E-R | BUR

n.308 del 03.10.2018 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione schema dell'Accordo Attuativo con FER Srl per "Realizzazione Piano Nazionale Sicurezza Ferroviaria - Asse Tematico F - Linea d'azione "Sicurezza Ferroviaria". Piano operativo del Fondo Sviluppo e Coesione Infrastrutture 2014-2020. Delibere CIPE n. 25/2016 e 54/2016. Modalità e criteri di concessione e contestuale impegno di spesa, nonchè liquidazione delle risorse FSC 2014-2020

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

(omissis)

delibera

per le motivazioni indicate in premessa e che qui si intendono richiamate: 

1) di approvare lo schema dell’Accordo Attuativo, allegato parte integrante e sostanziale del presente atto, allegato A) e che verrà sottoscritta dalla Regione Emilia-Romagna e la Società Ferrovie Emilia-Romagna S.r.l., denominato “Realizzazione del Piano Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria (ASSE TELEMATICO F – LINEA AZIONE “SICUREZZA FERROVIARIA”) nell’ambito del piano operativo del Fondo Sviluppo e Coesione Infrastrutture 2014-2020, di cui alle Delibere CIPE n. 25 del 10 agosto 2016 e n. 54 del 1 dicembre 2016, nonché relative modalità e criteri per il finanziamento delle risorse FSC 2014-2020, di cui alla convenzione sottoscritta in data 19/10/2017 tra Ministero delle Infrastrutture e Trasporti - Regione Emilia-Romagna e soggetto attuatore (FER S.r.l.), approvata con decreto direttoriale n. 227 del 30.10.2017 della Direzione Generale per i Sistemi di Trasporto ad Impianti fissi e il Trasporto Pubblico Locale e ammesso alla registrazione della Corte dei Conti n. 1-4537 del 17/11/2017; 

2) di prendere atto che l’Accordo di cui al punto 1, venga sottoscritto, ai sensi dell'art. 15 della legge n. 241/90 come modificato dal D.L. 179/2012 e dal D.lgs. 7 marzo 2005 n°82 e norme collegate, (predisposto e conservato presso l'Amministrazione regionale con indicazione di numero di protocollo/repertorio), con firma digitale dal Responsabile del Servizio Trasporto Pubblico e Mobilità Sostenibile, in attuazione della normativa vigente ed in applicazione della propria deliberazione n. 2416/2008 e ss.mm.ii., per quanto applicabile, apportando eventualmente le modifiche non sostanziali, per la migliore attuazione dello stesso Accordo; 

3) di dare mandato al Direttore Generale della Direzione Generale cura del Territorio e dell’Ambiente di porre in essere e coordinare a livello regionale le attività conseguenti alla sottoscrizione dell’Accordo Attuativo con FER S.r.l.; 

4) di stabilire le seguenti procedure e modalità di concessione e contestuale impegno di spesa, nonchè liquidazione delle risorse attribuibili a FER S.r.l., subordinandone l’efficacia all’avvenuta sottoscrizione dell’Accordo Attuativo, allegato A, di cui al punto 1:

