il numero dei Consiglieri e dei componenti esterni è fissato dal Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale. 

Art. 42 - Composizione della Giunta Municipale e nomina degli Assessori - commi 1 e 3

1. La Giunta è composta dal Sindaco che la presiede e da un numero di assessori non superiore a 4.

3. Gli assessori possono essere nominati dal Sindaco anche al di fuori dei componenti del Consiglio, tra cittadini italiani in possesso dei requisiti di candidabilità, eleggibilità e compatibilità alla carica di consigliere in numero non superiore a 1. 

Art. 50 - Sindacato ispettivo da parte dei Consiglieri” - comma 6

“La risposta alle interrogazioni ed interpellanze, se presentate per iscritto al protocollo generale del Comune, saranno poste all’ordine del giorno entro i 30 giorni successivi alla loro presentazione e comunque in occasione della prima adunanza utile del Consiglio. Il Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale indicherà in maniera più dettagliata la trattazione degli argomenti.” 

Art. 70 - Abrogato.

Art. 90 - Pubblicazione ed esecutività delle deliberazioni - commi 1 e 2

1. Tutti gli atti amministrativi con rilevanza esterna e che comunque debbono essere portati a conoscenza del pubblico sono pubblicati sul sito istituzionale dell’Ente alla voce “Albo Pretorio”, per 15 giorni consecutivi, salvo specifiche disposizioni di legge.

2. Le deliberazioni diventano esecutive dopo il 10 giorno dall’inizio della loro pubblicazione.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it