E-R | BUR

n.103 del 23.04.2018 (Parte Seconda)

XHTML preview

Eccezionali eventi meteorologici che si sono verificati dall'8 al 12 dicembre 2017 nel territorio delle province di Piacenza, di Parma, di Reggio Emilia, di Modena, di Bologna e di Forlì-Cesena (OCDPC n. 503/2018. Approvazione del Piano dei primi interventi urgenti di protezione civile - Primo stralcio)

IL PRESIDENTE

IN QUALITÀ DI COMMISSARIO DELEGATO

Visti:

- il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112 “Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59”;

- il decreto legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401 “Disposizioni urgenti per assicurare il coordinamento operativo delle strutture preposte alle attività di protezione civile e per migliorare le strutture logistiche nel settore della difesa civile”;

- la legge regionale 7 febbraio 2005, n. 1 "Norme in materia di protezione civile e volontariato. Istituzione dell'Agenzia regionale di protezione civile";

- la legge regionale 30 luglio 2015, n. 13 “Riforma del sistema di governo regionale e locale e disposizioni su Città metropolitana di Bologna, Province, Comuni e loro Unioni”, ed in particolare l'art. 19 “Riordino delle funzioni amministrative. Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile” che prevede, tra l’altro, la ridenominazione dell'Agenzia regionale di protezione civile in “Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile”;

- il Decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1 “Codice della protezione civile”;

Premesso che il territorio regionale è stato interessato da intensi ed estesi eventi metereologici nei giorni 8 – 12 dicembre 2017 associati a abbondanti precipitazioni, forti raffiche di vento, fenomeni di neve e vetro-ghiaccio, nonché mareggiate e in particolare:

- intense piogge nella giornata del 8 dicembre 2017 che hanno generato un primo incremento dei livelli idrometrici dei fiumi Trebbia, Taro, Parma, Enza, Secchia, Panaro e Reno e nelle giornate del 10-11 dicembre 2017, accompagnate da temperature elevate e forti venti, che hanno favorito lo scioglimento del manto nevoso presente con conseguenti piene fluviali che hanno superato i massimi storici con rottura dell’argine destro del fiume Enza nel Comune di Brescello e alluvionamento della Località Lentigione, parziale sormonto dell’argine del fiume Parma nel Comune di Colorno e allagamento di parte dell’abitato, allagamenti delle aree golenali del fiume Secchia;

- vasti fenomeni di gelicidio e di forte vento nelle aree collinari e montane che hanno causato interruzioni della viabilità, danni alle infrastrutture e al servizio di erogazione dell’energia elettrica con disalimentazione di circa 25.000 utenze;

- intense mareggiate lungo tutto il litorale romagnola;

Considerato che sulla base degli interventi effettuati e di una speditiva ricognizione delle situazioni di danno si rilevano danni in tutto il territorio regionale al sistema delle infrastrutture, con interruzioni della viabilità e dei servizi pubblici essenziali, al tessuto economico-produttivo ed agricolo e al patrimonio edilizio pubblico e privato;

Rilevata l’esigenza di interventi di somma urgenza necessari per i ripristini e il rafforzamento temporaneo degli argini, di interventi di pulizia e di messa in sicurezza delle aree allagate per consentire il rientro della popolazione evacuata, la riapertura della viabilità interrotta e il ripristino delle strutture danneggiate, di interventi immediati della riduzione del rischio residuo per evitare che il ripetersi di eventi analoghi possa generare danni ancora maggiori;

Considerate le caratteristiche dell’evento, la sua estensione territoriale e l’entità dei danni il Presidente della regione il 15 dicembre 2017 ha inoltrato al Presidente del Consiglio dei Ministri e al Capo Dipartimento di Protezione Civile la richiesta di dichiarazione dello stato di emergenza;

Rilevato che, in considerazione di quanto esposto in premessa, con deliberazione del Consiglio dei Ministri 29 dicembre 2017, pubblicata nella G.U. n. 10 del 13/1/2018, è stato dichiarato ai sensi e per gli effetti dell’art. 5 della legge n. 225/1992 e successive modifiche ed integrazioni, lo stato di emergenza in conseguenza degli eccezionali eventi atmosferici verificatesi nei giorni dall’8 al 12 dicembre 2017 nel territorio delle province di Piacenza, di Parma, di Reggio-Emilia, di Modena. Di Bologna e di Forlì-Cesena fino al centottantesimo giorno dalla data di detto provvedimento, ovvero fino al 26 giugno 2018;

Vista l'ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 503 del OCDPC 503 del 26 gennaio 2018, pubblicata nella G.U. n..29 del 5/2/2018, con la quale lo scrivente è stato nominato Commissario delegato per il superamento dell’emergenza in parola;

Evidenziato, per quanto qui rileva, che la sopra richiamata OCDPC n. 503/2018 dispone:

- all’art. 1 che il Commissario delegato predispone, nel limite delle risorse finanziarie di cui all’art. 3, entro 30 giorni dalla sua emanazione, un Piano degli interventi, da sottoporre all’approvazione del Capo del Dipartimento della protezione civile, con l’indicazione degli interventi realizzati nella fase di prima emergenza rivolti a rimuovere le situazioni di rischio, ad assicurare l’indispensabile assistenza e ricovero delle popolazioni colpite, nonché gli interventi, anche di somma urgenza, per la messa in sicurezza delle aree interessate dagli eventi calamitosi e gli interventi urgenti volti ad evitare situazioni di pericolo o maggiori danni a persone o a cose;

- all’art. 2, che agli oneri connessi alla realizzazione delle iniziative d’urgenza di cui alla medesima ordinanza si provvede, così come stabilito nella delibera del Consiglio dei Ministri del 29 dicembre 2017, nel limite massimo di Euro 10.000.000,00;

Dato atto che per la realizzazione degli interventi di cui all’OCDPC n. 503/2018 è stata aperta presso la Tesoreria Provinciale dello Stato - sezione di Bologna la contabilità speciale n. 6080 intestata allo scrivente in forza dell’autorizzazione di cui all’art. 2, comma 2, della medesima ordinanza;

Rilevato che:

- dalle segnalazioni pervenute dal territorio e dagli ulteriori elementi conoscitivi acquisiti anche in sede di tavoli istituzionali e tecnici appositamente convocati risulta che le necessità finanziarie per fronteggiare i danni provocati dagli eventi di cui in premessa al sistema delle strutture ed infrastrutture pubbliche, oltre che ai beni privati, sono di entità superiore alla disponibilità finanziaria di Euro 10.000.000,00;

- gli interventi di somma urgenza e urgenti realizzati o in corso di realizzazione, che non trovano copertura finanziaria nell’ambito della complessiva disponibilità finanziaria di cui all’OCDPC n. 503/2018, sono finanziati con risorse dalla Regione Emilia-Romagna ammontanti complessivamente ad Euro 1.565.100,00;

Considerato che lo scrivente, con nota prot. n. PG/2018/
0166803 del 9/3/2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della protezione civile, per l’approvazione, il “Piano dei primi interventi urgenti di Protezione Civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che si sono verificati dall’8 al 12 dicembre 2017 nel territorio delle province di Piacenza, di Parma, di Reggio Emilia, di Modena, di Bologna e di Forlì-Cesena”;

Dato Atto che in tale piano, oltre agli interventi di somma urgenza e urgenti realizzati o in corso di realizzazione finanziati con risorse regionali per € 1.565.100,00, sono stati individuati, a valere sulla somma complessiva di Euro 9.621.800,00, i seguenti interventi e accantonamenti:

  1. Interventi, assistenza alla popolazione e acquisizione di beni e servizi enti locali per un importo di € 5.095.353,53
  2. Interventi e acquisizione di beni e servizi assegnati ai Consorzi di Bonifica ed AIPo per un importo di € 2.836.770,10;
  3. Interventi assegnati all’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile per un importo di € 245.500,00;
  4. Interventi e acquisizione di beni e servizi di enti gestori di servizi essenziali e di infrastrutture a rete strategiche per un importo di € 1.437.565,43;
  5. € 6.610,94 per oneri sostenuti dall'Esercito per le attività di emergenza per;

Dato atto, altresì, che nel medesimo Piano sono stati previsti i seguenti accantonamenti:

€ 378.200,00 in attesa dell’esito della richiesta integrativa all'OCDPC 503/2018, formulata dal Presidente della Regione con nota PG/2018/0112491 del 16/2/2018, che prevede:

  • per la prestazione degli straordinari per il personale impegnato nelle attività di soccorso e assistenza alla popolazione o nelle attività connesse all'emergenza
  • per il ripristino dei mezzi e delle attrezzature della colonna mobile regionale
  • per i rimborsi ai sensi del DPR 194/01 per l’impiego del volontariato di Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna

Vista la nota prot. n. POST/0021804 del 12 aprile 2018 con la quale il Capo del Dipartimento della protezione civile ha comunicato l’approvazione del Piano dei primi interventi urgenti per l’importo di Euro 7.888.342,39 a valere sulle risorse di cui all’OCDPC n. 503/2018, e la presa d’atto degli interventi per l’importo di € 1.565.100,00 a valere sulle risorse regionali, riconoscendo la piena rispondenza degli interventi approvati con le finalità della citata ordinanza, con la precisazione che gli accantonamenti di cui al precedente punto 5, sarà autorizzato in via definitiva solo dopo specifica autorizzazione da parte del Capo Dipartimento di protezione civile e a seguito della rendicontazione delle spese;

Dato atto che nella medesima nota il Capo Dipartimento di Protezione civile non ha ammesso alcuni interventi, compresi nei capitoli 5,6 e 8, per un ammontare complessivo di 1.733.457,61 euro, in quanto non rispondenti pienamente alle finalità dell’OCDPC n. 503/2018 e per i quali è necessario effettuare ulteriori accertamenti;