  • ad avvenuta sottoscrizione dell’Accordo Attuativo con FER S.r.l., ai sensi dell’art. 6 della Convenzione 19/10/2017 tra Ministero Infrastrutture e Trasporti, regione Emilia-Romagna e Ferrovie Emilia-Romagna S.r.l., “si considera assunta l’obbligazione giuridicamente vincolante, previo impegno da parte della sopracitata società in house dopo firma di atto negoziale che impegna un terzo all’esecuzione diretta e funzionale degli interventi inseriti nel P.O. di investimento in termini certi e coerenti con quelli indicati nell’allegato 2 della Convenzione”;
  • la concessione dei finanziamenti, nonché la contestuale assunzione dell’impegno di spesa, verrà disposta, con atti formali del dirigente competente, in applicazione dei principi e postulati previsti dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm., nonché della propria deliberazione n. 2416/2008 e ss.mm.ii., dietro presentazione del progetto definitivo, la cui copia verrà trasmessa dalla Regione Emilia-Romagna al Ministero, (come disposto dall’art. 12 della Convenzione del 19/10/2017 fra MIT/RER e FER S.r.l.), nonchè relativo provvedimento di approvazione da parte di FER S.r.l., nel quale si dia atto della copertura finanziaria dell’intervento e si approvi il cronoprogramma di esigibilità della spesa, previo caricamento degli interventi nel SI MIT/ Banca Dati Unitaria gestita dal Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento della Ragioneria dello Stato, nel rispetto delle procedure previste nella circolare del Ministero per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno n. 1/2017;
  • Per quanto attiene all’acconto del 10%, che risulta erogabile dietro validazione dei 9 interventi nel sistema di monitoraggio (S.I. MIT – FSC 2014/2020) come previsto dalla citata circolare n. 1/2017 del Ministero per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno, la concessione e contestuale impegno di spesa avverrà a seguito:
    • Validazione degli interventi, come sopra richiamato;
    • Schede progettuali degli interventi, come da allegati alla convenzione del 19/10/2017 fra regione Emilia-Romagna, Ministero Infrastrutture e Trasporti e FER srl (delibera di Giunta regionale n. 1459 del 2/10/2017);
    • CUP relativo ai 9 interventi del Piano Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria (ASSE TELEMATICO F – LINEA AZIONE “SICUREZZA FERROVIARIA”);
  • la liquidazione ed erogazione dei finanziamenti regionali verrà disposta, dopo liquidazione del 10% in acconto come meglio sopra indicato, a fronte di presentazione della documentazione che la F.E.R. S.r.l. trasmetterà alla Regione Emilia-Romagna e dovrà essere accompagnata da dichiarazione del responsabile unico del procedimento, nominato dalla stessa società, che ne attesti la regolarità tecnica e contabile o, in alternativa, dal legale rappresentante della F.E.R. S.r.l., in base ai costi effettivamente sostenuti al netto di eventuali ribassi d’asta e secondo il cronoprogramma di ciascun intervento; tale liquidazione avverrà con atti formali del dirigente competente, in applicazione dei principi e postulati previsti dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii., nonché dalla propria deliberazione n. 2416/2008 e ss.mm.ii., subordinatamente all’aggiornamento del monitoraggio di cui al punto 6) b. del dispositivo del presente atto, con le modalità di seguito riportate e dietro presentazione della seguente documentazione:
    • anticipazione pari al 10% dell’importo assegnato per singolo intervento, a seguito della concessione e impegno di cui al punto che precede;
    • pagamenti intermedi fino all’85% dell’importo assegnato a ciascun intervento, a titolo di rimborso delle spese effettivamente sostenute da FER S.r.l., adeguatamente documentate (SAL, certificati di pagamento, fatture quietanzate o altro documento equipollente),se la documentazione di spesa sostenuta dal soggetto attuatore dovesse riferirsi solo in quota parte all’intervento di riferimento, sarà necessario evidenziare nel documento stesso l’ammontare riferito all’intervento in oggetto, correlata da attestazione del RUP o del direttore generale con il relativo l’ammontare a carico delle risorse FSC 2014-2020; nel caso di internalizzazione necessita: uno specifico time sheet mensile del personale interno, per singolo dipendente, comprovante le ore effettivamente lavorate con riferimento all’intervento rendicontato e debitamente firmato dal dipendente e dal RUP. Le specifiche sui documenti giustificativi sono quelle indicate nel Manuale Operativo delle Procedure del PON Infrastrutture e Reti 2014/2020. Per i prelievi da magazzino: un report attestante i prelievi effettuati in maniera analitica e specifica per ogni singolo intervento con relativo n. CUP, nonché il relativo importo al netto di IVA. Tale report dovrà essere debitamente firmato dal RUP. Ogni documentazione probatoria della spesa dovrà essere correlata dal relativo pagamento, chiaramente identificabile ed eventuale attestazione che consenta la corretta identificazione dell’importo pagato riferito all’intervento oggetto di rendicontazione. Dichiarazione attestante la congruità della spesa rispetto ai valori medi di mercato e che le spese sostenute e documentate, oggetto del finanziamento, non sono coperte da finanziamenti di altri soggetti pubblici; pagamenti intermedi, sino alla concorrenza dell’85% dell’importo complessivamente assegnato sono autorizzati per quote non inferiori al 5% dell’importo medesimo;
    • saldo del 5% per ciascun intervento, a seguito di domanda finale di pagamento corredata da attestato di chiusura dell’intervento, certificato di regolare esecuzione o collaudo, fatture quietanzate o documenti equipollenti come sopra indicato, rendiconto analitico delle spese sostenute, nonché relativi provvedimenti di approvazione; 

- revoca, parziale o totale, dei contributi e/o l’eventuale restituzione di quanto anche parzialmente liquidato ed erogato, avverrà con provvedimento della Regione, in caso di gravi inadempienze da parte di F.E.R. S.r.l., previa diffida tempestivamente formalizzata alla stessa, anche ai sensi della delibera CIPE 25/2016 lettera e.;