Ritenuto, pertanto,

- di approvare, il Piano degli interventi urgenti di approvare “Piano dei primi interventi urgenti di Protezione Civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che si sono verificati dall’8 al 12 dicembre 2017 nel territorio delle province di Piacenza, di Parma, di Reggio Emilia, di Modena, di Bologna e di Forlì-Cesena- primo stralcio - Ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione Civile n. 503 del 26/01/2018 - per l’importo di Euro di 7.888.342,39 a valere sulle risorse di cui all’art. 2 della citata ordinanza e per l’importo di 1.565.100,00 a valere sulle risorse regionali;

- di dare atto che in relazione all’esito della richiesta integrativa all’OCDPC 503/2018, formulata dallo scrivente con nota PG/2018/0112491 del 16/2/2018, provvederò con proprio atto, a valere sulle risorse di cui all’OCDPC 503/2018 pari ad € 378.200,00, al riconoscimento:

  • della prestazione degli straordinari per il personale impegnato nelle attività di soccorso e assistenza alla popolazione o nelle attività connesse all'emergenza
  • del ripristino dei mezzi e delle attrezzature della colonna mobile regionale
  • dei rimborsi ai sensi del DPR 194/01 per l’impiego del volontariato di Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna

- di dare atto che lo scrivente fornirà con successivi atti, chiarimenti in merito agli interventi esclusi ovvero presenterà l’inserimento di nuovi interventi per un importo complessivo di 1.733.457,61 a valere sulle risorse dell’OCDPC 503/2018;

Visto il D.Lgs. n. 33/2013 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle Pubbliche Amministrazioni” così come modificato ed integrato dal D.lgs. n. 97/2016;

Richiamate le deliberazioni della Giunta regionale:

- n. 2416/2008, recante “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali fra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modifiche ed integrazioni;

- n. 93/2018 “Approvazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione 2018-2020 e l’allegata Direttiva di indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D. lgs. n.33/2013, in attuazione del Piano stesso;

- n. 468/2017 avente ad oggetto “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna”;

- n. 1129/2017 con cui è stato rinnovato fino al 31 dicembre 2020 l’incarico di Direttore dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile al dott. Maurizio Mainetti, conferito con DGR. n. 1080/2012 e prorogato con DGR n. 2260/2015;

- n. 56/2016 “Affidamento degli incarichi di Direttore generale della Giunta regionale ai sensi dell’art. 43 della L.R. 43/2001” con la quale è stato conferito fino al 30 giugno 2020 l’incarico di Direttore generale “Cura del territorio e dell’ambiente” al Dott. Paolo Ferrecchi;”

Viste le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale del 13 ottobre 2017, PG/2017/0660476 e PG/2017/0779385 del 21/12/2017, riguardanti le disposizioni attuative della sopracitata DGR n. 486/2017;

Vista la determinazione n. 700 del 28/2/2018 dell’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile “Recepimento della deliberazione di Giunta regionale n. 468/2017 recante ”Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna”;

Dato atto che il responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazioni di conflitto, anche potenziale di interessi;

Dato atto dei pareri allegati;

decreta:

Per le ragioni espresse nella parte narrativa del presente atto e che qui si intendono integralmente richiamate;

1. di approvare “Piano dei primi interventi urgenti di Protezione Civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che si sono verificati dall’8 al 12 dicembre 2017 nel territorio delle province di Piacenza, di Parma, di Reggio Emilia, di Modena, di Bologna e di Forlì-Cesena- primo stralcio - Ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione Civile n. 503 del 26/1/2018 - per l’importo di Euro di 7.888.342,39 a valere sulle risorse di cui all’art. 2 della citata ordinanza e per l’importo di 1.565.100,00 a valere sulle risorse regionali;

2. di dare atto che in relazione all’esito della richiesta integrativa all’OCDPC 503/2018, formulata dallo scrivente con nota PG/2018/0112491 del 16/2/2018, provvederà con proprio atto, a valere sulle risorse di cui all’OCDPC 503/2018 pari ad € 378.200,00, al riconoscimento:

  • della prestazione degli straordinari per il personale impegnato nelle attività di soccorso e assistenza alla popolazione o nelle attività connesse all'emergenza
  • del ripristino dei mezzi e delle attrezzature della colonna mobile regionale
  • dei rimborsi ai sensi del DPR 194/01 per l’impiego del volontariato di Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna

3. di dare atto che lo scrivente fornirà con successivi atti, chiarimenti in merito agli interventi esclusi ovvero presenterà l’inserimento di nuovi interventi per un importo complessivo di 1.733.457,61 a valere sulle risorse dell’OCDPC 503/2018;

4. di pubblicare il presente atto e il Piano nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna, e sul sito della Protezione Civile regionale al seguente indirizzo: http://protezionecivile.regione.emilia-romagna.it/argomenti/piani-sicurezza-interventi-urgenti/ordinanze-piani-e-atti-correlati-dal-2008/eccezionali-eventi-meteorologici-verificatisi-nei-giorni-dall8-al-12-dicembre-2017

5. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ai sensi dell'art. 26 e dell’art. 42 del D.Lgs. 33/2013 e s.m.i.

Il Presidente

Stefano Bonaccini

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it