- le economie derivanti dall’attuazione degli interventi finanziati a qualunque titolo con risorse FSC 2014-2020 e desunte dalla contabilità delle opere eseguite, sono opportunamente accertate dai soggetti responsabili dell’attuazione degli interventi in sede di monitoraggio; Le economie derivanti dall'attuazione degli interventi finanziati saranno opportunamente accertate dai soggetti responsabili dell’attuazione degli interventi in sede di monitoraggio e non saranno comunque riprogrammabili, se non ad intervento ultimato. A tale ultimo riguardo, nell’ottica di attuazione di un piano nazionale per il miglioramento delle condizioni di sicurezza di tutte le ferrovie, una volta esaurita la priorità delle ferrovie interconnesse, le eventuali economie saranno riprogrammate per gli interventi sulle ferrovie isolate;

- le modifiche ai Piani operativi approvati dal CIPE devono risultare in coerenza con le disposizioni stabilite dalla delibera CIPE n. 25/2016, punto 2, lett. g).;

- il finanziamento assegnato in ogni caso non può essere destinato alla copertura di oneri risarcitori o per contenzioso imputabili a responsabilità del soggetto attuatore;

- relativamente ai progetti ogni modifica/variazione sia a livello progettuale che di cronoprogramma di spesa/lavori, puntualmente dovranno essere comunicate dal soggetto attuatore alla Regione Emilia-Romagna, affinché la Regione Emilia-Romagna, con cadenza periodica semestrale, ovvero entro il 31 gennaio e il 31 luglio, presenti all’Agenzia per la coesione territoriale perchè riferisca alla Presidenza del Consiglio dei ministri, Dipartimento per le politiche di coesione, sullo stato di attuazione dei programmi;

- il soggetto attuatore è obbligato a pubblicizzare il finanziamento con risorse FSC 2014-2020, per ogni singolo intervento, mediante apposizione di cartelloni/targhe esplicative e permanenti, come precisato all’art.6 punto i. dello schema dell’Accordo Attuativo, in allegato al presente atto deliberativo;

5) di stabilire che una più puntuale definizione delle modalità e dei criteri necessari per procedere alla liquidazione delle risorse FSC 2014-2020 con spese relative ad internalizzazione, avverrà con successivo atto dirigenziale;

6) di richiamare i seguenti obblighi per FER S.r.l., stabiliti dalla citata Delibera CIPE n.25/2016:

a. rispettare il termine del 31/12/2019 per il perfezionamento dell’obbligazione giuridicamente vincolante, pena la revoca delle risorse assegnate;

b. assicurare la trasmissione alla Regione dei dati, comprensivi dei cronoprogrammi di ogni intervento finanziato, alimentando il sistema di monitoraggio unitario istituito presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento della ragioneria dello Stato, garantendo altresì l’aggiornamento bimestrale dei dati di monitoraggio, validati successivamente dalla Regione Emilia-Romagna, condizione necessaria per la concessione e la liquidazione dei pagamenti;

c. proporre alla Regione entro il 31 gennaio di ciascun anno l’eventuale adeguamento del cronoprogramma della spesa;

d. ottemperare a quanto previsto in materia di Pubblicità e informazioni, puntualmente dovranno essere comunicate dalla FER S.r.l. alla Regione Emilia-Romagna, ogni modifica/variazione sia a livello progettuale che di cronoprogramma di spesa/lavori, con riferimento ai 9 interventi oggetto del P.O. Asse Tematico F - Sicurezza Ferroviaria;

e. Ai fini della corretta gestione degli interventi, la documentazione tecnica, amministrativa e finanziaria dovrà essere opportunamente archiviata con modalità idonee a garantire:

• la distinzione e separazione degli atti dagli altri atti di amministrazione generale, nonché la rapida e facile consultazione della documentazione;

• nel caso di voci di spesa che si riferiscano solo in parte al progetto finanziato, la distinzione chiara della documentazione amministrativa e contabile relativa alle opere ammesse a finanziamento da quella appartenente alla parte rimanente del progetto, non realizzata con risorse a valere sul Piano Operativo FSC 2014/2020;

7) di dare atto che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza a diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative ed amministrative richiamate in parte narrativa;

8) di pubblicare per estratto la presente deliberazione insieme all’ Allegato A) parte integrante e sostanziale del presente atto, nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it